Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

A Londra debuttano i primi 20 autobus a due piani Fuel Cell

26 Giugno 2021 125

L'obiettivo della Transport for London è quello di arrivare alle emissioni zero entro il 2030. Per questo, l'azienda che si occupa dei trasporti pubblici di Londra dispone già di oltre 500 autobus elettrici. Adesso, la flotta di mezzi green si amplia con il debutto dei primi 20 autobus a due piani Fuel Cell. Questi veicoli (il progetto era stato annunciato un paio di anni fa) serviranno la linea 7 tra East Acton e Oxford Circus e aiuteranno l'azienda dei trasporti di Londra a centrare i suoi obiettivi di decarbonizzazione.

POCHI MINUTI PER IL RIFORNIMENTO

Gli autobus sono stati prodotti da Wrightbus nell'Irlanda del Nord, mentre i serbatoi dell'idrogeno da Luxfer a Nottingham. La stazione presso cui questi mezzi andranno a rifornirsi è stata realizzata da Nel Hydrogen, mentre l'idrogeno sarà prodotto da Air Liquide a Runcorn. Ryze Hydrogen, con sede a Oxford, è responsabile del trasporto del carburante alla stazione di rifornimento. Secondo quanto comunicato, i nuovi autobus Fuel Cell dovranno rifornirsi solamente una volta al giorno. Il tempo medio per un pieno di idrogeno è di circa 5-10 minuti. L'autonomia degli autobus, secondo il costruttore, arriva sino a 250 miglia, pari a circa 400 km. Nessun problema, dunque, per le attività quotidiane di trasporto.

A bordo di questi mezzi, i passeggeri potranno approfittare anche della presenza di porte USB da cui ricaricare i loro piccoli dispositivi come gli smartphone. L'investimento totale di questo progetto è stato pari a 6 milioni di sterline. Ovviamente, c'è grande soddisfazione da parte del sindaco di Londra Sadiq Khan visto che questo progetto non solo permetterà di rendere i trasporti pubblici all'interno della città sempre più sostenibili ma anche di far lavorare diverse aziende del Regno Unito con diversi vantaggi dal punto di vista dell'economia.

Questa flotta di nuovi autobus Fuel Cell fa parte di un progetto più ampio per l'utilizzo dell'idrogeno nel settore del trasporto pubblico nel Regno Unito. Progetto che a sua volta rientra nel programma europeo JIVE (Joint Initiative for hydrogen Vehicles across Europe) che mira a promuovere l'utilizzo degli autobus a celle combustibile in Europa. Parlando del Regno Unito, i mezzi costruiti da Wrightbus arriveranno prossimamente anche in altre città. Nello specifico, 20 a Birmingham e 15 ad Aberdeen.


125

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Leo10

Eccerto, guarda come Lancia.

Dark!tetto

Appena passata davanti...sarà il destino https://uploads.disquscdn.c...

Dark!tetto

Vabbe lascia perdere

Dark!tetto

"talmente fe$$o da rimanere senza corrente se piove per una settimana di seguito"

Eh, un pò come è successo in Germania dopo 8 giorni di vento intermittente? Ma che ci vuole, mandiamo te e il tuo progetto per creare bacini che si riempiono da soli a monte. Sai chi fa questi lavoretti in modo concreto se lo sta ponendo il problema, chi invece ha solo da guadagnare parla di metodi fantasy senza il minimo riscontro scientifico come basare i cali stagionali di produzione sul parco auto (bisogna proprio essere ignorante per non capire che è impossibile) o di miracolose batterie ancora inesistenti. Il principale problema sono i picchi, che non conosci, da gestire in modo che quando producono tanto si accumula (non si sa come ancora) e devi produrre tanto più della necessità e hai bisogno grandi capacità di accumulo, per poi attingerne quando produci poco PER MESI INTERI.

italba

Ancora qui stai? Ma non ti avevo già mandato a... (cit.) Mi sembra evidente (a tutti ma non a quelli "speciali" come te) che io non abbia parlato né di oggi, né di domani e nemmeno dell'anno prossimo, ma di un obiettivo futuro da sviluppare nell'arco di qualche decennio, ossia il tempo che ragionevolmente ci si metterebbe per costruire la prima centrale nucleare. Quindi le centrali termoelettriche esisteranno ancora, e lo so che non sono ad emissioni zero, e i bacini idroelettrici continueranno ad essere usati per la produzione nell'immediato futuro, per poi essere destinati solo allo "storage" man mano che il solare e l'eolico guadagneranno spazio. Penso di essere stato abbastanza chiaro, ma purtroppo non c'è peggior c#####o di chi non vuol capire...

Dark!tetto

Senti ti ho detto chiuderla qui, non hai le conoscenze e sei pieno di m3rda propagandistica. OGGI NON ESISTE UN PIANO DI TRANSIZIONE ENERGETICA SENZA FOSSILE. Hai rotto con i tuoi ragionamenti ignoranti, non hai nemmeno capito che le centrali di cui parli NON SONO a 0 emissioni, stai a cuccia piccolo e cresci che come per il tuo pannello 10*10 ti stai facendo solo dei film perché Nessun paese, Norvegia a parte, ha sufficiente accumulo per le stagioni di bassa produzione e non lo sto dicendo io, ma decine e decine di studi, ma tu che ignori metà del sistema che pensi che i bacini li riempie una qualche entità superiore ti sei fatto i calcoli. Cercalo un fottut0 piano per la generazione di energia a 0 emissioni senza nucleare, un nobel ti tocca. Ripeto Dunning Kruger, non capisci manco di che parli e ti senti esperto di sta cippa. Abbiamo finito

Dark!tetto

Non ho più intenzione di spiegare, hai pure i disegni e ancora parli di un giorno, ma ci sei o ci fai? Capisci la differenza tra una fonte che puoi aumentare in base alla richiesta e un'altra che aumenta in modo non programmabile? Se a dicembre tutti accendiamo il riscaldamento la corrente che non produce il sole da dove la prendi? Ah già dai bacini magici di Italba che non si svuotano mai...

italba

Complimenti, non credevo fosse possibile ma sei davvero riuscito a non capire un #####.

Rileggi attentamente, semmai fatti aiutare:

Lo so benissimo ma so anche che, sul lungo periodo, l'aleatorio non esiste proprio. Che ci sia un giorno nuvoloso in tutta Italia c'è una probabilità su cento, che ci sia una settimana intera nuvolosa c'è una probabilità su mille, un mese intero una su un milione un anno intero mai
italba

Ciccino bello, se tu dici che i bacini delle centrali idroelettriche si svuotano mi sa che non conosci né Dunning né Kruger, anzi se ti incontrano ti sputano pure in faccia. Vattene un po' dove meriti di essere mandato, razza di "diversamente serio"

Dark!tetto

E di nuovo con i tuoi calcoli da ignorante in materia, no aleatoria è anche l'energia giornaliera o a te risulta che di notte si produce? Inoltre cambia anche in base alla stagione, ma questo non lo sai ovviamente https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

Dark!tetto

Senti ti sei inerpicato in argomenti che non conosci, questo succede quando pensi di discutere documentandoti man mano perché sei ignorante in materia. Impara un pò di umiltà, fatti una cultura ed esperienza e poi forse puoi giocare con i grandi, prima di tutto cerca Dunning Kruger però e prendi consapevolezza

italba

Infatti le centrali idroelettriche non funzionano se non si va continuamente su a riempire i bacini con le autobotti, vero?

italba

Lo so benissimo ma so anche che, sul lungo periodo, l'aleatorio non esiste proprio. Che ci sia un giorno nuvoloso in tutta Italia c'è una probabilità su cento, che ci sia una settimana intera nuvolosa c'è una probabilità su mille, un mese intero una su un milione un anno intero mai

Dark!tetto

Ok non sai che significa aleatoria ahag

Dark!tetto

Il problema è che si svuotano

italba

Sicuro, come no... Infatti l'anno prossimo non ci sarà nemmeno un giorno di sole, poi verranno le cavallette e la morte dei primogeniti

Dark!tetto

C0glione il sole e il vento lo sono sempre

italba

Se adesso fai scendere l'acqua in continuazione e non si svuotano cosa vuol dire? GENIO!

italba

Quando pianifichi a livello di nazione niente è aleatorio, punto due punti e punto e virgola

Dark!tetto

Perché non puoi sostituire una fonte stabile con una aleatoria. Stop

italba

Può essere VENDUTA da chiunque, furbacchiotto, ma la distribuzione sempre l'Enel la fa! Ed in ogni caso tutto questo non ha niente a che vedere con la proprietà delle centrali, né col loro tipo

Dark!tetto

Ma sei convinto che basta chiudere e i bacini si riempiono da soli ahahaha ecco perché insisti

Rick Deckard®

Il giorno d'eclissi non ci fu vento in tutta la nazione, né acqua nei fiumi, né calore dalla terra, né moto nei mari, l'idrogeno evaporò e tutto si spense

italba

"Riprocessi" che vuol dire? Mica ritorna nuovo! In ogni caso sono svariate migliaia di tonnellate l'anno che costituiscono un problema, perché crearselo?

italba

"Bassa efficienza" un par de OO, il sole è gratis ed il vento pure. Ti ho spiegato svariate volte che puoi semplicemente chiudere i rubinetti delle centrali idroelettriche quando non ne hai bisogno per realizzare l'accumulo, ed ancora non mi hai dato nessuna risposta convincente. Centrali idroelettriche magari in Norvegia, va bene uguale

Dark!tetto

È dal 99 che può essere distribuita da chiunque, come detto è questione di costi, enel è libera di comprare e rivendere come vuole, ma di certo non avrebbe l'esclusiva. Oggi enel ha un certo dominio, al punto di ridurre la nostra produzione idroelettrica e gestirla per i propri interessi, cosa impossibile se si apre al nucleare.

italba

"Oggi" non ha nessuna importanza, furbacchiotto, stiamo parlando del futuro. Oggi non abbiamo nucleare, perché mai dovremmo investire cifre sterminate su quello anziché sulle rinnovabili, che costano anche molto meno?

Dark!tetto

Lo riprocessi? Lo vetrifichi per stoccarlo? Che ci vuoi fare, non è che ne produci un milione di tonnellate e visto che non abbiamo una flotta puoi programmare degli fbr e le scorie rimanenti sono ancora meno e hanno tempo di decadimento minore

italba

La proprietà del reattore non ha niente a che vedere con la distribuzione, GENIO, l'Enel distribuisce pure l'energia che ci arriva dalla Francia, quindi non ha nessuna importanza per lei se la centrale sia a gas o nucleare

Dark!tetto

Nei tuoi sogni si, nella realtà senza idroelettrico non copri proprio nulla, tra l'altro l'energia per ripompare su quei pochi gw di accumulo che abbiamo dove la prendi? L'eolico oggi copre meno del 10% ( 13 se facciamo il repower) e i primi siti sono quelli più efficaci, il solare copre il 7%. Abbiamo un incremento annuo del 1.3% da rinnovabili grazie a fiumi di investimenti, per fare quel che dici serve il 110% di rinnovabile minimo e in modo costante. Tu ancora pensi al sole e vento potente h24 e non te ne rendi conto, per questo fai la media come i bambini

Dark!tetto

Ah così semplice, scusa allora, stupidi i tedeschi che vogliono risposte. Basta spendere più in rinnovabili aleatorie e a bassa efficienza per sostituire fonti programmabili ad alta capacità produttiva, se spendono abbastanza magicamente risolvono pure il problema accumulo, tanto basta qualche giorno no? Ma va va

Dark!tetto

Perché in 35 anni le cose son cambiate genio e per lo stesso motivo per cui una chernobyl non può riaccadere, inoltre oggi abbiamo una cosa chiamata mercato libero, più altri 2/3 fattori che non capiresti o pensi che in Cina il reattore che ha avuto la perdita sia tutto cinese? Il 30% è di edf e se volessimo un paio di EPR ci entrerebbe edf se non lo gestirebbe totalmente in concordato con il governo agendo sul prezzo di cessione al costo di una quota di energia. È un mondo complesso non puoi capirci molto su disqus o wikipedia

italba

Veramente tu hai scritto "in loco", adesso il "loco" saremmo noi? Come ti pare, in ogni caso è sempre qualcosa che devi fare, ha i suoi costi ed i suoi problemi. Cosa ci fai, poi, con l'uranio impoverito?

Dark!tetto

Non ho detto questo, ho detto che l'arricchimento lo puoi fare nel paese d'impiego, mica lo devi "raffinare" come pensavi prima, hai approfondito la pagina wiki?

italba

Ripeto per l'ennesima volta: Quando ne produci a sufficienza chiudi i rubinetti delle idroelettriche, e quando ce n'è ancora di più pompi in quota l'acqua! È tanto difficile? E cosa minkia c'entra il "domiciliare"?

italba

Bravoh, bella collezione di fuffa.
Facciamo un esempio: Domani ci sarà sole pieno e vento forte, e le rinnovabili riusciranno miracolosamente a sostenere l'intero carico elettrico per alcune ore almeno. Durante quelle ore dovresti, secondo te, continuare a far andare le centrali idroelettriche perché "fanno parte del carico di base che è stabile"? Chiudi i rubinetti e l'acqua la utilizzi un'altra volta, no?

Dark!tetto

Perché non la puoi mettere da parte quando ne produci troppa e no i soldi non ci sono, altrimenti pensi che in Italia qualcuno avrebbe investito 220 miliardi per far mettere il FV domiciliare? Con questo paragone per me possiamo pure chiuderla qui, nel tuo mondo il FV è influente quanto il petrolio, ma quanto sei buffone

Dark!tetto

La produzione entra in un quadro, che è quello della produzione necessaria al carico di base che è stabile, i bacini di accumulo si configurano nel quadro dello storage programmabile e non concorrono al raggiungimento della produzione netta. Ancora non ci arrivi che non puoi arrivarci con la tua logica, ma che servono i dati? Magari inizi a guardare la curva del nostro fabbisogno e di come una maggiore capacità di accumulo serve più di una maggiore capacità di produzione. Peccato che ne l'una ne l'altra siano nei piani italiani, ma tu non sai il perché ora per favore invece dei tuoi calcoli senza dati, me li puoi elencare i paesi al mondo con sufficiente capacità di storage? Che poi devi solo coprire qualche giorno lo hai deciso tu, perché gli studi di settore dicono tutt'altro eh, ma tu fai i ragionamenti logici, dei dati chi se ne frega, come gli studi su cui la comunità scientifica è d'accordo che per l'Europa il 100% rinnovabili è da escludere. Te ne ho postati 4 ,ma siccome non ne capisci hai preferito ignorarli e dire "chi posta studi si comporta come fossimo all'asilo" tu a parte i tuoi ragionamenti pieni di lacune oggi non hai ancora portato mezzo dato, studio o piano realizzabile per un'Europa 100% rinnovabile.

Rimani della tua opinione, ho già avuto troppo a che fare con gli ottusi come te per decenni come attivista, siete la rovina per l'ambiente e pensate di essere ambientalisti.

italba

Sì, bravo, bla bla bla. Allora, chi distribuiva l'energia delle centrali nucleari italiane e chi dovrebbe distribuirla oggi? E perché dovrebbe essere qualcuno di diverso dall'Enel?

italba

Roadmap vuol dire semplicemente installare abbastanza rinnovabili da sostituire il nucleare prima, poi installarne ancora per eliminare il carbone e continuare poi col metano. Obiettivo che la Germania si è posto il 2038. Ti va bene o avrebbero dovuto fare tutto in una sera con la bacchetta magica?

Dark!tetto

Eh vedi che wikipedia non basta, non sono il tuo professore di economia, impara a tacere quando non sai come funziona il settore, sarà chiunque farà l'accordo con il governo per l'impegno di acquisto, insieme a chi costruirà la centrale per ammortizzare i costi e come previsto dalle imposizioni internazionali.

italba

Sicuro, con la "lisciviazione" fai pure l'arricchimento isotopico! Ma quante ne spari? Spiegami per quale fantabulosa reazione chimica verrebbe selezionato l'U 235, dai...

Dark!tetto

No vuole dire che devi lavorare per raggiungerlo, non mantenere le cose come sono e soprattutto che ci vuole una roadmap da rispettare. Cosa che manca ai paesi che hanno detto no al nucleare o tu ne hai qualcuna da mostrare?

italba

E perché "non puoi fare la media"? Spiega, se ne sei capace, altrimenti il tuo è solo uno slogan senza senso per gente senza cervello.
Le rinnovabili, incentivi o no, producono energia elettrica che si vende, tranquillo che i soldi per il "bakshish" ci sono comunque

italba

No, ragionamento logico che ti ho riportato. Contestalo nel merito, se ne sei capace, se no vattene un po' dove meriti di essere mandato

italba

obiettivo
/o·biet·tì·vo/
aggettivo e sostantivo maschile
...


3.
sostantivo maschile...
Scopo, meta, risultato da raggiungere nell'ambito di un'attività o di un'impresa.


Da raggiungere non vuol dire "subito se no non se ne fa niente", eh...

italba

Tu che lo sai o fai finta di saperlo spiegacelo, allora: Chi distribuiva l'elettricità delle centrali nucleari italiane? E chi la dovrebbe distribuire oggi?

Dark!tetto

"E sì, la capacità di generazione dell'idroelettrico equivale all'accumulo"

Terza regola di Italba?

Dark!tetto

Non puoi farla la media, sta li il problema, evidentemente pensi che con la TUA logica risolvi tutti i problemi.

Ps: le rinnovabili campano di incentivi, i pozzi di petrolio no e con i profitti ci fai contenti tutti, governi locali inclusi, ma quanto sei ingenuo.

Dark!tetto

L'arricchimento avviene anche in loco, ma questo wikipedia non te lo dice, e nemmeno puoi capirci qualcosa in 10 minuti di lettura di quella pagina

Renault 5 E-TECH Electric: elettrica a meno di 25.000€... con l'asterisco | Video

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Volkswagen Passat, nuova con ibrido Plug-in da 100 km, ma anche diesel | Video

Volkswagen ID.3 (2023): prova su strada del restyling con software 3.5 | Video