Boost Charger: batteria tampone per creare colonnine rapide dove non si potrebbe

17 Agosto 2020 62

FreeWire Technologies ha annunciato, con un comunicato stampa che definire incompleto è un complimento, l'installazione del primo Boost Charger, la soluzione dell'azienda per portare la ricarica rapida dove questa non sarebbe tecnicamente possibile (problemi di linea) o economicamente vantaggioso (costi di rete) o burocraticamente rapido (basti pensare alla situazione in Italia di Ionity ed Enel).

Boost Charger è infatti un'idea semplice ma geniale perché in grado di evolversi facilmente nel tempo oltre a facilitare la manutenzione. Non è nuova ma è una delle prime applicazioni commerciali, inoltre è ben inserita in quel circolo virtuoso che si vuole creare con le auto elettriche, includendo anche il riciclo o re-utilizzo delle batterie non più valide per autotrazione ma utili per altri usi.

COME FUNZIONA

Il sistema permette di installare una stazione ad alta potenza in qualsiasi posto grazie all'utilizzo della batteria integrata come "buffer". Questo consente di partire da una linea mono-fase qualsiasi ad esempio, contando sull'accumulatore da 160 kWh integrato nel "mobiletto" dotato di raffreddamento.

Il risultato è un output fino a 120 kW (tramite CCS Combo o CHAdeMO) a costi, dichiara il produttore, inferiori del 40% rispetto ai caricatori rapidi tradizionali comparabili, senza dimenticare che è solo con soluzioni del genere che si può portare l'alta potenza davvero ovunque, a prescindere dalla rete elettrica a disposizione (Boost Charger si collega a rete monofase o trifase, fino a 27 kW). Utilizzando poi la batteria come buffer possono essere gestiti i costi di ricarica della stessa per giocarsela con le tariffe orarie.

SCHEDA TECNICA
  • Potenza (output): 120 kW (auto singola) o 2x 60 kW (due auto)
  • Tensione (output DC): 200-500 V
  • Potenza (input) fino a 27 kW
  • Tensione (input AC): 208 V trifase, 240 V monofase
  • Corrente (input AC): 80 (100) A trifase, 120 (150) A monofase
  • Peso: 1.588 chilogrammi
  • Connessione: 4G LTE
PRIMA INSTALLAZIONE...E DUBBI

L'installazione è avvenuta a Lodi, in California (e non a California, frazione di Lesmo, non troppo distante da Lodi, Italia) e il posizionamento, nel parcheggio di un "convenience store" (un ampm in questo caso), è la chiave per cercare di diffondere la mobilità elettrica nel quotidiano. L'idea è infatti quella di consentire la ricarica di un centinaio di chilometri con soli 10 minuti di sosta, il tutto senza essere costretti a grandi spese e lavori di installazione importanti come quelli di una colonnina fast (almeno 100 kW) tradizionale.

Chiaramente non è tutt'oro quel che rilucecarica: l'utilizzo della batteria tampone vincola infatti il numero di ricariche rapide consecutive: difficile fare una stima di quante perché le tecnologie delle auto sono diverse (non tutte supportano 120 kW ad esempio) e varia anche lo Stato di Carica iniziale oltre che il tempo di sosta. Installare più stazioni (fino a sei con una linea tradizionale da Livello 2 per intenderci) può essere la chiave, sebbene vada anche considerato che il problema difficilmente si può porre oggi (per i numeri ancora ridotti di EV in circolazione) o domani nelle aree poco trafficate.

Un'altra soluzione, vista la natura "fast" dei mini-market come "ampm", è quella di limitare ad una ventina di kWh la possibilità di ricarica per ogni cliente, gratuitamente a chi acquista in negozio così di poter servire anche otto auto di fila e garantire ad ognuna quel centinaio di chilometri (chi più, chi meno a seconda dei consumi).

Il 5G che non rinuncia a niente? Motorola Edge, in offerta oggi da Tecnosell a 455 euro oppure da Unieuro a 533 euro.

62

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
masterblack91

Bè mi sembra ottima come pensata,essendo un luogo di lavoro,il fabbisogno di elettricità è alto e mettere i pannelli credo che porti un bel risparmio.

X Wave

Non lo capisco xke' l'80% della popolazione a livello Europeo non fa più di 40 km a settimana. Una Zoe ti fa 300 Km con un pieno, x cui chi rimane a secco in montagna sia con la benzina che con la batteria è un pirla!

comatrix

Guarda che non si vivono solo in città, mi spieghi come ci arrivi a destinazione con una ricarica effettuata solamente da casa?
È solo un esempio, ma che rende l'idea, senza parlare del fatto che se rimani non si a secco in montagna, con una vettura termica risolvi con una tanica ed i distributori ci sono anche in montagna, cilon una elettrica, ad oggi, devi aspettare l'assistenza...
Io li chiedo come mai non capisci i MIEI punti, non è uno solamente

X Wave

Se le ricarichi a casa non perdi neanche il tempo x andare al distributore, non capisco il tuo punto

Pablo Escodalbar

Si infatti se posso non li uso.

Giacomo

I power bank sono allucinanti, non sono per nulla efficienti.

Nino Entradalbar

Questo è quello che hanno ucciso l'uomo ragno chi sia stato non sa, gli 883 la cantavano con Pellizzari.

Luca

Nella mia città i parcheggi dell'ospedale li hanno coperti e sopra piazzato i pannelli solari ma l'energia è usata dall'ospedale.

sgarbateLLo

https://media0.giphy.com/me...

Barty

non conosco, ma sembra interessante. grazie del link.

Hégésippe Simon

È il cosiddetto "fotovoltaico diffuso", se si mettono i pannelli su spazi già sfruttati (parcheggi, aree di servizio, centri commerciali, edifici industriali) si hanno moltissimi vantaggi: Nessun costo di nuovo terreno, facilità di interventi di manutenzione, produzione elettrica vicinissima alle utenze. Per contro si complica molto la rete ed il controllo dell'energia generata, ma sono sicuro che si svilupperà moltissimo

masterblack91

Bè non è che queste tettoie devono caricare totalmente le colonnine,sono solo una fonte aggiuntiva,ma molto probabilmente il costo sarebbe troppo alto rispetto alla corrente generata.

Hégésippe Simon

Ci vorrebbero alcune migliaia di metri quadri di tettoia per ogni colonnina...

comatrix

Fino a che non saranno ricaricabili come si fa un rifornimento di carburante, che saranno ovunque e che si potrà ricaricare con un Power Bank Portatile come se si utilizzasse una tanica su una termica in caso di emergenza, per me possono rimanere ove sono, al limite un'ibrida oppure solo in ambito cittadino che servirebbe a migliorare parecchio la vivibilità, per il resto troppe troppe incognite

masterblack91

Sarebbe ancora meglio (certo aumenterebbe i costi) fare un parcheggio con una tettoia tutta composta da pannelli solari (che ho già visto in qualche foto) però integrando queste colonnine.

Nino Entradalbar

E te l'ho detto, che quando non sono rinco, capisco al volo pure se avessi bevuto sangria o limoncello :DDD

Nino Entradalbar

Ah gia', qui il cliente conta per avere la comodita', cosi alla guida si deve essere sereni, e senza disturbi di altra necessita', come lo smartphone.

Pablo Escodalbar

Vedo che hai capito al volo! :D

Nino Entradalbar

Sul telefono ora e' impossibile con la backcover, sull'auto si :DD

Pablo Escodalbar

No quella e' Apple.

Pablo Escodalbar

Se poi si esaurisce basta aprire il coperchio in plastica e sostituirla :D

Nino Entradalbar

Esattamente, basti vedere, che il software dell'auto ti fa lo stesso del telefono ora, solo che la batteria d'auto dura anni.

Pablo Escodalbar

Si pure il cx e' uguale.

Nino Entradalbar

Esatto, non c'e' due senza tre :)))

Nino Entradalbar

Il cliente poco importa.

Pablo Escodalbar

Cosi' se cacciano noi, devono pure cacciare lui! :)

Nino Entradalbar

Solo quello, il resto e' uguale.

Pablo Escodalbar

Ormai l'unica differenza fra un'automobile e un telefono e' la dimensione della batteria integrata.

Nino Entradalbar

Non siamo gli unici a fare battute qui :DDD

Nino Entradalbar

Esatto, lo dico la Peugeot e' meglio della Renault.

Pablo Escodalbar

Allora non sono l'unico che fa battute qui :D

Pablo Escodalbar

Importa solo la comodita' per i clienti!

Pablo Escodalbar

Ah ok. Pure io preferisco le Peugeot alle Renault.

Vash 3rr0r

Che figata! le powerbank per le auto elettriche!!

Luigi Melita

L'hanno fatta 4G per evitare i problemi con i complottisti del 5G ^^

Hégésippe Simon

Ultimamente ho ripassato la storia da lui:

https://www.youtube.com/channel/UCdSELFnsKyXHwDvpjhOeegw

Barty

I see you're a man of culture

Hégésippe Simon

Leggi meglio l'articolo, questo sistema serve proprio per ridurre la massima corrente necessaria per le colonnine. La batteria tampone si ricarica sempre, anche durante la notte quando non rifornisce nessuno, e la corrente viene restituita quando serve

Giulk since 71'

A proposito di costi, ma la corrente necessaria per queste colonnine? non c'e bisogno di fare lavori per portare le tensioni richieste?

Hégésippe Simon

Anche per passare nei cavi si disperde del calore, e se ne disperde tanto di più quanto maggiore è la corrente. Se poi si deve creare una centrale elettrica nuova per ogni punto di ricarica lo spreco (di denaro) è molto maggiore

Nino Entradalbar

Ah, da me stamattina che piove....

Nino Entradalbar

Coi powebank e' tutto piu' facile.

Nino Entradalbar

Esatto la LA e TRON li lascia le scie chimiche.

Nino Entradalbar

Par bleu, e' francese, domenech non le manda a dire.

Hégésippe Simon

A me le Renault non piacciono per niente (ho una Peugeot) ma bisogna dare a Cesare quello che è di Vercingetorige

Pablo Escodalbar

Qui a Rimini piovera' stasera credo.

Pablo Escodalbar

Bella si ma la e tron credevo lasciasse le scie quando si muove.

Nino Entradalbar

Eccerto con un famigliare che si puo' , da me tutti col Suv sono, oggi piove qui a Firenze.

Pablo Escodalbar

Ecco il francesone che difenda la sua ditta francesona.

Pablo Escodalbar

Se hai un famigliare invece si puo' fare!

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

MyMi: la recensione del cuscinetto anti abbandono che protegge i bambini | Video

Come lavare l'auto a casa per farla rinascere | Guida e Video

Tempo di ricarica auto elettrica: a casa e alle colonnine AC/DC | Video