Ford Mustang Cobra Jet: il mostro da drag race ritorna dopo 50 anni

17 Agosto 2018 6

Dodge Challenger SRT Demon, non sei più sola: oggi, nella folle gara tra muscle car più performanti nel quarto di miglio, si inserisce anche la nuova Ford Mustang Cobra Jet, realizzata da Ford Performance come omaggio per i 50 anni dal debutto della prima Mustang Cobra Jet.

Era il 1968 quando, al NHRA Winternationals, venne presentata la Mustang più performante dell'epoca, una muscle car in grado di polverizzare le rivali nelle tipiche prove d'accelerazione a stelle e strisce. A distanza di 50 anni, questa autentica leggenda delle drag strips ritorna presentandosi come la più potente e veloce Mustang Cobra Jet di serie mai uscita dalle fabbriche Ford.

I numeri lo confermano: Mustang Cobra Jet 2019 è in grado di completare il quarto di miglio (circa 400 metri) in circa 8 secondi, raggiungendo in quel frangente una velocità di 240 km. Questo grazie alle modifiche apportate al gruppo propulsore, con il 5.0 V8 incrementato nella cilindrata a 5,2 litri e dotato di sovralimentazione da 3 litri firmata Whipple.

Numerose le modifiche alla meccanica, come l'asse posteriore da 9 pollici, le nuove sospensioni a quattro bracci con ammortizzatori a due vie ad altezza regolabile e l'impianto frenante con dischi a basso coefficiente di attrito firmati Strange Engineering. Non mancano poi le dotazioni necessarie per ottenere la certificazione NHRA, come il roll cage, i sedili approvati dalla FIA e, naturalmente, gli pneumatici differenziati per massimizzare il grip nelle partenze brucianti.

Mustang Cobra Jet è già ordinabile nelle tinte Race Red o Oxford White ed è personalizzabile con le grafiche e i loghi esclusivi disegnati per i 50 anni del modello. Solo 68 fortunati clienti (altro omaggio al 1968) avranno il privilegio di portarsela in garage, ad un prezzo di circa 130.000 dollari esentasse.

Il migliori Smartphone Apple? Apple iPhone 12, in offerta oggi da Senso a 669 euro oppure da Amazon a 749 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
eberg93

Non è questione di "dar la libertà di scelta come una volta" come dici tu. Non sono le aziende automobilistiche che ti facevano (e fanno tutt'ora) scegliere, è il mercato. Se il mercato vuole SUV e ibridi le scelte sono quei due modelli, e tra quei due avrai milioni di scelte delle varie case automobilistiche.

d4N

Il problema è che sembra che ogni cosa debba essere per tutti ;)
ora a momenti si fa fatica a trovare una macchina a 3 porte, perché tutti vogliono essere comodi ... tutti vogliono un salotto in macchina, tutti qui, tutti la ... ma dar libertà di scelta come una volta?
A me sinceramente non interessa per niente avere una macchina ibrida, figurarsi se potevo prendermi una Mustang :D
Quella macchina deve gridare quando schiacci il pedale, sentire i pistoni che vanno, per l'uso quotidiano ci sono altre macchine

maffo

Perché no? Ormai andando avanti sarebbe sempre più una nicchia a volerla, mentre rendendola al passo con i tempi avrebbe sicuramente più mercato. Poi con un mild Hybrid/plug in non ti cambierebbe molto, se non in positivo per incentivi e sconti, del suv no dai ahahh

d4N

Già l'hanno europeizzata con sto design ... adesso pure ibrida ... ma ci ricordiamo che sono muscle car?
Sembra quasi che tutti devono seguire la stessa strada di progettazione ormai ... fra qualche anno ci sarà il SUV ibrido Mustang.

Tk Desimon

Ibrida...
Ma perché non alimentata a manovella? È più chic con la manovella ...

maffo

La Mustang é sempre la mustang, non vedo l'ora di vederla ibrida e spero un domani di prenderla

Tecnologia

Come nascono le batterie: viaggio in fabbrica con Askoll e la stanza segreta

Auto

Opel Mokka-e: il SUV elettrico messo alla prova, anche in viaggio | Video

Auto

BMW X1 xDrive 25e: proviamo la plug-in in modalità EV e ibrida | Recensione e Video

Auto

L'Europa vuole solo auto elettriche: i piani dei produttori e le date dell'addio