Nissan LEAF: le batterie esauste usate per illuminare una città

22 Marzo 2018 53

Essere tra i leader mondiali dell'elettrico impone delle responsabilità ai costruttori, che devono essere in grado, per esempio, di spiegare dove andranno a finire le batterie delle proprie vetture una volta terminato il loro ciclo di vita (di norma si parla di circa 10 anni). In molti, ultimamente, parlano di Smart Grid, ma la loro implementazione è lungi dall'essere "pronta all'uso", perché richiede una rete elettrica in grado di adattarsi in modo intelligente alle richieste energetiche.

Ci sono altri modi per recuperare i vecchi pacchi batterie. Questi possono essere infatti riutilizzati come accumulatori di energia sottoposti ad uno stress inferiore rispetto alle continue cariche-scariche richieste dai veicoli. Il massimo dell'efficacia dei vecchi pacchi batteria sta nella loro integrazione con fonti di energia rinnovabili. Ed è proprio così che Nissan, in collaborazione con il partner 4R Energy Corporation, si appresta a lanciare nella cittadina di Namie, in Giappone, nuovi lampioni alimentati da pannelli solari. Qui, l'energia proveniente dai pannelli viene stoccata nei pacchi batterie delle "vecchie" Nissan LEAF per un'illuminazione pulita ed efficiente.

Il progetto si chiama "The Reborn Light” e mira a restituire un'illuminazione alla cittadina giapponese, alle prese con la ricostruzione dopo lo spaventoso terremoto + tsunami che ha investito il Paese nel 2011. I partner hanno creato dei lampioni di grandi dimensioni dal design puro e semplice, libero da cavi e collegamenti alla rete elettrica e, pertanto, installabili con maggiore libertà anche nei punti più difficili da raggiungere.

Un primo prototipo di questo lampione "smart" sarà attivo per la consueta fase di test a partire dal prossimo 26 marzo, l'installazione completa avverrà entro la fine dell'anno.




53

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Emanuele

Non ho capito come si possa recuperare una batteria che non tiene più usandola ancora come batteria...

Simplyme

Anche una miglior manutenzione delle reti elettrica e del gas non farebbe male

Andre

Beh, sull'elettriche stanno pensando di implementare rumori in modo da renderle percebili per i pedoni/ciclisti, una macchina totalmente silenziosa è più pericolosa perchè meno percebile

Massimino_Di_Quarto

Ti rispondo per punti: la produzione di un solo motore inquina ben meno della produzione di un pacco batterie. 3/4 dei componenti sono semplici ricavati di fusione, soprattutto per le auto "da tutti i giorni" e senza attitudini sportive.

Il resto (centralina, sensoristica, etc...) non inquina più che un banale telefono cellulare o qualsiasi altro componente elettronico di piccola taglia.

L'inquinamento relativo al rifornimento è un metodo che molti giornali utilizzano per pareggiare i conti tra auto a benzina e auto elettriche, ma secondo me, infatti, non regge.

dickfrey

E quel tipo che ha preso una Tesla, gli ha montato dei pc nel baule e gira tutto il giorno a cercare colonnine gratuite (nel frattempo minando) ?
Lui li batte tutti.
Ma non quello che vuole cambiare sesso per andare in pensione prima.

meriturva

O anche guardare l'energia consumata per la sola attività di mining.

dickfrey

Basta già fare un giro nei grossi negozi di abbigliamento, sempre con vetrine spalancate di inverno e d' estate. Tra luce (condizionatori) e gas (riscaldamento) sprecano un bel po'.
Ma già nel 1995 a Barcellona TUTTI i negozi erano così...

maffo

Esattamente, tagliare gli sprechi è molto importante e funziona in praticamente tutti i contesti

Desmond Hume

Affinché l’energia elettrica venga ricavata esclusivamente da fonti rinnovabili dovremmo anche ridurre il fabbisogno energetico.
Siccome all'utente medio dell'inquinamento fotte sega e viene sensibilizzato solo quando vede toccato il proprio portafoglio direi di aumentare esponenzialmente le bollette di luce e gas per i consumi eccessivi.
C'è chi tiene le luci o i caloriferi costantemente accesi anche quando non si trova in casa. Pagano quello che consumano? Mi sta bene ma bisogna introdurre il consumo "etico".

Luca Bonora

guarda che io parlavo di distribuzione energia via cavi VS distribuzione energia via gomma di benzina e diesel, le cisterne....

Pip

Scusa se rispondo con poche righe a questo tuo lungo commento.
Hai fatto un sacco di conti senza considerare l'inquinamento dovuto dalla produzione di un auto normale, in particolare il suo motore con centinaia di pezzi diversi che richiedono decine di catene produttive per essere creati e assemblati.
Non puoi paragonare l'inquinamento della produzione con quello del rifornimento della benzina...

Pip

I motori elettrici sono usati da quando esiste l'elettricità.
E sono in ogni aspetto superiori ai termici: efficienza, dimensione, peso, costo di produzione, potenza, utilizzo di materiali...
Se non si sono mai usati nelle auto è perché mancavano le batterie, cosa che adesso non manca

Pip

È una caxxata.
E ho spiegato così tante volte il motivo che ormai mi è seccato ripeterlo...

FabX

Si ma ormai l'urbanizzazione è altissima, ovvero viviamo quasi tutti in città, quindi usare l'elettrico significa avere aria pulita in città e SPOSTARE il problema del petrolio fuori dai centri abitati, dove nel migliore dei casi produrrò una percentuale di energia anche grazie alle rinnovabili, percentuale che nel breve/medio periodo crescerà sicuramente. Quindi l'immediata conversione all'elettrico non può che portare giovamento alla nostra quotidianità, in quanto vivendo in città siamo tutti sottoposti all'inquinamento massiccio da polveri sottili che è causa di innumerevoli patologie e morti premature..

FabX

Si ma ormai l'urbanizzazione è altissima, ovvero viviamo quasi tutti in città, quindi usare l'elettrico significa avere aria pulita in città e SPOSTARE il problema del petrolio fuori dai centri abitati, dove nel migliore dei casi produrrò una percentuale di energia anche grazie alle rinnovabili, percentuale che nel breve/medio periodo crescerà sicuramente. Quindi l'immediata conversione all'elettrico non può che portare giovamento alla nostra quotidianità, in quanto vivendo in città siamo tutti sottoposti all'inquinamento massiccio da polveri sottili che è causa di innumerevoli patologie e morti premature.

Frenkmn

Visto che é la stessa cosa staccati dall’enel e metti in salotto un gruppo elettrogeno a benzina poi quando vai a letto la sera mettitelo in camera.
Tanto il clic lo completo é inquinante....

FabX

Si ma ormai l'urbanizzazione è altissima, ovvero viviamo quasi tutti in città, quindi usare l'elettrico significa avere aria pulita in città e SPOSTARE il problema del petrolio fuori dai centri abitati, dove nel migliore dei casi produrrò una percentuale di energia anche grazie alle rinnovabili, percentuale che nel breve/medio periodo crescerà sicuramente.

Michele Gurrado

Se non inizi ad introdurre il cambiamento non lo farai mai, adesso lo si introduce, con il tempo verrà migliorato.
La densità di energia per ora è ancora bassa, verrà migliorata nel futuro. L'efficienza di conversione è invece già adesso elevata rispetto a qualsiasi motore endotermico, parliamo di 0.9 circa.
Da dove viene l'energia non ha per ora importanza: qualsiasi fonte è più efficiente del trasporto su gomma del combustibile.

NaXter24R

I sistemi di abbattimeno servono quanto un te caldo con la febbre a 40, anche perchè dei dati pubblicati, non ce n'è uno che sia giusto, e quando lo sono, portano alla morte della vettura in pochissimo tempo, vedi il FAP ad esempio. Dico però che molte persone sottovalutano l'impatto ambientale delle batterie, sia come produzione, sia come smaltimento.

NaXter24R

Un conto è il trasporto merci un conto quello delle persone. Sul primo mi trovi d'accordissimo, sul secondo meno

NaXter24R

Lo so, si chiamano motori termici non per niente, ma uno ha alle spalle più di un secolo, l'altro ha iniziato ad essere utilizzato da qualche decennio, e se guardiamo ai progressi, avanza molto lentamente

NaXter24R

L'idrogeno sarebbe fantastico ma serve appunto un metodo meno energivoro per ricavarlo. Io onestamente credo che il futuro sia il nucleare, una volta controllata la fusione avremmo una fonte di energia immensa a nostra disposizione

Francesco

e tu vuoi mettere i sistemi di abbattimento degli inquinanti di una centrale elettrica che lavora a regime costante con quelli di motori mobili che lavorano in tutte le condizioni di carico e temperatura?

NaXter24R

Ti sei risposto da solo usando i tempi al futuro. Quando verranno introdotte quelle novità, allora avrà un senso. Oggi per me, sono uno spreco di materiali e basta. A cosa serve fare un motore che pesa 100kg in meno rispetto ad uno termico se poi devo metterci 300kg di batterie?
Senza contare che rimane il problema attualissimo della ricarica, da dove viene quella energia?

NaXter24R

Si ma lo sposto e basta. Lo sposto dove producono estraggono le materie prime delle batterie, dove le producono e dove le smaltiscono. La benzina o il diesel non sono di certo la salvezza ma abbiamo fatto ottimi passi in avanti verso quello che credo sia il vero futuro, almeno immediato, l'ibrido. Il full electric non mi convince e non mi convincerà finchè non potrò fare le stesse cose che faccio oggi ma soprattutto finchè non inquinerà davvero di meno, durante tutto l'arco di vita

NaXter24R

Sulle biciclette sono d'accordo, soprattutto quando la stagione lo permette. Sul car sharing meno, a me piace la mia macchina, so che funziona, che faccio i tagliandi e che è funzionante in ogni sua parte e vedendo come guidano molte persone, non è che mi fidi troppo.
I mezzi pubblici per me sono un problema. Qua non li sopporto, costano, sono sporchi, non sono puntuali e, almeno dalle mie parti, i mezzi inquinano più di quanto facesse la mia RS125 a 2 tempi. Senza scomodare il Giappone, in una città come Budapest per esempio, sono di un altro livello rispetto alla media italiana.

Massimino_Di_Quarto

Esattamente...

Massimino_Di_Quarto

Si, ma quelle son tutte cose che si hanno anche con l'auto elettrica...

Ho cercato qualcosa in merito ma al momento non sto trovando niente. Sarebbe da fare una bella ricerca basandosi su altri dati da mettere poi insieme.

CAIO MARIOZ

La soluzione principale attualmente è più biciclette, più car sharing e più mezzi pubblici,

l’elettrico sarà utile solo quando l’energia verrà ricavata da fonti rinnovabili, le auto diventeranno parte della rete elettrica (distribuendo e accumulando corrente al sistema) e il riciclo delle batterie sarà al completo

giampiero gamba

Il discorso mi pare eterno di questo passo. Ridurre l'uso di combustibili fossili con auto in toto a in parte elettriche penso sia un primo ma importante passo avanti. Assolutamente auspicabile nel breve periodo.

stefano sicorello

La batteria della model s è massimo da 100Kwh.
Sarebbe da capire quanta co2 viene prodotta per produrre un auto a benzina/Diesel e trasportarla al concessionario. Quanto co2 viene prodotta per l estrazione del petrolio, la raffinazione di benzina e diesel e il trasporto ai benzinai. Sai per caso se c’è qualche articolo in merito.

Francesco

credici che inquinano uguale

Riccardo

Credo che la limitazione attuale sia proprio il costo, il peso e l'usura delle attuali batterie. Questo rallenta lo sviluppo sia degli smartphone, ad esempio, sia delle auto elettriche. Serve uno step avanti tecnologico delle batterie, purtroppo fino ad ora mi pare ci siano stati solo piccoli miglioramenti

Francesco

dovresti vedere il consumo totale di energia, con l'elettrico con tutta probabilità è più basso, e togli inquinamento dalle città

Michele Gurrado

Ma io dico una cosa: come viene calcolata la quantittà di co2 utilizzata per la fabbricazione di una batteria? Da quanto consuma una fabbrica? Dall'energia utilizzata per scavare e trasportare le materie prime? Sono calcoli troppo complessi e altamente variabili da caso a caso per poter generalizzare.
Anche l'estrazione del petrolio comporta costi e "danni collaterali" difficilmente quantificabili.
Il vantaggio dell'elettrico è insito nel fatto che la trazione elettrica è indipendete da come tu fornisci l'energia all'inverter. Ed è indipendente da come tu generi l'energia.
Domani potrebbero per esempio inventare una batteria al cardoncello che è estremamente più facile da produrre e smaltire. Essa potrà facilmente essere inserita al posto delle litio attuali, senza molti problemi.
Così come per esempio vale per l'energia elettrica: la ricerca per la produzione va sempre più avanti e in modo spedito, domani si renderà sempre più indipendente dalla fissione nucleare e dal fossile.
Non cercare una soluzione ad un equazione con infinite incognite, non la troverai. L'unica cosa sicura è che bruciare materiale fossile per muovere un mezzo è inefficiente, inquinante ed ha raggiunto il suo limite tecnologico.

Michele Gurrado

Guarda lo ripeto: assolutamente falso.
Un accozzaglia di dati che non tengono conto di almeno due fattori: progresso tecnologico e indipendenza della trazione elettrica dalla tecnologia dell'accumulatore.
Supponendo che l'impatto relativo alle batterie sia maggiore del totale della catena del fossile (dall'estrazione alla combustione), questo dato può essere assunto vero solamente per il periodo di produzione preso in esame per due motivi: 1) tecnologia utilizzata per la produzione 2) tecnologia usata per l'accumulatore.
Per esempio l'efficienza è aumentata dal passaggio dall'nimh alle lipo. Negli anni a venire migliorerà il processo produttivo delle attuali batterie ed eventualmente verrà introdotto una (o più) nuova tecnologia per l'accumulo energetico.
La tecnologia invece relativa alla combustione di materiale fossile ha raggiunto il suo limite, a tutti i livelli. Poco altro si può fare per limitare il prodotto di una combustione, se non mettere le ceneri sotto il tappeto.
Il cambiamento è inevitabile, ovviamente con ampio margine di miglioramento ed ottimizzazione in futuro.
Un osservazione: non sempre è bene utilizzare internet per farsi una cultura, specialmente in ambito tecnico, se non si hanno le basi per poter avere una visione critica di ciò che si sta leggendo.

Massimino_Di_Quarto

Ocio, io ho parlato della sola produzione delle batterie, esclusa tutto il resto dell'auto, quindi anche per l'auto a benzina dobbiamo contare solo il motore. Ci attestiamo (i dati non ci sono, quindi vado a materiale, contando un moderno motore in alluminio) a meno di una tonnellata per produrre un 1.0 Ecoboost Ford.

La batteria di un i3 è da 35 KWh se non sbaglio, quindi siamo intorno alle 7 tonnellate di CO2 per la sola batteria.

Ma ripeto, quello che preoccupa di più non è il quantitativo di CO2, ma il fatto che un'auto a benzina impiega 10 anni a produrre quella CO2, mentre una batteria la produce in 10 ore.

Celestial Knight

Bisognerebbe iniziare a utilizzare energia tratta dai moti ondosi e dalle maree, sarebbe la rinnovabile migliore a mio avviso, ma l'uomo è di dura cervice. Spero che prima o poi lo capisca. Pensate quanto sarebbe virtuoso un ciclo di idrolisi (per l'estrazione dell'idrogeno) generata dall'elettricità tratta dalle forze mareali che poi ritorna ad essere acqua nelle celle a combustibile ad idrogeno. Un futuro lontano però.

psimo24

E per la produzione della Fiesta quanta CO2 si impiega? E confrontata alla batteria di una BMW i3 (segmento più comparabile)?

SoUlSnAkE

magari usare internet per farsi una cultura invece di venire a sparare solo caxxate sui blog non sarebbe una cattiva idea...

leggetevi lo studio "Comparative Environmental Life Cycle Assessment of
Conventional and Electric Vehicles" o i tanti altri sul tema

densou

in francia, sono stati rilevati [studio di pochi gg fa] meno volatili per probabile carenza di cibo (insetti?), indovina a cosa sarà dovuto ciò? (aiutino: fukushima = 1 | francia -> xx)

Massimino_Di_Quarto

Facendo due conti rapidissimi (e magri sbagliati, quindi smentitemi pure, no problem).

La produzione di una batteria al litio da 1 KWh costa 200 KG di CO2. Una Model S ha una batteria da 200 KWh, quindi 200 KG * 200 KWh = circa 20 tonnellate di CO2. Convertiamole in grammi per comodità. 20 tonnellate sono 20 milioni di grammi.

Una due volumi moderna (Ford Fiesta 1.2 ad esempio) produce circa 128 grammi di CO2 al KM. Ponendo la durata del motore in 150mila KM, otteniamo circa 19 milioni di G di CO2, ossia un livello inferiore rispetto a quello prodotto per costruire UNA SINGOLA batteria di una Model S.

Ponendo un domani fatto di auto elettriche, i conti sarebbero questi.

Nel 2016 sono state prodotte circa 100 milioni di auto. Ponendole ipoteticamente tutte elettriche, questo significherebbe aver prodotti in un anno ben 20 tonnellate di Co2 moltiplicate per 100milioni, ossia DUE MILIARDI di tonnellate di Co2 in un solo anno, sia che queste si siano mosse, sia che queste siano state ferme. Cosa che non accade con la euto a combustibile, che se stanno ferme non consumano.

E parliamo delle sole batterie eh, quindi poi aggiungiamoci pure le emissioni necessarie a scocca, infotainment, plastiche, elettronica e chi più ne ha più ne metta.

A tutto ciò vanno aggiunti i milioni di ettari devastati dalle discariche di residui di terre rare, tossiche e comunque dannose per l'ecosistema.

A tutto ciò va aggiunto il costo, in termini di CO2, delle ricariche delle batterie, perchè un mondo al 100% rinnovabile per ora è semplice utopia tecnica.

A tutto ciò va aggiunto il fatto che le batterie vanno smaltite, e questo costa sia in termini di CO2 (tantissimo, ora le cifre non le ho trovate, ma a quanto so l'energia necessaria è di poco inferiore a quella che serve per la produzione).

Il problema dello smaltimento comunque è reale (e no, non le riutilizzano nei lampioni solo per soldi). Il problema è che in una produzione a regime come quella che oggi è propria del mondo dell'auto, le emissioni sarebbero davvero eccessive se per ogni batteria prodotta ce ne fosse una smaltita.

Il costo è in termini di CO2 e in termine di resa del riprocessamento, che a volte non conviene.

SoUlSnAkE

esatto!!!

volete ridurre l'inquinamento nelle citta ok si aumentano le zone pedonali, si chiude al traffico dei trasporti privati e si incrementa in maniera seria il trasporto pubblico ad impatto zero

il resto sono tutte balle raccontate dai maniaci tesla o dai soliti che credono alla favole come il tizio che ho incontrato ieri che mi dice "mi sono comprato il bezina perche il disel inquina" poi vagli a spiegare che i motori a benzina nuovi a iniezione diretta inquinano tanto quanto un diesel...

Michele Gurrado

No, sanno esattamente come smaltirle. Però prima di farlo ci guadagnano 2 volte. Nelle macchine prime e nei pali della luce dopo.

maxforum

Certo che lo è, ma non è confrontabile con gli idrocarburi, fai una piccola ricerca di quanto inquinante viene prodotto per kw dagli idrocarburi e quanti(e stiamo parlando della peggiore delle ipotesi) da una centrale a carbone

Michele Gurrado

Assolutamente falso.

Luca Bonora

Vuoi mettere l'efficenza nel totale? Auto che quando sono ferme al semaforo consumano zero, che in discesa "guadagnano" energia, trasporto energia via cavo invece che con i semirimorchi...

NaXter24R

Si, ma se l'elettricità la prendi da una centrale a carbone non è comunque inquinamento? Se poi delle batterie non sai cosa fartene non è inquinamento?

maxforum

Non diciamo c... Inquina si, ma a confronto degli idrocarburi è niente

davidemo89

Ma non in città. Avere città pulite e senza rumore è molto diverso.

Auto

Tarraco: il nuovo stile di Seat nel SUV spagnolo più comodo di sempre | Video

Curiosità

Aerei troppo inquinanti: quali le alternative e come sceglierle | Storie

Articolo

Un’Alfa Romeo Giulia elettrica affronta la sfida dell’ETCR

Eventi

Motor Valley Fest 2020: un’esperienza tutta da vivere