Cityscoot debutta in Italia: 500 scooter elettrici già a Milano, in estate a Roma

17 Gennaio 2019 62

Chi vive a Milano li ha già visti scorrazzare per le strade della città o posteggiati con le loro copertine invernali blu: stiamo parlando di Cityscoot e dei loro scooter elettrici in sharing. La casa francese ha tenuto oggi un evento stampa per ufficializzare il debutto nel nostro Paese, le scorse settimane sono infatti servite come periodo di rodaggio che ha permesso di avviare tutti i processi principali legati al servizio.

Cityscoot è il quinto operatore a competere nel capoluogo lombardo, una corsa che ci piace e punta a ridurre drasticamente l'impatto sulle strade e sull'ambiente. La parola d'ordine è anche in questo caso "elettrico", i loro scooter sono dei Govecs Go! 1.5 (3 kW, max 45 km/h e 40-60 km di range) e ce ne sono già circa 500 nella sola città di Milano, con altri 500 in arrivo entro primavera e debutto fissato anche a Roma per la prossima estate. Nella capitale aprirà contestualmente una nuova officina e sala di controllo, agli oltre 30 dipendenti attuali se ne aggiungeranno almeno altrettanti per la metà dell'anno - secondo il CEO Bertrand Fleurose - portando il team a circa 100 unità entro la fine del 2019.

Il servizio è attivo a Milano (area del 90/91) e segue le medesime regole già usate da altri competitor: ci si registra sul portale, si caricano i documenti necessari (patente, documento d'identità e foto del volto) e si inserisce una carta di credito/debito per il pagamento dei noleggi, possibile tramite l'applicazione mobile. Il tutto con il patrocinio del Comune, che da sempre incentiva servizi sharing per diminuire il numero di veicoli privati.


Per loro non si tratta della prima sfida, dopo il debutto iniziale a Parigi (dove sono già 4.000 le unità in circolazione) e Nizza, l'Italia è sembrata la naturale evoluzione vista l'adozione delle due ruote e l'ottima ricettività del pubblico. I numeri sono più che entusiasmanti: ben 4 milioni di corse effettuate sui Cityscoot da giugno 2016 ad oggi e 115 mila utenti attivi, con Milano e Roma (poi) che aggiungeranno presto nuovi dati e utenti.

Il settore è in rapidissima crescita, con l'occasione si è così fatto il punto e definito il trend in tutto il mondo: 62 città coperte da scooter-sharing nel 2018 (+33 in un anno), 38 operatori (4 hanno ne hanno più di 3.000), 25 mila mezzi e Cityscoot che s'incorona leader con 4500 unità tra Francia e Italia.

E andiamo ai prezzi: il noleggio costa 29 centesimi di euro al minuto, ovvero il massimo visti i listini dei servizi affini già presenti sul territorio, ma è possibile abbatterlo a 22 centesimi di euro al minuto con il programma Cityrider 100, quindi 100 minuti al costo di 22€ (prepagati). Si tratta di una soluzione pensata per i brevi spostamenti cittadini, come confermano anche i dati della startup sulle abitudini dei francesi che già li guidano da anni:

  • 50% dei noleggi sono inferiori ai 14 minuti
  • 80% dei noleggi sono inferiori ai 20 minuti
  • 95% dei noleggi sono inferiori ai 30 minuti
  • 4 km la distanza media percorsa

A proposito: avete trovato la giusta soluzione di scooter sharing (e non solo) per evitare lo sciopero di Torino (ieri) e Roma?

La riconferma di un'azienda che cerca l'equilibrio tra prestazioni al top e prezzo competitivo? OnePlus 6T, in offerta oggi da Clicksmart a 469 euro oppure da Amazon a 549 euro.

62

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fer

A Roma ancora non c'è.. Io ti parlo con riferimento a Milano. Qui non c'è modo che con l'auto impiego lo stesso tempo dello scooter a meno che non alle 3 di notte

nexusprime

Guarda avessero messo degli scooter con potenza equivalente ad un 150 CC avrei dato ragione in parte al tuo ragionamento, dato che con il 50CC ad esempio a Roma sei vincolato all' uso di certe strade.

Fer

Con il motorino ci metterei sempre e cmq meno che con l'auto. Anche solo per il tempo che ci vuole a trovare parcheggio a Milano. MEDIAMENTE il costo al km avendo due tariffe orarie uguali è inferiore per il motorino senza dubbio. Se poi tu prendi sempre e solo in 5 l'auto allora continua a prendere quella.

ma alzi nettamente la velocità media

L0RE15

Scusi ma si parla di scooter non di auto...e lo scooter non ha alcun filtro/abitacolo...

L0RE15

Temo lei veda un'altra realtà: online è pieno di segnalazioni di non "banali" parcheggi sui marciapiedi ma ben di peggio. Sul danni alle auto (eenon parlo di sinistri ma di atti di vandalismo interni) e lerciume interno alle auto, residui di fumo e pelo di aninaliv, vertonogran parte dei reclami...
In merito alle multe discorso è sì come ha detto, il problema è che ormai (almeno a Milano e Roma) di Vigili in giro a dare le multe ce ne sono pochi e vanno sempre negli stessi luoghi ai soliti orari...
Il car-sharing, bike-sharing e scooter-sharing sono una culla d'inciviltà...e, purtroppo, lo vedo tutti i giorni...

Fer

Ma I conti li hai letti? Non hai capito niente ..tu non paghi la stesaa cifra a parità di percorso semplicemente perché impieghi mediamente meno tempo....quindi paghi meno.

R_mzz

Personalmente non vedo grande inciviltà da parte di chi effettivamente utilizza questi servizi.

Spesso si parla dell’incivilta nel parcheggio, ma personalmente non mi sembra un grande problema.
Con i servizi di bike sharing dopo aver commesso 1 o più (dipende dalla gravità) violazioni del loro regolamento, ti può essere impedito l’utilizzo del servizio.
Con un CarSharing rischi di ricevere una multa direttamente dalla polizia municipale alla quale si aggiungono altri costi e penalizzazioni del servizio di CarSharing.

Nel regolamento di uno di questi servizi ho letto che si può essere penalizzati in un servizi anche soltanto commettendo una violazione con un altro servizio di sharing. Credo sia un ottimo sistema, se ovviamente si penalizza soltanto chi ha veramente commesso qualche violazione del regolamento o del codice della strada.

Direi quindi che chi utilizza servizi di sharing presta attenzione a quello che fa per poter continuare ad utilizzarli e non pagare inutilmente multe.

Il problema maggiore sono i furti e il danneggiamento delle bici. Abbiamo visto com’è finita con oBike e GobeeBike.

nexusprime

Ho capito ma alla fine tu paghi la stessa cifra ma su un mezzo che a loro costa molto meno sia come costo del mezzo che come manutenzione.

Li avevo visti l'altro giorno e ho pensato "l'ennesimo qualcosa-sharing a Milano"

un auto a una velocità media di circa 20km/h con traffico medio in città (che sale di sera/notte), una persona 4km/h.

le auto hanno una cosa chiamato filtro dell'aria, che se cambiato regolarmente ha una funzione magica.

Un auto a al 99% i blocca porte, una persona da sola può essere aggredita facilmente.

eh si, cambia molto.

L0RE15

Già perché fare gli stessi 4 km impiegandoci più o meno lo stesso tempo che farli a piedi ma essendo immersi nel traffico e respirando (forse anche più di un pedone) i fumi di scarico, cambia molto...

L0RE15

Dovrebbero bastonare di più con le multe! Le leggi ci sono e vanno rispettate per il quieto vivere. Altrimenti uno è sempre libero di andare nel deserto o nella savana se vuole fare come vuole.

L0RE15

dopo la signora che ha messo il gatto nel micro-onde (o qualcosa di simile) e si è fatta pure risarcire dopo una causa, beh, fanno bene a tutelarsi!

L0RE15

Ora direi stop per un po', riorganizzare meglio i servizi, combattere l'incivilità legata a questo tipo di uso condiviso delle cose (troppa troppa troppa!) e poi, eventualmente, svilupparli ulteriormente.

Tony Musone

Il problema è non conoscere il servizio e non fare nemmeno la fatica di controllare prima di scrivere un commento sulla base del nulla. Il casco lo si trova nel sottosella esattamente come lo si trovava nel bauletto con Enjoy. Ci sono anche le cuffiette monouso.

Elanus Caeruleus

Li ho guidati un po’ di volte quando erano in uso da eCooltra. Mi è capitato almeno un paio di volte che lo scooter di punto in bianco smettesse di accelerare e credimi che soprattutto la prima volta che sei su un mezzo elettrico (dove non senti alcun rumore) non è così istantaneo pensare a premere due volte il pulsante di accensione. La prima cosa che ho pensato è che ci fosse stato un guasto o un problema con il noleggio. Ad ogni modo si vede che sono consapevoli che questi scooter possano dare questo tipo di problema, credo...

Elanus Caeruleus

Un po’ pesantuccio per un cinquantino, l’ho utilizzato un po’ di volte con eCooltra. Molto contento che sarà presente anche a Roma, peccato però per il prezzo!

LucaS888

Il problema rimane il casco, occorre portarselo dietro e quindi programmare in anticipo che si userà lo scooter.

Fer

Vedi che ha la sua logica...se usi il motorino per fare 4 km ci metti 5 Min circa ...fai 4*30 quindi 1 euro e venti... Mentre con un auto puoi metterecene 10 ...che ti costano 2 euro e 40...
Quindi anche se il costo al minuto è lo stesso il costo reale è inferiore...

Everything in its right place.

Appunto ma non possono scrivere "lasciate la moto dove la lasciano tutti, sbattendevone del codice".

MiniPaul

A volte davvero mi domando se un Paese dove tutto viene puntualmente vandalizzato sia da considerarsi "civile".

R_mzz

Il codice della strada permette il parcheggio delle bici sul marciapiede.

R_mzz

Ricapitolando un attimo, a Milano sono attivi:

5 servizi di scooter sharing
•Cityscoot
•eCooltra
•ZIG ZAG
•govolt
•MiMoto

6 servizi di Car sharing
•DriveNow
•car2go
•Share’ngo
•Enjoy
•e-vai (piazzole)
•ubeeqo (piazzole)

3 servizi di Bike sharing
•BikeMi
•Mobike
•ofo

1 servizio di “monopattino sharing”
•Helbiz

Non male...

nexusprime

Speriamo facciano la stessa promo anche a Roma

nexusprime

Non capisco perchè gli scooter debbano costare come le auto nel noleggio a minuto.
Loro usano la scusa che il mezzo è più veloce nel traffico cittadino, ma i costi dei mezzi sono differenti sia come acquisto che gestione.
Oltretutto i noleggi dovrebbero partire dall' avvio all'arrivo.

Garrett

Se per mettere in moto, bisogna scrivere di premere ON, io partirei dal "funzionamento della ruota"

Garrett

Divieto?
Guarda che a Milano se vuoi riuscire ad avere una vita normale, il marciapiede è prassi consolidata

Everything in its right place.

Eh, t'aspetti che non ti dicano di non mollarla in divieto.

Everything in its right place.

Una roba che faresti con qualsiasi mezzo

Ngamer

abbastanza caro cmq molto favorevole a questi servizi

John277

Se non hai niente da fare non hai nemmeno fretta di arrivare, io tutti i giorni faccio 1,5 km per andare in ufficio, ci vado a piedi, ci metto 10/15 min al massimo. Capisco per 4 km ma quella è la media, ci sarà gente che ha preso lo scooter per fare anche 1 km. Dai su.

John277

Secondo me son tutte scuse, la media di 4 Km vuol dire che ci sarà gente che ha preso lo scooter anche solo per farne 1 o meno. Io spero che sia solo perchè erano gratis, mi rifiuto di credere ad una tale pigrizia, certo che a volte vedi gente prendere la macchina per fare 500 mt.

apps accaunt

ottimo..costa di più che noleggiare una macchina...

an-cic

vuol dire che sono stranieri e che devono scrivere qualsiasi cosa per evitare cause. per farti un esempio... facevo un giro in un centro commerciale in usa, sulle lavatrici c'è scritto che non si devono mettere i bambini dentro al cestello

Garrett

Vuol dire che siamo sotto al livello basico

Everything in its right place.

Vuol dire spegnere e riaccendere il motorino. Non mi sembra una roba pazzeschissima eh...

antokio

chiaramente loro nel regolamento ti devono dire di parcheggiare negli spazi adibiti, ma qui si parcheggia dove si trova, lo fanno anche col car sharing. non parliamo poi delle bici che sono sparse ovunque

certo, facciamoci una passeggiata a polmoni aperti sulla circonvallazione all'ora di punta. a questo punto ai semafori respira direttamente dai tubi di scappamento

Garrett

Nel regolamento dice di usare gli appositi parcheggi per moto.
Il problema è che spesso o non si trovano o sono tutti occupati

Garrett

Tratto dalle FAQ:

------
Sto accelerando, ma la ruota posteriore non gira (cosa devo fare)?

Posizionare il pulsante rosso a destra del manubrio su “ON”.
Se è già impostato su “ON”, posizionarlo su “OFF” e poi su “ON”.
------

Proprio per TUTTI.

antokio

io li ho visti parcheggiati tranquillamente sui marciapiedi, quindi immagino di sì

tommasoconti98

Se volete 30 minuti gratis usate questo codice sconto: 6BSN0k

Garrett

Domanda fondamentale:

Una volta a destinazione, posso lasciarlo dove voglio?

Everything in its right place.

Eh dai, aspettate n'artro po' già che ci siete.

an-cic

se non hai niente da fare... la velocità media della camminata è 4km/h. quindi se devo andare in un negozioa 4km mi serve 1 ora ad andare e 1 ora a tornare. 2 ore contro 10 minuti

VaDetto

Li hanno già rubati!

John277

4 km la distanza media!? Ma camminare pare brutto?

an-cic

hai vinto un buono per richiedere la 104

OneR1ng

Usufruisco di MiMoto a Torino (servizio simile) e mi trovo molto bene, ben vengano.. Sperando che i vandali si siano abbastanza sfogati con i bikesharing.....

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada