Kia Ceed 2018: test drive in anteprima tra guida autonoma e kartodromo | VIDEO 4K

26 Giugno 2018 28

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

I coreani hanno un problema: combattere i vecchi pregiudizi. Lo avevano con Stinger, il primo debutto nel mondo delle Gran Turismo che è stato accolto timidamente nonostante un progetto che aveva dietro nomi altisonanti della progettazione e ingegneria tedesca, arrivati rispettivamente da Audi e BMW, e lo potrebbe avere in minor parte con Kia Ceed, la segmento C che va a sfidare Golf e Focus.

Il problema è quello di far capire ai leoni da tastiera che le Kia di oggi non hanno nulla a che vedere con le auto a marchio coreano al loro debutto in Europa anni.

Oggi il produttore si sta spingendo sempre più in alto puntando sui contenuti delle proprie vetture, partendo da un listino abbordabile con una ricca dotazione tecnica e tecnologica di serie.

Tecnologia e tecnica: tante novità

Con il nuovo modello Kia Ceed cambia per assecondare ulteriormente quell'Europa (Francoforte) in cui l'auto è pensata, prodotta e ingegnerizzata, proponendo un nuovo design, brand senza apostrofo e tutto quello che il 2018 può portare in termini di evoluzione tecnogica che, sulle auto, significa avere una guida autonoma di Livello 2 completa nell'offerta, democratica perché presente con ADAS di serie a partire dal primo allestimento.

La telecamera installata sul parabrezza è infatti una dotazione standard che porta in dote la frenata automatica d'emergenza, anticollisione e mantenimento di corsia. Per gli allestimenti più ricchi, o attingendo agli optional, c'è il centraggio all'interno della corsia con il cruise control adattivo (che necessita del radar anteriore). Per farvi un'idea di come funzionano guardate il video, quello che c'è non ve lo elenco perché c'è tutto.

Insieme a Sportage, Ceed è l'auto fulcro della strategia dei coreani per l'Europa: per questo arriverà in versione hatchback e Sportswagon, seguita in un secondo momento da GT Line e GT, la sportiva che non può mancare alla gamma se si vuole davvero mettere i bastoni fra le ruote a modelli come Golf e Focus.

Come va?

Realizzata sulla piattaforma K2, Kia Ceed cambia già nelle dimensioni: 20 mm di larghezza in più e una linea ribassata per rendere l'auto più aggressiva, sebbene il passo sia sempre lo stesso (2.650 mm). Le novità nelle quote, insieme alla diversa gestione degli spazi nell'abitacolo, permettono ora di aumentare lo spazio per le spalle dei passeggeri e la seduta più bassa di 16 millimetri va a vantaggio dello spazio per gambe e ginocchia. Infine cresce anche il bagagliaio, ora da 395 litri per la cinque porte e 625 per la Sportswagon che può anche avere il portellone automatico con apertura keyless.

Oltre alle quote del design di interni ed esterni, quelle funzionali ad estetica, comfort e praticità in un'auto, cambiano anche le quote della tecnica. La nuova Kia Ceed sfrutta sospensioni indipendenti con molle anteriori irrigidite del 40% e una barra stabilizzatrice con il 22% in meno di rigidità torsionale. Nella pratica si traduce tutto in un comportamento più piatto del telaio, più neutro e meno sbilanciato, così da ridurre sottosterzo e, nelle situazioni al limite, facilitare l'intervento correttivo.

Al posteriore si è scelto invece di diminuire del 10% la rigidezza delle molle per avvantaggiare il comfort nella guida di tutti i giorni, riducendo le vibrazioni. A questo proposito, la nuova Ceed è anche più silenziosa: dati alla mano si tratta di 1 decibel in meno, differenza che si sente sia ad andatura cittadina che a passo spedito in tangenziale.


Molto comunicativa a livello della strada, specie nell'anteriore, Kia Ceed porta nella realtà un comportamento di guida davvero divertente che si traduce in un ESP che in pista quasi non entra, e quando entra fa notare pochissimo la differenza, lasciando un'ottima sensazione di controllo.

Lo sterzo è diventato più diretto (12.7:1) e lo noterete subito alla prima strada tutta curve: complice l'anteriore più rigido e il nuovo setup degli ammortizzatori, Ceed si trasforma davvero in un'auto piacevole, specie se spinta dai due motori più potenti.

Il diesel da 136 cavalli e il benzina da 140 CV si equivalgono - più o meno - nelle prestazioni. Il benzina è in grado di erogare un'ottima coppia che difficilmente farà rimpiangere l'unità a gasolio nella guida con due persone a bordo, unità che si avvantaggia però quando aggiungete più passeggeri e i bagagli. Inoltre il setup del diesel, in basso, punta al risparmio energetico e per questo riduce leggermente il sorriso quando si guida nel misto stretto.


Più tecnologia, più comfort, più divertimento di guida ma cilindrate rimpicciolite. Ceed è andata al dowsizing su tutta la gamma e la trasferta portoghese mi ha permesso di provare i due proulsori più potenti, entrambi Euro 6d TEMP già da oggi (infatti entrambi i due turbo benzina hanno il filtro anti particolato).

Il primo è il T-GDi da 1.4 litri al posto del vecchio millesei: 140 cavalli per questo turbo con un'ottima coppia in basso, 242 Nm dai 1.500 ai 3.200 giri. Il diesel è invece un CRDi da 1.6 litri disponibile in versione da 115 e 136 cavalli. La più potente può contare su 280 Nm di coppia in più nella versione con cambio manuale, cifra che sale a 320 Nm con il doppia frizione a sette rapporti (rispettivamente da 1.500 a 3.000 giri e da 2.000 a 2.250 giri).

Nel 2019 arriva il micro ibrido a 48V

Nuova Kia Ceed è prevista in uscita a settembre 2018, in versione hatchback seguita dalla station Sportswagon, ad un prezzo ancora non annunciato ma in linea con il modello precedente. Per Kia Ceed, come ormai abitudine per le auto coreane, è prevista una garanzia di 7 anni o 150.000 chilometri.

A fine anno vedremo le unità diesel e benzina ma, nel 2019, arriverà anche la versione micro-ibrido a 48V, un mild-hybrid con impianto elettrico a 48 volt che sfrutta un motorino elettrico in grado di svolgere il ruolo di starter e di generatore.

Si tratta della tecnologia introdotta in gamma con Sportage: l'elettrico fornisce supporto al motore termico e recupera energia in frenata e decelerazione, ricaricando la batteria agli ioni di litio da 0.46 kWh.


28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Lolloso

certo che, fari anteriori a parte, è cambiata tantissimo rispetto al modello precedente. se non avessi saputo il nome non avrei minimamente pensato al restilyng della ceed bensì ad un modello tutto nuovo. mi piace, quando si sputt4na l'auto della moglie le passo la mia 2013 e prenderò ancora una ceed

Lolloso

io ho il modello del 2013 e ti posso garantire che gli interni sono estremamente curati, solidi, silenziosi e con molto stile. dopo 5 anni a passare 9 sotto il sole non si sono ancora sbiaditi

Lolloso

no io ho la precedente (my2013) e l'apostrofo non c'è

Lolloso

beato te

Azimuth1

versioni gpl o metano ne esistono?

Ivan Degni

Ah ok, molte grazie

Mauro Corti (Sbabba)

Secondo questo principio tutte le auto tedesche non andrebbero comprate, visto che il loro valore precipita nel tempo.

Le auto che tengono veramente il loro valore sono quelle che fanno parte di nicchie di mercato, dove la domanda sull'usato è di gran lunga superiore all'offerta, vedi la Mazda mx-5 che costa cifre folli.

Mauro Corti (Sbabba)

Semplice: quello sul sito è ancora il modello attuale, non quello nuovo che viene qui recensito. Anche l'esterno è diverso.

ironmel

da questo

Marcello

Per colpa della svalutazione del marchio (Kia, ma anche altri asiatici) siamo sempre costretti a comprare le solite europee o Toyota. Questa Ceed conviene solo se la si tiene fino alla morte.

gioboni

Attenzione che mild-hybrid != full-hybrid: la maggior parte dei mild-hybrid aiutano sì in fase di partenza ma integrando la spinta del motore termico, non sostituendolo in toto (spesso azionando un cinghia collegata alla trasmissione).

ironmel

Tutte le Ceed saranno euro 6d temo, quindi anche la 48v. Il resto non me lo dicono perché hanno embargo anche loro

Babi

Davvero caruccia!

Giovanni aka Maiti Gion

L'apostrofo l'hanno tolto non ricordo se da questo modello o da quello prima...

Volpe

"kia c apostrofo eed"

per pochi.

Jam

Partenze da fermo e accelerazioni decise. Su suzuki funziona così e funziona anche bene visti i consumi. Certo gli interni sono un pochino scarsi.

Jam

Per farti vedere dalle fighett3 sicuramente. Ovviamente le fighett3 della plebe.

luca bandini

buffonata mica tanto, da un senso allo start and stop e fa partire l'auto (movimento in cui consuma molto) in modalità elettrica per poi agganciarsi intorno i 15km/h (22 le mercedes)

Yuto Arrapato

La versione elettrica sarà:
1)con cambio automatico?
2) euro 6-d temp?

Grazie

Ngamer

infatti sarebbe piu interessante una full hybrid , peccato

Zetec

Meglio la mia A1.

Desmond Hume

Di profilo sembra una classe A

ironmel

xD

Lorenzo Cot

Ot. Come si fa impostare la visualizzazione del nome del chiamante su amazfit bip?

Giulk since 71'

Bella macchina, o almeno a me piace, me la farei diesel, peccato che nonostante rispetti le norme euro6d e vattellapesca quando i comuni decideranno di chiudere ai diesel ho come l'impressione che la dicitura euro X servirà solo per bellezza.....

Light

>11:51
>gruppo black humor

gioboni

Mild-hybrid = buff0nata.
Un peccato che certe case orientali cerchino di inseguire le tedesche anche negli aspetti più infimi del loro vendere fumo negli occhi...

deepdark

Se oggi dovessi comprare una macchina prenderei una kia. Fermo restando che guarderei gli interni prima, vero punto debole di qualche generazione fa (non so ora).

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video