Emilia 4, la prima auto solare italiana è realizzata dall'Università di Bologna

12 Giugno 2018 87

"Complimenti ragazzi. E ricordatevi che è importante partecipare, ma è anche importante vincere", queste le parole di Piero Ferrari, Vicepresidente dell'omonima casa automobilistica, durante la presentazione di Emilia 4, la prima auto solare italiana firmata Università di Bologna e Onda Solare mostrata al Museo Ferrari di Maranello.

Progettata e costruita interamente in Emilia-Romagna, la vettura è basata su un telaio in fibra di carbonio ed è in grado di ospitare quattro persone. Grazie ai due motori elettrici integrati nelle ruote e collegati a una batteria al litio di ultima generazione è capace di raggiungere una velocità massima di 110 km/h. Inoltre, il tetto è ricoperto da celle solari che compongono i pannelli solari per convertire l'energia della luce in elettricità.

A dar vita a questo progetto made in Italy un team composto da una sessantina di persone fra docenti, tecnici, ricercatori e vari collaboratori per un budget attorno ai 2 milioni di euro, di cui uno sborsato dalla Regione Emilia-Romagna con i contributi restanti forniti da aziende come Ferrari, Avio e tanti altri che, oltre a donare i materiali, hanno messo a disposizione tutta la loro competenza tecnica.

L'auto prenderà parte all'American Solar Challenge, la competizione fra team universitari in programma negli Stati Uniti dal 10 al 22 luglio che consiste nel viaggiare ad una media di 60 km/h, attraversando le montagne rocciose dal Nebraska all’Oregon ripercorrendo lo stesso Oregon Trail per un totale di 3.500 km.

Foto: Diego Poluzzi

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone 8 Plus, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 638 euro oppure da ePrice a 709 euro.

87

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mauro morichetta

Prendo per spunto il tuo commento assennato, anche se audace e fiero di avere una ricerca italiana nel campo della mobilità, mi chiedo a cosa serve tutto questo, tanto i petrolieri ci faranno pagare fino all'ultima goccia di benzina, anche questi due milioni di euro finiranno dentro ad un museo a prendere polvere, come lo faranno tutti i modelli che non siano spinti dalla benzina. Sarei felice di ricredermi nel vedere macchina a pannelli solari in commercio ma per quanto ne sappia non ne esistono, se ne sapete di più ben contento di apprendere nuovi concetti e di cambiare idea.

mauro morichetta

Supponiamo che il progetto vincesse la competizione, supponiamo che possa aprire uno spiraglio diverso dalle auto a combustibile fossile ed elettriche, non arriverà mai nelle mani di noi poveri portali che dovremmo pagare fino all'ultima goccia di petrolio e megavat che possiamo spremere dal pianeta, mi chiedo quale senso abbia spendere tutti questi soldi adesso per vederli poi impolverati in qualche museo, il paradosso che tutte le persone che andranno a vederla consumeranno benzina gasolio gas o elettricità. Realizziamo un prototipo che possa arrivare nelle case delle persone a breve allora si che i soldi sono ben spesi.

Hockey

Le auto solari c'erano già 20 anni fa

Krokko

Aggiungi tutto il sistema di gestione elettronica che questi ragazzi hanno fatto interamente da sé, sia hardware che software, perché al momento non c'è nulla di standard o industriale in giro in questo campo...

Signor Citrus

Avendo viaggiato, credo di conoscerlo abbastanza bene da capire le aree geografiche dove ci sono problemi sociali e di cultura e dove, invece, la gente vive tranquilla con un alto senso di rispetto.

Luca Lindholm

Proprio ieri dicevo che Bologna fosse la città più socialmente avanzata d'Italia (se si vuole... la "Capitale morale" d'Italia) e che tutta l'Italia stessa dovesse tendere ad assomigliarle.

Oggi, proprio a fagiolo, arriva un'altra notizia che conferma l'eccellenza dei territori tosco-emiliani, che di solito vengono definiti "rossi", ma che sono semplicemente i più "NORMALI" della penisola.

;D

Maurizio Mugelli

err, credo he tu il popolo lo conosca poco.

DeeoK

Beh, con barbaro mi riferivo, come già precisato, ai popoli del nord e dell'est Europa, che tendenzialmente, prima della loro romanizzazione, avevano una società quasi totalmente basata sul clan.

Signor Citrus

"La più banale, nonché lampante, è l'atteggiamento italiano, ben ereditato dalla cultura barbara, del campanilismo feroce."
Terrò a mente questo, perché ovviamente verificherò se sia effettivamente vero (o almeno in parte) quello che dici.
Io non ho studiato nel dettaglio le loro usanze; anche perché parlare di "barbaro" può stare a indicare numerosi popoli anche distanti geograficamente e con culture diverse.

DeeoK

La più banale, nonché lampante, è l'atteggiamento italiano, ben ereditato dalla cultura barbara, del campanilismo feroce. Tutto è un clan, il concetto di unità non esiste, viene tirato fuori solo quando fa comodo.
Questa era una mentalità profondamente diversa quella romana, ben più orientata al concetto di res publica. Non a caso nell'impero arrivarono a convivere, stabilmente, un numero di popoli diversi incredibilmente elevato.

CastSimone

In Germania investono molto sia all’interno delle università che nelle aziende stesse, e molto di più di come facciamo in Italia. Poi il numero di brevetti che vengono depositati fa anche capire quante idee alla fine si concretizzano ed hanno bisogno di essere “tutelate”. Non a caso tirano fuori dei numeri 6 volte superiori ai nostri. Quindi di che fregnacc3 parli? Quelli sono un dato di fatto non me li sono mica inventati.
La netta superiorità teutonica su questo fronte non si batte, poi vabbè noi abbiamo tante altre cose, come il sole, il mare ma se parliamo di ambienti lavorativi e (negli ultimi anni) settore scolastico ci stanno superando alla grande.

Signor Citrus

Vabbè a questo punto mettici anche Egizi e Vichinghi.
Sono d'accordo tranne su quella barbarica, non mi sembra abbiano attinto molto dalle loro usanze.
Ma dovrei andare a ripassare.

DeeoK

Solo in parte.
La culla della nostra cultura è in Grecia, non a Roma.
La nostra cultura è stata poi profondamente influenzata da quella cristiana (Medio Oriente) e da quella barbarica (nord ed est Europa).

Paolo C.

Ma non dire fregnacce. La differenza sta solo nel fatto di dove viene fatta ricerca. In Italia la ricerca non si fa di solito in università ma nelle aziende. E nel settore automotive ci sono aziende che i tedeschi manco si sognano.

Paolo C.

Non ti preoccupare, non sono certo quattro falliti che vivono per denigrare gli altri che possono farmi cambiare opinione.
Ho visto al motorshow alcuni team di università italiane che partecipano a questo tipo di competizioni, tanto di capello.

Signor Citrus

Ok ora sei chiaro, non te ne fregava nulla ma hai commentato ugualmente.
Per questo mi hai confuso.

Comunque giusto per essere precisini (perché sono naturalista), la genetica non c'entra visto che é la stessa.
La nostra cultura deriva da coprire precedenti, comunque.

Signor Citrus

Non esaltarti, che poi qui dentro ti scrivono che la germania ha molti più brevetti dell'Italia e quindi l'Italia non vale niente.
Come se si stesse facendo festa a un nemico.

Top Cat

Al traguardo. Grazie.

DeeoK

In realtà non capisco se tu ti stia prendendo in giro da solo o se tu stia cercando di auto-convincerti.
Delle tue vaghe opinioni sul popolo italico, onestamente, me ne frego. Prima i dati, poi le considerazioni, altrimenti è qualunquismo.
Io ho solo fatto una puntualizzazione sulla scarsa affinità genetica tra antichi romani ed attuali italiani, che poi andrebbe ad invalidare il tuo "Non a caso il mondo moderno lo costruirono i romani antichi, non a caso.".
Per il resto hai fatto da solo.

Paolo C.

Progetto al top, sicuramente curato da un team motivato e giovane. Avanti così, è questa l'Italia di cui abbiamo bisogno.

Paolo C.

Ecco il commento del mona di turno.

Signor Citrus

mi stai prendendo in giro, ho capito.

DeeoK

Mi piace come completi le tue asserzioni con una grande quantità di dati così da non rischiare di sfociare nel qualunquismo.

Signor Citrus

Dai, ma davvero devo mettermi a farti ragionare e spiegare del perché ti ho risposto con minoranza?
Eliminando ogni dubbio, hai creduto che il mio discorso fosse qualunquista. E io ti ho risposto che invece gli italiani in buona parte dei casi sono persone molto intelligenti, con una creatività di spicco.
Questo puoi constatarlo in molte parti d'italia e in molti ambienti.

DeeoK

Chi ha parlato di minoranze?
Il livello di sconnessione dei tuoi post è encomiabile.

Signor Citrus

Non si tratta di una minoranza.
Ma di una buona fetta dell'intera popolazione.
Avendo anche girato parecchio in Italia, so bene che voglio dire.
E lo sai anche te.

DeeoK

O magari non mi presto a discorsi qualunquisti.

Signor Citrus

Sempre Top Cat

Signor Citrus

Non capisco dove volevi arrivare...

Top Cat

Quindi sei capace di essere serio delle volte.
Seriamente, complimenti.

Signor Citrus

Si, certo. Ma non solo, geologia e paleogeografia e ce ne sono molte altre che permettono di dilettarti in parecchi campi.
Sicuramente non ti annoi mai.

Signor Citrus

Ce ne sono diversi di esempi, però certo gli investimenti sull'istruzione (in particolare scienze naturali) é molto carente.
Ciò non toglie il fatto che il popolo ha una filosofia più coerente e sofisticata di altre.

Top Cat

Wow, jurassico!
E' divertente essere uno studioso di paleontologia?

Signor Citrus

E quindi vuoi forse negare ciò che hanno fatto i romani?
Non ho capito dove vuoi arrivare.

Signor Citrus

Ok, e quindi? Io ho detto un'altra cosa. E gli italiani attuali sono migliori di quel che tu pensi, evidentemente frequenti ambienti ignoranti, che vuoi che ti dica.

Signor Citrus

Quelle le spremo con paleontologia.
Questa é solo storia recente, per me.

Signor Citrus

Sei abbastanza lontano dal significato del mio commento.

Signor Citrus

Ah hai chiamato il troll? E adesso te lo becchi.

Signor Citrus

No, stai confondendo le cose e parlando di altro.
Ovviamente anche i Greci hanno avuto un ruolo, ma i Romani fecero grandi passi in avanti con la civilizzazione (insieme ai greci, appunto).

Imperium

Troll?

CastSimone

Sei rimasto un po’ indietro, tanto per dire l’Italia tira fuori sui 4000 brevetti annui, la Germania 6 volte tanto, quindi se parliamo di investimenti nella ricerca forse la strada da percorrere è ancora lunga, o probabilmente irrecuperabile dato l’ampio distacco.

Gianlu27

Ovvio ;) Ci sono anche di altri piloti Ferrari, ma fa sempre piacere ;D ahaha

Nix87

Nemmeno per le scuole pubbliche americane ci sono tanti soldi...le grosse università ricevono fondi da donazioni da parte di grosse multinazionali, che in seguito vorranno avere una forma di prelazione sui nuovi brevetti, e privati di solito milionari che vi hanno studiato...solo in minima parte sono statali...infatti la scuola pubblica Usa non é proprio un esempio da esportare.

tesking

ah ah ah, ma sono cartonati!!!

Mattia Righetti

Ma ci vuole un co*glione per scrivere il solito commento del cavolo ;)

Maurizio Mugelli

se si fanno tagli senza legiferare pesantemente anche contro la corruzione e abuso e' ovvio che poi vanno a tagliare il buono che rimane, non quello che si intascano...

Top Cat

Te lo devono dare per forza!

FrancescoM

si ma poi scopri che un veicolo ha bisogno anche di sospensioni freni più dei dispositivi minimi di sicurezza più il peso del sistema fotovoltaico-motore e ti accorgi che devi ridurre peso e aumentare efficienza, ed è proprio a questo che serve la sfida...

John277

Hai perfettamente ragione, ma sento sempre troppo parlare di tagli e meno di sprechi, purtroppo nel pubblico è sempre così, i tagli arrivano perchè nei vari dipartimenti si creano sprechi incredibili di denaro pubblico.

Aster

Non volevo andare o.t:)visto che si parla di Bologna

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini