iDisc: il freno di Bosch che inquina meno

22 Novembre 2017 9

Una cosa a cui pochi prestano attenzione è l'inquinamento a cui contribuiscono i freni. Ebbene si, anche questo accessorio inquina: la casalinga di Voghera magari non ne è a conoscenza ma freni e pneumatici, insieme, sono responsabili del 32% delle emissioni di particolato legate al traffico stradale. Quasi il 50% di queste è da attribuire ai freni.

Così Bosch ha lanciato iDisc e a parte la criticabile scelta del nome, con la "i" ormai abusata da chiunque (qui sta per "innovazione"), si tratta di una novità non da poco stando ai dati dichiarati dal produttore. iDisc promette infatti fino al 90% in meno di polveri sottili generate grazie al rivestimento in carburo di tungsteno applicato al freno a disco tradizionale in ghisa. Non si tratta quindi di un disco completamente nuovo nei materiali ma piuttosto di un processo di trattamento (meccanico, termico e galvanico) per poter applicare il rivestimento.


Questo comporta un costo, nello specifico una cifra superiore di tre volte a quella di un disco in ghisa tradizionale ma inferiore di tre volte a quella di un disco in ceramica. Aumentando i volumi con le economie di scala, però, si potrà avvicinare maggiormente il costo a quello dei dischi classici, specie se diventerà uno standard.

Oltre alla riduzione dell'inquinamento, iDisc migliora anche nelle prestazioni avvicinandosi ai freni ceramici, specie per quanto riguarda il fading (riduzione della potenza dopo ripetute frenate). In questo caso il rivestimento assicura una resa migliore e più stabile oltre ad un'usura contenuta e si può arrivare ad una durata doppia rispetto al freno normale. Eliminata quasi del tutto la corrosione, vantaggio che si rivelerà utile specie nel mondo delle elettriche dove il minor utilizzo dei freni per via del freno motore rigenerativo riduce la pulizia dei dischi da parte delle pastiglie.



9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
italba

Il cobalto è il "collante" della polvere di carburo di tungsteno

andrea55

Quindi non c'è solo cobalto ma è solo un collante, capito non lo sapevo

italba

Nelle classiche placchette di Widia quello che taglia è il carburo di tungsteno, il cobalto serve per tenerlo incollato insieme. Poi si adopera anche il diamante, certo, ma il carburo di tungsteno è molto più diffuso
https://it. wikipedia. org/wiki/Widia

andrea55

Di solito si trovano al cobalto o al diamante le punte per metalli

italba

Quelli delle moto anche in acciaio inox

italba

Prima di consumare il carburo di tungsteno ce ne vuole. Hai presente le punte di trapano da muro?

andrea55

Quindi quando si consuma il rivestimento il disco torna ad essere un comune disco in ghisa?

ironmel

ghisa, acciaio, ceramica/carbo-ceramica e carbonio, questi i materiali usati di solito

Mauro B

I dischi dei freni sono in ghisa!?!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini