Volvo: no agli incentivi per le elettriche, meglio vietare i modelli endotermici

02 Dicembre 2020 185

Negli ultimi mesi si discute molto dell'importanza degli incentivi per le auto elettriche per sostenere la crescita di questo mercato. C'è però chi la pensa in maniera ben differente. Hakan Samuelsson, amministratore delegato di Volvo, durante un discorso al Future of the Car Summit promosso dal Financial Times, suggerisce che vietare la vendita delle auto endotermiche sarebbe un modo migliore per incentivare la diffusione delle auto elettriche piuttosto che puntare sugli incentivi.

Nessuno può costruire un business di successo e redditizio facendo affidamento sugli incentivi. Mentre gli incentivi possono incoraggiare l'industria a svilupparsi nel modo giusto, potrebbe essere più efficiente per i governi stabilire un programma chiaro verso un futuro elettrico.

Proprio per questo, Samuelsson suggerisce che la strada migliore è quella di programmare lo stop alle vendite delle auto endotermiche che utilizzano una tecnologia che definisce del "passato". L'amministratore delegato di Volvo apprezza, proprio per questo, la volontà del Governo inglese di eliminare dal mercato le auto benzina e diesel entro il 2030. Si tratta di una proposta molto forte che, però, va a scontrarsi con alcune problematiche che devono essere risolte.

Servono, infatti, molti più modelli sul mercato proposti a prezzi competitivi e soprattutto un'infrastruttura di ricarica funzionale e capillare. Problematiche che si possono risolvere, secondo Samuelsson, soprattutto se pubblico e privato riusciranno a collaborare assieme.

L'Europa ha una grande opportunità per guidare la transizione verso la mobilità sostenibile e i governi e le aziende dovrebbero collaborare per realizzarla.

I piani di Volvo per l'elettrificazione prevedono che entro il 2025 il 50% delle vendite riguarderà veicoli elettrici. La restante parte sarà composta da modelli Plug-in.


185

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
italba

Ma stai trollando (male) o sei proprio nato così? Nessuno dice che le navi cargo emettano solo profumo di violette o che inquinare in mezzo al mare sia cosa buona e giusta, ma meglio lì che sotto il tuo naso, e meglio una nave che 10.000 tir per 5.000 km! Sempre se i tir possono navigare, poi... E poi quale sarebbe il tuo "ragionamento"? Devi essere libero di inquinare perché c'è "benaltro" che inquina? Dobbiamo continuare in eterno ad usare le stesse auto, con gli stessi obsoleti motori a scoppio solo perché ti sei appena comprato la macchinina nuova? Ma ce l'hai un cervello o no? In questo momento ho una diesel anch'io, comprata usata a pochissimo prezzo, ma so bene che non potrà e ne dovrà durare, la terrò ancora un anno o due e poi la farò demolire in cambio di una elettrica. Il futuro è segnato, inutile illudersi.

sil

Sei serio?
Che vuoi che faccia se le sostanze nocive si riversano in mare? E peggio ancora nell'atmosfera? Tanto poi si biodegradano? Ahahah scusa ma del buco dell'ozono o dello scioglimento dei ghiacciai ne hai mai sentito parlare? Ed il pesce che mangiamo poi mi spieghi dove vive se non nel mare in cui andrebbero queste sostanze? Cioè i poli si stanno sciogliendo e per te è suffiente andare in montagna che tanto se ci andiamo con l'auto elettrica non la inquiniamo AHAHAHA.
Poi i motori endotermici delicati costosi e di 100 anni fa. AHAHAHA certo perché 100 anni fa facevamo 20km/l e 200/h con un'utilitaria.
Poi non ti piacciono le navi cargo? Allora ti dico: le aziende americane senza regolamentazioni nel buttare in mare le peggio cose, oppure anche loro come le navi cargo? Si biodegrada tutto? Massí basta che l'inquinamento non sia sotto casa nostra dopo che ci interessa se lasciamo ai nostri figli un pianeta pieno di bellissime auto elettriche ma con l'aria irrespirabile, mica si potevano catalizzare le navi o imporre regolamentazioni alle aziende, bisognava incentivare le toyota elettriche ahahahah ah no aspetta, meglio ancora: le mavi cargo erano lontanissime dall'uomo quindi che l'atmosfera è una la terra è una e che le sostanze tossiche non spariscono per magia era uno slogan da senza cervello, quindi niente. Accidenti, non avevo capito nulla!
Va bene cosí dai, non concordiamo, pazienza, ti saluto!

italba

"Il mondo è uno" è uno slogan da senza cervello. Le sostanze nocive, particolato, ossidi di azoto, zolfo, non restano in eterno nell'atmosfera, dopo un certo periodo precipitano al suolo (in questo caso in mare) o vengono degradate naturalmente, quello che dici non ha proprio senso: Allora, anziché andare a prendere una boccata d'aria fresca al mare o in montagna vai sulla tangenziale nell'ora di punta, tanto il mondo è uno!

L'autonomia è arrivata, per taluni modelli elettrici, a 650 Km oggi, non in un ipotetico futuro prossimo, la ricarica a 350 kW già sviluppata ed in funzione può rifornire energia sufficiente per 100 km in 5 minuti, tecnicamente il problema non esiste più.

I costi ed il numero dei punti di rifornimento presenti seguiranno, ovviamente, l'andamento del mercato.

Secondo te prima di vendere le auto a benzina avrebbero dovuto costruire una rete di distributori pari a quella odierna?

E, come ti ho già detto, un'auto elettrica potrebbe costare molto meno di una a benzina, l'unico elemento costoso è la batteria i cui prezzi sono diminuiti del 90% negli ultimi 10 anni e che, secondo tutte le previsioni, continueranno a scendere.
Perché si fanno gli investimenti? Per ottenere un vantaggio e poter risparmiare dopo, ovviamente.

Se oggi si continua ad andare con i motori a pistoni di cent'anni fa, rumorosi, costosi, delicati, inquinanti ed inefficienti vuol dire che i soliti "disinteressati" che vogliono restare ancorati al passato hanno tirato troppo la corda, è ora di finirla con una tecnologia obsoleta.
Ormai le auto elettriche sono un prodotto maturo, inutile aspettare ancora.

Le case automobilistiche che si ritroveranno in difficoltà perché non hanno saputo o voluto adeguarsi per tempo, e che continuano a mettere tra i loro asset a bilancio migliaia e migliaia di inutilissimi brevetti sui motori a combustione che chiudano pure, è quello che si meritano.
Che cosa pensi, signor "ingegnere qualsiasi", che si sarebbe dovuti restare alle valvole termoioniche perché cambiare per i transistor sarebbe (ed è) costata un'enormità?

La manutenzione di un diesel "turbo e ben cavallato" costa cara, così come costa, anche dal punto sanitario ed ecologico, smaltire i residui che produce.

Necessita di moltissimi accessori e controlli per tenere le emissioni ad un livello compatibile con la vita e la salute, e queste cose aumentano il costo e diminuiscono l'affidabilità.

Continui a ripetere la balla delle navi cargo, ma ti rendi conto che ognuna di quelle trasporta il carico di 10.000 autotreni per migliaia di km?

Inquinano molto meno di qualunque altro mezzo necessario per fare il loro stesso lavoro, semmai, ed inquinare in mezzo all'Atlantico non è la stessa cosa che farlo sotto casa tua.
Se poi proprio non puoi fare a meno del "brum brummm" allora metti un disco col rumore del motore nello stereo, già lo fanno per alcune auto a benzina!

sil

Sulle navi cargo: il mondo è uno. Dire che il camion è peggio perché passa sotto ai nostri nasi è un discorso valido solo sul breve periodo. Lo stesso discorso è sullo smaltimento delle batterie che sposta solo il problema dell'inquinamento nel terzo mondo... Ma il mondo è uno solo.

Sui vantaggi e svantaggi di motori termici ed elettrici: ogni soluzione ha pro e contro e di certo bisogna considerare che il petrolio non è infinito e prima o poi si esaurirá ma non credo proprio sarà l'elettrico a porre fine al problema visto che l'elettricitá stessa è per lo piú derivante sempre da combustibili fossili o dal nuclare (che di nuovo non risolve il problema). Comunque le auto elettriche hanno l'enorme problema della ricarica, dell'autonomia e del prezzo di acquisto (almeno attualmente) insieme all'infrastruttura ancora insufficiente per quanto riguarda un ipotetico futuro in cui tutto ció verrá magari risolto non vedo il senso di riprogettare l'intero sistema automobilistico (a suon di investimenti clamorosi dirottabili in altro) per una tecnologia che alla fine dei giochi permetterá un risparmio (ammesso vhe davvero sia cosí) del 20/30% di emissioni sul parco auto mondiale che di fatto non è uno degli elementi più inquinanti del pianeta (torniamo all'esempio delle navi cargo). A me personalmente sembra una grande bolla destinata a scoppiare. I piccoli diesel turbo euro 6 permettono ottimi consumi sono giá da subito disponibili e permetterebbero un risparmio sugli investimenti enorme rispetto ad emissioni aggiuntive davvero accettabili (che poi ripeto, tutto da verificare sullo smaltimento delle batterie). Oltretutto i costi di gestione cosí a favore dell'elettrico io non li vedo, un piccolo diesel anche turbo e ben cavallato non costa un esagerazione in termini di cura e manutenzione.

italba

Le navi cargo non sono catalizzate perché viaggiano in mezzo al mare, spesso a centinaia di km dall'essere umano più vicino, mentre auto e camion passano sotto il tuo naso ogni minuto.

Le auto elettriche sono potenzialmente, per molti aspetti anche attualmente, molto migliori di quelle tradizionali: Più efficienti, meno rumorose, più affidabili, più longeve e, una volta arrivate alla grande serie, saranno anche più economiche, visto che sono molto più semplici.
Un motore elettrico è composto da poche decine di pezzi, si assembla molto più facilmente di un motore termico senza bisogno di lavorazioni speciali, non ha bisogno di lubrificante né di frizione, la trasmissione si riduce ad un semplice riduttore, le sue necessità di raffreddamento sono molto ridotte, nessun inquinamento quindi niente impianto di scarico, marmitta catalitica, fap, sonde e centraline varie, ha una coppia molto superiore a quella dei motori termici e può anche recuperare l'energia in frenata.
Che motivo c'è di continuare ad usare il motore termico? L'unico limite attuale sono le batterie, ma stanno costruendo fabbriche dappertutto ed i prezzi sono destinati a scendere, dai 1000 $ per kWh del 2010 siamo oggi a meno di 200, e si prevede di arrivare a 100 tra un paio d'anni

Chiedo_schiuma!

V40 elettrica a 35k la compro domani!

sil

*volevo scrivere 22-40% ma non riesco più a modificate il commento

sil

Intendevo dire che bisogna appunto comparare le due filiere di produzione (cosa che non è semplice, quindi concedimi il beneficio del dubbio) interessante l'articolo che hai citato, che avevo trovato un attimo prima di risponderti al precedente messaggio. Comunque la questione è ulteriormente complessa perché c'è da considerare quanto davvero incida l'inquinamento del parco auto sull'intero inquinamento globale (navi cargo ancora non catalizzate COFF COFF). Seppure fosse confermato quel 20% di risparmio rispetto le auto diesel bisognerebbe riflettere se davvero vale la pena di stravolgere il settore automobilistico visto che (almeno a quante ne so io) non è di certo il parco auto la fonte di maggior inquinamento al livello globale. Oltretutto quel 20% rispetto al diesel è considerato in urbano, quindi è ragionevole pensare che in un ciclo misto si abbassi ulteriormente, ancor piú in extra urbano dove il diesel notoriamente dá l'efficienza migliore.
Sono solo considerazioni eh, nessuna veritá assoluta da parte mia.

italba

E la filiera dell'alluminio per costruire i motori endotermici e le trasmissioni?
La filiera dell'acciaio per costruire gli ingranaggi, l'albero motore, lo scarico, e tutti gli altri particolari interni?
La filiera dei metalli speciali per i turbo, le sedi valvola, quella dei metalli preziosi che vanno nella marmitta catalitica?
Cos'è, per le batterie si conta tutto mentre per i motori tradizionali non si conta niente?
E "non c'è solo quello da valutare" cosa vuol dire? Scrivi cos'altro ci sarebbe da valutare!
Qui c'è un articolo in proposito con i link agli studi compiuti da RSE, l'agenzia italiana per la ricerca energetica: https://www.qualenergia.it/articoli/inquinamento-auto-elettrica-vs-diesel-un-dossier-per-chiarire/

sil

I dati non posso certo sciorinarteli qui, ti invito solo a notare che le solite comparazioni in cui si indica l'auto elettrica come in definitiva meno inquinante tengono conto delle sole emissioni prodotte dall'auto ed al massimo dell'inquinamento prodotto dalle batterie ma nessuna prende in considerazione l'intera filiera dietro. Il rendimento del motore endotermico è di sicuro molto più basso ma non c'è solo quello da valutare.

italba

"Inquinano di più", certo... Fonti? Chi te l'ha detta questa str...upidaggine, la portinaia o la sora Pina del banco del pesce al mercato rionale? Ci vogliono prove per affermare qualcosa, non chiacchiere da avvinazzato. A proposito, se l'energia delle auto elettriche viene in parte dai combustibili fossili (quasi esclusivamente metano), quella delle auto tradizionali viene TUTTA dai combustibili fossili (petrolio), ed il rendimento è di gran lunga inferiore!

italba

Quindi il CEO della Pfizer avrebbe venduto le azioni perché sa di aver fabbricato qualcosa che non fa quanto promesso, rischiando la galera, oppure perché le azioni raggiungono il massimo subito dopo l'annuncio di un successo? Se domani la Fiat inventerà un'auto che va ad acqua le sue azioni andranno al massimo, perché tutti le vorranno comprare, poi quando l'auto ad acqua la dovrà fabbricare cominceranno a scendere, succede sempre così.

Si sa benissimo, dai tempi di Pasteur, come funzionano i vaccini, ci vuole un certo tempo perché il sistema immunitario produca gli anticorpi necessari, e dopo un certo tempo il sistema immunitario si dimentica e sarà necessario un richiamo.

Quanto tempo non lo si può sapere a priori, servirebbe un completo modello matematico del sistema immunitario per calcolarlo. Chissà, visto che sei laureato in informatica potresti pensarci tu, no?

Questo vorrebbe forse dire che non vale la pena vaccinarsi? Se non si arriva alla certezza assoluta meglio non fare niente?

Ti ricordo che non hai la certezza assoluta di un bel niente, la tua auto potrebbe fermarsi domani stesso ed il tuo telefono smettere di funzionare improvvisamente, per moltissime ragioni: L'unica certezza possibile è puramente statistica,io mi fido di andare in auto perché so che gli eventi avversi sono abbastanza improbabili, e comunque restare a piedi sarebbe peggio

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Salto il resto perche' senno' ci metto troppo tempo a rispondere a cose inutili.
Veniamo al sodo.
Tu l'hai saputo vero (perche' ti informi) che il CEO di Pfizer il giorno dopo aver annunciato il primo vaccino mondiale ha venduto esattamente 5 milioni di dollari di azioni Pfizer a Wall Street?
Secondo te quale mai potra' essere il motivo?
E' scemo per caso?

sil

Non potevi fare un commento più stupido. Vae Victis ha ragione, le auto elettriche a conti fatti durante tutto il loro ciclo vitale inquinano più delle elettriche, c'è solo un sistema che le favorisce in modo abominevole. Le batterie inquinano e la corrente non viene prodotta dalla magia nera ma da combustibili fossili e centrali nucleari per lo piú.

italba

Certo, la Pfizer ha detto che hanno fatto sì un vaccino, ma non hanno idea se funzionerà o no, ed hanno passato dieci mesi a girarsi i pollici invece di fare tutte le prove possibili ed immaginabili, vero? Testuali parole, scommetto che te l'ha detto tuo cuggino! In un sistema complesso, dovresti saperlo viste tutte le competenze che vanti (tanto su internet non controlla nessuno), nessuno può sapere tutto, se non a grandi linee. Se tu guardi un filmato, oppure cento fa lo stesso, di Jerry che apre un telefono vedi tanti bei pezzettini colorati ma cosa ci sia dentro quegli scatolotti non lo sai, ti devi fidare di quello che ti dice Qualcomm o i diversi fabbricanti, e spesso non te lo vogliono neanche dire. Stessa cosa per i vaccini, come siano fatti esattamente non lo sai, e neanche lo sapresti se tra le tue innumerevoli lauree ci fossero anche quella in biologia molecolare e virologia, visto che Pfizer e gli altri non hanno certo intenzione di raccontarlo, però puoi star sicuro di una cosa: Se Pfizer dichiara che il sui vaccino è efficace al 90, all'80 o al 70% e poi dai risultati epidemiologici viene fuori che non raggiunge quanto promesso allora Pfizer ha chiuso, ed i suoi dirigenti saranno fortunati se non vanno in galera. Ti pare che qualcuno sano di mente rischierebbe di mandare a scatafascio un'impresa multimiliardaria così? Ma nemmeno a Paperopoli!

P.s. Chi crede di sapere è più scemotto di chi non sa niente

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Ehm...
Questo non l'ho detto io.
L'ha detto il dott.Crisanti e tanti altri dottori.
Anzi l'ha ammesso pure Pfizer.
Solo che non lo sapevi perche' appunto non ti informi.
E' la solita storia degli italiani.
Ed io so cosa ci sta dentro un telefono in quanto seguo un certo Jerry che li apre come delle cozze.
E gli aerei volano per il principio di Bernoulli.
Io non sono il classico scemotto che incontri sui social network.
Pero' posso capirti.
Dal nick sembriamo tutti precisi.

Rendiamociconto

veramente la diminuzione della cos2 è programmata e ha una scadenza ben prima dei massimi 20 anni ....forse non è chiaro che la situazione è critica e non è in gioco solo mercato, prodotto migliore etc etc
La riduzione della c02 sul trasporto privato deve essere ridotta volenti e nolenti, pronti o non pronti. E su questo infatti che prima come governi dai indicazioni coerenti e una programmazione prima il mercato si indirizza e metabolizza

Rendiamociconto

mica ti sta dicendo che la devi comprare ora, ti sta dicendo che quando non si potranno più comprare quelle termiche , quello che spendevi per le termo spenderai per l'elettrico...quindi non hai bisogno di incentivi, come te la saresti presta termica te la prenderai elettrica se vorrai un'auto

Rendiamociconto

vedremo cosa succederà in euorpa e nel mondo, sempre più governi stanno prendendo posizione per un intervento e non per lasciare ai tempi biblici del mercato un problema che orami l'ecosistema uomo deve affrontare e pure velocemente

italba

Non ne sai niente tu che non sei uno specialista del settore, come non sai cosa ci sia dentro il tuo telefono o come faccia a volare un aereo. Eppure il telefono continui ad usarlo e l'aereo continui a prenderlo, giusto? Oppure se trovassi qualche scombinato su internet che strilla "il telefonino fa venire il KANKROH!!!111!!!" smetti di usarlo?

Masashi Obata

Risposto prima, e ripeto bene la creazione di infrastrutture e sono d'accordo, sullo stop non sono d'accordo e insisto sui colli di bottiglia odierni che, se superati, non si necessiterebbe di divieti governativi, perché parlerebbe il mercato

compratevi la station, mica quelle vasche da bagno con le ruote

pagame la differenza, visto che quelle elettriche costano il doppio se si vuole una buona autonomia e non quella di un monopattino

Masashi Obata

Sono parzialmente d'accordo con lui, anche perché se tu pensi che io sia fan del brum brum sei fuori strada e sono fan delle città sostenibili, in cui l'uso delle auto sia limitatissimo, indipendentemente dalla motorizzazione e sono favorevole ai mezzi pubblici e all'uso delle biciclette. Se il mercato non da ragione all'elettrico da ragione a me, perché se la tecnologia è matura non serve forzare la mano in quanto il consumatore va dritto sul prodotto migliore o presunto tale, tu chiudi il termico nel momento in cui vi saranno le condizioni, siano esse tra 5,10 o 20 anni. E drogare il mercato non serve e li si che gli do ragione, come non sono mai stato d'accordo a questo tipo di incentivi. In sintesi: creazione di infrastrutture si può anche programmare, ma il progresso tecnologico e i colli di bottiglia decisamente no.

Tizio

Dillo alla Valle d'Aosta.

Sono pieni zeppi di colonnine, rispetto alle altre regioni italiane.

Inoltre, dal 2015 è presente anche Tesla con i super charger.

Rendiamociconto

quindi sei d'accordo con lui.
Sulla parte invece in cui chiede maggiore chiarezza dai governi europei tu pensi invece che non serva perchè sarà il mercato a offrire chiarezza e deve farlo solo il mercato e non i governi.

Nota soltanto che diversi governi europei già la pensano diversamente da te, non sta al mercato decidere...perchè non c'è tempo. Ad oggi vi sono governi che hanno fatto chiarezza e governi che blissano nascondendosi dietro il mercato...io penso che visto che l'europa dovrebbe avere un planning comune altrimenti nella confusione e nelle centinaia di regole diverse gli unici a rimetterci saranno i consumatori.

Rendiamociconto

e sull'esempio forzato, quanti adesso comprerebbero un tubo catodico se fosse disponibile al posto di uno schermo piatto?
Non vedo il problema, l'obiettivo non è accontentare produttori o clienti, l'obiettivo è ridurre le emissioni di co2.
L'effetto psicologico sulle masse è necessario per l'obiettivo , e non lo si sta invocando ora, si sta preparando ora per attuarlo quando sarà possibile .
Non capisco il problema: non se ne deve parlare? Le masse non vanno preparate ad un prossimo futuro? Bisogna farlo all'improvviso dall'oggi al domani? Non bisogna fare cambiamenti? Bisogna ignorare la riduzione della co2?

Quello che fiuta lui è irrilevante , l'articolo è su un'altra cosa.
Riassumo perchè forse ce lo si è dimenticato .

Alcuni governi europeri hanno progettato una timeline per lo stop all'endotermico, altri no ancora chiaramente.
Lui dice che una maggiore chiarezza sugli intenti sarebbe più utile di lanciare incentivi a pioggia per pochi e solo per chi se lo può permettere.Sarebbe più utile risolvere i problemi infrastrutturali con quei soldi in maniera da essere più utili a tutti (visto che prima o poi tutti i governi europei hanno intenzione di convergere sull'elettrico per ridurre la co2) e per le case automobilistiche invece sarebbe più utile proporre molti più modelli a prezzi più bassi invece di ricevere incentivi per 4 modelli.

Cosa c'entra cosa lui ha fiutato? Il discorso è al posto di spendere i soldi di tutti i cittadini per incentivi per pochi di essi e pochi modelli, che si spendano per migliorare l'infrastruttura per tutti i cittadini e che i produttori dovrebbero pensare ad offrire una buona offerta piuttosto che accontentarsi di aiuti di stato.
Mi piacerebbe rimanere in topic dell'articolo

Rendiamociconto

no sicuramente, visto che si chiedeva l'elettrico gratis non vedo perchè allora non chiedere l'endo pure a gratis, no?

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Forse non hai capito cosa volevo dire.
Che non si sa quasi niente di questi vaccini (tutti e 11)
Non si sa quanto durano, non si sa se proteggono gli altri dall'infezione, non si sa niente.
Quello che dici e' vero. Basta il 70% solitamente.
A parte che uno sveglio come te sapra' benissimo che in italia non si raggiungera' mai l'immunita' di gregge. Vero?
Se essere obbligatorio stimo un 45% di italiani che si vaccineranno e quindi non servira' ad una cipppa :D
Purtroppo io non sun furbacchiotto come credi.
Perche' allora lo sarebbe pure il prof.Crisanti che credo ne sappia un pelo piu' dite :)

italba

Guarda che ce ne sono diversi di vaccini che stanno mettendo a punto, ognuno con le sue specifiche, e che i giornalisti non sono il vangelo. Bisogna capire quello che si legge, se il vaccino fosse anche solo efficace al 70% vorrebbe dire che le possibilità di diffusione del virus si ridurrebbero moltissimo, uno in cui il vaccino non ha fatto effetto (o un furbacchiotto che non vuole vaccinarsi come te) dovrebbe incontrarne un altro nelle sue stesse condizioni, una probabilità molto più bassa. Però, se alla fine ad infettarsi fossero solo i furbacchiotti come te mi verrebbe quasi da dire "forza virus"

italba

Sì, io lo so, ma tu no: Molto meno di quanto serva per fare l'alluminio o l'acciaio, e poi di litio, neanche questo sai, nelle batterie al litio ce n'è si e no il 5%. Le "soluzioni vegetali" secondo te non inquinano? Ma davvero credi che per far crescere milioni e milioni di tonnellate di vegetali basti fare un buco per terra e buttarci un seme? Oltretutto i vegetali hanno un rendimento bassissimo di conversione dell'energia solare in carburante, nell'ordine dello zero virgola, e hanno bisogno di tantissimo suolo e tantissima acqua

axoduss

E ha bisogno di una legge per farlo? Caro AD hai il potere di interrompere la commercializzazione delle tue volvo endotermiche.

Unit-01

https://uploads.disquscdn.c...

Unit-01

Si sul divieto assoluto sono d'accordo ,il passaggio deve essere graduale,ovviamente, e quando la tecnologia è matura.

Max

Hai presente cosa server per estrarre il litio? sia di energia, di impatto sul territorio ecc? non è sta cosa cosi ecologica che volete far credere. il termico potrebbe andare anche con soluzioni vegetali, magari fatte in serra e geneticamente studiate. ma no, mettiamo le batterie al litio, aumentiamo a dismisura il fabisogno di corrente, dai dai che è proprio come dite voi.

italba

Le batterie generano normalmente calore durante il loro funzionamento, non ci vuole la NASA per tenerle alla temperatura giusta quando fa freddo. Quanto poi alle "colonnine brutte" lascia stare, arrampicarsi sui vetri non è un bello sport...

zabel3

ma perchè per salvare il pianeta invece di fare fuori la mia ford fiesta non facciamo fuori bolsonaro e radiamo al suolo casa sua e tutta la dinastia?

uncletoma

tasse sugli inquinanti? tipo il bollo auto?

luca bandini

peccato che in montagna il cavallo (più l'asino-mulo a ben vedere) è stato più affidabile della auto per molto tempo per mancanza di infrastrutture.
parlando nel presente poi voglio vedere con i tempi di ricarica biblici paragonati ad una qualsiasi auto endotermica stare chiuso in auto (magari al freddo per velocizzare la ricarica) in attesa che si carichi.

un altro problema riguarda la scarica della batteria al freddo. la parcheggi la sera e al mattino perdi il 5% di autonomia senza muoverti.

mi piacerebbe poi sapere come si comportano sulla neve perchè ci sono video delle elettriche integrali che vanno benone ma molte elettriche sono a trazione solo posteriore e come vanno? una id3 come si comporta rispetto ad una golf a trazione anteriore?

non dico cche sia il male assoluto, anzi, ma la transizione richiede tempo come lo richiese 100 anni fa il passaggio dal cavallo all'auto per sviluppare tutta l'infrastruttura in ogni zona ed affinare la tecnologia. quello che contesto è il voler forzare il passaggio a suon di divieti ed incetivi.

italba

Saranno ecologici esattamente come i motori, trasmissioni, serbatoi, scarichi e ammennicoli vari dei mezzi attuali, se non meglio. Si aggiunge una cosa da riciclare (per le batterie al litio si fa tranquillamente anche oggi) e se ne tolgono dieci, ma sempre la stessa balla delle "batterie che inquinano" dovete ripetere?

Max

si si dimmelo in faccia

Unit-01

Basta leggere un tuo commento a caso.

Unit-01

Un tempo ci fu uno che disse che il suo cavallo affidabile per i lunghi tragitti rispetto a un'automobile. Fortunatamente nessuno gli ha dato retta. Questo per dire che si ,ora magari le basse temperature potrebbero essere un problema ,ma la tecnologia va avanti e diventa man mano sempre più efficiente e affidabile.

Unit-01

Si anche a te. Dal pianeta, però.

Max

voglio vedere quei bei pacchi di batterie di questi camion quanto sono ecologici! non diciamo castronerie.

Max

ti dovrebbero bannare.

Max

ma saranno pure affari nostri se voglio elettrico o endo?

luca bandini

in montanga si usa l'idroelettrico semmai ma il problema sono le auto. in montagna le temperature sono spesso fuori dal range ottimale di funzionamento di una batteria che spreca energia per stare in temperatura riducendo l'efficenza. poi anche in montagna dobbiamo riempirci di colonnine che sono oggettivamente brutte e ne servono a bizzeffe? anche i distributori lo solo ma almeno sono pochi.

Masashi Obata

Lui fiuta la possibilità di guadagnare una fetta di mercato più ampia di quella che ha allo stato attuale, se anticipasse la concorrenza e spingesse verso la transizione con uno stop, perché Tesla corre e gli altri arrancano ma Volvo sta messa meno peggio di molti altri. Inoltre uno stop imporrebbe un effetto psicologico sulla massa, in quanto saresti influenzato a cambiare anche se la tua auto va ancora bene ed è relativamente nuova, della serie quanti sono passati dalla TV a tubo catodico ai moderni schermi piatti prima che si rompessero i primi, a tutto "vantaggio dell'ambiente"?

Account Anniversario

Fandonie, non si mai letta una cosa più stupida di questa.

Auto

Auto elettriche e app di ricarica colonnine pubbliche: guida per principianti | Video

Curiosità

Apple Car, una storia infinita: cosa sappiamo finora | VIDEO

Motorsport

Formula 1: chi è Mick Schumacher? Storia e carriera del pilota Haas.

Auto

Audi Q5: solo mild-hybrid. Prova 40 TDI da 204 CV ibrida diesel con luci OLED | Video