Volkswagen ID.4, parte la produzione negli Stati Uniti del SUV elettrico

27 Luglio 2022 26

Volkswagen compie un ulteriore passo avanti della sua strategia di elettrificazione e di crescita sul mercato americano dando il via alla produzione del suo SUV elettrico Volkswagen ID.4 all'interno dell'impianto di Chattanooga, nel Tennessee. Si tratta del primo modello a batteria del marchio tedesco ad essere assemblato negli Stati Uniti.

Entro la fine dell'anno, la casa automobilistica conta di arrivare a produrre 7.000 ID.4 al mese presso questo stabilimento (nel 2023 si punta ad aumentare ancora la produzione). Per consentire la costruzione di veicoli a batteria presso l'impianto americano, Volkswagen, per il suo adeguamento, ha investito circa 800 milioni di dollari. La fabbrica nel Tennessee è ora il sesto sito per la produzione della gamma elettrica di Volkswagen.


Inizialmente, sarà costruita la variante del SUV elettrico con batteria da 82 kWh (77 kWh utilizzabili) che sarà proposta con la trazione integrale o quella posteriore. Più avanti sarà prodotta anche una versione con accumulatore da 62 kWh (58 kWh utilizzabili). Per soddisfare la domanda di veicoli elettrici, Volkswagen arriverà ad assumere 1.000 nuovi dipendenti che lavoreranno in questa fabbrica. Per prepararsi alla costruzione dei veicoli elettrici, lo stabilimento americano ha organizzato oltre 75.000 ore di formazione per i dipendenti sui veicoli alimentati a batteria e sui sistemi ad alta tensione.

Grazie all'inizio della produzione del SUV elettrico ID.4 nell'impianto di Chattanooga, il marchio tedesco potrà espandere la sua presenza nel mercato americano. Fino ad ora, infatti, l'ID.4 veniva importato. Adesso, il costruttore potrà accontentare più rapidamente le richieste dei clienti, arrivando a consegnare più rapidamente i suoi SUV elettrici.


In futuro, questo sito sarà ancora più importante per la strategia di elettrificazione. Per il mercato americano, per esempio, qui sarà prodotto il nuovo ID. Buzz. Volkswagen punta a fare in modo che i veicoli 100% elettrici rappresentino il 55% delle vendite negli Stati Uniti entro il 2030.

VIDEO


26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Signor Rossi

Per quello che riguarda i proprietari Tesla che si vanno a schiantare addosso a qualcuno altro gli americani sono i primi in classifica, qui in Europa incidenti di questo genere sono piuttosto rari ... per tutto il resto hai ragione te.

Paolo Giulio

Il concetto che poi mi preme sottolineare è che questi "sistemi" non sono certificati da alcun ente superiore, utilizzano algoritmi NON NOTI (ed EVIDENTEMENTE "imperfetti" e PERICOLOSI come quelli di Tesla)...

Qui non si parla di un "accessorio" tecnico come l'ABS (che poi è un quasi monopolio Bosh), ma di un INSIEME di sistemi integrati che hanno il pieno/parziale controllo dell'auto.

PERSONALMENTE ho l'impressione che ci sia spinti un po' più in là tra DESIDERI ed effettive possibilità.

Cpt. Obvious

A dire il vero, la colpa in quel caso, più che del cruise, è del solito ganassa che sorpassa a cane e poi si infila tra due auto solo perché interpreta "distanza di sicurezza" come "spazio dove infilarsi".
Il povero cruise in quei casi fa quello per cui è programmato, ovvero mantenere la distanza di sicurezza.
Certo, è un esempio in più in cui l'auto fa da se in maniera poco prevedibile, in quanto legato al comportamento di terzi.

Sir Lipton Icetea

non ne sono tanto convinto..

Sir Lipton Icetea

concordo

Sir Lipton Icetea

per me già è troppo "interventista" il cruise adattivo che ogni volta che un auto si frappone tra te e quella davanti tira certe frenate al limite dell'inchiodata....

Cpt. Obvious

Ah, ma infatti mi sono ben guardato da avere auto con ADAS.
Non tanto perché non intervengono quando dovrebbero (non ci faccio affidamento), ma per il timore CHE INTERVENGANO quando non devono.
Un'auto che, improvvisamente e senza possibilità di controllo, può agire di sua spontanea volontà mettendoti a rischio, ma lasciando al conducente la piena responsabilità (sia legale che economica ed assicurativa) non la voglio nemmeno regalata.

Signor Rossi

Sinceramente trovo la decisione di Tesla di rinunciare al radar incomprensibile, ma a parte questo tutto i sistemi ADAS risultano essere inaffidabili. Come detto ci sono un sacco di test svolti a bassissime velocità, intorno ai 30 km/h in pieno giorno con vetture di diversi marchi ed il manichino utilizzato non ha sopravvissuto. E di notte poi non c’è proprio storia, con e senza radar ...

Come il test AEB car to car che si svolge a circa 60 km/h orari, questo per il semplice motivo che nessuna vettura attualmente è capace di riconoscere un ostacolo e frenare in tempo a velocità superiori. Questo le case automobilistiche e gli organi di controllo lo dovrebbero dichiarare in modo chiaro ed evidente.

Cpt. Obvious

come ben sappiamo tutti gli attuali sistemi ADAS hanno le loro difficoltà appena fa buio.


Vero, ma decidere di abbandonare radar e lidar per basarsi solo su telecamere non aiuta di certo in tal senso.

ACTARUS
Signor Rossi

E per nostra fortuna si trovano praticamente tutti negli USA ...

Signor Rossi

Io sarei per proibirli tutti ... o si fa come la Mercedes ed il livello 3, attivi solo fino a 60 km/h ... non per niente, visto che se succede qualcosa la colpa è del costruttore. Ma se uno utilizza il sistema standard e va a sbattere o peggio con la Classe-S, la colpa è tutta del guidatore.

La NHTSA ha già seguito diversi test notturni con un sacco di vetture a 30 km’h, ebbene quasi sempre il manichino ce rimasto.

Massimo Disarò

Bhe la strumentazione a mio parere sembra il festival del lag.

Signor Rossi
Paolo Giulio

Sono d'accordissimo...

Questi sistemi non si capisce chi li certifichi, chi si prenda la RESPONSABILITA' in caso di incidente, etc... e si parla di livello 3, 4 etc... FOLLIA TOTALE...

Troppi film di fantascienza... troppa "fiducia" nell'elettronica e , PURTROPPO, in umani che non sanno spesso usarla...

Signor Rossi

Chissenefrega come si chiama questo sistema ADAS ... spero che li mettano tutti in galera fino alla fine dei tempi questi d3ficienti che sono responsabili per la morte di una persona, incluso tutti quelli che in Italia per via del loro comportamento criminale hanno causato 2’875 morti.

Non c’è da fidarsi dei attuali sistemi ADAS, non importa di quale azienda, come provato in vari test ... praticamente tutti questi non sono capaci d’evitare un pedone a velocità superiori ai 30 km/h.

Paolo Giulio

Aprire il link o semplicemente LEGGERE (e capire...) quanto quotato?
DIFFICILE???

Quello del motociclista è solo l'ULTIMO dei casi citati... c'è un pdf in allegato all'articolo con TUTTI i circa 40 CASI al 24 luglio 2022 !!! NON ROBA DEL 2018 (cito) ...

LEGGETEEEE, ziocane, LEGGETEEEE... (e cercate di CAPIRE.. ma lì è già più difficile, me ne rendo conto... ahimè!)

Signor Rossi
ACTARUS

Solo un rincoglionito può farsi trasportare da un Autopirlot

Maury "Kinder"

Hai detto bene...purtroppo la gente pensa che AUTOPILOT significhi che la macchina faccia da sola...d'altronde comunque gli enti controllano che la macchina non abbia difetti strutturali o di progettazione e per questo di pericolo. A oggi non sò quali enti facciano controlli sulla guida autonoma o di automazione, e comunque non è che se la mia o tua macchina non sterza da sola un istituzione faccia qualcosa. Purtroppo la gente pensa a Tesla come la macchina "Kit" del famoso telefilm Supercar, io non entro in merito ma sicuramente se l'intelligenza non è diventata senziente un motivo ci sarà...

Paolo Giulio

Che non si debba chiamare "autopilot" per EVIDENTI problematiche di percezione da parte della clientela, lo sostengo DA SEMPRE...

Detto ciò, cmq non si può ignorare che il sistema abbia PESANTI bug: dai coni, alle difficoltà al buio, etc..

Capisco tutto (compresa la fan base TOSSICA che ha Tesla), ma non si possono chiudere gli occhi su questa ENORME massa di eventi infausti...

Gli enti americani "vigilano" e indagano, ma ho timore che si facciano anche pressioni politiche per EVITARE che il "vanto americano" possa essere messo in crisi da un richiamo più che dovuto.

Maury "Kinder"

Dicono che molti incidenti sono causati dal livello di guida autonoma 2....non dalla full self driving. Non sono esperto ma da quello che ho capito il livello 2 corrisponde a quello che hanno molte macchine recenti e comunque Tesla si para il sedere perchè dice che questo tipo di autonomia non dà nessun diritto ad abbandonare completamente il volante (ad esempio in modalità ACC) che comunque giustamente si farebbe con qualsiasi altra auto.

Paolo Giulio

Ma dove sono gli articoli sulla Tesla che con il suo "autopilot" continua ad ammazzare gente???

https://www.theverge.com/2022/7/27/23280461/tesla-autopilot-crash-motorcyclist-fatal-utah-nhtsa

As of July 26th, there are 48 crashes on the agency’s SCI list, 39 of which involved Tesla vehicles. Nineteen people, including drivers, passengers, pedestrians, other drivers, and motorcyclists, were killed in those Tesla crashes.

E non solo

Beyond the SCI program, NHTSA is also currently looking into 16 crashes in which Tesla owners using Autopilot crashed into stationary emergency vehicles, resulting in 15 injuries and one fatality. Most of these incidents took place after dark, with the software ignoring scene control measures including warning lights, flares, cones, and an illuminated arrow board.

Si vuole fare qualcosa o continuiamo a contare i cadaveri e i feriti a fine giornata?

Signor Rossi

Non credo che le ore di formazione siano individuali, qui definitivamente c’è qualcosa che non va … come le vendite della ID4 nei USA : 4’366 consegne nei primi sei mesi dell’anno.

Cpt. Obvious

75000 ore uomo.
Che a 10 ore al giorno potrebbe essere un anno per 20 dipendenti, 6 mesi per 40, etc...

Big G

Oltre 75.000 ore di formazione? Ma stiamo scherzando? A 10 ore al giorno sono 7500 giorni che corrispondono a 20 anni e mezzo.

HDBlog.it

Samsung con gli S23 chiude il cerchio, caos Netflix sulle password | HDrewind 5

HDBlog.it

Libero e Virgilio giorni di fuoco, davvero gli S23 non sono già ufficiali? | HDrewind (4)

Auto

Citroen C5 Aircross Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi e comfort

Auto

Cupra Born eBoost 231 CV: è lei l'elettrica più bella del reame VAG? Prova e video