Ride sharing, in California si è arrivati vicinissimi allo stop

21 Agosto 2020 25

La situazione per i servizi di ride sharing si sta facendo complicata in California. Nel corso della giornata di ieri, sia Lyft sia Uber hanno annunciato che avrebbero sospeso il loro servizio in tutto il Paese, come avevano minacciato di fare giorni fa, dopo che il tribunale aveva deciso che gli autisti sono a tutti gli effetti dei dipendenti, e non dei lavoratori autonomi.

Il blocco sarebbe dovuto scattare alla mezzanotte di ieri, ma in realtà tutto ha continuato a funzionare regolarmente: all'ultimo minuto è stata accolta la richiesta delle piattaforme di prorogare l'entrata in vigore della sentenza fino alla fine del processo di appello, che si dovrebbe tenere verso ottobre. A settembre le aziende sono tuttavia obbligate a presentare un piano per portare effettivamente a compimento l'ordine della corte, in caso anche l'appello vada male.

Il ragionamento dei legislatori è che continuando a essere trattati come collaboratori indipendenti i driver di Uber, Lyft e tutti gli altri servizi analoghi hanno meno sicurezza e meno stabilità - niente mutua, niente ferie, niente tutele sul compenso minimo, niente ammortizzatori sociali in caso di perdita del posto di lavoro. Tuttavia, le aziende controbattono che una soluzione per tutelare gli autisti si è trovata indipendentemente, e che nemmeno gli autisti stessi vogliono essere inquadrati come dipendenti - si cita addirittura l'80% di contrari.

La questione, comunque, è molto delicata. Si stima che nella sola California ci sia 1 milione di persone che guadagnano con Uber, Lyft e affini. Se non ci fosse stata la proroga e tutti avessero deciso di abbandonare lo stato americano, sarebbe 1 milione di persone senza lavoro.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da Phonemaxi a 396 euro oppure da Unieuro a 479 euro.

25

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex Neko

Come quelli che protestano per chi porta cibo a domicilio.
Di solito chi protesta non lavora e tantomeno non lavora in quel settore.

piu' o meno è lo stesso.

Questi sono lavori di ripiego e quindi a molti va bene farli saltuariamente nel tempo libero o per arrotondare o per studenti per una piccola entrata.

Se per avere una piazza da 5 euro ne paghi altri 5 per il servizio lo farebbero molta meno gente e si ridurrebbe la richiesta e lavorerebbero solo il 10 percento degli attuali

Molti non vorrebbero avere un lavoro full time ma solo per poche ore a settimana

Faccio un altro esempio:

Taxisti:
In Italia non accettano uber perchè i taxisti non vogliono concorrenza
inoltre i taxisti non vogliono essere dipendenti.

In Giappone sono tutti dipendenti di società di taxi e nessuno si lamenta se uber c'e'
In Italia i taxisti vogliono il monopolio non essere dipendenti e spesso non dichiarare nulla
(forse ora con il covid preferirebbero essere dipendenti non licenziabili)

Un autista di uber e come un libero professionista, se guida guadagna. non si viene licenziati, semmai radiati se combina guai ai clienti.
non si puo' nemmeno dare una paga oraria fissa, altrimenti, uno spegne il cellulare per 10 ore e intascherebbe lo stesso 150 dollari senza dover nemmeno pagare il carburante

boosook

Se Uber non sarà più autorizzata a fare quello, non lo sarà nessun altra società... Se veramente non c'è convenienza economica ad assumere per Uber che è leader del mercato, non ci sarà neanche per qualsiasi altra società che inizia adesso, se c'è comunque convenienza economica allora troveranno un accordo e tutto finirà a tarallucci e vino (come penso).

Alex

Osama intendevi

GTX88

Intendevo una società che sostituisce Uber nello stesso campo

boosook

Certo, perché, secondo te Uber lasciava la California? Chiaramente stanno bluffando.

boosook

Da quando ho scoperto che il tassametro non è una ricevuta fiscale o comunque qualcosa che comunica i compensi a qualcuno e che i loro compensi sono sostanzialmente non tracciati non avrò più pietà di loro. Anche perché nessuno mi ha mai fatto una ricevuta nella vita, quindi è chiaro che loro dichiarano quanto gli pare. È una cosa indegna.

boosook

Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama Obama

boosook

Sì certo, se quello che sai fare è solo guidare un'auto non è proprio così.

Marco Revello

Che provino a mettere la scritta toxi, poi vediamo se qualcuno che non sia tossico o analfabeta ci sale sopra. Siamo seri, il pizzo a uber serve a far arrivare i clienti.

Vae Victis

Uber non ha nessuna licenza, quindi chiunque può mettersi in proprio e fare le stesse cose.

Marco Revello

Mi immagino che la licenza per taxi non sia alla portata di tutti.

Alex

Tutto perfetto fino alla parola Obama

Alex

Sfruttano come tutti i lavoratori. Vogliono prezzi bassi : ecco il risultato

Vae Victis

Oppure 1 milione di lavoratori che avrebbe messo la scritta Taxi sulla propria auto, divenendo un vero libero professionista, anziché un servo sottopagato di Uber.

Vae Victis

niente mutua, niente ferie, niente tutele sul compenso minimo, niente
ammortizzatori sociali in caso di perdita del posto di lavoro.

Gliene frega eccome.

Euforia

No Johnny caro. Agli autisti frega nulla del sindacato. Non sono in Italia.

Rick Deckard®

Si infatti. Però è difficile da qui giudicare un sistema economico-sociale molto diverso dal nostro..
Anche qui i tassisti sono tutti a partita iva

QuelMattacchioneDiJohnMalkovic

forse un anno fà

QuelMattacchioneDiJohnMalkovic

a detta delle aziende

www.vr-italia.org

Certo, e l'ho spiegato, essendo la sanità basata sulle assicurazioni si sono trovati ad affrontare un problema ovvio: le persone non si assicurano se non sono obbligate, e questo non è socialmente accettabile neppure in un paese iper-liberale come gli Stati Uniti. Succederebbe così anche in Italia, forse io stesso sarei molto tentato di tenermi in tasca quel 20% di IRPEF che verso per la sanità. E non sarebbe giusto, per cui sono molto contento che lo Stato mi obblighi a farlo. Negli USA lo Stato obbliga non le persone, ma le imprese, in ogni caso neppure loro vogliono un numero di persone non assicurate fisiologicamente troppo alto, anche se sono disposti ad accettarne un numero superiore al nostro.

Il fatto che il Tribunale californiano sia intervenuto, senza che ci sia stata un'istanza da parte dei lavoratori, non fa che confermare quello che ho scritto.

Euforia

Ma che malsano giudice Usa vorrebbe sindacalizzare una azienda del genere, quando i lavoratori stessi sono contrari?

Euforia

Il fatto che siano contrari è rilevante eccome.
Non hai idea di come funziona lì

GTX88

Stiamo parlando della california mica del burundi senza lavoro massimo 1-2 settimane poi ci sarebbero già nuove aziende pronte ad assumerli

www.vr-italia.org

Il fatto che siano contrari gli stessi autisti è irrilevante, la gente di fronte ai soldi non pensa a salute e tutele. Se lasciassero la gente libera di non pagare assistenza sanitaria e pensione in cambio di uno stipendio più alto, tanti non lo farebbero, perché pensano ad oggi e non al domani. Negli USA quel po' di sanità che funziona si deve al fatto che i datori di lavoro sono obbligati a pagare un'assicurazione. I liberi professionisti non erano obbligati così tanti non avevano un'assicurazione sanitaria, e se non ricordo male dovette intervenire Obama con una riforma per mettere un po' a posto le cose. La gente quando è in salute pensa di essere immortale.

Fabio

Recensione Amazon Echo Auto: per portarsi Alexa anche in macchina

Recensione Monopattino elettrico Xiaomi (Mi Scooter): un vero mezzo di trasporto