Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Hyundai Kona Electric (2024): prova consumi d'inverno e ricarica rapida | Video

20 Gennaio 2024 367

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

La nuova Hyundai Kona Electric (2024) affronta il test dei consumi reali che, da quest'anno, cambia forma aggiungendo all'interno del percorso anche la sosta per la ricarica rapida, prima scorporata vista la minor diffusione delle colonnine DC.

L'arrivo di Free-to-X con le stazioni a 300 kW in autostrada (area di servizio Brianza Sud) è l'occasione perfetta per eseguire più test di ricarica a diverse condizioni all'interno del classico periodo di prova dell'auto, che varia solitamente tra i 10 e i 15 giorni.

TEST RICARICA RAPIDA (FREE-TO-X, 300 kW)

Partiamo proprio dalla ricarica rapida: le colonnine Free-to-X promettono un massimo teorico di 300 kW, cifra che poi va parametrata alle possibilità dell'auto perché, come sempre nelle elettriche, è l'auto che decide la sua curva di ricarica, ovvero quanto assorbire in ogni momento a seconda delle condizioni della batteria.

Notiamo subito che, tra i tre test effettuati, c'è una grande differenza tra i due eseguiti attivando il pre-riscaldamento della batteria, e il terzo svoltosi senza pre-climatizzazione attiva, a simulare un viaggio in cui non stiamo usando il navigatore di bordo, non abbiamo pianificato quella sosta e ci siamo fermati per altre esigenze ma vogliamo approfittare dello stop forzato (bagno, pranzo, snack, stanchezza) per ricaricare anche le batterie.

Sulla nuova Kona Electric è disponibile un tasto per attivare la pre-climatizzazione della batteria manualmente, ma occorrono alcuni passaggi all'interno del menu. In caso usiate il navigatore di bordo, invece, l'auto la attiverà automaticamente se è presente una sosta per la ricarica rapida nel percorso.

In alto trovate la ricarica senza pre-riscaldamento della batteria in una giornata particolarmente fredda (massime di 8 gradi, minime di 4 gradi durante il percorso).

Di seguito, invece, la curva di ricarica con pre-climatizzazione in una giornata altrettanto fredda, ma in una situazione in cui era stata pianificata la sosta tramite navigatore di bordo, cosa che ha permesso alla batteria di porsi nelle condizioni ideali per accettare una potenza maggiore. Non solo il picco è perfettamente in linea con quello massimo dichiarato dal produttore (100 kW), ma la curva cambia ed è molto più lineare dal 14 al 56%, mantenendo comunque un picco interessante (81 kW) fino al 64%.

CONSUMI REALI E AUTONOMIA

La prova è stata particolarmente sfidante perché Kona Electric 2024 si è trovata ad affrontare il pieno inverno con temperature sempre al di sotto degli 8°, fino a minime vicine allo zero. Durante l'intero periodo di test il consumo medio è stato di circa 20 kWh / 100 km.

I tre passaggi al "Brianzaring" hanno fatto segnare una media di 16,6 kWh / 100 km con temperature medie di 6°, segno che ci sono ottime speranze per fare bene durante il test a temperature più vicine a quelle degli altri veicoli provati in passato.

Per quanto riguarda il consumo in autostrada d'inverno, la media è sui 25/26 kWh / 100 km tenendo nel tratto interessato una velocità media di 130 km/h. In condizioni più realistiche, con il traffico le mie medie sono solitamente tra i 115 e i 120 km/h salvo quando viaggio su strade vuote in particolari orari/zone, un viaggio autostradale a 120 all'ora di media - d'inverno - si attesta intorno ai 23,5 kWh /100 km.

Viaggiando a 115 km/h di media si scende intorno ai 22,5 kWh / 100 km.

TEMPI E COSTI DI RICARICA (INVERNO)

Di seguito trovate autonomia e costi di ricarica calcolati non secondo i dati dichiarati dal produttore nel ciclo WLTP, ma tenendo in considerazione il consumo reale registrato nel nostro circuito di prova. Gli arrotondamenti sono per eccesso su tempi e costi.

  • Autonomia reale KONA ELECTRIC (2024) 65,4 kWh: 393 km (inverno)
  • Autonomia in autostrada (inverno): 260 km (media di 130 all'ora), 280 km (media di 120 all'ora), 290 km (media di 110 all'ora)
  • Quanto costa una ricarica della Kona Electric da 65,4 kWh: gratis (FV + BATT), oppure tra 16 e 25€
  • Quanto costano 100 km? gratis, oppure tra 4 e 6 €
  • Ricarica da casa (2,3 kW - 10A): 28 ore
  • Ricarica colonnina AC (11 kW, 16A): 6 ore e 25 minuti
  • Ricarica colonnina DC (100 kW max): 41 minuti
la chiave digitale su Hyundai Kona Electric si merita una menzione perché... c'è, ed è veramente una chiave completamente digitale!

NOTA IMPORTANTE: la tabella (qui) utilizza un prezzo fisso dell'energia così da poter confrontare le auto elettriche provate in diversi periodi. L'elenco puntato (qui sopra), invece, considera il prezzo aggiornato alla data di stesura di questa prova, utilizzando la miglior tariffa elettrica reperibile nel libero mercato.

Il livello massimo è invece calcolato con l'abbonamento A2A per i non clienti (la XL con prezzo unitario di 0,38 € al kWh). Ad ogni modo, trovate tutte le tariffe a consumo e in abbonamento in questo articolo. Se utilizzate solo tariffe a consumo, il costo aumenta notevolmente.

Quanto costa a voi una ricarica di Hyundai Kona Electric (2024) da 65,4 kWh? Per calcolare quanto spendete dovete recuperare il prezzo della vostra tariffa (si trova nella bolletta della luce) che è indicato come "euro al kWh". Questo dato va moltiplicato per i 65,4 kWh di capacità della batteria, al netto delle dispersioni che trascuriamo. Quanto vi costano 100 km con Kona Electric calcolati secondo il prezzo della vostra tariffa? Moltiplicate il consumo della prova d'inverno (16,6) per il prezzo medio del kWh in bolletta.

PREZZI E INCENTIVI

L'unica Kona Electric 2024 che rientra negli incentivi è la versione X-Line con la batteria da 48,4 kWh, comunque in grado di farsi qualche piccolo viaggio, ma non certo a tutto tondo come questa da 65,4 kWh che, con un listino di 49.900€, non accede allo schema dell'Ecobonus.

VIDEO


367

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Loris Lorenzi

Devono scalare di almeno 15.000€ da quel prezzo di listino, Ovvero non più di 34.000€

mttm
mttm
livio penta
pinoc

Almeno quello no. Semplicemente in Renault te lo buggano gratis o te lo lasciano tale e quale per sempre.

Frug

VW fanno pagare anche l'aggiornamento del software buggato: te lo dovrebbero sistemare gratis perché non funziona, ma lo fanno pagare, alla faccia degli aggiornamenti OTA, poi.

pinoc

Renault. Ma mi hanno detto che VW è allineata.

tulipanonero1990

Esatto, bisogna rieducare per forza. Non mi avrete mai.

Rick Deckard®

Lasciati dire che è un'interpretazione tutta tua del socialismo.
Esistono dei dati oggettivi del perché si stanno adottando delle politiche ambientali sempre più green e in realtà lo si sta facendo con molte difficoltà e lentezza...
Più il problema si amplia più le conseguenze (e le restrizioni) saranno drastiche...
Fino ad "ora" si è potuto fare di tutto e oggi ne paghiamo le conseguenze. Il tempo stringe e degli obiettivi chiari devono per forza essere inseguiti e raggiunti.
Se non agisci devi preventivare una serie di cambiamenti che hanno un costo sia economico che sociale e in vite umane enorme e forse ciò può mettere a rischio anche il livello di benessere di tutto il continente (per non dire il mondo).
Per forza chi la pensa diversamente deve essere educato od obbligato a seguire questa linea di adeguamento a un nuovo stile di vita...
Ben venga una tecnologia che ci salva da un ritorno drastico all'età della pietra..

MatitaNera

Le Dacia sono auto dignitose

Paul The Rock

Bella domanda... per me Hyundai qui ha sbagliato e di grosso le "misure" sul prezzo... Ok il grande passo avanti rispetto alla precedente per qualità interna, software e similari, ma alla fine la batteria è quella di prima più o meno ed adesso si scontra con Tesla ed altri modelli. L'estetica la lascio fuori perché è assolutamente personale ed anche la vecchia era comunque abbastanza particolare (ma vedo che il gruppo Hyundai/Kia ha scelto linee abbastanza futuristiche ultimamente per quasi tutti i modelli nuovi che presenta).

tulipanonero1990

Ha a che fare col socialismo una visione del mondo per la quale la popolazione che non la pensa come te vada “educata” e scolarizzata, che i problemi dei singoli vadano collettivizzati e che le limitazioni dei diritti e libertà degli individui siano un piccolo prezzo da pagare sull’altare della (inserire causa ideologiche del momento). Con le auto elettriche assistiamo nè più nè meno che alla retorica socialista in azione. Non risolve il problema dell’inquinamento, peggiora significativamente la qualità di vita delle classi “proletarie” le quali non possono più permettersi di muoversi con la stessa libertà di prima. E questo lo vediamo replicato in tantissimi altri casi, vedi politiche energetiche, produzione industriale (norme ambientali eccessivamente strette hanno portato ad appaltare inquinamento altrove e adesso il proletariato nostrano fa la fila ai CAF per prendere sussidi). Succede quando metti l’ideologia davanti la realtà. La retorica del pianeta al collasso è stata, per chi vede il mondo in un determinato modo, la chiave di volta per ritrovare rilevanza politica e portare avanti la propria agenda.

nicola

È la realtà. Aumenti del 30% e passa sui listini delle termiche non hanno alcun fondamento con i dati economici, inflazione compresa, degli ultimissimi anni.
Diminuire il Delta tra termico ed elettrico e/o finanziare gli investimenti di sviluppo e produzione dell'elettrico sono gli unici fattori che possono spiegarli.

lorenzo68

Stanno cavalcando le mode. Anche se non capisco dove sia il guadagno industriale. Sono tutte produzioni in perdita.

Rick Deckard®

È una visione molto limitata.
Mettere fuori legge una tecnologia dannosa non ha nulla a che fare con il socialismo. Non è diverso che proibire una droga o un farmaco rivelatosi pericoloso

TheAlabek

E mi trovi assolutamente d'accordo, il problema è quando viene distribuita come la panacea di tutti i mali

an-cic

Questa è la nuova bufala del momento? I costruttori hanno alzato i prezzi delle termiche per vendere le elettriche che però continuano a costare di più? Ma davvero si può credere a queste cose?

TheAlabek

Non ho problemi di idratazione, quindi direi che non mi serve fortuna, grazie per l'interessamento

Matteo De Giuseppe

Adesso no l'elettrica sarà il futuro per carità ma si tratta di una tecnologia ancora acerba. Qua non è essere pro o contro ma chiedersi se è giusto che la transazione da termico a elettrico debba essere imposta dall'alto anzi forzata dalla politica e non avvenuta perché l'auto elettrica è più conveniente e efficente. Ad oggi questo non è e la kona è un esempio però le case per vendere il veicolo elettrico e renderlo competitivo hanno alzato i prezzi delle termiche. Io per esempio non posso oggi comprare un'elettrica e neanche una termica quasi che non sia dacia o qualche piccola utilitaria che oggi costa quasi come una segmento c costava 4/5 anni fa'

damiano l
Luigi Melita

Non è vero, ti ho trovato. Sei qui sopra, esattamente tra me e me stesso!

nicola

E il bello è che per tentare di vendere queste elettriche han dovuto aumentare i listini delle termiche di un 30%. Doppia inculation.....
Con 50 sacchi in periodo pre-elettrico ti portavi a casa una berlina extra lusso....

deepdark

Ma infatti, c'è anche chi guida ubriaco e non gli è mai successo nulla. Ste raccomandazioni sul tasso alcolemico non le capisco proprio.

deepdark

Ah beh, buona fortuna allora. Io mi fermo ogni due ore per un caffè, una pausa per fare o far fare i bisogni e così via. Bevo 2 litri di acqua al giorno almeno.

deepdark

Non hanno adeguato il telaio (o almeno, fino a qualche tempo fa usavano quello delle auto termiche) e non mi meraviglierei che non lo hanno fatto per le sospensioni pur di risparmiare.

deepdark

Ma no, gli ingegneri hanno pensato pure a quello.

G M

Ma che bello, ora che si deve camminare a 30 km orari quasi ovunque per evitare di prendere non una ma decine di multe, che già non ce la facciamo a portare la cena a casa, io mi dovrei comp0erare una macchina che costa un fottio e non so quando si ripagherà. Si perché se ci mettiamo il carico del costo del petrolio 71 dollari a barile allora bisogna dire che siamo circondati da ladri mafiosi che artatamente alzano il costo dei carburanti per "obbligarti" (metodo mafioso) a cambiare auto, mettiamoci pure la truffa del bollo, meglio nota come tassa di proprietà (e meno male che non siamo in Cina), poi mettiamoci pure il carico della balla della concorrenza: sono tutti in Cina, tutti hanno quote societarie di tutti, tutti si sono scambiati pezzi pregiati Tesla Renault VW Porche Ford Fiat l'elenco non ha fine, vorrei sapere concorrenza a chi? È in atto una deindustrializzazione in Europa da spavento e ora arriva pure la carognata della finta IA per continuare a licenziare in allegria magri poi stupendosi di come questi pidocchiosi di europei non si possano permettere di comprare una auto da 30.000€, pure. Allora ditelo che volete portare la guerra pure qui, almeno dateci un carro leopard decente, non come quello dato agli ucraini buono solo per fare le parate.

MatitaNera

Tanti punti e io li unisco...

MatitaNera

Tanti punti e io li unisco...

acitre

Mi stupisco di te che pensi sia questa Kona (che non prenderei manco a 10k euro) il punto.

Concordo ..

mashiro84

Magari eviterei di prendere cerchi più grandi di 18".
17 sarebbe meglio.

mashiro84

Questa dovrebbe pesare 1700kg, il peso di un suv di segmento D.
Se hanno adeguato le sospensioni al peso, non c'è nessun problema.
Visto il prezzo, è possibile che lo abbiano fatto.

mashiro84

Anche solo farli aderire in parte al led orizzontale sarebbe sufficiente per renderla appetibile. Attaccati lì in basso sono inaccettabili esteticamente.

mashiro84

Hai perfettamente ragione ma vale anche il viceversa.
Per tanti le elettriche sono peggio delle termiche.
Per altrettanti le elettriche sono meglio delle termiche.

Non si può generalizzare in nessuno dei due casi.

mashiro84

Se una Model 3 è venduta a 42, una Kona con lo stesso pacco batterie e un allestimento paragonabile non deve superare i 35.
Mi pare l'unico modo di rendersi appetibile.

mashiro84

Questa però è brutta anche termica.
Questa auto è davvero abominevole esteticamente.

Salvatore Sgambato

Sono avanti anche nel prezzo

MatitaNera

Solo la parte "tempi e costi di ricarica" dovrebbe fare pensare... a... una giungla...

MatitaNera

Mi sono perso...

MatitaNera

974 in tutto il 2023

MatitaNera

Eh c'è pieno di furbi che non vedono l'ora di buttare 50mila euro in una Kona...

ilariovs

Se dalla Cina arrivano macchina da 4,7m con 280CV multilink in avatreno e retrotreno, portellone motorizzato, 600l di bagagliaio, 0-100 in 6s, 400Km di percorrenza reale, tetto in vetro, guida tipo 2, cambio automatico... a 42500€ che con i nuovi incentivi passano a 33500€... mi spiace ma ho paura che serviranno quelli come te per i 1.0 tre cilindri a 30.000€.

Io prenderò altro di certo.

Mia moglie ha detto "ma non ha la manopola delle frecce"... lo sò è scomodo ma guardando il resto ho paura che si dovrà fare di necessità virtù.

paki lodi

per l'ultima parte sono d'accordo con te. Ma 50k per una Kona è totalmente fuori mercato. Stai applicando il 50% in più per la motorizzazione BEV!

damiano l
ilariovs

Appunto non solo 85€ a pieno ma pure 30.000€ per un 1.0 tre cilindri...
Li lascio spendere volentieri a voi.

tulipanonero1990

Assolutamente, si chiamano tutte socialismo.

Marck32

Tutto molto bello...ma più di una Sandero non sono riuscito a permettermi

MatitaNera

Eh ma gli eco-f% ci vedono più lungo...

MatitaNera

Kona vendute nel 2023: 947... ottanta (80) al mese...

Hyundai IONIQ 6: prova su strada. Ottimi consumi e tanto spazio | Video

Hyundai IONIQ 5 RWD: prova consumi reali, quanto costa la ricarica e costo per 100 km

Hyundai i30 N: perfettamente versatile. Alla prova l'educata e pepata hot hatch | Video

1200 km elettrici, presente contro futuro: da Milano a Monaco | Il ritorno