Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

14 Luglio 2020 283

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Ford Puma 2020 è l'auto che ha riportato alla luce un brand di fine anni novanta, ispirandosi alla lontana ad alcune linee dell'omonima, ma stravolgendo completamente il concetto. Da una coupé compatta pensata per l'Europa, Ford ha scelto la via del crossover, un B SUV sempre in grado di strizzare l'occhio al Vecchio Continente ma con in mente un pubblico trasversale.

DIMENSIONI E BAGAGLIAIO

Le dimensioni di Ford Puma cambiano perché sono due le proposte: la differenza tra Titanium e ST-Line riguarda l'assetto e cambiano anche alcune misure, a partire dalla lunghezza: 4.186 mm il primo, 4.207 mm il secondo. La larghezza è uguale, 1.805 mm con gli specchietti ripiegati e 1.930 mm con gli specchietti aperti, e l'altezza va da 1.548 mm ai 1.554 mm a seconda di versione e motorizzazione (tutte Euro 6D Temp). Ford comunica anche la luce da terra, intorno ai 140 mm, e gli angoli di attacco (16,9°/17,5°) e di uscita (26,2°/26,6°).

Il bagagliaio è di 401 litri per la Puma Hybrid in configurazione 5 posti, fino a 1.161 litri abbattendo il divanetto posteriore. La versione non ibrida ha un bagagliaio minimo di 456 litri e massimo di 1.216 litri. Massa a vuoto, con conducente di 75 kg, liquidi a livello e serbatoio al 90%: 1.280 chilogrammi.

Dimensioni a parte, lo spazio di carico è anche intelligente, tante piccole soluzioni che aggiungono praticità: tendalino sottile e flessibile, sistema di sollevamento automatico del piano per creare un fondo piatto, doppio livello di carico e via dicendo; le immagini del video sono in grado di darvi un'idea immediata di queste soluzioni.

INTERNI E COMFORT

Impossibile non rivedere una qualsiasi Ford negli interni di questa Puma: l'abitacolo, nella parte anteriore, è quasi esattamente lo stesso delle altre compatte degli americani, strategia che non stupisce visto che ormai si tratta della norma per il mercato di massa e Ford non è certo un unicorno in questa scelta.

C'è però un'anima ben specifica, ed è quella della praticità: già dai sedili in tessuto sfoderabili e lavabili, capiamo che Puma ci propone un'attenzione in più che farà acquistare all'auto valore nel tempo: non in termini di valore futuro ma di quanto l'apprezzerete, specie se avete figli piccoli o siete amanti delle attività all'aperto o degli animali. Qui torna utile anche il Megabox, il pozzetto con tappo removibile che permette di avere a disposizione un vano da 80 litri per riporre oggetti oppure per lavare attrezzatura, stivali, il compagno a quattro zampe o qualsiasi cosa vi venga in mente.

A sinistra gli interni di ST-Line X, a destra quelli di Titanium X

Lo stile degli interni è sobrio e razionale, ci sono alcune possibilità di personalizzazioni ma non si osa mai troppo con il design. Il vantaggio è che, arrivando da una Ford precedente, vi sentirete subito a casa, apprezzando al contempo materiali e texture più piacevoli se la vostra americana precedente si portava diversi anni sulle spalle.

L'auto è comoda per quattro adulti, c'è spazio in altezza per tutti e il quinto può essere ospitato per qualche viaggio breve, avendo comunque vita più facile che su una Fiesta. Nella media lo spazio per le gambe grazie ad un passo di 2,58 metri.

La pecca principale nel comfort è la stessa di tutti i crossover di segmento B, la rumorosità in autostrada alle velocità più alte, comunque nella media.

INFOTAINMENT E ADAS

SYNC 3 resta il protagonista dell'infotainment: oggi è ancora al passo con i tempi per funzioni, infatti Puma supporta l'applicazione per smartphone, è connessa e ha lo split screen. Tutto questo, però, è merito del fatto che Ford aveva fatto bene il suo lavoro qualche anno fa, vivendo oggi di rendita in attesa di SYNC 4 pronto a debuttare. SYNC 3 sente il peso del tempo in due aspetti, pur offrendo comunque tutto quello che serve: l'interfaccia datata e un sistema non più al top nel suo segmento per possibilità di interazione. Mancano alcune delle novità che oggi iniziano a diffondersi, dalla replica della mappa sulla strumentazione digitale, all'assenza di Apple CarPlay e Android Auto wireless.

La rivincita, però, Ford la prende democratizzando connettività e applicazione: di serie e gratis per tutti: con l'estate torna particolarmente utile la possibilità di lasciare la chiave in auto e portarsi dietro lo smartphone per sbloccare la vettura quando si torna dalla spiaggia.

Gli ADAS per la sicurezza attiva ci sono tutti, dalla frenata automatica d'emergenza a riconoscimento segnali, mantenimento corsia e via dicendo, con il vantaggio che partendo da un allestimento già alto (Titanium) sono inclusi nel prezzo

COME VA: MOTORI E CONSIDERAZIONI IBRIDA

Puma ripropone i classici motori di casa con la possibilità di accedere al primo passo della strategia di elettrificazione annunciata da Ford: la versione EcoBoost mild hybrid. Il micro ibrido nella pratica fa poca differenza sui consumi, più sostanziale in città ma praticamente nulla nell'extra-urbano. Ha però due vantaggi.

Il primo è che si tratta di un sistema a 48 volt, in ottica futura significa avere anche la predisposizione per ADAS o tecnologie di bordo più sofisticate. Il secondo è che più che sui consumi, il suo intervento si sente nei 50 Nm di coppia ell'elettrico, un "boost" che percepirete nelle situazioni più difficili per un piccolo tre cilindri, le salite con auto a pieno carico.

Diventa quindi questo, oltre alla possibilità di usufruire delle agevolazioni sulla circolazione, il vero motivo di scelta, altrimenti l'EcoBoost da 125 CV tradizionale (non elettrificato) basta e avanza per sopperire alle esigenze di chi viaggia raramente.

Il consiglio è quindi di farvi i calcoli: se non rientrate in uno dei casi descritti sopra, risparmiate o investite quel sovraprezzo in accessori: il CoPilot è sempre una garanzia per facilitare la vita (include anche parcheggio automatico e retrocamera), oppure puntate sulla ST Line al posto di Titanium.

CONSUMI REALI E MODALITÀ DI GUIDA

Le modalità di guida sono di serie ma la ECO è davvero castrante: depotenzia pesantemente le prestazioni tramite mappatura molto aggressiva (l'EcoBoost ha anche la disattivazione dei cilindri) agendo anche sull'erogazione e rendendo impossibile consumare troppo. Utile solo per la città, in tutte la altre situazioni va disattivata: serve (ed in questo è molto efficace) solo per i conducenti meno esperti che hanno una guida "on-off" che inevitabilmente porta a consumi maggiori, non solo di pastiglie dei freni.

Mettendo in Sport, Puma diventa molto piacevole con il 125 CV, lasciando la versione da 155 CV (solo micro-ibrida in quel caso) a chi non vuole assolutamente compromessi.

Per Puma EcoBoost Hybrid Ford dichiara consumi di 5,4-5,8 litri ogni 100 km. a seconda dei cerchi nel ciclo misto WLTP. Emissioni di CO2 di 124 grammi al chilometro (132 grammi con cerchi da 19")

Buono l'assetto, Puma propone sterzo e cambio morbidi e facili, l'idea è quella di soddisfare tutti. Rollio presente quando si forza la mano ma se scegliete ST-Line potete contare su un assetto specifico, più divertente con molle ed ammortizzatori dedicati (oltre a qualche optional in più di serie).

I consumi reali con la mild-hybrid viaggiano tra 6 e 7,5 litri ogni 100 chilometri a seconda del vostro utilizzo e di quanto volete divertirvi con la mappatura più aggressiva (versione in prova: Titanium con i cerchi da 18"). Si può scendere a 5,5 legandosi alla modalità ECO per tutto il tempo ma bisogna impegnarsi abbastanza.

PREZZO E DOTAZIONE DI SERIE

Posizionata più in alto strategicamente, sia nei confronti di Ford Ecosport, sia di Fiesta Active, Puma esiste solo in versione Titanium (anche X) e ST-Line (anche X), in attesa della versione ST che promette anche prestazioni sportive.

Già con Titanium avremo di serie SYNC 3 con touchscreen da 8" e navigatore, luci interne a LED, caricatore wireless Qi, riconoscimento segnali, modalità di guida, FordPass Connect 4G, cerchi in lega da 17", specchietti elettrici, fendinebbia, luci LED, sensori posteriori, abbaglianti automatici, anti-collisione, mantenimento corsia e cruise control con regolatore automatico. Il rapporto dotazione/prezzo diventa quindi molto interessante. Di seguito prezzo di listino e prezzo promozione lancio, valido in caso di rottamazione di vettura immatricolata entro il 31 dicembre 2009.

  • Puma Titanium: 22.750€ 17.950€
  • Puma Titanium X: 24.750€ 19.950€
  • Puma ST-Line: 23.750€ 18.950€
  • Puma ST-Line X: 25.750€ 20.950€

Configuratore online Ford Puma 2020


A prescindere da qualsiasi considerazione su "Puma anni '90 vs nuova Puma", Ford è riuscita a proporre un'auto intelligente, un'idea al passo con i tempi e i gusti attuali, specie dei più giovani. Possiamo criticare l'effetto nostalgia nella scelta su come chiamarla, ma ormai è pratica comune quella di riportare in auge nomi già sentiti.

L'auto però è azzeccata, un crossover che non eccelle nella luce da terra (anche in confronto ad EcoSport che ha in gamma il 4WD) ma piuttosto sceglie di privilegiare le prestazioni, pur restando in grado di superare buche e marciapiedi. A conferma ci sono anche i motori, i tre cilindri più potenti a disposizione di Ford, e la dotazione di serie.

VIDEO


283

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mr. G - No OIS no party

Prendi una Giulia usata

MatitaNera

mai più

multi.vac

Concordo, trovo le mild più interessanti di una plug-in con una batteria che si mangia mezzo bagaglio. A quel punto meglio passare all’elettrico puro.

Vae Victis

Non è finto, è un vero tablet.
Su altre auto ci montano direttamente un monitor da 99 Euro che vendono all'Unieuro.

Vae Victis

Comunque un sistema mild hybrid non è questa grande zavorra, peserà al massimo 10 kg. Tieni conto che il motore elettrico va a sostituire il motorino di avviamento.

Vae Victis

Secondo me è l'unico sistema ibrido davvero utile, in quanto non gonfia eccessivamente i prezzi delle auto. Quei 700 euro che costa alla fine te li fa recuperare. La 500 e Panda ibride consumano il 25% in meno rispetto a quelle vecchie.

Certo hanno messo anche un nuovo motore termico e un cambio a 6 marce, però la parte ibrida il suo contributo lo da, specialmente se guidi dove ci sono molti semafori e rotonde.

Vae Victis

Nessuna manutenzione aggiuntiva.

C'è un motore elettrico che recupera energia e aiuta quello termico nelle ripartenze.
Questo ad esempio è il motore mild-hybrid della Panda. Vedi l'unico pezzo aggiuntivo è un motore elettrico collegato al motore termico tramite cinghia. In pratica è come l'alternatore, solo che è più grosso e svolge delle funzioni in più.

https://uploads.disquscdn.c...

Vae Victis

Le mild hybrid non sono complesse.

Kamgusta

hai una visione limitata della vita. proprio per quei motivi che citi i conti si fanno su percorrenze enormi, quali 1.000 km e oltre.
con queste enormi percorrenze le differenze si appianano.
mi dai l'impressione che sei uno di quelli che guarda il computerino di bordo quando fa il giretto intorno al paese, ma non funziona così.
se fai un conto a 1.000 km, anzi meglio a 5.000 km (che sono circa 6 mesi di uso dell'auto) vedrai il consumo assestarsi sul valore che ho citato.
per dirlo in parole povere: se nasci tondo non muori quadrato.
se la tua macchina è un 16 valvole benzina aspirato i consumi saranno quelli di un benzina aspirato, non certo quelli di un diesel o di un tricilindrico a pedali.

andrea

Ma che stai dicendo, i valori dati sono puramente indicativi, con la macchina in questione c'e' chi fa i 14, i 16 e addirittura i 20. Come ti ho detto dipende dal percorso fatto (pianura, saliscendi, città autostrada extraurbano etc) dal tipo di guida (aggressivo, accorto, prudente, modalità nonno), gommatura ed infine la modalità inserita. Con il GT faccio in città i 10/11, in extra urbano faccio i 20 in autostrada faccio i 17. Se guida la mia ragazza citta siamo sui 14, e 22 in extra urbano.

Kamgusta

sì 2000 km/l ... i suoi valori sono campati in aria
con la a3 1.6 fa i 13,8 km/l e con questa farebbe i 14 km/l - fine della storia

Kamgusta

Non è una questione di guidare, è una questione di sparare ca22a... e/o di non sapere fare i conti onesti (cioè prendere percorrenze di 1.000 km, non il giro a trovare la nonna).

Kamgusta

ahahahahaha ma smettila, quel motore fa gli stessi identici risultati, ossia 14 km/l (se non 13,8 km/l).
Citi valori da diesel, neppure nei tuoi sogni bagnati.
Concordo sul fatto che i consumi di questa puma siano ridicoli, ma ford è sempre stata famosa per fare motori non adeguati per l'Europa.

Kamgusta

ma assolutamente no, i consumi sono di 14 km/l e quelli restano. poi c'è il giorno che fai 17 km/l e quello che fai 11 km/l, ma la media dopo decine di migliaia di km di percorsi misti è 14 km/l punto e basta.
valore osceno, da macchine di 10 anni fa.

Kamgusta

Hanno messo un motore demmer... su un B-SUV... e qua l'ibrido è uno specchietto per le allodole

Kamgusta

ahahaha l'ecoboost cosa? l'ecoboost ha vinto dei premi come "migliore motore del mondo" grazie alla potenza commerciale di ford... ma è il solito tricilindrico che altre case (Toyota) usano da oltre 15 anni e neppure particolarmente rifinito

ally

Hyundai i20 tgdi 1.0 100 cv media dei 5.8 con uso normale.Quando serve corricchia, quando vuoi risparmia e senza avere la complessità di un ibrido. Son valori veramente troppo vicini ad un normale benzina per prenderla in considerazione...

Dr. Lexus

Questo tipo di mild-hybrid e complessità sono due cose distanti.

Manfredi Basile

Secondo voi quando torneranno di moda le berline perchè la mia alfa 159 my 2011 con più di 200000 kilometri comincia a mostrare gli anni e i kilometri

sgarbateLLo

Si, come la tua

axoduss

Comunque le auto ibride hanno una meccanica molto complessa. La mia sensazione è che la manutenzione di queste macchine sia molto costosa

Developer

ma con cosa? sempre smart?

sgarbateLLo

Io sono arrivato al massimo a 27 km/l con benzina a 100 ottani e guidando da nonno, ma non era affatto la norma

sgarbateLLo

Allora è la tastiera, che tempo pare tu ne abbia in abbondanza per scrivere, come dici tu, “scemenze” e poi chiedere In giro perché sei stato bannato. Il lato positivo è che puoi smettere anche subito.

Developer

benzina anche perché il diesel per la cittá é una fessata.
I consumi non saprei. che siano aumentati leggermente non ci sono dubbi..qualsiasi auto peggiora col tempo dopo il rodaggio, poi ci sarebbe da controllare punterie valvole turbo ma sinceramente é piú lo sbattimento ed eventuale perdita di soldi che l'effettivo guadagno. in extraurbano non ha mai consumato una cippa nel senso che con 3L facevo e faccio piú di 80Km o almeno cosí scrive quando parto in riserva e vado alla casa al mare (tra uscire dalla cittá,fare rotatorie e semafori. poi ritorno a casa e magicamente risale la benzina di 0,5L o piú...anche quando arriva a 0,0L continua ad andare). l'ultima volta ne ho fatto 120km in due e non é scesa di una tacca ma sicuramente complice il fatto che c'era fila quindi velocitá max 100km/h e min 80(serbatoio da 35L,se non ricordo male con tacche da 7L)

Pablo Escodalbar

Ancora con questa storia?
La spiego per l'ultima volta.
I programmatori non devono perdere tempo a digitare e molte volte utilizzano tastiere con diversi layout dove le lettere accentate sono disposte in maniera diversa.
Io sono programmatore.
Fai 1+1.
Lo so che certe cose non le sai ma informati prima di scrivere scemenze.

sgarbateLLo

Beh con la Smart ti è andata bene, ma mancano due informazioni fondamentali Per fare il confronto, i tuoi consumi e il carburante

Developer

tutti questi problemi non li noto e ho una smart con 150mila km w450 che uso praticamente solo in cittá. gli unici lavori fatti sono stati:
-tagliandi quasi annuali
-gomme 3 volte
-supporti motore in garanzia
- ai 13anni:valvola termostatica da 20€ perché si era rotta,coppia cinghie originali a 20€, candele ngk x6 a 30€(erano state giá cambiate una volta),pompa acqua a 25€ + 10euro di liquido radiatore(ma solo perché volevo il rosso) e freni (3x25€ nei 14anni e una sola volta i dischi,che se non sbaglio vengono sui 30€ della brembo). tubo con valvola per il recupero vapori olio+tubo pressione benzina logorati dal tempo e dal calore (che ho fatto la menata di prendere alla smart da ben 25€)
-1x cambio liquido freni
-un filtro benzina
-1x cambio olio cambio
-una ricarica clima a 40€.
prossima volta devo controllare il corpo farfallato perché cigola e ingrassare l'attuatore del cambio...insomma anchs senza mild sopravvive una macchina il problema della cittá sta nella frizione ma li dipende da come si usa l'auto e cmq ,salvo fiat che ha cannato con un modello ,ti dura almeno 70mila km e puoi raggiungere i 200mila km (riducendo sfrizionate, cambiando olio,utilizzando meno il freno motore e guida sportiva).
cmq non sto dicendo che non serva il mild ma solo che le macchine normali non hanno tutti questi problemi

rsMkII

Vero, ma se un mezzo consuma più benzina al km, emette anche di più. Se l'efficienza migliora di un 2% ma i consumi sono maggiorati di un 10% (numeri a titolo esemplificativo), alla fine hai prodotto più scarti.

rsMkII

Esattamente, e anche la pressione degli pneumatici, che comunque la sua la fa.

Alvar Mayor

Puma e Tigra le ho sempre messe insieme: coupettine carine che in realtà non erano altro che utilitarie con una carrozzeria più filante (e che uccideva l'abitabilità posteriore).

Alvar Mayor

Ma va beh! è un nome carino, tanto valeva sfruttarlo ancora!

il Gorilla con gli Occhiali

Ma era una vettura "sportiva" e non su SUV.

Mister chuck revenge

Fosse stata la tigra...

Alvar Mayor

Non e che l'hanno chiamata "Model T" o "Mustang" o "GT40"... La Puma anni '90 non è stata certo un'auto mitica!

il Gorilla con gli Occhiali

Avesse avuto un altro nome sarebbe stata una vettura carina con il giusto allestimento.

sgarbateLLo

finora io ho usato correttamente anche accenti e apostrofi, caro professor.
il nickname serve a capire chi guarda il dito, e sarebbe in ogni casoimpossibile sceglierne uno corretto per tanti account quanti ne usi tu: effetti collaterali del tuo amato flooding

Pablo Escodalbar

Tu invece l'unica cosa giusta che hai fatto fin'ora e' scegliere il nick.

Club25

Personalmente non ho provato lo 0-100 causa rodaggio. Comunque sia i sorpassi che le salite le faccio senza problemi.
Questo motore ha tanta coppia a bassi e medi giri (dove serve di più) tant'è che va complessivamente meglio del 1.6 aspirato della Duster (ormai fuori produzione).
Comunque su YouTube la gente con questo nuovo tre cilindri da 1.0 fa lo 0-100 in poco più di 11 secondi.
Anche le marce sono rapportate molto bene; la quinta è rapportata in modo da non far sentire la mancanza di una sesta.
Unico demerito, è il turbo lag... ci si fa l'abitudine va bene... però è un difetto della tecnologia adottata.

sgarbateLLo

con tutte le battute che vengono male a te non sei nella posizione di impartire lezioni, stai pure sereno

Pablo Escodalbar

Io a quei tempi quella volevo ma i miei genitori mi hanno comprato una banale Fiesta :(
Sono ancora arrabbiato! :P

Pablo Escodalbar

Esatto! N m :)

FaSchiumaMaNonÈUnSapone

Nanometro era nm (la prima minuscola), semmai dovevo scrivere N m.

camillo777

In effetti gli incentivi in Lombardia sono alti. Devo farmi fare un preventivo, ma costa di meno la 500 Hybrid nuova di una 500 tradizionale km0 (che non fanno più)... Se è vero al momento non sarebbe male

MarioR.

Il mild hybrid ha molto più senso di quanto la gente possa pensare. Non perchè hai un alto che va a batterie ma perchè ha un motorino elettrico che aiuta nella fase più logorante e stressante per il motore termico: la partenza da fermo.
In città fa davvero la differenza

Roberto

uesti mild hybrid non li capisco più di tanto.... ma che manutenzione hanno da fare in più rispetto alla controparte solo benzina?

Michele

I tablet piazzati così per nulla integrati nella plancia li ho sempre trovati piuttosto dozzinali.

lurdz

Mi spiace solo poterti mettere solo 1 +

Pip

Sono totalmente inutili, esistono solamente perchè i costruttori hanno capito che la definizione di "ibrido", quando si parla di incentivi e simili, è molto nebulosa e quindi hanno sfruttato la situazione producendo auto ibride che ibride non sono.
Letteralmente tra una benzina e una mild hybrid devi avere un banco di analisi per vedere le differenze sui consumi, e forse neanche ci riesci...

andrea

I consumi sono da prendere con le pinze visto che sono dati soggettivi,basti pensare che , oltre al peso e potenza, bisogna guardare l'erogazione, i cerchi, la modalità di guida, il percorso e il piede.

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren

Moto

Askoll NGS: abbiamo provato la nuova generazione di scooter elettrici | Video