Sciopero benzinai, si parte dalle ore 19 di oggi

24 Gennaio 2023 262

Lo sciopero dei benzinai è confermato. Dunque, il Governo e le associazioni di categoria non sono riusciti a trovare un accordo che potesse arrivare a scongiurare tale iniziativa di protesta. Faib Confesercenti, Fegica e Figisc-Anisa Confcommercio sono tornati a spiegare la loro posizione in una nota congiunta.

Il Governo, invece di aprire al confronto sui veri problemi del settore, continua a parlare di “trasparenza” e “zone d’ombra” solo per nascondere le proprie responsabilità ed inquinare il dibattito, lasciando intendere colpe di speculazioni dei benzinai che semplicemente non esistono. Ristabilire la verità dei fatti diviene quindi prioritario, per aprire finalmente il confronto di merito.

Ecco, dunque, alcune informazioni utili per non farsi trovare impreparati al momento della chiusura dei benzinai.

QUANTO DURA LO SCIOPERO?

Lo sciopero, innanzitutto, è stato ridotto alla fine a 24 ore dalle 48 ore originarie. Faib Confesercenti è stata la prima associazione di categoria ad accorciare la protesta, seguita, successivamente, da Fegica e Figisc-Anisa Confcommercio.

Sulla rete ordinaria, la protesta inizierà, esattamente, il 24 gennaio alle ore 19 per concludersi sempre alle ore 19 del 25 gennaio. Per quanto riguarda, invece, la rete autostradale, lo scioperò scatterà alle ore 22 del 24 gennaio e finirà alle ore 22 del 25 gennaio.

Quindi, gli impianti di rifornimento di carburante rimarranno chiusi per sciopero, compresi i self service, per 24 ore consecutive. In questo periodo sarà, dunque, molto più difficile fare un pieno di benzina o diesel, ma non impossibile. Ci sono, infatti, alcune regole che devono essere rispettare per poter offrire ai cittadini servizi minimi garantiti.

Per esempio, nelle autostrade deve essere garantita l'apertura di un impianto ogni 100 km. Sul sito della "Conferenza delle Regioni" è stata pubblicata la lista degli impianti lungo le autostrade che rimarranno aperti durante lo sciopero. Anche nelle aree urbane ed extraurbane saranno garantiti servizi minimi. La regolamentazione dello sciopero prevede che dovrà essere "mantenuto in servizio un numero di stazioni di rifornimento non inferiore al 50% degli esercizi aperti nei giorni festivi secondo i turni programmati".

Inoltre, rimarranno aperti gli impianti dell'Associazione nazionale gestori autonomi carburanti (Angac) che non ha aderito allo sciopero. Le 3 associazioni di categoria che hanno proclamato lo sciopero rappresentano, comunque, il 70% dei 21/22 mila impianti di carburanti in Italia.


262

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
VaDetto

E ma che costi sono? Un monitor in più? A me sembra più uno sciopero per non voler verificare che alcuni operatori alzano il prezzo rispetto ad altri. Alla fine è una informazione in più. Come l'origine di alcuni frutti presenti al supermercato.

Aristarco

Non ho mai scritto una roba del genere, ho scritto ben altro, che tu non hai compreso, il mondo gira per semplificare e aiutare il maggior numero di persone, in Italia sempre per quei 4 gatti allergici alla tecnologia

Mostra 1 nuova risposta

Mi sanguinano ancora gli occhi

No no, ho usato il termine corretto. Il mondo gira intorno a te ed ai tuoi modi di vivere. Egocentrico calza a pennello.

Walter

ah ecco perchè mi ero rifiutato di guardarlo ora ricordo

Ad un commento egocentrico, posso rispondere solo così.

Anche io

Domenico Belfiore

No basterebbe eliminarle alla radice

Eugenio Raggi

Memoria corta, oggi la sinistra perché all opposizione, ieri la destra quando lei stessa era all opposizione...ma memoria corta o mancanza di onestà intellettuale? Perché i video di Giorgina sull argomento me li ricordo bene

Mostra 1 nuova risposta

L'ultimo matrix? Ti sei perso il capolavoro trash assoluto del femminismo politically correct più vomitevole mai partorito

Mostra 1 nuova risposta

Così falliscono direttamente

Mostra 1 nuova risposta

Si potrebbe proporre la stessa cosa ai consumatori. Evitare per un mese di fare benzina così magari torneranno a prezzi onesti e non da rapina.

E non parlo dei gestori singoli, poveracci

Kamgusta

sì sì 30 euro di insegna diluiti su 20 anni e milionate di euro di ricavi ci sarà un ENORME ricarico di almeno 0,000000000000000000000000000000000000001 euro per litro.

Aristarco

Sinceramente ? Sono apposto cosi

Aristarco

Commenti sensati non ne avevi?

Ok Hitler.

Ho già risposto ad altri in merito. Se ti va rileggitele.

The Undertaker
Aristarco

Falso, guarda il Giappone ad esempio

Aristarco

E allora il cartello del prezzo medio non ha senso di esistere

Aristarco

No, bisogna ragionare nel migliore dei modi possibili e dare gli strumenti a tutti, chi non li vuole utilizzare si arrangia, mio padre ha 71 anni e usa senza problemi PC e smartphone

Andrej Peribar

Quindi la tua è una questione politica a difesa del governo.
Non sulla questione in sé.
Capisco

Recario

"Per il primo punto non sono assolutamente d'accordo, se non fanno nulla di male questo è un modo per dimostrarlo..."

Suppongo sia più una questione di principio, se vuoi stanare una potenziale truffa ai danni dei consumatori, vai da chi i carburanti li produce non da chi li vende (per carità ci sono i distributori che fanno i furbetti, ma non penso ci fosse bisogno di nuove insegne per evitarli).

Walter

ma leggi c'è scritto. cosa mi ripeti le stesse cose

Recario

Non so se tu abbia una vaga idea di come funzioni il mondo imprenditoriale, ma quando un'azienda ha una spesa extra da sostenere, riflette il costo sul prezzo finale del prodotto.

Se poi il proprietario decide di andare in posta a ritirare un buono per pagarsi l'insegna nuova rimettendoci in toto, buon per noi chi sono io per fermarlo :D

Joaquin Santana

forse solo 10,000€ per batteria nuova....

Cpt. Obvious

Ma cambia, ogni forno fa il suo prezzo sulla base dei conti che si è fatto.
E se il pane del forno X lo compri al supermercato o direttamente dal produttore, ancora una volta il prezzo cambia.

Perché dovrebbe essere diverso per i carburanti?

I distributori dei supermercati spesso hanno prezzi più bassi perché compensano con le vendite dei prodotti, un distributore con un bar o con servizi accessori non può fare altrettanto?

Ryosaku
Cpt. Obvious

Ed infatti gli H&M sono tutti nei centri delle città più grandi o nei centri commerciali, dove i volumi sono comunque superiori ad un tot, altrimenti non aprono nemmeno.

Pensare che i margini ed i volumi di vendita non contino nella formazione del prezzo è quantomeno ingenuo.

Il prezzo del pane, a parità di tipologia, non cambia molto se lo compro in un forno del centro o in uno in periferia. Il carburante è un bene primario (nemmeno locale) e dovrebbe valere la stessa regola. Non stiamo parlando di una pelliccia, che invece mi aspetto subisca molto il prezzo in funzione del locale, posizione ecc.

Perché bisogna ragionare in funzione di tutti, non puoi rendere obsolete le persone. Tu hai i genitori giovani forse, altri no. Che poi ti ricordo, tutti pagano le tasse, anche gli anziani.

Se leggi i miei commenti, ho sempre scritto "per strada", durante il tuo tragitto che stai già facendo. Altrimenti non ti conviene quasi mai deviare.

Sepp0

Perché siamo l'unico paese al mondo con una popolazione di over 60 spaventosa.

Sepp0

I volumi di vendita non dovrebbero entrare nell'equazione, H&M di Piazza Duomo a Milano ha gli stessi prezzi di H&M del paesello X, anche se quello del paesello X vende una frazione della roba di quello di Piazza Duomo.

The Undertaker

Allora ti riporto una personale esperienza, sperando che serva a farti capire (sembri un benzinaio da tanto li difendi) quando il governo precedente aveva fatto il decreto che scontava le accise alcune compagnie petrolifere (non i gestori) avevano furbescamente aumentato il prezzo cosi facendo che nonostante lo sconto il prezzo rimaneva quasi uguale (se non capisci magari ti posto un grafico) quindi lucrando anche sullo sconto, da qui nasce il decreto, e chiaramente alcuni di quei gestori lo sapevano ma gli stava bene in quanto guadagnavano di più, ma tanto di più, ora se vogliono fare sciopero in modo di non avere introiti fatti loro, me ne frega niente.

Cpt. Obvious

Alla fine va a ledere i consumatori, poiché i costi per un'operazione inutile indovina su chi saranno scaricati?

VaDetto

Ma avere questa informazione in più, chi lede?

Questa battaglia ancora non l'ho capita.

VaDetto

Questo governo è stato votato da persone che la pensano così. Evidentemente la maggior parte dei votanti è d'accordo nel tassare i poveri e ridurre la tassazione ai ricchi.

Se l'italiano medio è un Co. Gli 0ne, la colpa è solo sua

VaDetto

Tu non hai proprio idea di cosa voglia dire sanità pubblica e quindi sanità privata.

Il tipico lamentone generale

ADM90

Il governo deve tagliare la spesa pubblica se vuole trovare i soldi…

Il corpo di Cristo in CH2O

ma che diamine stai dicendo? la segretaria lì utilizza computer suoi, i programmi sono quelli del ministero, il resto dei programmi installati sono le peggiori schifezze che trovi in giro, e le macchine non sono del ministero (anche perchè se glielo fornissero loro dovrebbero fornirglielo bloccato, cosa che non fanno). l'iphone per fare la scansione dei referti, con l'app gratuita con tanto di pubblicità all'avvio, glielo ha fornito sempre il ministero? ma perfavore su! la mail che arriva che contiene la ricetta passa da un servizio dello stato, oggi, perchè ad inizio pandemia 2 anni fa giravano con gli account privati di google (chi ha autorizzato google?) ma soprattutto, il problema non è quello, sono andati a chiedere a qualcuno se il canale mail è sicuro? o continuano a dire "mancano esperti di cybersecurity", quando non gli servono?!

io dico che se ci fosse uno sveglio che avesse tanto tempo e tanti soldi da buttare da fare denuncie e processi manderebbe in galera un medico su due.

Domenico Belfiore

Se le cose vogliono funzionare per bene andrebbero bloccati anche i self service e nemmeno a 100km ci deve stare un solo benzinaio aperto, tutti dovemmo starcene a casuccia vedere come calano la cresta, si ferma l'economia per un 48h é vero ma si ottengono i diritti e il rispetto.

Andrej Peribar

No vabbe dai, questa mi ha fatto ridere, non puoi essere serio.

Fanno un decreto, lo chiamano trasparenza e ha lo scopo di evitare le speculazioni che come unica soluzione tangibile e fare esporre il prezzo medio dal benzinaio e sono i media che gli danno degli speculatori?!

Allora ragazzi ci possono vendere di tutto, basta masticare il politichese

Non vedrai mai quello che non vuoi vedere.
Chiedilo ai benzinai ;)

The Undertaker

Dove sta scritto che i gestori sono considerati speculatori?

The Undertaker

Capisco.

Vae Victis

E' come farsi montare da un cavallo una sola volta invece che da un topolino 100 volte.

Kamgusta
2. Perché le nuove insegne hanno un costo che graverà sui prezzi finali dei carburanti e quindi su noi consumatori.


ahahahahahah
ahahah
ahahahah
ahahahahahah
ahahaha
haha
hahahahah
ahahaha
hahahahah
ahahaa
me fai mori

Rick Deckard®

Infatti. Potrebbero aprire una volta ogni 3 giorni e mettere la benzina 5€ che la gente sarebbe comunque in coda per comprarla...

Il punto infatti, è che sia di questo sciopero, sia del cartello, le compagnie petrolifere ridono.
I benzinai non sono il problema, sono solo vittime e non possono farci veramente nulla... Anche il loro sciopero deve garantire un minimo di servizio, cosa che rende l'origine del vero problema ancora più intoccabile...

La stato è malgoverno e incapace di fare gli interessi dei suoi cittadini

Ratchet

E cosa cambia in due giorni?

Eugenio Raggi

Poche idee e anche confuse

Citroen C5 Aircross Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi e comfort

Polestar 2: prova su strada, l'elettrica che copia Tesla (e non è un male) | Video

Euro 7 ufficiale: lo stringente standard in vigore per le auto da luglio 2025

Auto elettrica fa rima con casa e indipendenza energetica | Un caffè con Silla