IONITY, in Italia la rete continua a crescere ma solo il Nord è già ben coperto

31 Ottobre 2020 62

La rete IONITY continua ad espandersi rapidamente in Italia, almeno nel Nord del Paese. Nella giornata di ieri, infatti, è stata attivata anche la stazione collocata a Portogruaro (Viale Pordenone 78) dove sono state rese operative 4 colonnine da 350 kW delle 6 previste. Nel Nord dell'Italia, le stazioni di ricarica pianificate sono state quasi del tutto attivate permettendo alle auto elettriche di poter viaggiare lungo le grandi direttrici più facilmente.

Complessivamente, sono operative 14 stazioni in Italia e 4 sono ancora in fase i costruzione. All'appello, però, ne mancano ancora 12 la cui collocazione non è stata svelata. Guardando la cartina delle infrastrutture di IONITY in Italia si nota un vistoso "buco" in Centro Italia e poche stazioni nel Sud del Paese. Lacune che dovranno essere colmate se davvero si vuole rendere più agevole per le auto a batteria poter viaggiare su lunghe tratte all'interno del Paese.


L'obiettivo di IONITY è quello di permettere alle auto elettriche di potersi muovere su lunghe distanze senza problemi e quindi è facilmente immaginabile che diverse delle 12 stazioni ancora non programmate siano collocate sia in Centro Italia che nel Sud del Paese. Ovviamente ancora non si sa dove ma la speranza è che novità in tal senso arrivino molto presto.

Teoricamente, il progetto complessivo di IONITY, 400 stazioni in tutta Europa, dovrebbe essere completato entro il 2020 ma lo scoppio della terribile emergenza sanitaria ha rallentato vistosamente i lavori. 294 sono già state aperte, 56 sono in costruzione e 50 sono ancora da programmare. Si ricorda, infine, che i punti di ricarica dispongono solo di connettori CCS Combo e che la tariffa, a meno di non disporre di qualche abbonamento particolare, è di 0,79 euro a kWh prelevato.


62

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tony Musone

Perchè, ad oggi, credo che il proposito sia proprio quello d'incentivare le vendite dei marchi facenti parte del consorzio e nel contempo disincentivare chi ha altri marchi ad usare un servizio, scongiurando il rischio di code e attese indesiderate.

Tony Musone

Per l'aumento fino a 7kW c'è la detrazione fiscale al 50% per un massimo di 3 mila euro.

piero

ah come il covid

MatitaNera

eh, è nell'aria

piero
MatitaNera

non ci sono molte interpretazioni, il limite è il Po, la Toscana-Emilia volendo essere buoni...

piero

certo. dipende dalla definizione e dall'interpretazione del termine Italia.
dall'estero ad esempio, il bel paese, non è certo quello del nord. quello sarebbe il grigio paese.

piero

la fuga dei cervelli dal nord verso altri paesi ha fatto strage...non è rimasto molto.

Harry

Eccerto, il diesel lo produci te la mattina nella tazza... Dei combustibili fossili bisogna farne a meno, meglio oggi che domani (e sarebbe stato meglio farlo ieri).

Austrian school

Perché le lobby dei produttori auto spingono sull'elettrico per far acquistare nuove auto alle persone. Il problema è solo di interessi economici mascherati da ecologia. Sono tutti verdi con il c..o degli altri.

mattbra

Chi fa parte del consorzio Ionity (VW e altri) paga 0.29 centesimi.

felixone

Se non ho contato male tesla in Italia ne ha 28 attive e altre 18 sono pianificate. Molti supercharger hanno almeno 8 stalli.
Non si può certo dire che VAG & co. stiano "investendo pesantemente".
Certo, in altri paesi ci sono altri attori che installano colonnine veloci (da almeno 120Kwh). In Italia c'è eva+ della enel. Cofinanziato dalla comunità europea che erogano gargantueschi 50kwh. In genere 1 stallo. Se si trovano, se funzionano, se non ci sono altre auto a caricare (con quella potenza ci staranno un po'), se non è in corso una usucapione da parte di un utente "elettrico" che fa il furbo e usa lo stallo come suo posteggio personale (a volte nemmeno ricaricando) o il solito troglodita con sua macchina a combustione interna.

Insomma, interessanti le auto elettriche che stanno per essere presentate ma se non ci credono gli stessi produttori faranno la fine della GM EV1 del '97

A proposito, a febbraio 2018 grandi titoli per ben 650 colonnine in sardegna. Qualcuno le ha viste?

MatitaNera

Se non sono in Italia non mi toccano

Granduca di Populonia

IONITY, in Italia la rete continua a crescere ma solo il Nord è già ben coperto. https://media2.giphy.com/me...

Marco

In Sardegna ad occhio il parcomacchine ha una media di 10 anni in più del nord Italia... Semplicemente perché essendo un isola la mobilità e di conseguenza i km fatti sono molti meno ed inoltre non essendo molto inquinata non ci sono limitazioni per le auto più datate! Ovviamente nessuno investe per una infrastruttura che non sfrutterà nessuno

Stefano Paoli

Io preferisco comprare auto di dieci anni usate grosse e potenti. Minima spesa massima resa. Ovviamente dieci mila km l anno massimo

piero

già, che mondo triste

pelonero111

io parlo meramente di soldi!se per ipotesi devo pagare un'utilitaria elettrica una volta e mezzo una termica,più lo sbattimento dell'impianto elettrico a casa(ammesso che hai il garage),le varie ricariche in giro con tempi inadeguati,i costi per il momento folli,i carica batterie proprietari,chi me lo fa fare?

Grewal

Poveri noi...

piero

la mettiamo in ascensore e poi in casa. sarà per questo motivo che si chiama autosalone

piero

la mettiamo in ascensore. ci entra sicuro

piero

come il cielo a nord. ben coperto

piero

in effetti dove c'è il mare ed il sole non servono

piero

purtroppo. ma finalmente

mattia

Sì ma col diesel purtroppo tra alcuni anni non si potrà più circolare

Alessandro Peter

Dai su.
Davvero credi che per amor del pianeta la gente comune sia disposta a pagare il carburante il doppio?
A parità di prezzo al km già sarebbe un enorme vittoria se la maggioranza optasse per l’elettrico.
Ricordati che sono tutti ecologisti fino a quando non gli vai a toccare il portafoglio, o fino a quando non devono fare sacrifici per piccoli che siano in prima persona. Guarda solo la questione iPhone e il caricabatteria.

Austrian school

0.79 euro a kwh è un ladrocinio. A questi prezzi diesel tutta la vita.

Grewal

Si va beh...

pelonero111
Grewal

Con un 3 kw, utilizzato solo 2.5kw/h per 8 ore, il tempo in cui dormi, ricarichi 20kw, che sono dai 100 ai 150km di autonomia.
Se aumenti il contatore ed aumenti anche i consumi non ti costa piú.
Cerco di spiegarmi meglio, le spese fisse vanno divise sui kw consumati, se tu hai cmq spese fisse 10€ e consumi 1 kw, il kw ti costa 10€+prezzo elettricità, se consumi 100kw invece il singolo kw ti costa (10:100+100x prezzo luce).
Quindi se aumenti il contatore perché l'auto ti consuma 300kw di corrente al mese, praticamente paghi la corrente uguale a prima, perché prima avevi le spese fisse più basse ma consumava meno, ora hai le spese fisse più alte ma consumi di più.
Scusami se mi sono spiegato male però il concetto é che se aumenti la potenza del contatore a paripasso con i consumi non spendi di più, se invece consumi uguale ma aumenti il contatore allora si

zlatan regna

e chi diavolo investe al sud, solo lo Stato meridionalista continua a buttarci dentro soldi a cazdicane

Ngamer

14 stazioni.... in tutta italia ..... avessero detto per regione

pelonero111

si ma comunque non conviene,perchè a casa anche ammesso che uno abbia lo spazio,non si ricarica certo con l'impianto standard di 3kw,e lì bisogna spendere altri soldi..

pelonero111

non è certo questo il verso di convincere la gente a passare all'elettrico

Dario Prince
Saponificatrice(1 ban)

Le pianure per l'agricoltura, unica cosa che sanno fare i meridionali,oltre al turismo.

Saponificatrice(1 ban)

Il sud rimane la fogna d'Italia,c'è poco da fare.

Filippo Guanti

Anche quello è sud in un certo senso :)

MatitaNera

Quindi cosa resta se il nord è coperto?

Vae Victis

Prezzi 50% più alti rispetto a EnelX ?

Walter

Ennesima riprova del perché le auto elettriche restino un lusso per pochi.

DeeoK

Abbiamo due idee diverse da cosa voglia dire "ben coperto".

David Lo Pan

Eh, è sempre così.....

Pazienza, dai, vorrà dire che noi di Terronelandia continueremo a spostarci coi trattori diesel Euro -3

Grewal

Si la tua situazione é molto particolare ahah
In generale anche vivendo fuori dai centri cittadini, dove magari non si hanno benefit come strisce blu etc e ricaricando a casa a 0.17€ l'auto elettrica resta conveniente.
Ovvio, unico must é avere il garage/box altrimenti l'elettrico non va nemmeno preso in considerazione
Per i viaggi lungi ci sono molte variabili da prendere in considerazione ma probabilmente la scelta più comoda dal punto di vista dell'utilizzo penso resti il diesel

Alessandro Peter

Io ho acquistato Tesla perché vivendo a Milano, e viaggiando solo per piacere, non ho che benefici; Area C gratis, posteggi blu e gialli gratis, niente bollo, niente (o quasi) manutenzione, ricariche illimitate su tutto il comune a 5€ al mese, Supercharger Tesla ben distribuiti e a 0,31€, box privato con corrente elettrica inclusa nel canone d'affitto (carico a soli 8A, ma tanto bastano per i rabbocchi notturni). Diciamo che nella mia situazione sarebbe addirittura stato stupido acquistare un auto termica.

Grewal

Cosa intendi dire?

Grewal

Si quello sicuro, se fai più di 400km, senza poter ricaricare all'arrivo, al giorno non ti prendi una elettrica, non c'è molto da dire.
Così come se fai 1000km al giorno non compre l'auto a metano che dovendo fare un pieno ogni 250km resta cmq scomoda.
Il punto é che se non compli l'auto elettrica perché devi fare 10/15 viaggi l'anno non ha senso, perdere la comodità di tutti i giorni per 15 giorni l'anno... Bah
Con le lunghe percorrenze quotidiane bisogna anche calcolare l'eventuale costo della manutenzione, che se paragoniamo un'auto elettrica da 50k ed una termica di pari prezzo, fanno la differenza

RomanRex

credici

Alessandro Peter

Parlando di una rete distribuita (come i Supercharger Tesla), è ovvio che ci si riferisce ai viaggi.
Va bene caricarla a casa, ma con viaggi in autostrada sicuramente andrà ricaricata anche fuori, e i prezzi son folli. Attenzione, non dico che ci sia un lucro spropositato da parte dei gestori, ma è innegabile che se un viaggio con l'elettrico costa il doppio rispetto a un diesel..beh.. come può essere appetibile?

Grewal

Tendenzialmente l'auto elettrica si ricarica a casa e poi nel lungo periodo la manutenzione ti costa molto meno

Hyundai Kona Electric 2021, arriva il restyling: tutte le novità | Video

Vado a fare il pieno di idrogeno in Svizzera e (forse) torno | Video

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

MyMi: la recensione del cuscinetto anti abbandono che protegge i bambini | Video