Audi charging, ecco quanto costa ricaricare con il nuovo servizio Audi

28 Novembre 2022 26

Per Audi è molto importante semplificare l'accesso per i suoi clienti elettrici ad una capillare rete di ricarica. Per questo, la casa automobilistica tedesca ha deciso di fare evolvere il programma e-tron Charging Service che dal primo gennaio 2023 diventerà Audi charging. Gli utenti potranno scegliere tra 3 specifici piani per la ricarica, di cui, quello base, senza alcun canone mensile. Vediamo i dettagli.

OLTRE 400 MILA PUNTI DI RICARICA IN EUROPA

Il nuovo servizio Audi charging permetterà ai clienti del costruttore tedesco di poter accedere ad una rete di 400 mila punti di ricarica in tutta Europa, dei quali oltre 31 mila in Italia, inclusi quelli di IONITY. Il tutto, utilizzando un'unica app/tessera. Dunque, non sarà più necessario dotarsi di molteplici app e tessere. Tanto i nuovi clienti quanto gli attuali utilizzatori dei modelli elettrificati Audi potranno accedere al nuovo servizio scegliendo tra 3 piani tariffari.

La rete Audi charging è integrata nel sistema di navigazione e-tron trip planner che consente di verificare istantaneamente, sia mediante l’app myAudi, sia attraverso il sistema multimediale MMI, quante ricariche siano necessarie per raggiungere una determinata destinazione, aggiornando costantemente la situazione sulla base dello stato del terminale, del traffico e dello stile di guida.

Audi charing supporta anche il servizio Plug & Charge, almeno sulle auto e sulle colonnine compatibili (IONITY e Aral Pulse). Gli utenti devono semplicemente attivare l’opzione PnC mediante l’app myAudi o l’MMI. Dunque, basterà collegare l'auto alla colonnina per far partire il rifornimento di energia. La fatturazione è automatizzata, senza strumenti di pagamento fisici.

QUANTO COSTA RICARICARE?

Parliamo di prezzi. Come detto, il nuovo servizio offre 3 specifici piani tariffari per la ricarica: Basic, Plus e Pro. Più nel dettaglio, il piano d’ingresso Basic non prevede alcun canone e consente, senza costi fissi, di accedere alla rete Audi charing. Si tratta di un piano pensato per chi ricarica principalmente da casa. Dalle colonnine AC si andranno a pagare 0,60 euro a kWh, da quelle DC/HPC 0,81 euro a kWh, mentre da quelle IONITY 0,79 euro a kWh.

Il piano Plus, invece, nascere per chi fa un uso limitato della rete di ricarica pubblica. A fronte di un canone mensile di 7,99 euro, si andranno a pagare 0,50 euro a kWh dalle colonnine AC, 0,64 euro a kWh da quelle DC/HPC e 0,79 euro a kWh dai punti di ricarica IONITY.

Infine, il piano Pro prevede un canone mensile di 14,99 euro ed è stato studiato per chi utilizza spesso le colonnine pubbliche, soprattutto quelle Fast durante i viaggi. Questo canone garantisce l’accesso alle colonnine in corrente alternata (AC) ad un prezzo 0,45 euro a kWh, mentre la fruizione della rete ultra rapida IONITY avviene a condizioni particolarmente vantaggiose: 0,35 euro a kWh anziché il costo standard di 0,79 euro a kWh. Dalle normali colonnine DC/HPC si pagheranno 0,58 euro a kWh.



26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
TVRT
Davide Moriello

Infatti non si spendeva nulla. I furbi sono quelli che ne hanno approfittato quando c'erano gli incentivi. Ma andranno a sparire col tempo, specialmente dal 2030 in poi quando potranno vendere solo macchine elettriche in Europa.
Gli incentivi servono per fare il passaggio, non per mantenerlo.

Axe Capital

Il Fotovoltaico l’hai realizzato gratis?

TVRT

Da 5 anni ormai in elettrico ho capito che bisogna attrezzarsi di fotovoltaico, da tre anni ormai viaggio gratis, tranne le poche volte che ho bisogno di una fast x emergenze... Ormai le Superfast costano un euro al kWh...follia

Paolo Giulio

Ragazzi, non facciamo i "vergini"... quando si sono introdotti gli incentivi, tutti a lodare l'elettrico che "non costa nulla", che ti fa risparmiare il bollo (nelle regioni che lo azzerano), che ti fa parcheggiare gratis, etc, etc... quando si citava la Norvegia (mercatino da 120.000 pezzi scrausi, seppure "ricco"), tutti a lodare questa e quella iniziativa...

INUTILE oggi venire a fare gli "BEH, OVVIO che gli incentivi verranno tolti e la tassazione tornerà"... io, che "qualcosina" più della media ho studiato, lo scrivevo ALLORA e mi beccavo fior di insulti come "anti-elettrico"...

Ma i conti sono ovvi: se l'automotive ICE garantisce TOT MILIARDI di introiti statali annui in Italia (diretti ed indiretti, tra bolli, parcheggi, lVA, etc) è OVVIO che prima o poi tale prelievo dovrà essere "spostato" sull'elettrico.

Non dovete spiegarlo A ME, ma agli "invasati" illustrati sopra che pensavano (e pensano ancora) che dell'elettrico è tutto "bello" e "gratuito" (e ce ne sono, OOOOOH, SE CE NE SONO!!! E pure in quantità su questo blogghettino)

Davide Moriello

ma dai? Non è nessuna stangata, è una semplice tassa.
E' proprio questo lo scopo degli incentivi. Cosa ti aspettavi?
Comunque si continua a risparmiare. Anche se il costo dell'elettricità dovesse arrivare al prezzo di un benzina, avresti comunque un risparmio sulla manutenzione della macchina.

Bacco

Talmente care che conviene andare ai Supercharger Tesla!
(ho una Tesla)

TocToc

e se dovessi trovarla occupata? ahahah

PositiveVibes

Con becharge tutto a 0,31.
Chi lo farà mai l'audi pacco?

Funz

scopo degli incentivi è avviare un settore finché non cammina sulle sue gambe... direi che in Norvegia sono ben oltre quella fase, quindi non stupisce che riducano gli incentivi fino a eliminarli.

Paolo Giulio

Ah, e giusto per dipingervi il futuro che ci aspetta, ecco la prossima "stangata"..

La "felice" Norvegia, spesso citata con il suo mercatino da 120.000 pezzi, come "paradiso dell'elettrico" visti gli alti contributi erogati, ecco che si accorge di avere un buco di 2 MILIARDI di euro e che l'elettrico non può essere più "pompato" a gratis...

https://www.ilgiornale.it/news/automotive/arriva-tassa-sulle-auto-elettriche-ecco-dove-e-verr-2089982.html

Non è però un segreto che, dalla primavera del 2022, l’esecutivo norvegese abbia deciso di fare dietro-front, cercando di far fronte ad un non indifferente buco in bilancio di oltre 2 miliardi di euro. Le concessioni riguardo a pedaggi, costo di listino, sgravi fiscali per auto aziendali e molto altro non erano più sostenibili e il governo è stato costretto a correre ai ripari per colmare il vuoto lasciato dall’assenza di gettito fiscale proveniente dal mondo automotive.
....
Norvegia, dall’1 gennaio 2023 nuova tassa sulle elettriche di lusso (sopra i 40/50mila euro)...
...
In concomitanza, è stata però reinserita anche una tassa sulla registrazione del veicolo in fase di acquisto, imposta che era stata completamente annullata per i veicoli elettrici e ridotta del 15% per le ibride plug-in.
...
Nuova tassa in base alla "bilancia", al peso della vettura (con gioia di bestioni che pesano anche 2500 kg...)

Ecco... lodevole aver "pompato" l'elettrico agevolandolo in ogni modo (seppure in un mercato numericamente striminzito), ma poi è OVVIO che, da una parte han dato, e ORA/DOMANI si riprendono (con gli interessi...)

A breve sugli schermi di QUALUNQUE altro Stato...

Paolo Giulio

15 eu/mese (nella versione "top") non sono pochi, ma anche gli sconti garantiti non sono pochi... è da mettersi lì a far di conto dell'utilizzo e degli effettivi costi finali per il cliente.
Ciò che dà un po' fastidio è la NON immediatezza del tenere i conteggi, anche a fronte di offerte di abbonamento ad altre cifre, ma con sconti inferiori... insomma: tutto non di immediata chiarezza per una tipologia di auto, l'elettrico, che già non piace molto di suo (obv parlo della clientela potenziale, non quella talebana che già l'ha adottato e non vede un difetto manco a sbatterci il muso sopra)

micpar97

Per l'uso che ne faccio dell'auto mi sono reso conto che non mi conviene mettere una colonnina a casa. Lavorando in smartworking uso la macchina quasi solo il fine settimana e sinceramente 1km mi fa comodo per fare un po' di movimento ;)

Leocav

Quindi ogni volta ti fai 1km a piedi solo per caricare la macchina?

micpar97

Considera che io non ho colonnina a casa, ma una BeCharge vicino casa (500m). Quando devo fare il pieno la lascio li 5/6 ore e nel mentre me ne torno a casa. In Totale pago sui 23 euro e faccio dai 450 ai 470km

Alessandro Apo

Non conosco le tariffe dei vari fornitori in Italia, ma a 31 centesimi inizia ad essere interessante (almeno dal punto di vista ricarica pubblica).

micpar97

Ci sono le tariffe Flat di Enel X che ti consentono di pagare 0.31kwh

micpar97

Con audi non lo so, con il consumo medio di una Model 3 Long Range 6km

Alessandro Apo

dai 5 ai 7, dipende poi tanto dalla automobile e dallo stile di guida. Inutile dire che queste tariffe rendono sconveniente l'uso dell'elettrico. O si ha una tariffa conveniente a casa o non conviene.

Jacopo93
micpar97

Yes attualmente la più conveniente insieme alle flat di Be Charge

remus

Quanti km si fanno con 1 kw/h? Mediamente

Super Rich Vintage

Ecco i piani pensati per tutto il popolo! Il basico per i povery che hanno l'Audi presa con il mutuo, che vivono in una baracca con il contatore che salta da solo. Il Plus per chi ha preso l'Audi lavorando sodo come dipendente e va spesso in giro. Il Pro per coloro che non sono alle dipendenze di nessuno, che fatturano e muovono il paese.

Davide Moriello

Atissimi. Con Enel juice pass costa ancora molto meno

Manu

non malissimo no?

MatitaNera

Affarone!

HDBlog.it

Libero e Virgilio giorni di fuoco, davvero gli S23 non sono già ufficiali? | HDrewind 50

Auto

Citroen C5 Aircross Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi e comfort

Auto

Cupra Born eBoost 231 CV: è lei l'elettrica più bella del reame VAG? Prova e video

Auto

Mild Hybrid, Full Hybrid e Plug-in Hybrid: le differenze spiegate bene!