Toyota sostiene Energy Observer, la prima nave a idrogeno che punta a Tokyo 2020

09 Luglio 2018 17

Toyota estende il proprio supporto a Energy Observer, la prima nave alimentata a idrogeno lanciata lo scorso anno in Francia che dimostra e condivide soluzioni per estrarre energia in modo innocuo dalla natura, oltre a presentare tecnologie che supporteranno le reti energetiche del domani per renderle efficienti e applicabili su larga scala.

L'imbarcazione, che pochi giorni fa ha fatto tappa a Venezia, punta a raggiungere Tokyo prima dell'inizio dei Giochi della XXXII Olimpiade nel 2020 come affermato da Victorien Erussard, fondatore e Capitano di Energy Observer:

Condividiamo la visione dell'idrogeno come la chiave per accelerare la transizione energetica, una visione che vogliamo portare ai Giochi Olimpici del 2020 a Tokyo.

Energy Observer è la prima nave autonoma a idrogeno che non emette gas a effetto serra o particelle fini, e utilizza un mix di energie rinnovabili e un sistema che produce idrogeno privo di carbonio dall'acqua di mare. La tecnologia è il motivo principale della partecipazione di Toyota, che negli ultimi 20 anni ha sostenuto lo sviluppo delle celle a combustibile, le stesse che ritroviamo sulla Mirai, berlina a idrogeno che rappresenta il nuovo concetto di mobilità sostenibile della casa giapponese.

"Energy Observer è un'entusiasmante iniziativa e noi di Toyota Motor Europe siamo lieti di essere associati a un team così appassionato e dedicato: questo progetto dimostra ancora una volta i molti usi pratici dell'idrogeno che possono essere sviluppati durante la transizione verso una Hydrogen Society", ha dichiarato Matt Harrison, Vicepresidente Vendite e Marketing di Toyota Motor Europe.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 484 euro oppure da Unieuro a 569 euro.

17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Luca Zoboli

Io continuo a pensare di no.
La contro indicazione principale dell'idrogeno é lo stoccaggio e soprattutto la distribuzione.
Dovresti avere, come oggi con la benzina, cisterne che riforniscono i distributori.
Con l'elettrico elimini completamente la distribuzione perché puoi utilizzare l'infrastruttura giá presente.
Ritengo che il risparmio ottenibile con l'elettrico sia imbattibile.

CAIO MARIOZ

spettacolo!!!
l'Idrogeno è il futuro

Mauro_a_ahhh_96

Scusa ma secondo dove lo trovano il tempo se devono dirci di bere tanta acqua, mangiare frutta ed evitare di uscire nelle ore più calde?

luca bandini

non è nemmeno detto che debbano aumentare di peso visto che i serbatoi sparirebbero. il problema rimane con le batterie che però avrebbero avere un volume minore rispetto ai serbatoi quindi più spazio a bordo

marcof
francisco9751

no, é piu importante parlare di CR7 alla juve D:

Tony Musone

"Norway could have up to 60 pure electric ferries within three years, and the start of a new age of hydrogen powered ferries. Meanwhile a new law wil ban cruise ships form entering the countries protected fjords
...
There are now 21 LNG-powered or dual-fuelled ferries in the country, and the concept has now spread around the world and into many different ship types. Other fuels have also emerged such as ethanol and methanol. The first all electric ferry in Norway, Ampere, was launched in 2015, and a number of others have since followed, notably the Future of the Fjords, a all electric tourist boat in one of the country’s protected fjords."
https://fathom.world/norway-60-electric-ferries-first-hydrogen-vessels-3-years-ban-emissions-unesco-fjords-2026/

The_Th

certamente...
anche perchè aumentare il peso di una nave di queste dimensioni per attrezzature supplementari è un problema minore rispetto all'aumento di peso che potrebbe causare su un veicolo/auto...

luca bandini

certamente (anche più di 40anni) però sarebbe un bel progetto per garantire un grande scambio di merci abbattendo l'inquinamento

A Venezia? Ma ne hanno parlato al telegiornale?

Per non parlare del costo.
Si dice che le 3 o 5 navi più inquinanti al mondo inquinano quanto tutte le automobili esistenti messi assieme.

The_Th

penso ci vorranno anni, da quando la tecnologia sarà disponibile...
guarda questo prototipo e guarda un mercantile normale, le differenze sono abissali, qui tutto ottimizzato per i pesi e le superfici per i pannelli, in un mercantile peso estremo e zero superfici libere...

poi prima che la flotta circolante venga rinnovata ci vorranno secoli, ci sono molte navi da trasporto con 40 anni sulle spalle che ancora circolano, quindi quelle prodotte oggi verosimilmente circoleranno per i prossimi 40 anni...

Top Cat
luca bandini

speriamo di vedere il prima possibile i grandi mercantili e tutte le altre nevi che solcano gli oceani ad idrogeno. insomma è il campo più logico da cui partire visto che ti muovi in mezzo al carburante e hai meno problemi per gli ingombri

TheOnlyAlex™

grande toyota!

E K

è lenta come la muerte perché il sistema é acerbo e poco produttivo, direi che metterci un albero e usare l'idrogeno come sistema di backup o di supporto sarebbe piú astuto che puntare tutto sul trazione meccanica.

Top Cat

Certo che però si muove, dal mio punto di vista, non tanto velocemente.
Da 8 a 10 Nodi pari a 16/20 Km Orari.
Lodevole sotto tutti punti di vista.
Al massimo si consumano le parti che col tempo si logorano e non gli mancherà di sicuro il carburante e nemmeno inquina per estrarlo e nel suo utilizzo.

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren