Segway-Ninebot MAX G30: maxi autonomia per il nuovo monopattino elettrico | Video

07 Settembre 2019 266

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

A IFA 2019 è stato presentato il monopattino elettrico con più autonomia sul mercato: il nuovo Segway-Ninebot MAX G30 batte tutti i concorrenti grazie ad un pacco batterie da 551 Wh e un'autonomia massima di 65 km. Come suggerisce il nome, l'autonomia è il punto forte di questa nuova proposta della società controllata da Xiaomi dal 2015: un kick scooter dotato di caricatore in AC rapido (circa 6 ore), con un design evoluto rispetto agli attuali modelli.

Nuove sono le ruote, dotate di pneumatici anteriori e posteriori tubeless con diametro di 10 pollici: una soluzione che, secondo il produttore, rende la guida più fluida e stabile, anche su superfici accidentate. Maggiore anche la stabilità in frenata, grazie al sistema di arresto doppio e rigenerativo.

Il rischio di forature è stato ridotto, grazie uno speciale rivestimento protettivo di nuova concezione all'interno degli pneumatici.


A livello di impatto visivo, come mostra la tabella comparativa presente sul sito ufficiale, l'estetica è decisamente più robusta rispetto a ES1 e ES2, per via delle ruote dal diametro maggiore e dello spessore dato dal pacco batterie (che comportano anche un peso maggiore, 18 kg). Il nuovo monopattino elettrico sviluppa 350 W di potenza e può salire pendenze di circa il 20%. Assicurata anche la resistenza ad acqua e polvere, grazie alla certificazione IPX5 per tutto il corpo. La dotazione prevede luci anteriori e posteriori di posizione, luci di arresto e catarifrangenti laterali e posteriori. Tre le modalità di guida previste (Eco, Drive, Sport) oltre alla funzione cruise control.

Ulteriori specifiche di prodotto, prezzi e disponibilità al dettaglio di Ninebot KickScooter MAX G30 per i mercati EMEA saranno annunciati molto presto e potrebbero differire leggermente da Paese a Paese.


Nuovo MAX G30 sarà presentato a IFA 2019 (6-11 settembre) e verrà reso disponibile sul mercato sempre da settembre. È già preordinabile sullo store ufficiale ad un prezzo promozionale di 679 euro. Terminata l'offerta di lancio (fino ad esaurimento scorte), tornerà il prezzo consigliato di 799 euro.

VIDEO

Il top gamma più piccolo e pontente sul mercato? Samsung Galaxy S10e, in offerta oggi da TeknoZone a 469 euro oppure da Media World a 529 euro.

266

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ritornoalfuturo

Secondo me sei scemø. non serve il casco perché tanto "metto le mani avanti "..perché ogni caduta è uguale alla tua "metto le mani avanti "..."il caschetto non sarebbe servito a nulla "....anche se casco da un dirupo o mi investe in camion ai 90 all'ora sarebbe inutile ...ma che discorsi sono ???
Quandi il tuo singolo caso e la tua opinione personale e perché non ti sei mai fatto male anche senza casco vuol dire che non serve ???io non lo vedo nemmeno su bambini che stanno in bici per miracolo ..ti rendi conto???

A piedi si va ai 1km orario serve il casco secondo te ??? Correndo 3km orari serve ?? In bici 10/20 anche 50 in certe discese ... Ti rendi conto ???
Mai senti di ciclisti morti perché non avevano il casco ???

"chi ha indossato il caschetto ha ridotto effettivamente la gravità dei traumi cranici" fonte Welovecycling

Iniziamo col mettere in chiaro una cosa: se ti capita un incidente grave, indossare un casco potrebbe salvarti la vita.

Poi se aggiungo che 15 Ann fa è morta una mia amica a sciare perché senza casco ....ma tanto a che serve il casco sulla neve ...la neve è morbida ..

A che serve il casco in città ...tanto metto le mani avanti

Tony Musone

Purtroppo non sono più un bimbo da molto tempo. Sono quello che si chiama un ciclista urbano, uso la bici quasi solo in città come principale mezzo di trasporto. Pedalo a Milano (ma ho pedalato anche a Roma per mooolti anni) faccio almeno 18 km/giorno (qualche anno fa un po' di più, poco più del doppio) e purtroppo quasi nessuno di questi è (né era) su ciclabile. Ad ogni modo, le uniche due volte che sono caduto ho messo le mani avanti (anche quella volta che mi hanno aperto una portiera in faccia ho messo le mani avanti ma se l'autobus non fosse riuscito a frenare, un caschetto non sarebbe servito a nulla) nella stragrande maggioranza dei casi, soprattutto in città, se cadi di testa è perché t'investe qualcuno e uno dei due non ha rispettato il codice, la fatalità non c'entra nulla.

Comunque è evidente che, oltre ad essere convinto, hai un deficit di comprensione. Salùt.

p.s.
Sappi che se vuoi davvero bene alla tua ragazza dovresti obbligarla ad indossare un caschetto tutto il giorno, dalla mattina alla sera, ovunque vada. Perchè ripeto, i traumi cranici non si rimediano solo in bici, anzi ;)

https://www.theguardian.com/cities/gallery/2018/jun/11/copenhagenize-case-urban-cycling-graphs
https://uploads.disquscdn.c...

Aristarco

mi sa che allora il tuo primo post era scritto male...

Ritornoalfuturo

Ti parlo come se parlassi a un bimbo...perché vedo che non capisci o mi spiego male io.
L'esempio dello zucchero.
Spiegazione:
Te hai detto che io obbligo la mia ragazza a mettersi il casco ? E a te dispiace tanto ... perché io la obbligo ..te intendi che obbligare le cose alle persone è brutto..e non si fa .
Ma se due persone si voglio bene si "obbligano" cose per la propria salute ..io ti ho fatto l'esempio della mia ragazza che mi ha obbligato a non mangiare zucchero per il mio bene...che se stiamo a vedere fa più morti lo zucchero che non mettersi il casco .

Secondo te se si rispetta il codice della strada non si fanno incidenti in città.... Domanda : sei mai uscito di casa ? A piedi o in bici ? In città?

Non so deve vivi te e che trattati fai ..ma quello della mia ragazza é mezzo pista ciclabile e mezzo strada ...quindi il casco è obbligatorio da parte mia e deve metterselo.

Parlando della città "se uno sta attento non cade"...ma il casco serve propio perché se una persona si distree o metti che c'è bagnato per terra anche se sta attento fino allo sfinimento può cadere ...
A volte non è colpa nostra ma di altri ...
La testa se rotta non è che ti possono mettere il gesso come al piede o gamba ..

Tony Musone

E niente, devi avere un deficit di comprensione come tanti. Amen.
Salùt

Tony Musone

Ti tocca leggere qualcosa che non comprendi ma ancora peggio scrivi senza capire quello che scrivi. Perchè la storia dello zucchero che ti piace tanto, col caschetto, non ci azzecca per nulla.

p.s.
L'incidente come "avvenimento inatteso che interrompe il corso regolare di un’azione" soprattutto in città non esiste. Nel senso che se non si rispetta il CdS e si corre, è solo questione di tempo.

Aristarco

scusa tony ma veramente continui a ripetere le stesse cose, devo ripetermi pure io? hai detto chiaramente in un tuo precedente intervento che usare il casco in città non serve a nulla, è questa frase che bollo come m1nch1ata e mi spiace ma te lo ripeto, il motivo è molto semplice, la statistica può anche dire che il 99% delle volte non serve a nulla, ma a te basta rientrare nell'1% perché ti salvi la vita, che poi l'obbligo abbia ridotto il numero di ciclisti in australia mi frega relativamente, non conosco il paese, non conosco il loro codice della strada e non conosco australiani, per come la penso io e per le lotte almeno trentennali che ci sono state e che ci sono in Italia il casco è fondamentale sempre, pensa che c'è gente che ancora non usa seggiolini in auto per il trasporto dei bimbi, si va in 3 in motorino e tutti senza casco, siamo un popolo di pecore e purtroppo abbiamo bisogno di obblighi, i primi obblighi sani sono l'utilizzo delle cinture e l'uso del casco, che ovviamente non ti danno la certezza al 100% di non farti male o morire, ma scusa se mi ripeto, anche se fosse 1 possibilità su un milione ti salvano la vita e su questo non transigo, poi tu rimani della tua opinione, nessun problema , ma non cercare di convincere la massa che il casco sia inutile in determinate casistiche, perchè facendo così tendi a legittimarne il non uso...

Tony Musone

No. Non stai discutendo civilmente. Perchè definire una "minchi4ta" l'opinione altrui, tra l'altro basata su statistiche e condivisa da personale medico specializzato in traumatologia cranio-encefalica ed esperti del settore, a mio avviso è lontano dal concetto di discussione civile.

Ed è altrettanto evidente che ti siano sfuggiti altri miei interventi perchè anch'io (da ciclista urbano quale sono ed avendo anch'io perso tre amici, sempre per l'imprudenza e la velocità eccessiva degli automobilisti, di cui uno in bici e dove un caschetto non avrebbe fatto la differenza) sono parecchio sensibile al tema della sicurezza stradale (anche un po' ossessionato) ma con ciò, non credo che, soprattutto in città, trasferire la responsabilità della sicurezza da chi guida indisciplinatamente un'auto (il pericolo numero uno, se non l'unico, in città) al ciclista, possa essere LA soluzione ma solo l'ULTIMA delle soluzioni.

L'intervento che ti ho allegato (del presidente di un'associazione ciclistica australiana il quale inizialmente fu a favore dell'obbligatorietà) che hai bollato come l'ennesima inutile statistica e che evidentemente non hai compreso, non dice che "si muore e ci si fa male anche col casco" ma che quella legge (contrariamente a quanto si aspettava) ha prodotto il paradossale risultato di ridurre il numero di chi pedala (la qual cosa già di per sé diminuisce la sicurezza di tutti) senza ridurre il numero dei decessi e degli infortuni.

Il monopattino è una questione diversa perchè, come dimostrano le fredde statistiche, le probabilità di cadere autonomamente, senza l'intervento di terzi, anche a basse velocità, è molto più alta rispetto ad una bici, se non fosse altro per il ridotto diametro delle ruote, è per questo motivo che se li usassi indosserei un caschetto. Infatti molti produttori di monopattini, al contrario delle bici, nei propri libretti di istruzioni ne consigliano l'uso (anzi, io ne userei uno con mentoliera da MTB o, se fosse un modello particolarmente veloce, addirittura uno di quelli integrali da motocross)

matteventu
CegiONline
CegiONline

il manubrio traballava, in pratica l’itero canotto diventa lasco. Una l’ho anche persa per strada

TLC 2.0
Aristarco

io sto discutendo civilmente e ammetto che solitamente ti trovo preciso nelle repliche, ma bisognerebbe avere un pò di umiltà e ammettere i propri errori, hai scritto una stupidaggine, non perchè tu sia stup1do, ma perchè dopo decenni di lotta all'uso del casco, dire una roba del genere non sta né in cielo né in terra, scusa ma la sicurezza stradale è un argomento su cui mi infervoro, avendo perso più di una persona cara sulla strada, le statistiche dicono semplicemente che la maggior parte delle morti e degli infortuni avviene anche con il casco, ma se non ci limitiamo a leggere i freddi numeri si capisce che indossare un casco non comporta nessuno sforzo e salva vite umane anche ai 10km/h su di un monopattino....

Ritornoalfuturo

Incidente ..si chiama così proprio perché uno non lo fa apposta..ma a te non succede mai niente perché guardi a destra e sinistra ...

Il mio fotte una segä è riferito al fatto che se è obbligatorio o non obbligatorio io lo metterei sempre indipendentemente dalla legge .
Quandi la cosa giusta non dovrebbe essere obbligata....quandi la mia ragazza ha fatto a obbligarmi a mangiare meglio e senza zuccheri ??? Ma cosa mi tocca leggere .

Tony Musone

Io invece di obbligare la tua ragazza ad indossare il caschetto le consiglierei di guardare sempre a dx e a sx prima di attraversare una strada, a prescindere che il semaforo sia verde o sia abbia la precedenza, esattamente come in Italia farebbe un pedone. Questo insegna l'esperienza australiana ma a te "fotte segä".

Tony Musone

Continui a riportare una mia frase in cui davo per scontato ciò che ho precisato nei commenti seguenti perciò le minchi4te continui a scriverle tu così come sempre tu dimostri di avere un grave deficit di comprensione oltre all'incapacità di discutere civilmente.

Ritornoalfuturo

Una persona intelligente dovrebbe sapere cosa è giusto e cosa non. La.mia ragazza sta benissimo e non gli serve il tuo dispiacere .
Una ragazza come lei il mese scorso che andava al lavoro un camion è passato senza guardare lei gli va addosso ..frena di colpo , borsa sotto le ruote ...lei per terra con la testa piena di sangue .
La mia ragazza dopo che lo stressata mi ha ringraziato .
Come io ho ringraziato lei per avermi stressato a non mangiare più dolci e mangiare meglio .sono passato dalla 50 alla tagli 46/48.

Altra cosa lo zucchero .. l'OMS dice chiaro e tondo che per la nostra salute non bisogna consumare più di un tot di zuccheri ....non c'è una legge che impone di rispettare tale cosa ..ma sicuramente lo zucchero uccide più della bici .

Tony Musone

Da quel che scrivi e per come lo scrivi posso immaginare che "ti fotti segä dell'Australia e dei loro passi". L'importante è che così come nessuno obbligherà qualcun altro a NON mettere il caschetto in bici, nessuno deve obbligare a farlo... Per questo sono intervenuto e mi dispiacevo per la tua ragazza. Salùt

p.s.
Tra gli incidenti domestici maggiormente responsabili di traumi cranici c'è l'uscire dalla vasca da bagno e cadere dalle scale, ma non quelle a pioli, quelle di casa.

Aristarco

continuo a dirti che la frase che hai scritto:

il pericolo numero uno è rappresentato dalle automobili e contro di loro non c'è casco che tenga

è una minchi4ta, poi fai come ti pare, ti manca di citare delle statische iraniane e poi hai citato tutti

Tony Musone

È evidente che anche a te sfugga il mio (ma non solo mio) punto di vista. Nell'augurarti buona giornata ripeto per l'ultima volta: 1) I casi in cui un ciclista pedalando in città cada da solo o venga investito da un auto a bassa velocità e battendo la testa muoia, sono rarissimi. Quindi se lo scopo è quello di garantire maggiore sicurezza al ciclista urbano i provvedimenti urgenti e principali sono altri, il caschetto rappresenta un di più, così come dimostrano le esperienza in tutto il resto del mondo. 2) Siccome i ciclisti non sono gli unici e nemmeno la categoria più soggetta a subire traumi alla testa, allora, per logica, dovrebbero indossarli anche gli automobilisti, i pedoni e le casalinghe. Salùt.

“Australia is one of only two countries in the world with fully enforced mandatory helmet law. The number of people who ride a bike isn’t increasing and there has been no decrease in the number of bike rider fatalities. It’s clear that our bike policies aren’t working, so it’s important that we review everything,”
https://www.cyclehelmets.org/1207.html?NKey=108

sgarbateLLo

https://uploads.disquscdn.c...

Ritornoalfuturo

Io lo metto . Come metto delle protezioni a gli occhi quando faccio il fritto.
Fotte una segä dell'Australia e dei loro passi .. persone devono usare il loro cervello senza obblighi . Se una persona ritiene che fare le faccende di casa deve usare delle proteine lo faccia ..in teoria esistono le manera corretta or farle ...tipo non salire su una sedia e scala da soli ...ma in molti ritengono che non serve ..come può esserci una legge che controlli certe situazioni ...se uno è scemo c'è poco da fare

Tony Musone

E allora facciamo indossare il caschetto anche agli automobilisti, ai pedoni o quando si fanno i lavori domestici dato che anche in quei casi i traumi cranici non mancano, anzi.

Se davvero fosse la sicurezza quella a cui si punta, allora si dovrebbero aumentare le piste ciclabili e diminuire la velocità delle auto, dato che è stato dimostrato come queste due cose offrono maggiore sicurezza ai ciclisti, tanto da aumentarne il loro numero (il quale si è scoperto essere un altro elemento che aggiunge sicurezza: safety in numbers). Invece in quei (pochi) Paesi, come l'Australia, dove si è reso obbligatorio l'uso del casco il numero dei ciclisti è diminuito ma non i decessi, difatti alcune di quelle associazioni australiane che avevano spinto sull'obbligatorietà del caschetto, ora stanno tornando sui propri passi.

derapage

in volume è minore quindi la portabilità sarà migliore ma alla fine per farsi un idea è un ottimo metro di paragone, chiunque si è fatto le scale con le casse d'acqua!

Aristarco

forse non hai capito il punto, se si va in bici/sci/moto o qualsiasi di questi nuovi aggeggi monopattino/monoruota ecc. si va in mezzo al traffico a velocità sempre maggiore di uno che va a piedi, quindi è sempre bene indossare il casco, che per un milione di volte è inutile ma alla milionesima +1 ti salva la vita, e te lo dico da motociclista che ha sempre utilizzato i caschi integrali anche a 35 gradi, avendo visto di persona cosa significa sbattere la mascella a terra senza mentoniera...

Tony Musone

È vero in quei rarissimi casi in cui si riesce ad evitare una collisione con un auto e cadendo si batte la testa a non più di 25 km/h, allora sì, il casco non è detto che ti salvi la vita ma è possibile che lo faccia. Peccato che il caso suddetto sia una rarità, però se la logica è quella per cui basta che sia utile anche una volta sola allora mi arrendo ma consiglierei di utilizzare il caschetto anche in casa, in macchina e quando si cammina dato che molti traumi cranici avvengono tra le mura domestiche, in auto e tra i pedoni.

Ottoore

È un po' peggio di così, conta anche il volume e quindi la densità.

Aristarco

tu hai scritto:

Se si pedala in città con una bici tradizionale, il pericolo numero uno è
rappresentato dalle automobili e contro di loro non c'è casco che tenga

Questa è una minch1ata colossale....è una cosa falsa, perchè se per evitare l'auto si perde il controllo e si cade o ancora se si viene centrati e si batte la testa, contro la stessa auto o contro altri oggetti presenti in strada, il casco serve eccome e ti salva la vita

Ritornoalfuturo

A me dispiace per chi non lo indossa.

Anche quando non era d'obbligo il caso per i cinquantini ... c'era quello che diceva "ma non serve vado poco più veloce di un bici ".
Immagino persone che dicevano la stessa cosa per le cinture di sicurezza "non ci sono mai state ..e ora rompono le pällè"

E prima ancora ..."a che serve l'asfalto ..a me piace vedere il polverone di polvere con il mio carrezzone "..

Naturalmente tutto diventa e obbligatorio quando aumeteranno i casi ti teste rotte al pronto soccorso ...
Un po' come quando sistemano le strade con buche enormi e asfalto liscio come vetro ....sistemano quando succede qualcosa ...

Tony Musone

Ripeto, se tra i due c'è qualcuno che continua a scrivere m1nchiate quello non sono io. Perchè io non ho scritto che "il casco non serve" ma che "dipende dall'età, dove si va e cosa ci si fa in bici". Se vuoi/volete usare il caschetto fallo/fatelo, basta che non obblighiate gli altri a farlo. Da qui è nata la mia obiezione. "capito il concetto?" [cit.]

Tony Musone

Vabbè, questa è la tua opinione priva di qualsiasi fondamento, l'importante è non obbligare gli altri ad indossarlo, perciò mi spiace per la tua ragazza.

Aristarco

il fatto di dover ridurre la velocità per salvare le vite non esclude il fatto che sia meglio indossare il casco, nel 2019 dire che il casco non serve, è un'emerita m1nchiata, su qualsiasi mezzo, moto/bici/sci/monopattino o monoruota, il casco non salva la vita sempre, ma basta che te la salvi una volta e sono soldi ben spesi, hai capito il concetto? Poi è ovvio che andando più piano riduci il rischio di morire o avere traumi gravi

Tony Musone

Se tra i due c'è qualcuno che scrive m1nchiate quello non sono io. Per battere la testa non serve andare in bici, dato che il numero maggiore di traumi cranici si riscontra tra gli automobilisti e i pedoni. In città, come ho già scritto, il problema principale è rappresentato dalle automobili, le quali in caso di collisione non vanno a 10 km/h e nemmeno a 30, e contro quelle (purtroppo) non c'è caschetto che tenga. Però, il caschetto è consigliato per coloro che possono anche cadere da soli, entro velocità di omologazione dei caschetti (25 km/h) come i bambini, gli anziani o chi ha poca esperienza.

- Il neurochirurgo: “Ma quale casco obbligatorio? Per salvare vite bisogna ridurre le velocità”
https://www.bikeitalia.it/2019/07/15/il-neurochirurgo-ma-quale-casco-obbligatorio-per-salvare-vite-bisogna-ridurre-le-velocita/

Aristarco

non diciamo m1nchiate, casco sempre e comunque, se cadi anche ai 10 all'ora e batti la testa a terra rischi di rimanerci

TLC 2.0

Chi?

derapage

considera che una cassa d'acqua pesa 9 kg, quanto comodamente diusciresti a portarne 2 insieme?

sgarbateLLo

Disse Andrea alongi

Masterpol

questa estate avevo preso un es2 in offerta ma sfortunatamente ho fatto il reso prima dei 30 giorni. troppo fragili e problematici.

BannedWinS

Ma magari 25 km di autonomia, il mio in modalità sport (d’obbligo altrimenti sei fermo) ne arriva massimo a 16 tirato per i capelli ....

Ritornoalfuturo

Non capisci. E non capirai mia....ma soltanto quando un giorno a te o altri intorno a te (spero mai ) succederà qualcosa ..così per niente ....

Un po' come tutti ..."parcheggio li..tanto la parcheggiano tutti.."
"Non facciamo l'asfalto nuovo tanto non succede nulla.. é una piccolla stradina non passa nessuno ....."

Stessa cosa per il casco obbligatorio quando si va in scooter ...20 anni fa non era obbligatorio ..ma le cose devono essere obbligate altrimenti le persone non ci arrivano

steek

la quantità di traffico non è minimamente paragonabile a quella di una città piccola, le buche o i crateri ci sono ma si schivano facilmente. Non ,me ne farei nulla.

Andre Santos
NEXUS

povero tardo di un santos, adios albenese

Andre Santos
NEXUS

tardo albanese, io vado in bici da 30nni e anche in città
Torna a mungere il vitello

Andre Santos
NEXUS

ahahaha povero tardo, io faccio downhill, secondo te mi metto problemi nell'andare a 20 km/h in bici?

Mustafa

Domanda per quelli che già usano uno di questi monopattini elettrici: quando si parcheggia (in città) come si fa ad evitare che te lo rubino? bisogna portarselo dietro tutto il tempo? mi siete comprati un lucchetto apposta/esistono catene adatte?

guvodepa

se avessi aggiunto che accade anche da altre parti o da tutte le parti( si accede ovunque non ci sia un controllo, sappilo!!), non avrei detto che quello che scrivi viene definito "campanilismo"!!!!

la cosa più brutta è che non vi accorgete minimamente dei pregiudizi che avete, ma ancor peggio e non capire il perché questi pregiudizi non spariscono, SALvini su questo ci ha fatto un governo e tutta la sua vità è fondata sul prendere in giro gente che crede in questi pregiudizi.

la colpa è dell'immigrato brutto e nero, giallo e rosso, non di chi "non " gestisce l'immigrazione!
in merito, guarda come gestiscono i canadesi l'immigrazione.....un popolo con anni di civiltà da insegnarci....nonostante loro abbiano, quanto? 600 anni di storia? noi? 7000?

p.s. io resto della mia idea, spero che almeno tu la cambierai!

Garrett

Si però arriva a 25km di autonomia.
Allora meglio l'M365 pro

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti