Ssangyong Tivoli: recensione e prova su strada | HDtest

11 Agosto 2018 288

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Il test della Ssangyong Tivoli 1.6 turbodiesel con il cambio automatico a 6 rapporti. Un crossover dall’aspetto piacevole e con uno stile un po’ originale. Tra i suoi punti forti abitabilità, dotazione di serie e prezzo. Ma non solo…

Nuovo stile e nuova vita per il brand

Questo crossover di segmento B, che ha debuttato nel 2015 al Salone di Ginevra, ha dato il via a un nuovo corso per la Casa coreana: con un design molto dinamico, su una piattaforma inedita e con nuovi motori, con uno stile decisamente più europeo. Si è fatta subito notare con un look personale e il carattere deciso. E’ ben bilanciata e proporzionata, pensata anche per una clientela più giovane, che può scegliere tra colori vivaci e diverse varianti cromatiche con carrozzeria e tetto a due toni. A soli due anni dal lancio, si è rinnovata in alcuni dettagli, che l’hanno resa ancora più interessante: per esempio, ora ha un nuovo paraurti anteriore con i fendinebbia a LED.

E’ tutta un’altra storia rispetto alle vecchie Ssangyong di una volta: anche l’abitacolo di Tivoli si presenta bene, grazie ad interni realizzati con buone finiture, con materiali economici ma dal design gradevole. Sembra anche assemblata con cura. Se la scegliete con i vari pacchetti opzionali disponibili, come in questo esemplare che ha gli interni in pelle, saprà anche gratificarvi.

Quest’auto non delude le aspettative di chi cerca anche praticità e comodità: ci sono tanti vani portaoggetti, dal portaocchiali allo spazio a vista sopra il cassetto laterale. Grandi e comodi anche i porta bottiglia nelle portiere e tra le sedute posteriori. Non posso dire la stessa cosa invece del vano bagagli, con una capacità di poco superiore a un’utilitaria, però si può arrivare a 1.115 litri abbattendo gli schienali posteriori (60:40) su un piano quasi piatto ma abbastanza comodo. Peccato per la soglia di carico un po’ alta.

Si viaggia comodi e sicuri

Mi metto al volante e subito mi trovo a mio agio sul sedile, anche con la mia taglia: è ben profilato ai lati della seduta e dello schienale, e si regola addirittura anche l’altezza della cintura. Ho potuto apprezzare la comodità della seduta in un lungo viaggio: in effetti non stanca anche sulle lunghe percorrenze. In questa versione quelli anteriori sono riscaldabili.

Il volante ha una buona ergonomia e sono comodi i comandi per audio e cruise. La limitata vetratura, scelta per privilegiare lo stile esterno, toglie non poca visibilità e ci vuole l’assistenza al parcheggio: per fortuna è di serie la telecamera di retromarcia, perché lunotto piccolo e montanti posteriori ampi non aiutano di certo nelle manovre.

Nell’aggiornamento più recente hanno cambiato anche l’illuminazione del quadro strumenti, ora più morbida e gradevole con il nuovo colore orange. Trovo però che sia un po’ troppo affollata la zona dei comandi centrale sotto il display.

E’ abbastanza intuitivo da usare lo schermo touch da 7”, con il quale si gestiscono la radio, i lettori mp3 collegati alla presa USB, la retrocamera e anche il navigatore TomTom, con 5 anni di aggiornamento delle mappe incluso.

Comodo anche il divano posteriore, che può ospitare senza problemi tre persone, anche quella al centro, che di solito è quella più sacrificata: qui c’è molto spazio per le gambe e sopra la testa anche per quelli più alti, come su una vettura del segmento superiore. Insomma è un crossover comodo per la famiglia, spazioso, ma in taglia compatta.


Il motore dell’esemplare del test è un 1.6 turbodiesel a iniezione diretta con 115 cv e 300 Newton per metro di coppia. Potete averlo anche con un 1.6 a benzina 16v con 128 cv, oppure sempre con quel propulsore ma nella versione bifuel a GPL. Si può avere a trazione anteriore o integrale a controllo elettronico.

Sulla plancia, a sinistra del volante, c'è un tasto per scegliere tra tre modalità di guida: Eco, per migliorarne l’efficienza, oppure Winter, per ottenere una guida più morbida su fondi con poca aderenza, e infine Power, per avere un po’ di grinta in più. Il sistema modifica la reattività del motore e la gestione elettronica delle cambiate. A proposito, l’ho provata con il cambio automatico, un onesto AISIN a 6 rapporti, ma potete averla anche con un manuale a 6 marce.

La trasmissione automatica, dagli innesti fluidi, è adatta ad uno stile di guida tranquillo, di sicuro più turistico che sportivo. E’ abbastanza dolce nel funzionamento quando scala marcia per riprendere dopo un rallentamento; non è invece proprio scattante e rapido nei cambi di marcia e il kickdown non è molto reattivo.
Si può anche usare in modalità manuale spostando la leva a sinistra e poi per cambiare si usa un tastino un po' troppo piccolo che bisogna cercare col pollice sul lato della leva. Di sicuro è originale ma molto discutibile.
Questo automatico non sarà certo rapido ma, data la natura di Tivoli, nel traffico delle grandi città vi eviterà un po’ di stress, che non è poco…

Tivoli non è certo nato per correre. l’importante è non cercare in quest’auto la guida sportiva ma, se non avete fretta, si rivelerà comunque piacevole da guidare e va piuttosto bene.

Potete scegliere tra tre modalità di risposta dello sterzo: la Sport è la mia preferita rispetto alle altre. Comfort, che è comoda per le manovre, o Normal, entrambe poco dirette, ma non è comunque mai troppo sportiva o pesante. E’ davvero un peccato, lo sterzo non garantisce proprio un controllo preciso: manca un po’ di linearità in curva e nei cambi di traiettoria è poco progressivo.


Con Tivoli viaggiate sui 130 con un discreto confort acustico, i fruscii aerodinamici sono abbastanza contenuti, l’insonorizzazione non delude, e anche le sospensioni non sono male: assorbe infatti le imperfezioni stradali e il confort non manca. L’assetto non è male e anche con queste gomme da 18 pollici è un buon compromesso, e il rollio è abbastanza contenuto.
L’impianto frenante è decisamente migliorabile, specialmente sullo sconnesso, dove non rende al meglio e la frenata diventa un po’ lunga.

Anche in città la Tivoli si trova a suo agio: le sue dimensioni e la posizione di guida rialzata aiutano, con una buona visibilità anteriore.

Ma veniamo alla voce consumi: in media tra città, strade extraurbane e autostrada si percorrono almeno 20 chilometri, se avete il piede molto leggero anche 22, con un litro di gasolio. E’ anche sicuro grazie al sistema di frenata autonoma d'emergenza di serie, all’allerta di collisione frontale che consentono di riconoscere e prevedere eventuali pericoli fermando l’auto anche senza il vostro intervento.

Costa poco e offre tanto

Ecco un altro punto a suo favore: la dotazione di serie è sempre di buon livello rispetto al prezzo. Il listino parte da 15.950 Euro per la versione entry level che lancia la sfida alla concorrenza e comprende: cruise control e computer di bordo; servosterzo elettrico con le tre modalità dello Smart Steering; retrovisori esterni regolabili elettricamente e riscaldabili; clima manuale e luci diurne a LED.

E’ disponibile in ben sette versioni, per darvi modo di scegliere quella che più si addice ai vostri gusti e alle vostre esigenze. Nell’allestimento intermedio ora ci sono già il clima automatico bi-zona e il navigatore con schermo da 7 pollici touch screen.
Senza dimenticare che offrono ben cinque anni di garanzia (o 100.000 Km) e ora anche cinque anni di assistenza stradale.


L’impressione è proprio che SsangYong abbia scelto la strada giusta per ritagliarsi un suo spazio all’interno di un mercato tanto agguerrito: prezzi molto interessanti per un’auto con una certa personalità, dove si viaggia comodi e senza dover rinunciare troppo, anzi, con tecnica, qualità, stile e finiture lontane anni luce dal passato del brand.

Tivoli prova a farsi notare in un segmento tanto affollato: Citroën C4 Cactus, Fiat 500X, Hyundai Kona, Nissan Juke, Opel Crossland X, Volkswagen T-Roc. Credetemi, vanno messi da parte i pregiudizi. Bisognerebbe fare come fanno in America: via il marchio e il nome, prova “al buio” e poi ne riparliamo…


288

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Emanu_lele
sgarbateLLo

è una pontiac

Marika Dei Colli

E' la brutta copia di una mini countryman.

angelo parigi

Mah succede solo all'estero. Tornato in Italia per pochi giorni, operator switched, tutto ok. Stesso telefono, boh!

bruno

Credevo fosse cinese.

bruno

Tranne l'esplosione di qualcosa,tipo la marmitta che si arrugginisce e cade e le guarnizioni che si seccano e comincia a scricchiolare tutto.
Ma dove le comprare questa Fiat su marte?

Tk Desimon

auto inutilmente pesanti spinte da motori per berline.
oltremodo pericolosi sul bagnato e sulla neve (gomme larghe)
Brutti come la fame.
https://uploads.disquscdn.c... (GLE)

Eleganza significa C219. non quei catafalchi su ruote.
Catafalco: "Il catafalco è un'impalcatura in legno o altri materiali, ricoperta di parati (generalmente drappi neri), sulla quale si pone la bara o un suo simulacro durante le cerimonie funebri e le funzioni religiose." (Wiki)

scrofalo

7 anni ? Che doveva avere in 7 anni? Perdonami ma sulla punto di mio padre in 14 anni al di fuori delle manutenzioni previste ...mai fatto nulla.

Giu P

Uuuuu ti blocca , pericoloso sei ahahah

Luca

potrebbe essere stato un motore common rail, diverso da un motore a iniezione diretta. per questo l'hanno specificato.

Dopo la buik aztek (quella del professore walt di brba) ci metto questa, in ordine di bruttezza

PassPar2_

Se difendi con tanta forza quello stato, ti invito ad andarci a vivere. Sperando sempre che non sia Gay o abbia qualche spinta di libertà personale.

scrofalo

Se ti offendi sei permaloso . Cerca di essere obbiettivo ed eventualmente facendoti aiutare di capire che il tuo "corretto" esiste solo nel tuo giardino.

Assetto Corsa

No no anzi. Riesce a durare più di tutti gli altri. L'hanno studiato bene

Assetto Corsa

https://uploads.disquscdn.c...

Emanu_lele
Emanu_lele

È Coreana, costruita in collaborazione con i tedeschi della VW

Dwarven Defender

Quando i mezzi sono uno strumento di lavoro imprescindibile e una fonte di costo rilevante ti assicuro che se avessimo avuto gli stessi problemi avuti con Citroen, Renault e Opel avremmo cambiato nuovamente marca. Comunque mi piace l’argomentazione del tuo intervento... si vede che te ne intendi...

antonio

Ok grazie mille

ilmondobrucia
Nickever Professional™

perchè, in cosa ti sei trovato male nel guidarle? abitacolo? volante? dotazione scarsa? problemi nel fuoricittà?

bruno

Ne sono felice.
Peccato per i miei amici che se ne lamentano

Lukinho

Beh se compri una 500, un'edizione seria tipo la anniversario, per me è una gran macchina. Ha quel vintage che personalmente adoro.

Lukinho

Perché la 500 ha problemi con il tetto?

Lukinho

Beh nel suo segmento non c'è di meglio per la città. L'ibrido però rende meglio sulle cugine maggiori, come auris e Prius, ma comunque i 23 km con 1 litro li fai.

BlackLagoon

l’anteriore mostra un po’ gli anni, ma il posteriore rimane ancora estremamente affascinante.. largo, basso, molto sportivo e con i gruppi ottici ben proporzionati (parlo naturalmente del restyling)

asd555

Uguale la mia Mito.
Ha 10 anni e sembra uscita ieri dal concessionario.

bruno

Ma é cinese perché dovrebbe avere la fabbrica in corea?

bruno

Le giapponesi durano una vita.

bruno

Zero problemi con fiat?
Bella favola

bruno

La fiat fa pena.

bruno

Con acqua sulfurea integrata.
Una sciccheria.

Giulk since 71'

"Il motore dell’esemplare del test è un 1.6 turbodiesel a iniezione diretta"

Perchè ad oggi esistono ancora motori turbo diesel a iniezione non diretta?

Ungarus

La mia donna potrebbe pensarla diversamentea vabbé, la fiera dei luoghi comuni

Assetto Corsa

La nuova aygo è molto più carina della 500. Ma anche la panda è meglio (è la stessa macchina ma costa meno)

Assetto Corsa

Se compri una 500 ho i miei dubbi. Le auto non le considero, le uso per fare da A a B, ma comprare una 500, è come dichiarare la propria omosessualità.

Assetto Corsa

Vw usa un pianale modulare. Con quello ci fanno la polo, la golf e la passat (più le rispettive cugine delle case associate)

La tua Leon seconda serie fa parte ancora di quando la polo aveva un pianale tutto suo. Infatti è un pianale golf/passat

Assetto Corsa

Tu si che ne sai ahahahah

Assetto Corsa

La tua quanti km fa con un tetto?

saetta

Ix35 e un'auto di 5-6 anni fa intanto, ti parlo di degli ultimi modelli di Sorento Tucson Sportage santa fe nn so se ne hai avuta mai una o parli tanto x , non c'è niente da invidiare alle tedesche, il prezzo poi nn ne parliamo

saetta

Infatti

Harry_Lime

Ammetto che nemmeno io ho capito cosa intendi. E in ogni caso, la tua punteggiatura è tutto, fuorchè in italiano corretto.

Desmond Hume

https://uploads.disquscdn.c...

Desmond Hume

strano perchè le altre coreane Hyundai/Kia cercano di fare bene lato design.

antonio

OT: sono interessato a prendermi una yaris con motore hybrid, ne vale pena? Sono interessato xchè è una piccola macchina da città con cambio automatico...

Orgath

Beh no, non è italiano corretto.

Ungarus

Dai alla fine ci si discute bene, ti garantisco che qui dentro é tra i meno arroganti.

Tito73

Ma rispondi pure ad uno che usa quel linguaggio?

Tito73

Giusto la mini, non vedo altro anche se forse fa parte di un segmento si auto "più spaziose'' diciamo così!

Tito73

Non fa ridere

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini