Tesla, accordo con LG Chem per le batterie delle Model Y prodotte in Cina

24 Novembre 2020 20

Tesla si sta preparando a produrre la Model Y anche all'interno della Gigafactory cinese. I SUV elettrici costruiti in questo sito saranno destinati solamente al mercato locale. All'avvio della produzione non dovrebbe mancare molto visto che l'azienda di Elon Musk ha già ottenuto tutte le necessarie autorizzazioni. Un nuovo rapporto, però, svela un dettaglio interessante sulle Model Y che saranno realizzate in Cina.

Infatti, Tesla avrebbe stretto un accordo con LG Chem per la fornitura delle celle per le batterie delle Model Y cinesi. Secondo quanto si apprende, le celle sarebbero del tipo NCM (nichel, cobalto e manganese). Nello specifico, sarebbero destinate ai modelli Long Range e Performance del SUV elettrico. Non sono emersi, però, altri dettagli sull'accordo. Per la possibile futura versione d'accesso più economica della Model Y, invece, non ci sono informazioni precise ma il costruttore americano potrebbe utilizzare per le batterie le celle LFP (litio ferro fosfato) prodotte da CATL, le stesse utilizzate per la Model 3 Standard Range Plus costruita sempre in Cina.

Tesla ha l'obiettivo di produrre circa 550.000 veicoli in Cina il prossimo anno, 250.000 dei quali saranno Model Y. Proprio il SUV elettrico è fondamentale per la strategia di crescita del costruttore americano. Infatti, si stima che questo modello possa avere molto più successo della Model 3 sul mercato cinese.

Nell'attesa di riuscire a produrre direttamente in casa le celle per le batterie, Tesla deve per forza affidarsi ai produttori esterni. Si tratta dell'unico modo per riuscire a disporre di un numero sufficiente di batterie per soddisfare la domanda crescente delle sue auto elettriche.


20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Gianluigi

Per ora non hai spiegato però

stefano passa

no mi riferisco a quello che scrivono alcune riviste del settore

Gianluigi

Mai sentito di alcun problema grave o non gestibile. Né a livello di carica, né altro. Le nuove generazioni specialmente sono raffreddate a liquido e gestite dal BMS. A cosa ti riferisci? Un modello specifico?

stefano passa

non funziona cosi, le batterie sotto l'80% cominciano a creare molti problemi all'auto

Gianluigi

Non sono molto d'accordo : una tesla con autonomia dell'80% sui 500km iniziali ne ha ancora 400. Se dopo 10 anni, dopo essersi ben ripagata, vorremo tenerla (per risparmiare sull'acquisto di un modello nuovo), potremmo comunque usarla tranquillamente. Anche 300km di autonomia mi lascerebbero molto tranquillo. Per me le Tesla fra 10 anni avranno un gran bel mercato dell'usato

stefano passa

guarda che dopo 30- 40 anni oltre alla capacità di stoccaggio, si degrada e diventa obsoleto tutto il sistema,
probabilmente verrà sostituita con centrali di nuove generazioni molto più efficienti,

non ho detto la maggiorparte delle tesla,ma molte tesla dopo 200.000 km hanno un calo consistente delle batterie, e calcola che sotto l'80% le batterie non sono più buone per le auto elettriche,

stefano passa

cosa vuol dire che l'hai già pagata???
comunque io ho notizie che molte tesla dopo 200.000 km stanno sotto l'80%

stefano passa

mi stai dicendo che tutti gli abitanti dell'australia si sono visti dimezzare la bolletta??? fonti???
in italia se vai a vedere i costi della bolletta, il consumo effettivo inciderà si e no per un 20-30% il resto sono tasse e balzelli , e guarda caso una parte considerevole sono per pagare gli incentivi alle fonti rinnovabili
io di tesla che hanno superato 1 mln di km ne ho notizia di 2-3, e tutte hanno cambiato 1-2 volte il pacco batterie, e motori elettrici,
500.000 km è cosa diversa da 1 mln di km , sono la metà

Grewal

considera che un sistema di accumulo casalingo è garantito 10000 cicli di ricarica, con capacità residua del 70% almeno, quindi in realtà molto di più perchè la batteria viene stressata veramente poco nei sistemi di accumulo. facendo 1 ciclo di ricarica al giorno sono 27 anni
questo mantenendo una capacità di almeno 70%.
considera che una batteria per accumulo puoi sfruttarla benissimo finche non muore, questo perchè viene stressata molto meno che in un'auto, dato che l'hai già pagata e che occupa solo spazio e fa il suo lavoro senza creare problemi, puoi usarla per tantissimo.
la batteria delle tesla mediamente dopo 300k km ha una capacità residua del 90%, questo le batterie di 2 generazioni fa, le attuali sono pensate per fare 500/800k km, quelle che useranno l'anno prossimo in germania sono pensate per fare 1.5mln di km, e poi avranno una capaticà residua del 70/80%, poi le usi per 20/30 come accumulo ed infine le ricicli.

Signor Rossi
Grewal

si io per sistema di accumulo intendevo anche il power-grid con megapack etc etc

Signor Rossi
stefano passa

Io chiedevo chiarimenti
Come fai a dire che le batterie avranno un vita di almeno 50 anni?

Grewal

che cosa centra la bolletta scusa?
per quanto riguarda il chilometraggio, se tu rottami la tesla dopo 100k km le batterie sono ancora nuove, avranno una vita di almeno 50anni come sistema di accumulo e poi verranno riciclate...

stefano passa

quante sono queste tesla che hanno fatto 1 mln di km???
a quanti mln di utenti tesla ha dimezzato la bolletta?

Eros Nardi

In effetti sarebbe meglio non ripetere gli errori del motore termico

Gianluigi

quoto in pieno la risposta del Signor Rossi. Inoltre, faccio notare che non esiste nessun piano mondiale nè regionale per smaltire i motori a scoppio, nè tutte le parti necessarie al suo funzionamento. Esiste un mercato della ricambistica nato da solo e basta. Già va bene se le batterie al piombo vengono smaltite correttamente.
Tutte queste preoccupazioni sulle auto elettriche vanno ridimensionate, sia perchè durano come minimo una decade, sia perchè le batterie si possono reimpiegare in altri sistemi: dato che hanno ancora capacità di stoccaggio, hanno un valore non indifferente e nasceranno (già sono nate) aziende che recupereranno questi accumulatori o alla peggio le ricicleranno.

Queste stesse preoccupazioni sarebbe bene applicarle alle malattie e morti causati dai fumi della combustione, per non dire del riscaldamento globale.

Grewal
Signor Rossi
Chicco Bentivoglio

belle le auto elettriche ma prima di produrle in massa andrebbe fatto un piano mondiale per lo smaltimento delle celle esauste.

Auto

Buon Compleanno BMW M, una giornata indimenticabile in pista | Video

Auto

Vita vera con l'auto elettrica: Milano-Firenze a/r. Quanto costa, quanto tempo

Elettriche

Askoll eS3 e NGS3: provata la nuova gamma di scooter elettrici per il 2022

Auto

Mazda MX-30: la prova dei consumi reali, quanto costa la ricarica e costo per 100 km