La Gazzetta del Motorsport: Sergio Perez vince il GP dell'Azerbaijan

07 Giugno 2021 4

Sergio Perez su Red Bull si è aggiudicato il GP di F1 dell'Azerbaijan caratterizzato da diversi colpi di scena. Sembrava che per Verstappen potesse arrivare la terza vittoria del 2021 ma al giro numero 46, la gomma posteriore sinistra della sua monoposto si è afflosciata causando un indicente. Nessun problema fisico dopo il duro botto ma tanta amarezza visto che la vittoria avrebbe significato un allungo significativo in classifica mondiale. Già perché anche Hamilton ha chiuso il weekend con zero punti dopo ver commesso un errore clamoroso, per un 7 volte campione del mondo, che gli è costato la gara e soprattutto punti importanti per il mondiale.

Ad approfittare del weekend nero dei protagonisti del mondiale, Sergio Perez che ha potuto festeggiare la sua seconda vittoria in Formula 1. Ma per il messicano la vittoria è stata a rischio sino alla fine per un problema all'auto, tanto che subito dopo il traguardo ha dovuto accostare. La vittoria di Perez permette alla Red Bull di allungare nel Mondiale costruttori sulla Mercedes visto che Bottas non è mai stato in gara tanto da chiudere in dodicesima posizione.

Ottimo il secondo posto di Sebastian Vettel che regala all'Aston Martin il primo podio. Terzo posto per Pierre Gasly con l'AlphaTauri. E La Ferrari? Charles Leclerc termina il GP in quarta posizione dopo essere partito in pole. La SF21 dimostra di essere migliorata moltissimo nel giro secco ma che c'è ancora da lavorare sul passo di gara. Carlos Sainz ha chiuso ottavo. Da segnare anche il sesto posto di Fernando Alonso con la Alpine.

IN MOTOGP OLIVEIRA PORTA ALLA VITTORIA LA KTM

La KTM in MotoGP sta crescendo rapidamente e questo era evidente già da alcuni GP. A Barcellona è stata proprio la KTM a festeggia con Miguel Oliveira che ha condotto una gara davvero concreta sin dal via quando ha cercato di scappare, approfittando del fatto che Quartararo era rimasto invischiato nel traffico. Il francese della Yamaha, però, liberatosi degli avversari più lenti era riuscito poi a raggiungere il portoghese.

I due hanno viaggiato a lungo assieme studiandosi, cosa che ha permesso a Johann Zarco e Jack Miller di riavvicinarsi. Ma a pochi giri dal termine arriva un colpo di scena. La tuta di Quartararo si è aperta costringendo il pilota a rallentare. A seguito di questo problema, è arrivata dopo la fine del GP anche una penalizzazione. Per il francese, il weekend termina con un'amara sesta posizione. In realtà, le penalizzazioni sono state due visto che ha ricevuto anche una penalità di 3 secondi per un taglio tra le curve 1 e 2 quando era in lotta con Miller.

Miguel Oliveira vince dunque il GP. Al secondo posto Johann Zarco su Ducati. Terzo gradino del podio per Jack Miller sempre su Ducati. Gara deludente per Morbidelli e Bagnaia. Fuori Marc Marquez e Valentino Rossi.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Forse é anche sbagliato che in casi come questo, sia la Pirelli stessa a dover indagare e non un team di ingegneri neutrale.
Altrimenti é come chiedere a Boeing la causa della caduta di un suo aereo (giusto per fare un paragone).

Super Rich Vintage

Hamilton non ha rischiato, si è solo dimenticato di premere il pulsante per disattivare i Brake Magic. Per quel che riguarda Pirelli probabilmente i preumatici sono esplosi per usura, ma non si prenderanno mai la responsabilità e daranno sempre la colpa ai detriti in pista o le scuderie che hanno sbagliato invertendo i pneumatici o gonfiandoli con poca pressione.

Per fortuna che ad Hamilton, prima di partire gli avevano detto:
"ricordati che stiamo facendo una maratona, non rischiare..."
Son contento per Vettel e per Alpha Tauri.

Qualcuno sa qualcosa a riguardo di Pirelli? Gomme che scoppiano da sole... Mi ricorda Indianapolis.

Super Rich Vintage

Hamilton ieri avrebbe vinto facilmente, peccato che nella ripartenza abbia premuto il pulsante Brake Magic, frutto della massima tecnologia tedesca, che disattiva i freni per andare più veloci.