Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Lamborghini, le future supercar elettriche avranno oltre 1300 CV

09 Febbraio 2024 40

Il settore automobilistico sta assistendo a una rivoluzione epocale con l'avvento dei veicoli elettrici, e Lamborghini non è da meno. La casa automobilistica bolognese, sotto la guida del suo CEO Stephan Winkelmann, è immersa in un intenso programma di ricerca e sviluppo per la sua prima supercar elettrica. Questo progetto segna una svolta significativa per il produttore bolognese, noto per i suoi modelli endotermici che combinano prestazioni eccellenti e design all'avanguardia.

La visione del brand italiano per il suo primo veicolo elettrico è stata rivelata attraverso il concept Lanzador, una GT a quattro porte e ad alte prestazioni. La versione di serie di questo modello dovrebbe essere commercializzata attorno al 2028, promettendo di offrire una potenza superiore ai 1000 CV. Tuttavia, ciò che distingue l'approccio di Lamborghini è la sua enfasi sull'esperienza di guida e l'appeal emotivo, piuttosto che concentrarsi esclusivamente su numeri e performance.

EQUILIBRIO TRA POTENZA ED EMOZIONE

Nel corso di un’intervista con Autocar, Winkelmann ha sottolineato l'importanza di offrire un'esperienza di guida unica. Nonostante l'incredibile potenza prevista di almeno circa 1360 CV, per il brand bolognese le sensazioni emotive che si provano alla guida di una Lamborghini sono altrettanto importanti.

Tale approccio, che comprende sia l'aspetto tecnico (accelerazione, velocità massima, tempo sul giro e comportamento in frenata) che l'elemento emotivo, è fondamentale per la filosofia del produttore bolognese.

LE SFIDE DELLA TECNOLOGIA EV PER LAMBORGHINI

Il CEO ha riconosciuto che la transizione verso l'elettrificazione presenta sfide uniche, in particolare riguardo al rapporto potenza/peso e alla gestione del peso maggiore. Pertanto, la storica casa automobilistica italiana sta esplorando il potenziale di software avanzati e tecnologie di powertrain emergenti per migliorare l'attrattiva dinamica dei suoi futuri bolidi a zero emissioni.

L'obiettivo è raggiungere un equilibrio tra accelerazione, velocità massima e autonomia, una combinazione che Stephan Winkelmann ha descritto come quasi una “missione impossibile”. Nonostante le sfide, Lamborghini è ottimista sulla realizzazione di questo equilibrio e sull'abilità di offrire un'esperienza di guida convincente e unica.


40

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Frenkmn

La resistenza aerodinamica cresce proporzionalmente con il quadrato della velocità.... da possessore di una model Y quando vai in autostrada allegro vedi la batteria che cala a vista d'occhio.

Ardi08

ma dove? non fa manco 8m al Ring, una golf R la distrugge e ha molti meno cv...

Lupo1
Yanav Jiqoike

Ma basta con questa cosa l’inquinamento, avete stancato

Aster

Hai fatto benissimo;).

Aster

Hai fatto benissimo;).

roby

Ottimo perche' stavo pensando di non comprarle piu' se almeno non avessero 1301cv

ice.man

Bologna come provincia, non ho scritto S.Agata, che magari molti non la conoscono.

Yuki 22

Anche le auto elettriche inquinano, e comunque le supercar sono una goccia in un oceano

ACTARUS
DjMarvel

si, però è chiaro che se dicevo panda poi arrivava il green di turno dicendo che una elettrica da 200cv è più veloce

DjMarvel

No, ragiono perché ho provato. e guidare una tesla in montagna è di una noia allucinante. non senti nulla, solo lo stridere delle gomme (che sinceramente non è bello) non devi cambiare,
poi lascia stare che dentro i sedili sono piatti e per nulla comodi in una guida veloce. ma è un problema di tesla.
magari potessi avere la yaris GR 3 cilindri, uno spettacolo.
però immagino, tu sei più tipo da treno, autobus, bicicletta. o auto a guida autonoma. non tutti apprezzano determinate cose.

R_mzz

Ragioni con il paraocchi, non è il motore a determinare il piacere di guida.
Puoi divertirti anche alla guida di una Tesla Model 3.
In un mondo pieno di 3 e 4 cilindri, le auto elettriche non possono che migliorare la situazione.

ACTARUS
DjMarvel

se il piacere lo limiti solo al rumore è evidente che non ne capisci molto di macchine.
guidare (non la panda) significa guidare col sedere, la schiena, le mani, i piedi, le orecchie. Saper cambiare al numero di giri corretto, entrare nelle curve col numero di giri utile per il freno motore e per uscire col la coppia necessaria.
Con l'elettrico tutto questo non esiste.

R_mzz

O forze, meglio, la gente capirà che il piacere di guida non è nell'avere un rumore sotto al cofano.

1000 volte meglio guidare una Tesla Model 3 che un 3 o 4 cilindri.

DjMarvel

l'orologio meccanico funziona con una fonte energetica sempre disponibile.
il motore a benzina purtroppo diventerà sempre meno disponibile. Perderemo il vero piacere, come la gente ha perso il piacere di tante altre cose.

DjMarvel

perché? almeno non saremo più invidiosi delle supercar.

mruser2

Da usare nelle zone 300

R_mzz

Un orologio meccanico non inquina, un'auto a benzina sì.
Il paragone non ha senso.

Le auto a benzina sono da paragonare a tanti prodotti dannosi o pericolosi che vengono vietati o limitati nella vendita: benzina con piombo, amianto, droghe, alcol, Freon, sostanze tossiche, ecc...

Paolo Giulio

Che brutto futuro ci aspetta...

Aster

Al massimo sant'agata.

Aster

Al massimo Sant'Agata bolognese

GioCarro

Perfette per girare a Bologna.

Simplyme

In teoria sì.

Però le supercar si prestano meglio alla transizione perché il proprietario può spendere di più...

T. P.

ma questi acquirenti potrebbero anche comprarsi i camion cisterna per la bisogna! :)

Fandandi

Puo' succedere certo, personalmente non ci scommetterei. Non vedo molte similitudini tra smartwatch e supercar

DjMarvel

ma devi avere anche stazioni di servizio che forniscono la benzina.
un orologio meccanico funziona ovunque.

DjMarvel

anche perché o si inventano una super batteria, per avere supercar elettriche con 200kwh e 1000kg a secco, e quindi anche solo 1000cv possono andare bene, altrimenti se hai lo stesso peso di una berlina cinese con gli stessi cv, è difficile avere un prodotto con una differenza di qualche minuto in pista.

Yanav Jiqoike

Gli orologi di lusso sono ancora quelli meccanici, non vedo perché non debba succedere la stessa cosa con le auto

Luigi

Sembra una battuta, ma potrebbe essere una motivazione reale: se centinaia di cv con l'elettrico sono disponibili a costi relativamente bassi, un costruttore di supercar è costretto a spostare l'asticella sempre più in alto, a costo di sfiorare il ridicolo.

Ratchet

Solo?

DjMarvel

solo 1300 cv? le hanno le berline cinesi.
Se fossi un cliente lamborghini ne pretenderei almeno 2000

Yuki 22

Vero anche quello

Fandandi

Le generazioni nuove crescono in mondo diverso, avranno passioni e gusti diversi.

Yuki 22

Non so quanti veri appassionati di super car ne vogliano una elettrica, ma va beh, opinioni

Davide

speriamo provenga tutto dal gruppo, altrochè

Fandandi

Durante la transizione avrebbe anche senso come discorso, ma a lungo termine direi che possiamo ipotizzare una non indifferente scarsita' di distributori di benzina. E poi bisogna anche andare in contro alla sempre piu' crescente fetta di appassionati dell'elettrico.

ice.man

sono curioso di sapere se saranno autovetture 100% ingegnerizzate a Bologna o se ricicleranno progetti dalla Joint Venture Bugatti-Rimac di cui il gruppo VW detiene quote.
P.s. non c'e' unlla di vergognoso a riciclare progetti, per decenni la Maserati ha riciclato progetti/componenetistica Ferrari

Yuki 22

Ma almeno le super car non possiamo lasciarle a benzina?

Motorsport

Formula 1: ufficiale, Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025

Auto

Hyundai Kona Electric (2024): prova consumi d'inverno e ricarica rapida | Video

Auto

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Economia e mercato

PETRONAS, intervista a James Mark: il futuro parte da Torino