Monopattini elettrici solo nelle zone 30: in arrivo sanzioni molto pesanti

20 Gennaio 2020 385

La Legge 160 del 27 dicembre 2019 aveva equiparato i monopattini elettrici alle biciclette. Si trattava di una piccola grande rivoluzione per favorire la diffusione della micromobilità elettrica e per fare un po' di chiarezza al caos generato dal decreto Toninelli in merito alla sperimentazione di questi mini veicoli elettrici.

Nemmeno un mese dopo arriva un emendamento al decreto Milleproroghe che cambia già alcune cose. Modifica inserita per specificare meglio i limiti dentro i quali i monopattini elettrici potranno muoversi sulle strade italiane.

COSA CAMBIA

La prima novità riguarda proprio i monopattini elettrici che potranno essere equiparati alle biciclette. La nuova normativa prevede che questi veicoli debbano avere un motore elettrico con potenza non superiore ai 500 watt. La velocità massima non deve superare i 25 Km/h. I modelli che non rispettano questi limiti semplicemente non potranno circolare.

Per quanto riguarda la circolazione su strada, l'emendamento mette nero su bianco che sarà possibile correre solamente sulle piste ciclabili, nelle aree pedonali (limite di 6 Km/h) e sulle strade urbane con limite di 30 Km/h (zone 30).

MULTE

Chi non rispetterà queste disposizioni potrà essere multato, anche in maniera molto pesante. Chi utilizzerà un monopattino non conforme rischia una multa che può partire da 200 euro sino ad arrivare a 800 euro. Inoltre, il mezzo potrà essere anche confiscato. In caso di infrazione dei limiti di circolazione, le multe potranno andare da 100 a 400 euro.

Sanzioni molto pesanti, sicuramente pensate come deterrente per eventuali utilizzi "fuorilegge".

HOVERBOARD E MONOWHEEL

Novità anche per veicoli come segway, hoverboard e monowheel. Secondo l'emendamento, potranno circolare solamente se dotati di motore elettrico. Anche in questo caso multe molto salate per il non rispetto delle norme di circolazione. Si va da 200 euro sino a 800 euro. Prevista anche un'eventuale confisca del mezzo.

La palla passa ora al Parlamento che dovrà approvare l'emendamento che ha già suscitato diverse polemiche tanto che chi si era battuto per l'equiparazione tra bici e monopattini elettrici ha fatto sapere che si adopererà affinché non venga approvato.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro è in offerta oggi su a 507 euro.

385

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Leonardo Valeriano

Sono d'accordo con te che alcune situazioni sono assolutamente sicure e tranquille, per cui è auspicabile vengano inserite nei limiti permessi dei monopattini e similari. Dico solo che preferisco stare stretto all'inizio e raffinare la soluzione integrando, piuttosto che stare troppo largo all'inizio e poi raffinare stringendo, perché la necessità a quel punto sarà solo per mettere un fermo alle morti. Il fatto che in certe situazioni le bici sono permesse ma nessuno ci va, non è una giusta motivazione per liberalizzare, perché se uno è libero di farlo lo deve poter fare e il mondo è bello perché è avariato e quindi di sicuro qualcuno lo farà. Diciamo poi che il codice della strada, ma forse anche la progettazione stessa delle strade andrebbe rivista, perché obbligare per esempio per legge a fare strade extraurbane classiche tra paesi con una strada a fianco specifica per biciclette, pedoni, monopattini, ecc. non sarebbe una cosa così stupida, ne guadagnerebbero tutti.

L0RE15

Era ovviamente inteso che non serve un'abilitazione con patente od esame, quindi è impossibile stabilire o controllare che un pedone, ad esempio, abbia conoscenza del cds nonostante uno "sia tenuto a conoscerla comunque". Se nessuno controlla e non ci sono documenti attestanti la conoscenza.
Per il patentino, meno male che c'è almeno si cerca di inculcare qualcosa in età adolescenziale. E per fortuna che anche alle scuole elementari qualcosa si fa, in classe o con eventi esterni.

L0RE15

Ovviamente si parla a parità di situazione. Sia sul monopattino che sulla bici si è in equilibrio su due ruote. In questo stato, l'equilibrio migliore lo si ha se il sedere è appoggiato (e di conseguenza la schiena).

GinoGinoPilotino

C’entra che per comprarsi un’auto e guidarla hai un costo iniziale che filtra il numero di partecipanti, così aumenti la platea degli utenti a discapito della sicurezza della strada.
Perché no vuoi vedere come si muovo quelli col monopattino in strada ? Forse bastian contrario per default ?
Sulle ciclabili, negli spazi appositi e ben regolamentati ed educati tutto ok! Non il caos della giungla.
Come dici bene te ci sono già gli altri con auto moto scooter e camion a fare cose senza senso, vuoi aggiungere altro ?

Luca

Di niente, si figuri! ;)

Vittorio

Ha ragione, il decreto Toninelli era quello sulla sperimentazione, mea culpa!

Luca

Mah...la premessa del suo discorso é anche sensata, ma le cose che propone assolutamente no. Pure le biciclette non fanno rumore e se ti arrivano da dietro non te ne accorgi. Il clacson non serve, i monopattini hanno già il campanello, come le biciclette.

Per quanto riguarda i fari i monopattini ce li hanno (quelli omologati). Hanno il faro anteriore, le posizioni e gli stop (io ho uno Xiaomi che ha tutte queste cose). Cose che la maggior parte delle biciclette si sognano (quelle più comuni hanno giusto il faro a dinamo e un catarinfrangente posteriore che eprò non é nè posizione nè stop).

Il gilet catarifrangente obbligatorio, onestamente, é davvero esagerato. Hanno già fari, posizioni e stop. (Parlo sempre dei monopattini veramente pensati come mezzi trasporto e non come giocattoli).

Per il fatto che il monopattino é più piccolo di una bicicletta: mah...va esattamente dove può andare una bicicletta. Nè più e nè meno. Non mi viene davvero in mente un posto dove possa andare il monopattino e la bicicletta no.

Poi, anche fosse, quello che propone lei allora dovrebbe valere anche per le biciclette, quando invece finora non ce n'è mai stato il bisogno.

Luca

Ma anche fosse: cosa c'entra il monopattino? È l'usare lo smartphone mentre si guida (qualsiasi mezzo) che é sbagliato. E succede anche e prima di tutto a chi guida le auto.
Non vedo proprio cosa c'entra e perché prendersela con i monopattini per questo.

Se odiate qualsiasi forma di cambiamento e di progresso ditelo e basta, senza arrampicarvi sugli specchi.

Luca

Si sbaglia. Cerchi meglio. L'emendamento che li ha equiparati alle biciclette e che li ha, di fatto, davvero liberalizzati é di Eugenio Comincini, di Italia Viva. Ecco il link:

https://www.ilsole24ore.com...

Mentre Toninelli e Traversi (M5S) vogliono di nuovo fare marcia indietro e imporre delle restrizioni (più che regolamentarli, come sarebbe giusto):

https://www.repubblica.it/c...

Toninelli aveva fatto il decreto per la "sperimentazione":

http://www.mit.gov.it/comun...

Vittorio

No. Toninelli ha fatto il decreto ormai entrato in vigore che equipara i monopattini alle bici.
Questo emendamento (o presunto emendamento visto che non è ancora stato presentato) è di un altro 5stelle (Traversi).

Alex

alle auto parcheggiate sulle ciclabili 2000€ di sanzione
per quanto riguarda il discorso ciclabili ribadisco che chi sta fuori è str onzo e pure maleducato verso la comunità che spende decine e decine di migliaia di euro per creare queste strutture ad hoc e mettere in sicurezza i ciclisti; se poi ti sei sentito "toccato" perchè fai parte della "categoria" dei ciclisti che preferiscono sfrecciare sulla strada, non me ne può fregare nulla.

REC

Ne ho 2 e mi arriva il terzo tra un mese.
Ci vado ovunque, zone urbane e non, porto i bambini a scuola e i vigili quando mi vedono fermano le auto per farmi passare come una qualsiasi bici o pedone.
Ma di cosa stiamo parlando????
Il controllo che hai sul monopattino lo capisci solo guidandolo, lo gestisci molto meglio di una bici e ti fermi prima.
Le persone ti guardano terrorizzato come se ti vedessero arrivare sul marciapiede su una Bentley Continental GT lanciata a tutta velocità.
È normale avere paura di ciò che non si conosce, ma il problema è l'approccio "non so, non capisco quindi fermiamo tutto".
Se non sai e non capisci semplicemente non parli a caso, non legiferi a caso, non fai terrorismo psicologico e non strumentalizzi ma ri fermi tu e non fermi gli altri, ti studi il problema e poi ne parliamo.
Provateli prima di parlare sono la nemesi del traffico

DDDEMO25

E invece nel traffico congestionato di auto della mattina, del pomeriggio e della sera, cosa succede?

DDDEMO25

Occhio: come ho già detto ad altri, se il percorso è ciclopedonale secondo fonti autorevoli il ciclista non è obbligato a percorrerlo. E spesso è proprio in ambito extraurbano, quindi sulle "statali", che vengono realizzate le ciclopedonali.

Abituatevi a riconoscere dai cartelli i diversi tipi di percorso ciclabile: spesso, ciclisti che considerate irrispettosi delle regole potrebbero invece essere nel giusto.

DDDEMO25

A domanda "sensata" ho dato una risposta "sensata". Non c'è scritto da nessuna parte che l'anonimato autorizzi l'iperpermalosità, eh!
;-)

DDDEMO25

"Dove vivete per vedere tutti sti pericoli causati da bici e monopattini?" Me lo chiedo anch'io...

Luca

Se sei seduto su una sedia che ha 4 zampe ed é ferma a terra é chiaro che non puó cadere.
Qui non stiamo parlando di stare in piedi o seduti da fermi e con i piedi (o con una sedia) a terra, qui stiamo parlando di stare seduti o in piedi su due ruote.
Si parla di capacità di reagire velocemente.

Davvero, ma come ragiona?

ice.man

posso condividere, ma a questo punto mettiamo un vincolo tipo patentino del ciclomotore che piu che sull'utilizzo del mezzo è sulla conoscenza del codice della strada

DDDEMO25

"Rispetto delle regole COME per le auto". Oddio: mi stai dicendo che chi va in auto le regole le rispetta?

:-)

DDDEMO25

Linguaggio maleducato a parte: sulle ciclabili, spesso, trovi auto parcheggiate: diamo multe da mille euro anche a questi automobilisti, visto che oltre a intralciare chi la ciclabile dovrebbe usarla, non utilizzano i tanti parcheggi costruiti con i soldi della comunità?

Ah, ti informo anche che, secondo una circolare ministeriale, i ciclisti non sono obbligati a percorrere i percorsi ciclopedonali, ti basta una veloce ricerca online per verificarlo. Quindi, quelli che tu chiami stronzi, pensa un po', potrebbero invece essere dalla parte della ragione.

efremis

Dalla tua risposta si evince che la domanda è molto sensata visto il paragone con le biciclette. Non c'è scritto da nessuna parte che, visto l'anonimato, bisogna sempre fare gli antipatici su Disqus

DDDEMO25

Imporre la patente di guida a chi va in bici non ha nulla di sensato: la bicicletta è proprio il mezzo che usa chi la patente, per qualche motivo, non può averla come bambini, ragazzi e persone anziane.

DDDEMO25

"Una bicicletta o un monopattino li può guidare anche chi non conosce nulla relativo alle leggi del CdS".

Falso: il CdS è una legge dello Stato, quando vai per strada sei tenuto a conoscerla comunque, sia che tu sia alla guida di tir con rimorchio, sia che tu vada a piedi.

La patente di guida non è un'attestazione generica di conoscenza del CdS, se così fosse dovresti pretenderla anche per chi va per strada a piedi: è un'abilitazione alla guida di determinati mezzi, tra i quali ad esempio sono compresi automobili e motocicli, ma tra i quali le biciclette non sono mai state comprese.

Per quanto riguarda i monopattini elettrici, se non ho capito male, è richiesto il "patentino" (quello per la guida dei ciclomotori), nel caso chi guidi il monopattino abbia un'età compresa tra i 14 e i 18 anni, mentre non è richiesto nessun attestato per chi è maggiorenne.

DDDEMO25

Anche i pedoni possono impegnare un incrocio: che dici, pretendiamo la patente di guida pure per chi attraversa una strada a piedi?

DDDEMO25

Beh, certo: tolti i marciapiedi e i percorsi (i percorsi, non le aree) pedonali da una parte, e le autostrade, tangenziali e le strade con divieti espliciti dall'altra, le bici possono andare ovunque. Che domanda è?

Simone

camion che mi supera creando spostamento d'aria avvertibile anche da un'autovettura..ok ma questo situazione in una città quante volte capita?
Forse su corsi a doppia corsia per senso di marcia dove nessuno va in bici o monopattino! Nessuno viaggia in bici/monopattino su corsi a grande scorrimento dai!!
L'assurdità è che in una vietta dove già in macchina si va ai 20 km/h, ma con limite a 50 km/h, una bici ci può passare e un monopattino no!!

Perry ebbasta

I monopattini, proprio perchè hanno un'impronta a terra poco più
grande di quella di un pedone e vanno ben più veloce, potrebbero essere
dove gli altri conducenti non se li aspettano, cosa che aumentoa considerevolmente la possibilità di incidenti. Ritengo pertanto che, più che introdurre limitazioni all'uso, sarebbe giusto introdurre delle tassative prescrizioni, del tipo:

- per le aree pedonali: ok il limite di 6km./h, sarebbe giusto imporre un dispositivo sonoro che producendo un ronzio avverta il pedone che dà le spalle del sopraggiungere del monopattino.

- per l'uso sulla carreggiata, accorgimenti sia per migliorare la visibilità
(immagino ad esempio l'uso obbligatorio di un gilet catarifrangente) che
la sicurezza (casco, che dovrà avere anche la luce di posizione
posteriore per l'uso notturno: quella eventualmente presente sul mezzo
sta, per forza di cose, troppo in basso). Senza questi requisiti, sulla carreggiata il monopattino andrebbe portato a spinta.

- Per entrambi gli usi:
obbligare all'installazione di un clacson elettrico di potenza adeguata
(dispositivo che sarebbe giusto imporre anche per le bici, elettriche e non).

Leonardo Valeriano

Ma non mi sembra il caso di insultare nessuno, non penso proprio di avere un cervello di 100 anni fa. Detto questo il monopattino l'ho avuto a casa a lungo, mai quelli elettrici, vero, ma non vedo grosse differenze tra un uso e l'altro: sei sempre con un piede avanti e uno dietro, posizione non stabile, visto che vai avanti, non di lato. Faccio snowboard, mai provato? Lo spazzaneve, per chi impara è la posizione con entrambi i piedi paralleli, perché è più stabile, ed è la posizione della bicicletta. Quando impari poi ti lanci con un piede avanti, ma solo dopo e comunque per stare in piedi devi fare zig Zag, perdere il baricentro da una parte e poi rispostarlo dall'altra, continuando ad alternare stati meno stabili. Se tu sei convinto di poter resistere ad un camion che ti supera che fa sentire lo spostamento ad una macchina, ti lascio convinto di poterlo fare, sarei solo curioso di vederti all'opera in quella situazione. Invece si certe strade 50 all'ora effettivamente non ci sarebbe nulla di male, tipo alcune vie di paese, vie tranquille... C'è tempo di migliorare ed allargare le tipologie di vie permesse, ma lascerei fuori extraurbane e vie a corsie multiple, vie supertrafficate che obbligherebbe a stare in mezzo alla strada per colpa degli imbecilli in doppia fila ecc ecc. Io rimango dell'idea che in quei casi il monopattino deve andare sul marciapiede, come lo skateboard e compagnia bella.

pollopopo

tutti lo conoscono e allo stesso tempo lo ignorano.... inoltre andrebbe insegnato a scuola insieme all'educazione civica 'pratica'........

Desmond Hume

purtroppo il buon senso non basta e ci deve essere la sensibilità delle singole amministrazioni. Abito in una discesa dove auto e moto venivano giù a cannone. Han dovuto mettere un paio di dossi dopo un paio di incidenti perché giustamente se non succede nulla non si muove nessuno.

Luca

Ma che c'entra adesso l'inquinamento? Ma l'hai capito il senso del discorso che ti ho fatto?!? Non c'entra nulla l'inquinamento in quello che ti ho detto. E anche fosse, perdonami, ma non credi che se avessimo avuto due macchine e avendo preso ognuno la sua avremmo inquinato certamente di più? Ma ci pensi un attimo prima di rispondere cose senza senso?!?
Provo a rispiegartelo con meno parole: dobbiamo uscire entrambi e almeno la prima parte del percorso é uguale per entrambi. Quella parte del percorso la facciamo in macchina insieme (metti che magari questa prima parte del percorso é anche di svariati chilometri, ma non necessariamente). Poi ad un certo punto ci dividiamo e io prendo il monopattino per fare i miei giri, mentre lei prosegue con la macchina per fare i suoi. Ognuno di noi due deve fare cose diverse in posti diversi e almeno una macchina l'avremmo comunque presa. é chiaro questo? Te lo devo spiegare in maniera ancora più semplice?!?
In ogni caso in quell'esempio l'inquinamento non c'entra niente. Io ti stavo spiegando una comodità e una cosa che non si può fare con nessun altro mezzo. E se non ne capisci il senso io mi arrendo. Davvero. Sei senza speranze.

LA PIOGGIA:
Ma l'hai letto l'altro commento che ti ho scritto prima di quello?
Io il monopattino lo uso ogni santo giorno COMPRESO QUANDO PIOVE! L'acqua ME LA BECCO!

Boh, va be'...ci rinuncio. La colpa é mia che ci perdo tempo.

GeneralZod

Dove vivo io esistono tratti abbastanza brutti, sia per la qualità del manto stradale, sia per la velocità media delle auto. In tali circostanze occupare il margine della carreggiata è un rischio da non sottovalutare per la propria incolumità. A prescindere dalla legge il buon senso mi avrebbe fatto evitare molti tratti insomma.

GinoGinoPilotino

Ti farò foto

L0RE15

Ah quindi lei ha piú equilibrio da in piedi che da seduto! Wow, la scienza sarebbe felice di studiarla!

ps. faccio 10mila /anno in bici.

Addio.

L0RE15

Guardi, non le ho messo in bocca nulla: erano mie considerazioni inserite volutamente nell'ambito del discorso. Ho scritto che erano parole sue?! No. Inutile parlare con chi si sente attaccato senza motivo ad ogni parola. Se lei parte arrabbiato e frustrato a prescindere, non é colpa mia.

L0RE15

E in quell'esempio dove starebbe il risparmio di CO2 ed il minor inquinamento, il minor costo e il minor traffico generato se usate sia la vettura (tanto quanto prima: ok, forse risparmiate qualche km) che il monopattino? Considerando, inoltre, che quando piove probabilmente non userete il monopattino e quando avrà bisogno di portare una borsa, idem...

Luca

Te non hai visto proprio niente. Basterebbe provare un monopattino UNA sola volta e per un solo minuto per rendersi conto che guidarne uno con una mano sola mentre con l'altra si usa lo smartphone é impossibile.

Luca

Potresti apportare prove e documenti a supporto? Per affermare che é un fatto scientifico ci vogliono anche le prove.
Ci sei mai salito su un monopattino? L'hai mai guidato?

Ti spiego in quali situazioni, ad esempio, su un monopattino sei decisamente più stabile rispetto ad una bicicletta. Se con la bicicletta ti capita, per un qualsiasi motivo, di sbilanciarti lateralmente devi appoggiarti con la gamba a terra e rimanere così. A meno che non riparti, devi poi poter scendere dalla bicicletta e, nel caso di una bici da uomo, devi aver lo spazio di manovra per poter scavallare il sellino con la gamba che invece é ancora sul pedale (e la stabilità per poterlo fare, che, a volte, se ti stai fermando di colpo non hai).

Col monopattino sei già in piedi. Scendere di botto dal monopattino é un attimo. Al limite lasci il monopattino e cade quello, ma cadere proprio di persona é molto più difficile col monopattino che con una bicicletta. Chi afferma il contrario non ha mai provato ad andare con un monopattino o non é capace di farlo. E magari non usa nemmeno la bicicletta.

Luca

Altro esempio che magari può tornare utile a capire quanto possono essere comodi i monopattini elettrici rispetto anche solo ad una comunissima bicicletta: in certi casi io posso uscire di casa in macchina insieme alla mia compagna, perché almeno parte del percorso é lo stesso per entrambi. La mattina piego il monopattino, lo metto dentro al bagagliaio e usciamo. Arrivati al punto in cui ci dobbiamo dividere ognuno per la sua strada, accostiamo dove possiamo, io scendo, prendo il monopattino e vado. Lei prosegue con l'auto. Lo stesso può essere fatto al contrario. Magari capita che usciti da lavoro io vado a sbrigare una commissione e lei un'altra. Ci diamo appuntamento a metà strada dove ci torna comodo, piego il monopattino, lo metto nel bagagliaio e torniamo a casa insieme.

Vi pare una comodità da poco?? Si riuscirebbe a fare lo stesso con altrettanta comodità con una comunissima bicicletta (elettrica o meno)? Non credo.
Ci sono anche le biciclettine pieghevoli, ma vi assicuro che non pesano poco come un monopattino e che non si chiudono altrettanto agevolmente (e se dovessi portarmele in ufficio ingombrerebbero di più). E credo che costino anche molto di più, ma su questo non sono sicuro.

andrea55

Si immaginavo, li però anche l'auto gli ha accelerato addosso, probabilmemte per dargli una severa ma giusta lezione. Una cosa è certa, ci penserà due volte prima di lanciarsi in rotonda in quel modo (tra l'altro se c'è la ciclabile bisogna utilizzare quella).
In bici invece capita che entrando in rotonde senza pista ciclabile e stando sulla destra le auto superano in rotonda rischiando di falciare la bici in prossimità delle uscite

Luca

Continui a mettermi in bocca cose che non ho detto e/o che non c'entrano niente.

Ma che diamine c'entra tutta la tua infinita parentesi sui motori termici?!? Ma chi ha mai parlato di sostituire le auto con i monopattini o di sostituire tutti i motori termici con quelli elettrici? Chi ha mai messo in dubbio l'inquinamento prodotto dagli aerei?
Addirittura la spesa con Amazon Prime sei andato a tirare in ballo. Mah...
Sul serio: con questa uscita ti sei davvero arrampicato sugli specchi tirando in ballo cose che non ho mai detto, di cui non ho mai minimamente parlato e che non c'entrano niente. Tra l'altro anche perché sulle medesime cose la penso come te, ma non potevi saperlo dato che nessuno ne aveva parlato.

Il discorso dell'inquinamento é un beneficio collaterale aggiunto del monopattino di certo gradito. Non vedo perché non prenderne atto.

La pioggia me la becco. Ogni santo giorno che piove io me la becco. In monopattino, in bici o con lo scooter. Ormai ci convivo e prendo le precauzioni necessarie. Impermeabili, calzamaglia per il freddo...faccio quello che posso.
Come ho già ripetuto più volte: non esiste, purtroppo, che io e la mia compagna possiamo permetterci un'altra auto. E se anche potessi l'unico parcheggio disponibile vicino al mio posto di lavoro mi costerebbe 50 euro al mese (é il più economico della zona). Ho usato per molto tempo lo scooter, che oltre ad avere bollo e assicurazione da pagare é stato più e più volte soggetto ad atti di vandalismo. Le biciclette le leghi come ti pare, ma prima o poi spariscono (già successo).

Dici: "Sull'inciviltà delle persone, beh, mi pare chiaro che sia a 360 gradi...non é una novitá!"
Perfetto, allora vedo che siamo d'accordo. Non capisco come un monopattino possa renderti più incivile o più pericoloso di un qualsiasi altro mezzo. Solo che da quando sono spuntati fuori i monopattini tutti si sono improvvisamente resi conto di essere intolleranti e spaventati nei confronti degli incivili e dei pirati della strada. Vedo continuamente passare biciclette sui marciapiedi, contromano, passare con i semafori rossi...e non ho mai sentito lamentele e paranoie come queste.

Poi dici: "Non si tratta di castrare le soluzioni alternative, si tratta che non sono soluzioni alternative rispetto alla vita reale: sono soluzioni di nicchia, più belle e utili sulla carta che nella reale applicazione."
Ma mi dici che senso hanno le restrizioni proposte finora sui monopattini? Limitarli alle sole zone 30 é come vietarli del tutto. Le zone 30 sono poche e tutte scollegate tra loro.

Pare che uno che é a favore dei monopattini voglia per forza andarci a 60 Km/h sui marciapiedi, contromano e per investire ignari passanti. Mah...rimango sempre più allibito...
Pare che per essere civile devi per forza essere contro ai monopattini, mentre se sei a favore sei per forza un pirata della strada.

Io non capisco perché si deve andare a deviare su discorsi che non c'entrano niente pur di denigrare qualcuno o qualcosa.
Mah...

P.S.
Ribadirò fino alla fine: che sia il mezzo più comodo e conveniente o meno, se anche volessi usare il monopattino semplicemente perché mi piace e semplicemente perché PER ME é più comodo, non vedo dove diamine sta il problema. Non capisco e non capirò mai tutta questa avversione insensata e infondata.
E invece siccome siamo un popolo di trogloditi e retrogradi ci svegliamo ogni giorno con la missione di ostacolare ogni novità e ogni cambiamento, anziché cercare di favorirne l'introduzione con criterio e con le giuste (E SENSATE) regolamentazioni.

L0RE15

In merito alla patente ho giá risposto ad jn altro utente. Copio e incollo: "Infatti io ho detto che, a parer mio, servirebbe l'obbligo di un corso teorico anche per guidare una bici o in monopattino elettrico (e simili). Non tanto per la difficoltá nella guida quanto perché é doveroso conoscere il cds. Poi posso capire che in cittá sia un conto mentre chi abita sui monti ed usa una mtb nei boschi, possa storcere il naso a dover fare la patente."

Sull'inciviltà delle persone, beh, mi pare chiaroche sia a 360 gradi...non é una novitá!

In merito allo smog, mi raccomando, guerra senza scrupoli ai motori termici, invece caldaie, industrie, voli aerei, grandi navi, ecc, ecc...quelli non si toccano...ma i motori ternici devono morire e la gente deve spostarsi in bici e monopattino elettrico adesso...certo, son tutti in giro a passeggiare con portafoglio e telefono in tasca: tutti possono tranquillamente passare dall'uso di auto privata o di lavoro e da furgoni a bici e monopattini. E quando piove? E poi, andate a fare la spesa in monopattino. Ah no la spesa me la porta a casa Amazon Prime o un servizio a domicilio, vero...perché loro si spostano col teletrasporto non inquinano....come no...anzi, inquinano più di un privato con la propria auto per hé, spesso e volentieri, per fare lamconsegna entro due ore, muovono un furgone solo per voi!

Non si tratta di castrare le soluzioji alternative, si tratta che non sono soluzioni alternative rispetto alla vita reale: sono soluzioni di nicchia, più belle e utili sulla carta che nella reale applicazione.

Usiamola questa ragione ogni tanto, ha proprio ragione!!

L0RE15

Infatti io ho detto che, a parer mio, servirebbe l'obbligo di un corso teorico anche per guidare una bici o in monopattino elettrico (e simili). Non tanto per la difficoltá nella guida quanto perché é doveroso conoscere il cds. Poi posso capire che in cittá sia un conto mentre chi abita sui monti ed usa una mtb nei boschi, possa storcere il naso a dover fare la patente.

L0RE15

Quello è un altro problema, che da anni è una presa in giro per i ciclisti. Però, almeno a Milano, stanno cominciando ad unirle. Con calma...

efremis

Le bici non mi sembra che possano andare solo nelle zone 30 (oltre alle piste ciclabili ovviamente)

Se l'auto però ha già impegnato la rotatoria prima di lui invece ha la precedenza, quel cretino li taglia la strada e succede il casino.

Che è un caso che in italia succede spessissimo fra auto, pedoni o bici, quando un'auto ha già impegnato la rotatoria ma da un'uscita arriva un'altro pedone, bici, auto, quel che è che gli taglia la strada (su Bad Drivers of Italy è la prassi).

Desmond Hume

potrei capire un hoverboard (vedo ragazzini cadere continuamente, uno in salita mi è anche caduto davanti e ho fortunamente inchiodato) o un monowheel ma in un monopattino dalle ruote abbastanza grandi l'utente hai il controllo praticamente al pari della bici e nelle città dove non ci sono tutti sti rompimenti di palle burocratici la gente li utilizza tranquillamente ed è contenta di non dover usare l'auto. In città vorrei vedere solo biciclette, monopattini e mezzi pubblici.

Thewolf

Comunque il termine ultimo per presentare emendamenti era ieri (20 gennaio). Pare che il genio 5stelle che voleva tornare alla sperimentazione, tale Roberto Traversi, non lo abbia più presentato. Comunque siamo in Italia e tutto può accadere...

MeddLife

quindi potrei andare sulla salaria a roma visto che il limite è 30, che belle le cose fatte male

steek

E pensare che mi stavo per prendere un monopattino per andare a lavoro e fare quei 10 km a emissioni 0.

Honda e: prova su strada, autonomia e prezzo dell'elettrica tecnologica | Video

Auto elettriche più vendute: la top 10 in Italia nel 2018

Salone di Francoforte 2017: le novità dalla A alla Z

Nissan LEAF: ecco l'elettrica da 378 km di autonomia