BMW consegna alcune auto senza Apple CarPlay e Android Auto attivi

09 Maggio 2022 44

Il problema della fornitura dei componenti sta creando diversi problemi alle case automobilistiche, come abbiamo avuto modo di vedere nel corso degli ultimi mesi. Bisognerà attendere ancora diverso tempo prima che questa problematica venga risolta. Recenti dichiarazioni di alcuni costruttori come Stellantis e BMW hanno fatto capire che miglioramenti ci saranno solamente nel 2023. Nel frattempo, le case automobilistiche devono trovare soluzioni temporanee per continuare a produrre le loro vetture.

Questo significa dover individuare anche altri fornitori per i chip e i componenti. Tuttavia, cambiare fornitori può significare per i costruttori anche dover "adattare" le auto, riscrivendo parti del software in maniera tale che i nuovi chip possano funzionare senza problemi.

IL CASO BMW

Questo è il caso, per esempio, di BMW che sta consegnando alcune vetture prive delle funzionalità di Apple CarPlay ed Android Auto proprio a seguito del cambio di fornitore di chip. Le auto dispongono ancora del supporto hardware a queste funzionalità che, però, non sono state attivate.

Infatti, come ha comunicato BMW, i clienti dovranno attendere un aggiornamento OTA che dovrebbe arrivare entro la fine del mese di giugno che ripristinerà le funzionalità.

I chip integrati in alcune auto nei primi quattro mesi di quest'anno necessitano di un software aggiornato per essere completamente funzionali e offrire funzionalità Apple CarPlay/Android Auto e Wi-Fi.

La società non ha detto quanti modelli sono coinvolti nella problematica, ma diversi clienti di Stati Uniti, Italia, Spagna, Regno Unito e Francia hanno pubblicato all'interno dei forum un messaggio che le loro nuove BMW sono state consegnate senza queste funzionalità.

Non è la prima volta che una casa automobilistica è costretta ad apportare una modifica alle sue vetture per mandare comunque avanti la produzione. Sempre in casa del Gruppo BMW, ricordiamo che di recente MINI ha annunciato che non produrrà più modelli con il cambio manuale. Una scelta fatta per "stabilizzare" la produzione e poter accontentare gli ordini di nuovi veicoli da parte dei clienti.


44

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sk0rpi0n

Non devono necessariamente essere costosi, una radio Android di buona marca da 4/8 GB di RAM e 64/128 di storage la trovi dai 300 euro in su e ci puoi fare di tutto, anche mettere telecamere ecc.
Rimane il costo dell'installazione, ma se si è un minimo pratici si riesce benissimo col fai da te... altrimenti sono altri 300 euro circa.

sk0rpi0n

Autoradio Android di fascia medio/alta e passa la paura, hai tutto questo non vincolato dal brand della macchina e oltretutto hai molta più libertà di scelta.

sk0rpi0n

Bella m. le auto nuove, dove tutte le funzioni sono integrate nella radio tramite display touch; in questo modo si deve sottostare completamente al volere del brand, perché non è più possibile sostituire la sorgente con un autoradio android di buon livello (sopra i 250-300 euro) che fanno di tutto e di più dell'infotainment di bordo standard.
Questa chiusura non mi piace per niente, senza contare che essendo tutto integrato lì dentro, se per caso si guasta non è più possibile svolgere nemmeno le operazioni più elementari come ad esempio impostare il clima e in alcune auto anche peggio (es. abbassare i finestrini); sarebbe così problematico utilizzare un pulsante fisico, che è anche molto più pratico?
Per non parlare dei costi di sostituzione che non saranno sicuramente a buon mercato, anzi...
Per me che ho avuto 20 anni negli anni 2000 è un bel passo indietro; purtroppo le new generations (gli adolescenti di oggi) non si renderanno neanche conto della cosa e per loro sarà assolutamente normale sborsare 1.500/2.000 euro di autoradio touch guasta rivolgendosi direttamente al fornitore.

Antsm90

Sono indietro con gli ordini. Meglio fare uscire un'auto senza Android Auto (provvisoriamente) piuttosto che non farla uscire proprio

Aster

acqua calda

virtual

E soprattutto qui l'articolo parla di mancanza di chip, non c'è OTA che tenga... No?

boosook

Sì sì certo, in effetti l'ipotesi originaria era di avere un buon infotainment. Anche così, io preferisco l'integrazione completa con il telefono, pur riconoscendo che un infotainment di fascia alta faccia una differenza abissale rispetto a quelli di fascia bassa che sono quasi inutilizzabili. E che abbia anche dei vantaggi (ad esempio il navigatore nel cruscotto LCD e non sullo schermo esterno).

PCusen

Solitamente sì

PCusen

Certo, mi riferisco ad auto da 40k e oltre ma l'articolo tratta di BMW e quindi di auto di quella fascia di prezzo. Se il topic fosse stato sulla Y10 non avrei scritto nulla...

MatitaNera

Il gatto nella scatola?

ACTARUS

Ora ho capito perché hanno aumentato i prezzi...è una nuova moda...pagare in più per avere meno...il minimal si paga

boosook

Precisamente.

Simplyme

Ma si possono installare in background?

O no?

boosook

AA/Carplay wireless e caricatore wireless ormai si iniziano a trovare sulla fascia media, molto più facile trovare quelli che un entertainment veloce e fatto bene. Per il wireless, si trovano anche dongle da attaccare alla USB così si trasforma qualsiasi vecchio AA in wireless. E anche su un'auto anche di fascia bassa posso avere il pieno utilizzo di tutte le mie app. Tu mi stai parlando di infotainment in auto da 40k euro e oltre. Poi, come ho spiegato sotto, non è solo questione di Maps, ma di poter usare qualunque servizio che uso sul cellulare, ad esempio passare da Spotify a Amazon Music, senza dovermi preoccupare del fatto che il software della mia auto lo supporti o meno, cosa ancora più importante quando un modello avrà 5 o 10 anni e smetterà di ricevere aggiornamenti, se fra 5 anni esce Pippo Music o Ciccio Maps di sicuro potrò usarlo con AA ma è improbabile che il mio infotainment verrà aggiornato. Poi che ti devo dire, ognuno ha le sue preferenze.

Sherthes

Esatto, anche per questo non ho voluto il NAVI sulla mia Stonic. Waze milioni di volte meglio per il traffico, Amazon Music HD, Chiamate tramite Whatsapp (uso solo quelle) e Google Podcast a volte. Poi la comodità di non dover connettere o schiacciare nulla, appena metto in moto, AA è già avviato e connesso wifi. Poi non ho problemi di aggiornamenti o obsolescenza, dato che tutto viene aggiornato tramite smartphone da Google.

PCusen

Per praticità? Per non dover ogni volta collegare il cavetto del telefono alla macchina? Ripeto: se hai un sistema d'infotainment e di navigazione fatto come si deve e con tanto di aggiornamenti OTA di mappe e funzionalità te ne freghi di Google Maps e compagnia bella. Ovvio che tali sistemi costano e non si trovano sulla Panda o sulla Clio o sulla Jeep.

boosook

In realtà per Spotify me lo aspettavo, visto che gira anche sul tostapane. Ma ora sono passato a Amazon Music per avere l'HD. Oppure magari voglio usare Waze anziché Maps. E magari anche Telegram. Il punto è che con AA non me ne importa niente se la mia auto supporta o meno un dato servizio, o se l'entertainment verrà o meno aggiornato quando Spotify cambierà la sua API e via dicendo. Non sono legato al supporto da parte del produttore della mia auto al servizio che voglio usare e per me questo è impagabile perché mi permette più libertà di scelta. Poi ognuno fa come gli pare, figuriamoci.

DjMarvel

con l'app nel nav bmw.
ma io parlo di navigazione. quello integrato va decisamente meglio durante il viaggio.
te lo dico perché li ho entrambi.

boosook

E se ho Spotify Premium, come lo uso?

DjMarvel

stessa cosa col nav bmw. dici il locale e ti porta li.
inizi dal telefono e poi lo invii alla vettura.

boosook

Senza senso soprattutto se non lo leggi...

boosook

Ma non è solo quello, con Maps non devi mai cercare un indirizzo, basta il nome del locale o del luogo, anzi non devi neanche digitarlo, basta dirlo. Se lo hai già cercato sul telefono te lo trovi in cronologia. Oppure puoi iniziare la navigazione sul telefono e continuarla in auto. Non parliamo delle tappe, magari ti fai il percorso prima al telefono o al PC. Troppo più comodo. Insomma, con AA lo schermo diventa un'appendice del telefono, con gli stessi dati e le stesse app. Io te la ribalto: una volta che hai carplay/AA, di come è fatto l'entertanment te ne sbatti (perché non lo usi neanche).

DjMarvel

quello bmw è molto più preciso. Per navigare è perfetto. Poi chiaro, magari è meno preciso col traffico.

boosook

Mah, sinceramente il solo Google Maps vale qualsiasi sistema di infotainment, alla fine io in auto devo fare 4 cose: navigare con le mappe, ascoltare musica da Spotify etc e leggere whatsapp e chiamare. In tutti questi casi è molto più comodo avere l'integrazione con il proprio telefono, ovvero ritrovare la propria cronologia nelle mappe, le proprie playlist musicali eccetera. Uso il telefono per tutto, non vedo perché in auto dovrei usare un sistema differente dove non trovo le stesse cose che ho già sul telefono.

PCusen

Come tutti gli aggiornamenti OTA...

DjMarvel

sulla mia bmw ho installato il chromecast ed è comodissimo.

PCusen

Una volta che hai un sistema d'infotainment fatto come si deve te ne freghi di Carplay e di android auto.

daniele

AndroidAuto

Simplyme

come funzionano gli aggiornamenti OTA per questi veicoli?

megalomaniaq

Ci diventerei matto, una volta che hai CarPlay non torni più indietro

DjMarvel

perché non hanno già gli aggiornamenti OTA abilitati?

DjMarvel

sarebbe bello che non venga data questa certificazione.
prima fanno e poi certificano? favoloso

Gusma95

Quello che manca è la certificazione per l'utilizzo della parte wireless e di CP/AA che era necessaria in seguito al cambio di microprocessore/modulo utilizzato da BMW.

Gusma95

Notizia un po' vecchiotta, sui forum specializzati se ne parla da mesi.
In questi giorni girano anche documenti interni dove stanno già iniziando a chiamare i clienti per abilitare gli aggiornamenti OTA con cui verranno abilitati CarPlay e Android Auto nelle prossime settimane.

DjMarvel

si, ma è scritto da cani.
anche perché non c'è una crisi dei chip se li hanno trovati questi chip.
il loro fornitore abituale non ha il chip.
e poi mi sembra strano che abbiano usato un chip senza nemmeno provare con il software se funziona.

Antsm90

Nell'articolo infatti non dice da nessuna parte nè che mancano chip nè che mancano funzionalità (viene specificato che è momentaneamente disattivata)

DjMarvel

che poi così sembra che bmw abbia trovato un chip per terra e lo stia usando a casaccio. e chi deve progettare il software deve inventarsi come fare.... come nel film apollo 13 che per fare un filtro di co2 dovevano usare una scatola, un gatto ed una forma di formaggio.

Filippo Vendrame

Esatto, per la mancanza dei chip hanno dovuto ruotare i fornitori per non bloccare la produzione. Di conseguenza hanno dovuto riscrivere i software per i nuovi chip. Questo ha portato a consegnare le vetture senza le funzionalità attive. Quando avranno finalizzato il nuovo software, torneranno ad abilitare le funzioni mancanti. Un problema che stanno avendo anche altri marchi e non solo BMW.

DjMarvel

ma in questo caso il chip c'è

Antsm90

Il software è stato scritto per un determinato chipset e con quello nuovo avranno riscontrato problemi, di conseguenza fino a quando non riscrivono le parti non compatibili per poter funzionare anche sui nuovi chipset, la funzionalità rimarrà disabilitata

angelsanges

cosa c'entra la mancanza di CHIP con una funzione PRESENTE ma DISATTIVATA via software???

articolo senza senso

Repox Ray

La crisi è dei chip, ma quel che manca è il software

DjMarvel

il titolo è fuorviante. consegnano auto con le funzioni momentaneamente disattivate.
smettetela di scrivere questi titoli

DjMarvel

senza il chip basta un aggiornamento per farlo funzionare?
come faccio a far partire la "mia" 3090ti assente dal mio pc? che aggiornamento devo prendere?

Auto

Mercedes EQE 350+, ora facciamo sul serio e Tesla può iniziare a tremare | Video

Auto

Nuova Opel Astra, l'ibrida Plug-In sfida la Golf con 180 CV | Recensione e Video

Auto

Mazda CX-60: prova (su strada) di maturità per il SUV PHEV da 60 km elettrici | Video

Elettriche

Hyundai IONIQ 5 RWD: prova consumi reali, quanto costa la ricarica e costo per 100 km