Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Mercato auto usate Italia: gennaio 2024 parte con un +12,5%

10 Febbraio 2024 56

Il 2024 inizia positivamente per il mercato delle auto usate in Italia. Secondo i dati comunicati da ACI, al netto delle minivolture, c'è stato un incremento del 12,5% per i passaggi di proprietà delle quattro ruote. Complessivamente, sono stati 263.678 contro i 234.301 di gennaio 2023. Tuttavia, rispetto allo scorso anno, il mese di gennaio 2024 ha avuto un giorno lavorativo in più.

Per ogni 100 autovetture nuove nel mese di gennaio ne sono state vendute 202 di usate, il doppio rispetto al numero delle autovetture nuove iscritte. Le minivolture (trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) in questo primo mese dell'anno hanno fatto registrare una crescita del 19,8%.

DIESEL E BENZINA LE MOTORIZZAZIONI PREFERITE

Guardando i dati su fronte delle motorizzazioni, i modelli diesel e benzina sono ancora i preferiti con un market share, rispettivamente, del 45,1% e del 37%. La quota delle ibride a benzina a gennaio 2024 sale al 5,9%, evidenziando una crescita del 28,2%. Sostanzialmente fermo il mercato delle auto elettriche di seconda mano che possono contare su di una quota di appena lo 0,6%.

Passando alle minivolture, le auto diesel chiudono il mese al 49,8%, in calo rispetto al 52,6% di gennaio 2023. I modelli a benzina si fermano al 29.8%. Invece, l’incidenza delle ibride a benzina sale al 7,8%, superando ancora una volta quella delle auto a gpl (7,6%). Da evidenziare l’aumento delle minivolture di auto ibride a gasolio, che hanno più che raddoppiato il volume nel confronto gennaio 2023 e 2024.

ACI evidenzia che a gennaio 2024 il bilancio delle radiazioni è stato positivo. Con un tasso di sostituzione pari a 0,71 (ogni 100 auto nuove ne sono state radiate 71) le radiazioni delle quattro ruote hanno messo a segno un incremento del 12,5% rispetto a gennaio 2023 (7,4% la media giornaliera).


56

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Marco B.
Diego Falcinelli

certo che sono PILE. ma magari mi sbaglio, ma spesso è usato come ho detto sopra a scopo dispregitivo come "le pile della peg perego". Tutto qua..

Disqutente

Non lo voglio snaturare il tuo concetto, ma anche se entrambe le società sono nate guarda caso nel 2003, non hanno puntato sui veicoli elettrici in modo analogo.
Nonostante Tesla abbia lavorato esclusivamente su di essi, mentre BYD ha anche alle spalle modelli endotermici e plug-in, oggi la prima casa automobilistica (di vetture elettriche ovviamente) è BYD.
Certo aver investito così tanto a mio avviso lascia a Tesla ancora un margine tecnologico, ma pure buttandoci sopra a capofitto poco più tardi lasciava margini per recuperare e tanto.

Quello che volevo dire è che per me non è solo colpa dell'immobilismo iniziale, l'innovazione sarebbe forse potuta venir seguita con successo anche in un secondo momento, senza necessariamente essere gli innovatori.

Marco B.

Ehm sono pile. Batterie di pile, non sono batterie di pentole ne batterie di piatti e tamburi
Perché ti da fastidio ?

Diego Falcinelli

sull'indice di riparibilità sono daccordo con te. Nel senso che dovrebbe essere premiato chi mantiene un alto indice di riparabilità. Ma se ci pensi questo il mercato lo premia "da solo".. perchè quando si compra un oggetto costoso come una macchina si fanno mediamente analisi con pro e contro, facendo indagini ecc. se tutti quanti vedranno che tale marca non si puo ripare facilmente, verrà punita.. Ma questo è sempre stato cosi per tutte le auto, ma in generale anche per moltissimi settori merceologici in generale.

Qui il problema è macchine a "PILE", "peg perego" ecc, tipo bambini di 3 anni che fanno "pappapero!!", o peggio ancora si va dietro al populismo "politico" quando la tecnologia in generale è di quanto piu lontanto

Diego Falcinelli

no.. ma siamo li.. e vero negli ultimi mesi BYD a superato Tesla.. ma il concetto non credo cambi di molto

ACTARUS

La panda elettrica non è ancora uscita, anzi volevo dire la pandacitroencinaclone

Mercury

Non esiste solo la Panda

ACTARUS
ACTARUS

Non esiste solo la tesla

ACTARUS

Con le peg perego

ACTARUS

Auto elettriche, in Germania, primo mercato europeo, le vendite sono crollate del 54,9%

Mercury

Ma non si cambia la batteria, per arrivare a danneggiare la batteria devi schiantarti così forte che butteresti qualsiasi macchina. È progettata così!!!!

Link

Chiediti come mai, poi, cambiare la batteria costa 20.000€....

Mercury

Sai che piastra ho sotto la mia model3 in cm? Per forarla non devo prendere un marciapiede, devo provare a spostarlo il marciapiede! Come sempre parlate per niente!

Link

Forse tu intendi per un possibile incendio.
Ma basta una sola cella danneggiata che tutto il pacco deve essere cambiato. Quindi, se prendi un marciapiede e una cella si rompe, ti tocca cambiare la batteria.

si infatti la panda endotermica usata non riesci proprio a venderla.....ma quando mai? ma ndo le leggi ste fesserie?

ACTARUS

Ma ne ha altrettante più costose

ACTARUS

Quarda che non l ho scritto io, ho fatto copia e incolla di una delle migliaia di notizie simili

Disqutente
Oggi chi è la prima casa automobilistica? lascio a te la risposta..


BYD.

Ma non credo ti riferissi a lei...

Disqutente

Giusto! Così c'è pure una emoticons!

Mercury

Sono sempre tue considerazioni. Tuttavia quindi questo utente ha preferito spendere 72 e non prenderla nuova??? Dai su ma ti leggi quando scrivi ??? Per altro per fare 72 devi schiantarti non urtare un muretto!!!

Mercury

Ripeto che se una casa produttrice non sa progettare non è colpa della tecnologia. Quanto costa un radiatore? Cosa costa rompere la coppa dell’olio ? Cosa costa rompere il cambio? Tutte cose che si possono facilmente rompere con un qualsiasi incidente. Tutte cose che una EV non ha per esempio!!!

ACTARUS

Hanno meno componenti ma quei pochi che hanno te li fanno pagare uno sproposito ...
Solo la presa di ricarica frontale della kona costa 1200 più Iva... ed'èun componente che l'auto termica non ha

ACTARUS

Se compri un auto a pezzi la paghi il doppio, se l'auto è elettrica il triplo, senza contare le batterie che da sole fanno mezza macchina

Mercury

Ma rimaniamo sempre nei tuoi numeri a caso. Come fanno a farti un preventivo di 72 se nuova costa meno? Daiiii suuuuu

Mercury

Questo intervento non conta niente, io con la mia A3 ho avuto un incidente piccolo ma l’auto mi prese sulla ruota dietro. 15.000 euro di danni e la macchia era nuova ed era il 2006. Oggi ci sono gli Adas, può essere benissimo che abbia danneggiato qualcosa di ben più importante che qualsiasi auto monta. Le auto elettriche hanno meno componenti delle termiche quindi è impossibile fare più danni

ACTARUS

Un neo proprietario di kona 64 che aveva pochissime settimane di vita,ha dato l'auto alla madre che in fase di manovra ha sbagliato qualcosa, vuoi per la convinzione di aver messo la retro,o perché si credeva di aver premuto il freno... Cmq morale della favola in uno spazio di pochi metri, nei pressi di un negozio, l'auto si è piantata frontalmente contro uno spigolo. Danni 28.000 euro

Mercury

Questo è sempre un tuo parere personale. L’usato per esempio Tesla è venduto e anche bene da parte loro. Se poi ci sono case costruttrici che le elettriche non le sanno fare non è colpa della tecnologia!! Rimarrebbe invenduta sia elettrica che termica!!

Mercury

Per danneggiare la batteria devi fare un incidente così pesante che l’ultimo pensiero è la batteria ( lo dicono i vari test sugli incidenti )

Link

Non é questione di italiani. Nessuna casa al mondo si sarebbe sognata di investire in una tecnologia nuova (che sia elettrica o idrogeno), perché sapevano che nessun cliente l'avrebbe comprata.
E' un caso che Toyota presentò di serie una macchina ibrida che andò a ruba nel 1999. Nemmeno Toyota pensava ad un successo del genere. Ed é lì che alcuni si sono accorti che la gente in realtà era disposta a pagare un 10% in più per avere una vettura che permetteva di abbandonare i fossili.

Tra il 2000 e il 2010, i media, i politici e gli stati avrebbero potuto far notare che é possibile e che l'ibrido non solo permetteva di ridurre del 50% le emissioni ma era un passo avanti verso l'elettrico. Ma io vedevo solo un tipo di articolo: "il nuovo diesel é ancora più ecologico e inquina meno di un qualsiasi veicolo elettrico". Articoli così venivano pubblicati settimanalmente anche da hdblog. I politici europei hanno poi sovvenzionato il diesel con 2000-5000€ per ogni vettura affinché questo carburante ecologico fosse venduto meglio.

Oggi, 20 anni più tardi, vediamo come l'UE vuole rimediare. Ma ancora una volta seguendo una strada sbagliata: obbligando a comprare vetture usa e getta. Non puoi costruire una vettura elettrica da un giorno all'altro come ha fatto VW, Volvo o altri. Ci sono problemi a non finire su queste vetture. Ma all'UE non interessa... Non interessa nemmeno che la batteria non sia nemmeno riciclabile in Europa ancora.

Al momento (suppongo), solo Tesla, Kia/Hyundai hanno la tecnologia per offrirti una vettura affidabile. Ma questo l'utente non lo sa e compra un elettrico qualsiasi perché l'UE vuole così.

Mercury

Questo è un tuo parere personale. Vorrei vedere la differenza di costo di riparazione di una 500 elettrica e una normale ( nuova ).

ACTARUS

Io non sto gongolando anche perché ho sempre acquistato usato e l'usato vende più del nuovo, tranne l'usato di auto elettriche invendibili perché a garanzia scaduta nessuno le vuole.

ACTARUS

Non esistono solo tesla e serie 3 bmw, ci sono anche utilitarie elettriche di cui i costi di riparazione da piccoli tamponamenti superano il costo dell'auto stessa.

Link

No, aspetta Rossi.

Link

Se la batteria ha subito un minimo danno, la vettura é da rottamare. Questa é la differenza. Poi é vero che ogni fanale LED ormai costa 2000-4000€ per sostituirlo, ma chiedere 20.000€ perché hai preso un marciapiede (vedi esperienza con Model S) non fa piacere a nessuno.

Link

E' vero, hai ragione...
Ho esagerato un po' :D

In quel blog, quando cerchi di spiegare che hanno scritto una falsità vieni bannato.
Qui il commento almeno rimane, ma potrebbero comunque aggiornare l'articolo quando gli fai notare l'errore.

Mercury

Ma in caso di incidente cosa accadrebbe con auto di pari segmento? Supponi di fare lo stesso incidente con una serie 3 o una model 3. La differenza di costo di riparazione dove sarebbe scusa? Non mi risulta che riparare una Serie 3 2024 sia in sconto!!!

Mercury

Guarda che gongolare sul mercato usato ( che io per altro approvo fortemente ) significa essere ciechi verso una situazione economica insostenibile per il nostro paese. Mi riferisco a stipendi congelati da 20 anni e pressione fiscale sempre maggiore. Con stipendi adeguati molti sceglierebbero l’usato? Io non credo, e il mercato usato avrebbe anche prezzi molto più bassi per ovvia curva di mercato.

Mercury

Ammiro la tua voglia di discutere su questo blog con certi utenti. Detto ciò, aggiungerei anche che l’Italia è tra i leader mondiali nella produzione di motori elettrici mentre non mi risulta che sia leader nella produzione di motori termici, anzi!!!!

ACTARUS

Potresti bucare il terreno col grafico

MatitaNera

Ti faccio il grafico?

MatitaNera

E anche oggi il grafico delle elettriche si impenna domani!

papau

No, peggio di vaielettrico non è fattibile.

Diego Falcinelli

ma perche se fa una botta con una termica che fai?? prova a rompere cambio e trasmissione.. poi vediamo quanto ti conviene?

Chi ha detto che le auto a "PILE" solo nella materia prima, le auto elettriche spostano il lavoro, servono piu componenti elettronici, software, materiali diversi, induttori, raffrendamenti, involucri per le "PILE" di alta qualità, dove prima servivano piu parti meccaniche oli ecc.
Quindi a livello di "indotto" cambia ben poco.
Servono magneti, ricercatori chimici, operai specializzati in meccatronica, riparatori elettronici, chimici.. In italia ci sono i miglioni componenti di motori elettrici (rotori, ecc).. Quindi è solo da cambiare approccio..

Ovviamente non serviranno piu come prima aziende (se non si rinnovano) che fanno ad esempio marmitte (te lo dico perche nella mia zona ce ne una famosissima che da almeno 10 anni non ha fatto che piangere verso le istituzioni invece di cambiare strategia industriale e in 10 anni si può fare molto).

Marco B.

Si, il valore è sooo nella materia prima, non servono operai.
Ossia licenziamenti e fame
E sono usa e getta, fai una botta butti l’auto

Diego Falcinelli

Mado.. che populismo.. Il problema secondo me delle auto a "PILE", sono solo il costo della transizione che le aziende scaricano sul utente finale, perche le auto a pile in realtà sono molto piu semplici da costruire.

E non è una questione di radical chic , ma innovazione dove noi italiani siamo stati sempre "allergici conservatori", come ad esempi aver buttato tutta la ricerca degli anni 60-70 sull'informatica da "mitici imprenditori" italiani do eravamo coloro che l'hanno insegnato al modo ( vedi olivetti, Federico faggin ecc).

ma si potrebbero fare molti esempi. Quindi la auto a pile e nata 20 anni fa.. e noi ce ne siamo lavati le mani. Oggi chi è la prima casa automobilistica? lascio a te la risposta..

Link

Incredibile che ti abbiano lasciato inserire un link del genere...
Questo blog, é peggio di "vaielettrico" in alcuni sensi... Inseriscono fake news di proposito sulle elettriche e poi ti accettano un commento simile?

Giorgio

Oggi sono chiuse le scuole e nella mia città il traffico è calato del 50%, questo significa che il problema dell'inquinamento cittadino sono i genitori di chi fa le superiori, non i motori termici.

ACTARUS

Record vendite auto elettriche usate

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Volkswagen Passat, nuova con ibrido Plug-in da 100 km, ma anche diesel | Video

Volkswagen ID.3 (2023): prova su strada del restyling con software 3.5 | Video

Viaggio nella fabbrica di Brugola (OEB), le viti italiane fondamentali per il mondo auto