Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Continua a crescere la rete di ricarica in Italia. Il rapporto di Motus-E

02 Luglio 2022 192

Per sostenere la crescita delle auto elettriche è necessaria una rete di ricarica capillare. Si tratta di un tema di cui abbiamo parlato più volte. Ma a che punto siamo in Italia? Un nuovo rapporto di Motus-E fa il punto dei progressi dell'infrastruttura di rifornimento di energia per le auto a batteria nel nostro Paese. Secondo quanto comunicato, alla fine del mese di giugno 2022 risultano installati 30.704 punti di ricarica collocati in 15.674 colonnine e 12.410 location accessibili al pubblico.

LA RETE CRESCE

Il rapporto mette in evidenza che nel periodo aprile-giugno 2022 c'è stata un'importante crescita dell'infrastruttura. Motus-E racconta che si tratta del più alto aumento trimestrale di punti di ricarica di tutte le sue rilevazioni. Dati alla mano, a fine marzo 2022, in Italia erano presenti 27.857 punti di ricarica in 14.311 colonnine. Dunque, in tre mesi c'è stato un aumento di 2.847 punti di ricarica.

Volendo fare anche un confronto con giugno 2021, la crescita è di 7.429 punti di ricarica. Da quando Motus-E ha iniziato a rilevare la crescita delle infrastrutture di ricarica a settembre 2019, (10.647 punti in 5.246 infrastrutture), si registra una crescita del 188% e una crescita media annua del 47%.

Delle infrastrutture installate, però, l'11,5% risulta non ancora utilizzabile per motivi tecnici o burocratici. Tuttavia, il rapporto evidenzia che questo dato è fortunatamente in calo. A marzo 2022, infatti, risultava ancora spento il 12% dell'infrastruttura. Dunque, il lavoro fatto per snellire i processi di attivazione sta dando i suoi frutti. Tuttavia, per Motus-E è necessario fare ulteriori passi avanti per velocizzare ulteriormente la messa in funzione dei punti di ricarica.

ANCORA POCHE COLONNINE FAST

Il rapporto evidenzia che il 92% dei punti di ricarica è in corrente alternata (AC) e solo l'8% in corrente continua (DC). Più nel dettaglio, il 14% dispone di una potenza uguale o inferiore a 7 kW, il 78% offre una potenza di ricarica compresa tra 7 e 43 kW, il 4% (DC) permette di ricaricare fino a 50 kW e il restante 4% (DC) offre ricariche ad alta potenza (2% sopra i 150 kW).

Sebbene le colonnine in corrente continua siano ancora una minoranza, il rapporto mette in evidenza che nell'ultimo trimestre sono soprattutto i punti di ricarica in DC ad aumentare con un +46% per i punti di ricarica tra 50 e 150 kW e un +38% per i punti di ricarica con potenza superiore ai 150 kW.

DOVE SONO LE COLONNINE?

In Italia serve maggiore omogeneità. Il rapporto, infatti, evidenzia che circa il 57% circa dei punti di ricarica sono distribuiti nel Nord Italia, il 23% circa nel Centro mentre solo il 20% nel Sud e nelle Isole. Inoltre, il 32% è disponibile nei capoluoghi di provincia ed il restante negli altri comuni del territorio.

Secondo il rapporto, la Lombardia si conferma essere la regione più "elettrificata" con 5.080 punti di ricarica. Seguono nell’ordine Piemonte (11%), Lazio ed Emilia-Romagna con circa il 10% a testa e Veneto (9%) e la Toscana (8%). Queste regioni, complessivamente, dispongono del 64% di tutti i punti di ricarica.

In termini di crescita assoluta, le regioni che sono cresciute maggiormente nell’ultimo trimestre sono (nell’ordine da quella che ha registrato l’aumento maggiore): la Lombardia, l’Emilia-Romagna, il Piemonte, il Lazio e il Veneto. Mentre in termini di crescita relativa le regioni che hanno incrementato di più i loro punti rispetto a marzo sono: Marche (+24%), Liguria (+21%), Emilia-Romagna (+14%), Lazio e Piemonte entrambe con +12%. Questo, purtroppo, evidenzia un trend negativo rispetto al trimestre precedente quando le regioni che crescevano di più in termini relativi erano del Sud e delle Isole, rendendo più evidente la necessità di misure per favorire una maggiore uniformità nel futuro.

E parlando della ricarica in autostrada, Motus-E evidenzia che si iniziano a vedere segnali positivi. Infatti, nell'ultimo trimestre c'è stato un importante incremento con una crescita di 85 punti di ricarica. Complessivamente, sulla rete autostradale sono presenti 235 punti di ricarica, di cui 151 con ricarica veloce o ultraveloce.

Considerando la rete italiana autostradale complessiva di circa 7.318 km, come riportato dall’ART, risultano 2,1 punti di ricarica veloce ed ultraveloce ogni 100 km.


192

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
nickmot

In città tanto non ci entri lo stesso e fuori circoli pure con un euro -5, perché c'è una sola strada e non possono bloccare la circolazione

Rick Deckard®

Haha si certo.
Voglio proprio vedere chi si prenderà lo scassone, che costa un botto di manutenzione e non può entrare in città

nickmot

Faccio prima a dire quante non ne vedo.

nickmot

Con un'altra auto usata rattoppata

Rick Deckard®

Prima o poi dovranno cambiarla

Dario Perotti

Si però ora sono molto meno stressato.

nickmot

Ti pagano ocn un gelato ed un pacchetto di patatine a fine giornata?

nickmot

Basta che mettano o l'uno o l'altro.
Sai invece cosa useranno?
La loro cara vecchia auto.

Sagitt

Mica tutti vivono in pianura, mica sempre giri solo in pianura… e comunque anche in pianura c’è zona collinare

nickmot

Ottimo!
Quando il 40% degli automobilisti caricherà a casa, qui sul blog ammetterete che esiste anche il 60% che non può farlo?

Walter

pieno di discese da 15/20 minuti in pianura, pensavo fossi sarcastico prima :-)

Sagitt

Se non la usi quotidianamente non puoi immaginare certe cose, ma comunque bastano 15/20 min di discesa e davvero passi dal 10 al 70% e neanche usi i freni.

Walter

mea culpa :-)

Sagitt
NOP7356

ahahhahaa
c'avete sempre ragione voi delle leggende dei box e posti auto, deve essere qualcosa intrinseco in certa gente, non ce la fanno proprio
gli posti i censimenti del catasto, gli spieghi che quel garage spesso è pure doppio o triplo, gli spieghi che viviamo nel 2022
e no, per loro solo 1 auto su 100 ha un garage
anzi
1 su 1000
che bello vivere nel mondo dei sogni
ti consiglio di smetterla di inventare cose a caso e leggerti i numeri visto che sei bravo a fare 2+2 ( cosa mi interessa quante case ci sono? pensi che i posti auto o i garage vadano in proporzione con il numero di case? )

Walter

l' energia di recupero non basta o non sarebbe una plugin.
a casa la maggior parte non può la via è ancora lunga lunga

Walter

no 31 milioni di case il 50% non è venti 40 è il parco circolante.
Poi mettici le seconde case col box, mettici i box piccoli per cui le auto nuove non ci stanno dentro quindi non si arriva alla metà...
fai più bella figura a fermarti...

NOP7356

hai appena detto il 50%, 20 non è il 50% di 40? Chiedo, visto che tu sai fare 2+2
considera che per esempio i miei hanno un box, ma è doppio
io ho un box, ma è doppio
il 90% della gente che conosco ha un box doppio
ok facciamo finta che è solo il 50% delle auto che ha un ricovero notturno
è una minoranza?
no
ma... come... 2+2..
ciao

Giampiero Guarnerio

Ricomprerò un'auto diesel o a benzina quando il petrolio crescerà sulle piante

Sagitt

Ma perché? Una plugin sì ricarica in 3 modi, a casa, alla colonnina e mentre vai a benzina + recupero!!

Walter

certo, ma al momento le elettriche sono poche. man mano che aumentano o aumentano esponenzialmente le colonnine o le ricariche rapide altrimenti la vedo dura per chi deve ricaricare.
chi ha una plugin si ritroverà a consumare di più senza sfruttare l' elettrico già oggi una statistica dice che la maggioranza non ricarica (un po per ignoranza un po avranno delle difficoltà)

ACTARUS
Alessandro Apo
Alessandro Apo

Sei ottimista, per me il numero è molto più basso

Sagitt

Guarda io ho una plugin, che ha pure la carica più lenta delle normali elettriche. Conosco bene la differenza tra colonnine da passeggio e quelle da carica. Ora sono in valle d’aosta dove e pieno. Di fianco l’albergo ho una carica rapida ed in autostrada ne è pieno.. poi in città è zeppo di quelle “lente”… la piazzi li.. fai un giro e te la ritrovi carica dopo un paio d’ore… oppure a casa mia sia coop, conad, lidl, eurospin hanno colonnine lente… vai li, la attacchi e fai spesa.. torni e hai un buon 20-30% in più.. non devi fare per forz 0-100.. puoi anche semplicemente “rabboccare”.. come prima sì facevano le 10€ di benzina

Rick Deckard®

Mi dispiace per chi non ha il box, con l'obbligo userà le fast o userà gli autobus

Rick Deckard®

Anche l'elettrica avvisa prima che finisca la batteria...
A me sembra uguale ma meno costoso e meno cose da curare...
Io ad esempio con il lavoro faccio molte ore e l'adblue lo dovrei andare a comprare di domenica

pollopopo
Walter

ma questa cosa che tutti hanno il garage dove abitate?
In Italia ci sono 12 milioni di immobili se anche tutti avessero un box doppio (cosa inesistente) avresti 24 milioni di box con questo numero immaginario avresti la metà delle auto senza box perchè il parco auto è di 40 milioni...

Walter

quelle dei centri commerciali

Walter

si ma inizia a metterlo il naso fuori casa perché io di notte vedo i parcheggi pieni, e nel mio paese a volte non trovo nemmeno posto...
Nessuno ha detto che nessuno ha il box ma è una minoranza.
In Italia ci sono circa 12 milioni di immobili residenziali da quello che dici la metà ha il box. (lasciamo perdere seconde terze case eccc)
Da quello che dici il 50% ha il box ma esageriamo anche e mettiamo che ci sono 9 milioni di box, bene le auto sono circa 40 milioni.
ora non mettere il naso fuori casa ma almeno impara a fare 2+2...

ACTARUS

Non è che solo il 5% ha un auto elettrica in Italia

Dario Perotti

All'inizio mi avevi quasi fregato anche a me.
Pensa che te davo meno di 70.

MatitaNera

Non mi riesce dici

Dario Perotti

Dai non fare il giovincello!

MatitaNera

Noi chi?

Dario Perotti

Invece noi che stiamo tutto il giorno per i cantieri, sappiamo bene che ci vuole pazienza per costruire le cose.

Dario Perotti

Dopo tutto quello che ha speso ci credo.

Rick Deckard®

Beh quando c'era scarsità era arrivato a 20€/litro...

Comunque ti giro il paradigma, non perché ci credo, ma per farti capire che parli di non problemi...
Se di notte mentre fai un viaggio in montagna finisci l'adblue?
È più facile trovare una collonnina

pollopopo
NOP7356

tutti sempre con questa storia di metti fuori il naso di casa
le città invase di auto parcheggiate sono solo di giorno quando c'è gente in giro per lavoro e commissioni
di notte ( e vivo in una capitale di provincia ) tutte queste MILIONI E MILIONI di auto per strada, io non ne vedo, anzi
Considerando che buona parte dei garage accatastati al catasto fabbricati sono anche doppi ( o più ), vedi tu
Però sì
C'è il tizio che fa il cameriere a 50€ al mese e che vive in affitto nella camera e non ha il posto auto
QUINDI NESSUNO IN ITALIA HA PARCHEGGI O POSTI AUTO O POSTI
TUTTI IN STRADA
METTIAMO TUTTI IL NASO FUORI DI CASA

NOP7356

30€ non credo sia neanche il costo di una frizione rigenerata di quinta mano però sì
tienila calda anche per noi

pollopopo

Non è questione di patemi è questione di praticità e reale risparmio... se non ci si perde il sonno dietro il risparmio c'è (comunque bisogna stare attenti e molte auto consumano ben di più dei famosi 12kwh) ma non da giustificarne l'acquisto...meglio un buon ibrido plugin, soliti vantaggi in molti frangenti e meno problemi sulle lunghe percorrenze o in gite fuori porta.

Quando l'efficienza/costo/praticità saranno equivalenti ad un auto più tradizionale sarò il primo che passa ad elettrico, fino a che il risparmio è di qualche centinaio di euro in un anno certo non mi sbatto l'anima e mi tengo il diesel o se no passo ad una plugin con accomulatore decente (preferirei diesel per ottimizzare i consumi autostradali)

pollopopo

3 euro ogni 100km di adblue? E chi l'ha detto? Preso in taniche costa una miseria (dal brico, non su internet) e ogni litro dura almeno 1000km....

Ribadisco, l'elettrica è conveniente se si ha voglia di perderci tempo dietro e se si ha una casa ecc... che permette di sfruttarla al 100% ...inoltre le gite fuori porta che durano X giorni son decisamente poco comode se non si va in zone particolarmente 'vive'...

Dario Perotti

Eh magari!

Sagitt

Dove le lasci quando fai la spesa o vai in giro a passeggio

Rick Deckard®

Si certo... Ma le arriveranno.
Il problema sono le segnalazioni errate delle app

Rick Deckard®

Guarda in casa ho anche un'auto a GPL... Usiamo sempre l'elettrica per i viaggi... Ed è li, potrei usarla..

STAFF

Infatti sgommo a GPL. Poi alle donne piace l'uomo cavernicolo rude e puzzolente, e per questo che mi prenderò le loro donne stanche dei loro soyboy risvoltinati, con me potranno sentire puzza di benzina, nafta, olio motore e sudore. Io non penso ai soldi che spendo per la benzina, perché io vivo la mia vita un quarto di miglio alla volta, non ho tempo di pensare a queste fesserie. Poi non respiro nient'altro che aria pulita, perché il soyboy davanti a me ha l'auto elettrica, e le mie mani non puzzeranno di gasolio, non avevo la macchina a GPL nella storia? Poi non indosso scarpe scamosciate, e nemmeno magliette bianche inoltre non l'ho scritto prima, ma nella storia mi sono allenato 8 anni da un monaco shintoista dalla quale ho imparato le arti marziali e le arti Zen per cui non perdo la calma. Accortomi del pericolo incombente, finisco di fare il pieno alla mia auto al volo, ingrano la marcia e corro via, i soyboy invece, anche loro accortosi dell'imminente pericolo causato dall'pazzo sgravato che andava a 130, non poterono fare altro che rassegnarsi, in quanto sarebbero mancati altri 45 minuti per arrivare al 10% necessario quantomeno per lasciare il quartiere, dunque accettano il loro fato imporandomi però di salvare le loro donne e di prendermene cura. Cosa che poi farò in quanto un uomo che ama i pistoni è un uomo buono, in fondo. Fine.

STAFF

E va beh, 30 Euro e si cambia la frizione. Bisogna farla sgommare ogni tanto, giusto per tenerla calda.

Peugeot e-3008 elettrica: fino a 700 km, il SUV alla prova su strada | Video

Renault 5 E-TECH Electric: elettrica a meno di 25.000€... con l'asterisco | Video

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Volkswagen Passat, nuova con ibrido Plug-in da 100 km, ma anche diesel | Video