Polestar investe in StoreDot e nelle sue batterie a "ricarica ultra-rapida"

24 Maggio 2022 5

L'evoluzione delle batterie è molto importante per le case automobilistiche per offrire ai clienti veicoli elettrici sempre migliori. Diversi costruttori stanno infatti investendo in aziende che sviluppano nuove tecnologie in questo campo. Da Polestar arriva un'interessante novità proprio in tema batterie. Il costruttore ha deciso di effettuare un investimento in StoreDot, un'azienda di cui abbiamo parlato diverse volte e che sta sviluppando nuove celle in grado di offrire una ricarica ultra-rapida.

L’obiettivo dell’azienda israeliana è di realizzare batterie per auto elettriche in grado di garantire un’autonomia di 160 km con soli cinque minuti di ricarica entro il 2024. Nell'ambito di questo investimento, Polestar sta collaborando con StoreDot per valutare la possibilità di adattare e applicare la tecnologia alle proprie auto nell’ambito di una prova di fattibilità.

Gli scenari di test già in fase di studio comprendono la customizzazione della tecnologia delle celle di StoreDot per le auto Polestar, in modo da garantire una ricarica più rapida. Vedremo dunque le celle di StoreDot all'interno dei futuri modelli elettrici di Polestar?

Possibile, anzi, il CEO di Polestar Thomas Ingenlath si sbilancia affermando che se i test pilota andranno bene, la tecnologia di StoreDot potrebbe essere implementata all'interno delle vetture entro il 2026. Sarà dunque molto interessante capire come evolverà questa rapporto tra le due aziende. Vale la pena di notare che anche Volvo aveva deciso di investire in StoreDot.

Polestar può fornire un valido aiuto nel processo di sviluppo di una nuova tecnologia delle batterie per il settore automobilistico portando il punto di vista, dal valore inestimabile, di un brand che mette al primo posto prestazioni e sostenibilità. I tempi di ricarica e l’autonomia sono preoccupazioni comuni a molti proprietari di auto con motore a combustione che li frenano dal passare ai veicoli elettrici. La tecnologia all’avanguardia delle batterie di StoreDot fornisce potenzialmente soluzioni reali per superare questi ostacoli. Se i progetti pilota che stiamo portando avanti con StoreDot si rivelassero vincenti, queste soluzioni potrebbero essere implementate nelle auto di Polestar entro il 2026.

RICARICA ULTRA-RAPIDA

Proprio di recente, StoreDot aveva condiviso un video in cui dimostrava i progressi nello sviluppo delle sue celle per le batterie. Filmato che riportiamo nuovamente e in cui si può vedere come la cella iniziava a caricare a 135 A, mantenendo questo livello fino al 69%. Durante le fasi di ricarica, la temperatura ha raggiunto i 33,1 gradi, un valore ben al di sotto della soglia giudicata critica da parte della società.

Lo sviluppo non è, ovviamente, ancora finito. Adesso si dovrà lavorare per realizzare celle pronte per la produzione di serie.


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
RubenDiaz89

Entrambi.

Dario Perotti

Tu pensa che il governo ha detto che avremo altri 2 rigassificatori entro 2 anni.
Non so quale sia più grossa delle 2.

nickmot

Tutto sta nel tradeoff che fai.
Rinunci ad un po' di autonomia, per una velocità di carica notevolmente superiore, sufficientemente elevata da rendere la bassa densità poco fastidiosa?
Allora ci può stare.
Rinunci ad autonomia per metterci 25 minuti invece di 30? (numeri a caso, è un esempio) allora non le vedrei così eccelse.

kaom

A giudicare dal range di voltaggio scelto (4-4.4 V) circa e dalla curva del voltaggio in funzione della capacità il materiale catodico è probabilmente della famiglia degli LFP (in particolare LMP, ovvero LiMnPO4 o variamente sostituito con il ferro, che a li vello tecnico ha un plateau della curva di voltaggio proprio a 4.1 V). Materiali molto studiati da tempo e ampiamente riconosciuti per sostenere alte correnti in carica e scarica (in questo caso il C-rate è 7). Purtroppo la problematica principale è la bassa densità di energia che è sufficiente solo per auto medio/piccole (vedi tesla model 3 standard range) o applicazioni di static storage, quindi sicuramente un buon prototipo ma nulla di rivoluzionario

nickmot

la tecnologia di StoreDot potrebbe essere implementata all'interno delle vetture entro il 2026

Industriliazzazione in 4 anni, semba troppo bello per essere vero.

Stop endotermiche 2035: tra polemiche, dubbi e fazioni, facciamo il punto | Video

MiMo 2022: i numeri e le nostre interviste al pubblico | Video

Mercedes EQE 350+, ora facciamo sul serio e Tesla può iniziare a tremare | Video

Mazda CX-60: prova (su strada) di maturità per il SUV PHEV da 60 km elettrici | Video