StoreDot, nel 2024 una batteria che ricarica 160 km in 5 minuti

02 Marzo 2022 64

Lo sviluppo delle batterie è molto importante, come sappiamo, per la crescita della diffusione delle auto elettriche. Uno dei fronti su cui si lavora molto è quello della ricarica per fare in modo che i tempi di rifornimento di energia si riducano sempre di più. Proprio su questo tema è molto interessante una novità che StoreDot ha appena annunciato. Parliamo di una startup israeliana che lavora allo sviluppo di batterie per le auto elettriche e che è supportata da diverse case automobilistiche.

RICARICA UTRAFAST

L'azienda ha annunciato la roadmap delle sue celle XFC (Extreme Fast Charging) "100inX" che prevede che nel 2032 arriveranno sul mercato batterie in grado di recuperare 160 km di autonomia (100 miglia) in appena 2 minuti di ricarica. Prima di arrivare a questo traguardo, sono previsti degli step intermedi.

StoreDot, infatti, ha evidenziato che la sua famiglia di accumulatori sarà composta da tre specifici prodotti che arriveranno nel corso dei prossimi anni: 100in5, 100in3 e 100in2.

  • 100in5: 100 miglia o 160 km recuperati in 5 minuti di ricarica (celle con densità di 300 Wh/kg) - debutto nel 2024
  • 100in3: 100 miglia o 160 km recuperati in 3 minuti di carica (celle con densità di 450 Wh/kg) - debutto nel 2028
  • 100in2: 100 miglia o 160 km recuperati in 2 minuti di carica (celle con densità superiore ai 550 Wh/kg) - debutto nel 2032

La startup israeliana fa sapere di essere sulla buona strada per arrivare davvero a lanciare le celle 100in5 nel 2024. Parallelamente, StoreDot evidenzia di essere già nelle fasi avanzate dello sviluppo della tecnologia delle batterie allo stato semi-solido che arriverà 4 anni dopo.

Le celle della batteria di StoreDot sono attualmente in fase di test presso alcune case automobilistiche. L'azienda non indica i nomi ma non si può non ricordare che a sostenerla ci sono realtà del calibro di VinFast, BP, Daimler, Samsung Ventures e TDK. Possibile, dunque, che tali batterie siano in fase di test presso costruttori come VinFast e Daimler.

StoreDot aggiunge anche che le sue celle XFC ad alta percentuale di silicio saranno disponibili sia nel formato a sacchetto o pouch e sia in quello cilindrico e precisamente nel formato 4680, quello ideato da Tesla. Sulla carta, dunque, una roadmap molto interessante. Non rimane, quindi, che attendere ulteriori novità sullo sviluppo di queste nuove batterie e capire quali costruttori decideranno di adottarle.

Il TOP di gamma più piccolo? Samsung Galaxy S21, in offerta oggi da Overly a 550 euro oppure da Amazon a 629 euro.

64

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Angelo Mantellini

e' una scelta, anche io faccio cosi'. ma piu' che altro perche' la macchina equivalente elettrica costa decisamente troppo. ma le elettriche non sono sempre attaccate, dopo un po' impari ad usarla con piu' serenita' e ricarichi o la notte o una volta a settimana.

Roman

per me la termica va bene anche in città, per vari motivi, primo non mi devo preoccupare di attaccarla ogni 3 secondi per fare i continui rabbocchi e poi qualche volta ad esempio una volta alla settimana metto la benzina, se voglio fare una tratta un po' più lunga uso sempre la macchina che ho

Angelo Mantellini

non vedere l'auto elettrica solo per lunghe percorrenze. se mi dici che fai 3000 km al giorno, ti direi di pensare al motore classico, ma se vici in citta' o comunque fai distanze consecutive non elevate, allora l'elettrico e' molto interessante. il problema dell'elettrico e' l'elevato costo. se una 500e costa di listino piu' di 35k euro, allora e' sinonimo di tecnologia che deve essere ancora ammortizzata dal sistema.

Roman

quel rendimento nelle termiche non è un problema, anche se hanno un rendimento basso ma sono molto più efficaci, 20 minuti per una ricarica sono troppi

Angelo Mantellini

il rendimento delle elettriche e' sempre massimo, la peggiore delle elettriche ha un rendimento sempre migliore di un endotermico. il difetto che vedo oggi e' la lentezza nel caricarsi.
avere 500km di autonomia e 20 minuti per la ricarica sarebbe fantastico.

Roman

lo so benissimo che le elettriche sono molto difettose, per una termica puoi mettere un serbatoio più capiente senza avere problemi con il peso ma le elettriche no

Angelo Mantellini

e' il difetto dell'elettrico...

Roman

lo so come sono composte le batterie delle elettriche, sono tante celle unite, ma dicendo questo tu dici di mettere altri pacchi batterie, il camion non lo puoi fare, perché?
perché se sarebbe pieno di batterie supera il peso anche senza carico

Angelo Mantellini

le altre auto, secondo te come funzionano? hanno una batteria unica? o ne hanno tante messe in serie? comunque, il nome 100in5 indica qualcosa che ti fa capire come funzionano. puoi costruire un camion con qeuste batterie, rapportando i pesi, puoi capire quanto tempo ti ci vuole a riempirlo.
ma vabe'...sembrava un concetto semplice quello descritto sopra...forse non lo era...

Roman

si andiamo a mettere altre batteria, perfetto così la macchina pesa come un cargo

Angelo Mantellini

si, ma non hai capito...metti altre batterie...320km in 10 minuti, 480km in 15 minuti...etc...

an-cic

Ehmm, non credo che hai capito il discorso.... Semplifico al massimo a rischio di trascurare certi aspetti. Se a tutto il pianeta serve energia per 100, dal sole ce ne arriva 1.000.000. Se spinto al massimo dei 100 che ci servono possiamo averne 100 e ci avanzerebbero 9.999.900. Quanto ne stiamo prendendo dal sole dei quei 100? Difficile rispondere in modo accurato, ma ne stiamo prendendo sempre di più. E ci sono sempre i 9.999.900 che avanzano se i consumi mondiali dovessero crescere

Superstar never dies

Ok che ci arriva 10k volte in più ma stiamo usando tutta l'energia o non ancora. È questa la domanda, non credo che la usiamo tutta. Quindi al momento, quanta energia elettrica riusciamo a produrre se spinto al massimo ?

an-cic

il mio non è nessun calcolo, quella è l'energia che arriva e sarebbe 10.000 volte superiore a quanta ne utilizza tutto il mondo. 10.000 volte, lo ripeto. quanta ne utilizziamo noi dipende da noi, di sicuro se non installiamo i fotovoltaici non la usiamo ma se volessimo lei è lì. Inoltre ci sono tutte le altre fonti da sfruttare, quindi la tua affermazione che l'elettricità per tutto non c'è è semplicemente sbagliata

Superstar never dies

Ma sei sicuro che usiamo tutta l'energia che ci arriva dal sole o il tuo è un calcolo teorico ma senza contare il pratico

Roman

il problema della batteria rimarrà anche per molto tempo, quindi è meglio abbandonarla e scegliere qualcosa di più efficiente, per più efficiente intendo qualcosa che consuma poca energia, leggero e poi che fa molti km anche se lo carichi come un mulo

Roman

se sono per uno scooter o citycar è la perfezione

Gianluigi

Ma dato che il discorso era generico, si possono discutere anche 2 ruote meno potenti. Comunque livewire è un buon esempio. E ducati sta prendendo la gestione di moto-e

DjMarvel

Il motorino non è una moto

PilloPallo

Tra 20 anni, se campo, con queste velocità di ricarica, con la rete di distribuzione diffusa capillarmente e con i prezzi delle elettriche ad 1/3 degli attuali penso che passerò all'elettrico

Gianluigi

Con le batterie appena uscite vanno già bene. I costruttori stanno trovando nuovi design per bilanciare le masse tra l'altro.
Il mio motorino elettrico va benissimo comunque

DjMarvel

anche le moto non vanno bene. pesano troppo

DjMarvel

infatti, è quello che sto dicendo. il problema è sempre la batteria, da 2 secoli

Chicco Bentivoglio

Stai perdendo tempo, fidati.

an-cic

Solo dal sole, arrivano sulla terra ogni anno 50 milioni di GW, che corrispondono a circa 10.000 volte i consumi di elettricità annui di tutto il mondo. Più tutto il resto (eolico, idroelettrico, atomico, gas, etc.). Quindi no, il problema non è che non possiamo avere l'energia che serve.

Superstar never dies

No sono serio

an-cic

È uno scherzo?

Yanav Jiqoike

Sono pochi?

Antsm90

Però effettivamente non conta come inquinamento 0?
L'albero cresce, toglie co2, poi lo bruci e la reimmetti nell'ambiente dove verrà assorbita da un altro albero (piantato al posto di quello bruciato) e così via all'infinito

Superstar never dies

Ma prima o poi raggiungeremo il limite per l'elettricità che si può produrre no? Immaginiamo ricaricare tutti al mondo smartphone , scarpe, giacche, cuffie orologio macchina , monopattino , aria condizionata d'estate, caldaie d'inverno ecc ecc. È stato già calcolato questo?

Roman

gli aerei grandi non possono mai essere a batteria perché penserebbe troppo poi quando spazio occupa un pacco batterie per le navi cargo? poi quanto peserà la nave?

Roman

probabilmente non avremo aerei, trattrici pesanti e le navi stavano ancora a vela, quindi non mi sembra una buona cosa, ancora negli anni 70 stavano solo le pile al piombo e facevano pena

Roman

160km in 5minuti? ma siamo seri? manco uno scooter elettrico fa così pochi km

Gianluigi

La densità energetica e il costo sono i fattori trainanti. La densità richiesta dallaeronautica è altissima, poi vengono le navi, poi i mezzi pesanti, poi le auto e infine moto e bici. Ad oggi copriamo bene le ultime 2, le auto ci stiamo arrivando nel brevissimo, per il resto ci vorrà tempo.
Con le batterie citate da storedot 100in2 con densità >500, anche l'aeronautica elettrica sarà totalmente possibile. Naturalmente i caricatori devono andare di pari passo. Non è impossibile però.
Lato costi, son crollati del 90% in 10 anni. Ora vediamo con la crisi della logistica e con la guerra

Zangio

Pensa a che punto saremmo se nel secolo scorso avessimo abbandonato prima il termico per sviluppare l'elettrico

DjMarvel

in realtà le navi potrebbero essere già a batteria, se le batterie fossero totalmente diverse da quelle di oggi. vanno già a propulsione elettrica.
stessa cosa per i treni, dove non c'è la linea elettrica.
idem per gli aerei, i motori tranquillamente o quasi sostituire gli attuali.
forse più difficile per le automobili per la gente comune

an-cic

cioè non è mica così sicuro che gli italiani non comprano così tante elettriche per colpa delle batterie... così come stanno uscendo aerei e navi elettriche. certo che se ti aspetti di fare una semplice conversione di propulsione su mezzi progettati anni fa solo per i combustibili allora stai sbagliando

DjMarvel

cioè?

Carlito58

Si aveva questo problema pure Henry Ford.

Carlito58

Però intanto clicca adesso.

T. P.

grafene ne abbiamo? :)

an-cic

tu la semplifichi così, non è detto che poi la realtà sia questa...

R4gerino

E poi, come già detto altrove, il carbone è ecologico: erano alberi.

Giorgio

Immagino che vendere la pubblicità sul sito sia molto + facile e redditizio dimostrando il traffico che genera.

Antsm90

I motori elettrici non sono niente di fantascientifico (uno statore e un rotore, fine), ai tempi il problema era dare abbastanza energia al motore per permettergli di avere prestazioni da endotermico, quello solo con le batterie più "recenti" è diventato possibile

Antsm90

Nel 2024 diventerà 2030 e saranno 50 miglia in 5 minuti

Antsm90

Così di fatto hai un auto che va a carbone. Non è inquinante, è vintage

R4gerino

Questa la metto nel mio cassetto delle 'Batterie fantastiche e dove trovarle!'

Comunque va bene la batteria, ma il caricatore lo attacchiamo direttamente alla centrale a carbone?

DjMarvel

ma oggi si parla di motori elettrici o batterie?
perché la gente non compra le auto elettriche con tranquillità? per colpa delle batterie. Perché non fanno aerei elettrici? per colpa delle batterie, e navi? batterie. Il problema non sono i motori.

an-cic

A me non sembra, ma ognuno può giustamente vederla a modo suo

Audi Q3 Sportback 45 TFSI e S tronic, per chi la usa più in città | Recensione e Video

Nissan Ariya (63 kWh): ottima efficienza e autonomia nella prima prova | Video

Vita Vera con l'auto elettrica: ritorno al passato, in Umbria a Miataland con le MX-5

Stop endotermiche 2035: tra polemiche, dubbi e fazioni, facciamo il punto | Video