Milano: dal 2023 punti di ricarica per le elettriche obbligatori presso i benzinai

20 Novembre 2020 79

Da tempo si discute sulla possibilità che i benzinai possano dotarsi di punti di ricarica per le auto elettriche. I vantaggi sarebbero molteplici. Innanzitutto l'installazione di un'infrastruttura di ricarica sarebbe molto semplice visto che presso i distributori di carburante mediamente c'è già tutto lo spazio necessario. Inoltre in alcuni casi sono presenti anche servizi come piccoli bar che permetterebbero alle persone di rifocillarsi mentre attendono che l'auto termini il rifornimento di energia. Infine, vista la loro capillarità sul territorio, sarebbe molto facile incrementare il numero dei punti di ricarica a disposizione degli utenti elettrici.

Su questo tema, adesso, c'è una novità molto importante. Milano, infatti, ha approvato il nuovo "Regolamento per la qualità dell'aria" che "definisce priorità e scadenze di una serie di azioni tese a migliorare la qualità ambientale in città". A quanto si può leggere, è stato previsto l'obbligo di installazione di punti di ricarica per le auto elettriche presso i benzinai.

I distributori esistenti devono presentare il progetto entro il 1° gennaio 2022 e l'installazione delle colonnine deve avvenire entro 12 mesi successivi alla presentazione dello stesso. In caso di impossibilità tecnica la colonnina dovrà essere realizzata in un'area pubblica diversa dal sedime dell’impianto di distribuzione carburanti entro il 1° gennaio 2023.

Si tratta di una notizia molto importante che potrebbe dare una svolta alla mobilità elettrica del Comune di Milano. Inoltre, questa decisione potrebbe essere presa come esempio da parte degli altri Comuni italiani per facilitare la diffusione delle infrastrutture di ricarica. Dal 2023, dunque, tutti i distributori di benzina del Comune di Milano dovranno disporre di un'infrastruttura per permettere alle auto elettriche di poter rifornire di energia. Non è specificato però che tipi di colonnine dovranno essere installate. Visto che dai benzinai non si possono passare delle ore, è lecito sperare che diverse delle future installazioni riguardino colonnine del tipo Fast.

Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2, in offerta oggi da Hwonline a 988 euro oppure da ePrice a 1,102 euro.

79

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Francesco Renato

Il pericolo non è nelle condutture ma all'esterno, nell'aria, quando attacchi e stacchi il bocchettone di rifornimento.

fabbro

Stoca

Gennaro Di Sarno

Ma infatti dopo qualche minuto ho corretto.

MatitaNera

E che ci facevate in mutande?

Davide Moriello

Si, visto che con una elettrica i freni disdco non gli usi praticamente mai... È un plus.

Alessandro

Vero non riduci molto l'inquinamento considerando anche il fatto che l'elettricità viene prodotte da centrali a petrolio, però lo allontani dalle strade che non è poco anzi

Vae Victis

Non è certo l'unico caso di ipocrisia. Solo che essendoci tanti giornalisti che vi risiedono, su Milano escono più articoli.

Lupo1

Vanno ovviamente, ho sbagliato...

Lupo1

Si vero pure questo...

Pip

E le colonnine della ricarica elettrica usano invece le tubature della benzina?

Grewal

Le statistiche sulla sicurezza dei mezzi non si fanno sul numero di questi ultimi ma su incidenti per km percorsi, é indifferente avere 1000 o 10000 auto/aerei etc
Attualmente le auto elettriche sono più sicure delle termiche, suprattuto per quanto riguarda gli incendi, poi se capita l'incendio é vero che sono difficilissimi da gestire ma restano cmq meno probabili di un'auto termica.

Giacomo

Esatto, non potevi regolare assolutamente nulla
Ed essendo a pavimento non c'erano manco le valvole termostatiche

Martino Bellocchio

Solitamente le auto elettriche hanno la possibilità di programmare la ricarica, perciò non avresti la macchina sotto carica tutta la notte, ma per un determinato numero di ore.

Simone

vero la Ami mi ero dimenticato!

DeepEye

Compri la Citroen Ami, il cassonetto della spazzatura con le portiere, con gli incentivi forse anche un povero può permettersela.

Simone

se hai un'auto elettrica non sei povero a prescindere

Simone

perchè ancora non tutti sono raggiunti dal teleriscaldamento dove non esiste più caldaia privata e ti regoli la temperatura pagando un fisso e un variabile in base alle calorie

Simone

ad esempio la 500E ricarica 50 km in 5 min quindi è fattibile

DeepEye

Se sei in centro a milano, o sei ricco, quindi hai un auto con batteria grossa e garage, o sei povero con la macchina che dorme per strada e sicuramente hai bisogno di un charger pubblico. Mi immagino già le file ai 'distributori' :D

GioB

Per quel che ho visto in alcuni condomini fino a non molto tempo fa nemmeno potevi regolarlo il riscaldamento costringendoti a tenere riscaldamento acceso e finestra aperta per non morire di caldo, assurdo
E chissà quanto inquina una caldaia del genere in funzione h24, moltiplicato per le migliaia di condomini del genere a milano, oltre a tutti i negozi e locali che pure hanno riscaldamento a palla e porta aperta

DeepEye

Beh oddio. Gli aerei però cadono molto raramente e ce ne sono 'pochi' in rapporto al numero di telefoni o auto. Inoltre si può cercare di prevenire che ti esploda l'auto o il telefono, mentre non puoi fisicamente prevenire di morire in un incidente aereo :D .

Stefano

Questa mania di fare il pieno da quale atavica paura arriva? Se sei in centro a Milano probabilmente con 30 km ci fai qualche giorno...

Stefano Bortoletto

C’è da dire che non per forza le ricariche devono essere complete, nel senso che si può andare a caricare prima che la batteria sia a terra o eventualmente si può caricare solo quel 20% sufficiente alle esigenze di spostamento, a quel punto se fossero 10 minuti diventa già più accettabile la cosa

Stefano

L'area ATEX è limitata ad una 50ina di cm dalla bocchetta del tuo serbatoio...

Stefano

Se sei in centro a Milano la probabilità che ti serva il "pieno" è molto bassa. Uno splash per arrivare al 60% e via a fatturare!

Giacomo

E' un tema trascuratissimo ma consiste nel vero problema dell'inquinamento.
Ho trascorso capodanno da amiche a milano qualche anno fa. Giravamo in mutande a causa dei 25 gradi in casa (per la mia gioia)

Grewal

Statisticamente parlando é più probabile che tu venga morso da uno squalo...
Cmq no, non ci sono problemi, l'auto elettrica é fatta apposta.
Queste perplessità sono lecite ma inutili, é come avere paura che un aereo precipita, non é impossibile ma é altamente improbabile, statistiche alla mano

Francesco Renato

Cosa c'entra, genio, la pompa elettrica non ha aria in comune con la benzina, sono nettamente separati.

DeepEye

Vorrei sollevare una piccola questione. Il discorso del caricare l'auto in garage.

Avete presente che è in genere sconsigliato lasciare i telefonini in carica durante la notte? Dopo i svariati casi dei telefoni esplosi o bruciati, carico il telefono solo da sveglio.

Ora, considerando i casi delle auto elettriche incendiate nelle rimesse, voi vi fidereste di lasciarla in carica durante la notte?
Per quanto sia vero che sono casi rari, è comunque una possibilità reale. Le batterie e tutta la parte elettrica sono costantemente sottoposte alla tensione, non sono 'neutre' come lo potrebbe essere un serbatoio di benzina. Considerando le dimensioni della batteria, incendiare la casa diventa una possibilità reale.

Francesco Renato

A gasolio, supergenio!

GioB

Io credo che a milano l'inquinamento delle macchine sia poca cosa rispetto alle caldaie dei condomini dove ci sono 25 gradi fissi sia che fuori ce ne siano 15 o 0

Poi sulle ricariche dei benzinai, effettivamente 2-3 postazioni in molti benzinai ci potrebbero stare tranquillamente ma non in tutti,però serve una tecnologia che nel tempo di un caffè ti ricarichi l'auto di almeno 100km, il "pieno" si fa nei posti dove la macchina sta ferma ore

Cloud387

Si ma le caldaie a gasolio a Milano le trovi solo sui centralizzati, i termoautonomo sono ormai tutte a gas

danieleg1

E dei freni.

Austrian school

Il problema della ricarica è il tempo. Se ci vogliono 3 ore per ricaricare un'auto il progetto è morto in partenza. Non puoi aspettare 3 ore per fare rifornimento e ripartire.
Ma anche 30 minuti rischiano di essere un tempo lunghissimo rispetto ai rifornimenti tradizionali.
I tempi lunghi sono compatibili con ricariche notturne o quando si parcheggia l'auto.
Penso quindi che il benzinaio tradizionale, con gli attuali metodi di ricarica, abbia poco senso che installi ricariche elettriche. Meglio colonnine ai parcheggi o nei box auto.

mister x

Hanno risolto il problema dell'inquinamento delle auto? Chi è stato?

mister x

Le pompe di benzina hanno tutto lo spazio necessario. Quindi finora hanno progettato i benzinai adminchiam, e non perché quello fosse lo spazio necessario per decelerare, fare manovra, consentire il passaggio agevole dei mezzi pesanti, dare possibilità alle persone di circolare a piedi senza essere investite... devo continuare? Perché ce ne sarebbero tanti di motivi. E poi, dovrei passare 3 ore in un bar aspettando che completi la ricarica? Poi però devo chiamare a casa per farmi venire a prendere perché non posso rimettermi alla guida con tutto quell'alcol nel sangue!

Governatore

E quindi tu metteresti colonnine a ricarica lenta invece di quella rapida? Che lavoro fai?

theskig

Io pensavo che "conduttività termica" fosse più sconvolgente

Lupo1

Polveri sottili È inquinamento, anzi è quello peggiore...

Lupo1

La centralizzazione non c'entra nulla, c'entra cosa brucia la caldaia...

Lupo1

Sulle sigarette è una caxxata, ma i forni a legna hanno un impatto non trascurabile, al netto del fatto che il grosso lo fanno le caldaie, specie quelle a gasolio...

Lupo1

Le Pompe elettriche come andavano genio!

Davide

Milano sempre avanti

Pip

Perché le pompe che muovono la benzina dalle taniche fino alla tua auto funzionano con magia e scorregge di unicorno

ghost

Non capisco perché non usano direttamente loro i nostri soldi. Perdono troppo tempo a creare obblighi quando con una dittatura sarebbe tutto più semplice

Daniele

Esattamente.

TheRealTommy

obbligo? ma stiamo scherzando? se lo vogliono fare lo facciano sul suolo comunale.
e lo dico da grande ammiratore delle auto elettriche.

Io capisco Gennaro.

Vash 3rr0r

Il problema di Milano è la posizione geografica e in generale che la maggior parte delle attività economiche del paese stanno tutte qua nella pianura padana. è inutile parlare di ecologia se poi su un paese come il nostro è praticamente tutto concentrato qua.

Francesco Renato

Ti capisco.

Hyundai Kona Electric 2021, arriva il restyling: tutte le novità | Video

Vado a fare il pieno di idrogeno in Svizzera e (forse) torno | Video

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

MyMi: la recensione del cuscinetto anti abbandono che protegge i bambini | Video