Pininfarina disegnerà la giga-factory di Britishvolt

30 Luglio 2020 0

Pininfarina ha annunciato di aver stretto un accordo di collaborazione con Britishvolt, azienda specializzata nello sviluppo e produzione di batterie, per la costruzione della giga-factory della società inglese in cui saranno prodotti gli accumulatori. Il sito sorgerà presso l'ex base della RAF di Bro Tathan, in Galles.

Pininfarina è sempre stata all’avanguardia nella mobilità elettrica e ha realizzato, nel corso del tempo, soluzioni di propulsione elettrica in vari segmenti dell’ecosistema della mobilità. Britishvolt era alla ricerca proprio di una realtà che avesse esperienza in questo campo e che potesse progettare una struttura in grado di armonizzarsi con l'ambiente circostante.

Il nuovo sito per la produzione degli accumulatori dovrebbe entrare in funzione nel 2023 e avrà una capacità iniziale di 10 GWh con l'obiettivo di arrivare sino a 30 GWh. Il progetto che è sostenuto anche dalle autorità locali, prevede un investimento di oltre 4 miliardi di euro.

Orral Nadjari, AD e fondatore di Britishvolt , ha così commentato questo accordo:

Siamo onorati di collaborare con Pininfarina, design house conosciuta in tutto il mondo, per creare la nostra “giga-factory”. Noi di Britishvolt riteniamo che il design innovativo debba avere la priorità, affinché possa accordarsi con la qualità futura delle nostre celle agli ioni di litio. Grazie a Pininfarina, che porta nell’architettura tutta la forza della sua eleganza e del patrimonio del design automobilistico, riteniamo di poter raggiungere questo obiettivo. L’obiettivo di Britishvolt di diventare il primo produttore al mondo di batterie a emissioni zero si allinea perfettamente all’esperienza di Pininfarina nella creazione di ambienti innovativi, ecologici e high-tech. L’attenzione di Pininfarina per l’impatto sociale è ciò che ci ha spinti a stringere questa partnership, come dimostra l’accurata selezione di materiali sostenibili che tengono conto dell’intero ciclo di vita dell’edificio. Il loro equilibrio tra design pionieristico e la comprensione della cultura locale è proprio ciò che Britishvolt è orgogliosa di portare avanti.

Silvio Pietro Angori, AD di Pininfarina, ha aggiunto:

Siamo orgogliosi di collaborare con Britishvolt a un progetto tanto ambizioso, contribuendo così alla creazione del più grande impianto di produzione di batterie del Regno Unito e portando avanti l’evoluzione della mobilità elettrica. Ci siamo sempre concentrati sulla combinazione di design senza tempo e sostenibilità sociale e ambientale, sia nel design automobilistico che nell’architettura. Il design sostenibile non rappresenta più un’opzione che prima o poi va considerata: è un impegno ineludibile per creare valore sociale ed economico per le generazioni future.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

1200 km elettrici, presente contro futuro: da Milano a Monaco | Il ritorno

eRaid, un racconto di 1.000 chilometri in viaggio con (quasi) tutte le auto elettriche

Dacia Spring: come va l'elettrica economica da 9.460 euro (con incentivi) | Video

Nuova Mazda CX-30 2021 eSkyactiv-X: quando 6 cv fanno la differenza | Video