Aston Martin DB5 Goldfinger: rivive il mito di James Bond

06 Luglio 2020 2

Il mito di James Bond rivive nella DB5. Aston Martin ha comunicato di aver completato nei tempi previsti la produzione del primo esemplare della serie speciale dedicata alla DB5 Goldfinger. Complessivamente, ne saranno prodotte 25 unità. Per ognuna di esse, sono necessarie ben 4.500 ore di lavoro. La "Job 1" rappresenta la prima DB5 ad essere costruita da Aston Martin a 55 anni dall'uscita di scena di questo iconico modello.

L'auto, infatti, nel tempo è diventata sinonimo di stile e di sportività. Un modello davvero speciale che ha conosciuto l'apice della sua fama quando è stato utilizzato all'interno del film Goldfinger con protagonista l'agente segreto James Bond. Questa speciale autovettura è stata sviluppata in collaborazione con EON Productions ed è dotata di molti degli accessori di cui poteva disporre la spia più famosa del mondo. Ovviamente, alcuni di questi sono "finti" per ovvi motivi di sicurezza.

Infatti, troviamo, per esempio, le targhe girevoli, le protezioni antiproiettile, il telefono integrato nella portiera, le mitragliatrici e tanto altro. Sotto il cofano è presente un sei cilindri in linea aspirato di 4 litri di cilindrata con 3 carburatori in grado di erogare, secondo Aston Martin, circa 290 CV (213 kW). L'unità è accoppiata ad un cambio manuale ZF a cinque velocità. La trazione è posteriore. Le prime consegne ai clienti sono iniziate e proseguiranno nella seconda metà del 2020. Le DB5 non potranno circolare sulle strade aperte al traffico. Prezzo? 2,7 milioni di sterline (circa 3 milioni di euro) più tasse.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE è in offerta oggi su a 307 euro oppure da Unieuro a 479 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Aristarco

Bella targa di prova e via su strada...

kakkolamalefika

Mha.. Sinceramente comprare una replica moderna, pagarla oltre 3 milioni di € e non poterla nemmeno usare su strada aperta..che senso ha? Con meno compro quella vecchia che manterrà le quotazioni e si può usare per strada

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren