Audi RS3 Sportback: recensione e prova su strada...e in pista con Marco Petrini

26 Aprile 2019 157

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Audi RS3 Sportback è la più “piccola” delle auto create dalla divisione speciale di Audi ma gli argomenti non le mancano: un motore 2.5 TFSI benzina con 400 cavalli, cambio S tronic a doppia frizione a sette rapporti, trazione integrale permanente quattro. Va da 0 a 100 all’ora in circa 4 secondi e in questa versione raggiunge i 280. La RS 3 vanta un motore spettacolare, offre grandi performance e forti emozioni ma in cambio costa tanto e mantenerla costa parecchio. Come ogni RS offre design, performance e si può guidare anche tutti i giorni.

Chi come me ama le auto sa che la sigla RS è l’acronimo di RennSport, che in tedesco vuol dire “corsa”, ed è quella esclusiva che accomuna le versioni supersportive di Audi Sport.

ELEGANTE DALL’ANIMA RACING

Negli anni la RS 3 Sportback è ormai diventata un classico. Già a vederla, ancora parcheggiata, vi conquista: aggressiva ma non troppo, sportiva sì ma senza diventare tamarra con alettoni e appendici inutili.

Intanto, a mio parere, questo colore blu elettrico ( Blu Ara cristallo per essere precisi) è molto azzeccato. La RS 3 si distingue dalle altre “sorelle” normali: più larga di 14 millimetri all'anteriore e di 20 al posteriore, che le conferiscono un look deciso, in costante equilibrio tra eleganza e sportività. A questo contribuiscono anche la calandra brunita e gli inserti in alluminio. I cerchi in lega di alluminio a 5 razze da 19 pollici, in nero antracite lucido e torniti a specchio, fanno il resto insieme ai doppi scarichi ovali, che promettono bene.

Dentro questa RS 3 da sempre divide: c’è chi la vorrebbe più diversa dalle normali A3, magari con un po’ di carbonio e microfibra in più, e chi invece la adora così semplice. La qualità degli interni non si discute e al centro spicca il display dell’infotainment che ho molto apprezzato, perché può ritirarsi nella plancia a vettura spenta o a comando impostato.

Inevitabilmente il design risulta un po’ datato e denuncia l’età dell’auto, se confrontata con le più recenti della gamma Audi. Ma è già in programma l’arrivo della nuova generazione.

Appena vi sedete nel suo abitacolo, ancora prima di accenderla, un po’ potete già immaginare cosa vi aspetta: perché quella delle versioni supersportive di Audi Sport è una gran bella famiglia e qualunque auto vi capiti siete sicuri che ti divertirete…

PICCOLA MA TERRIBILE

Quando poi la mettete in moto vi fa subito capire di che pasta è fatta, con una “voce” molto decisa.

Chi ha qualche anno di più si ricorderà la prima mitica RS da strada, la RS 2 Avant, prodotta a metà anni ’90 insieme a Porsche che si occupava soprattutto del suo motore. Come quella station cattiva d’allora anche la nostra “bestiola” è spinta da un 5 cilindri turbo, che fa parte della storia del brand: anche la prima Audi Quattro da rally aveva proprio un 5 cilindri turbo e la trazione integrale.

La “piccola” promette bene: motore 2.5 TFSI benzina con 400 cavalli, cambio S tronic a doppia frizione a sette rapporti, trazione integrale permanente quattro


Nel suo abitacolo chiunque troverà la posizione di guida ideale, anche quelli molto alti come me. A sorpresa però non siete seduti in basso: la posizione è leggermente rialzata, con il volante appena inclinato; insomma privilegia di più il comfort. Non si può dire la stessa cosa per chi siede dietro, soprattutto se chi è al volante è piuttosto alto. Se vi interessa, il bagagliaio ha una capacità minima di 315 litri, che aumentano molto se viaggiate in due e abbattete il divano posteriore.

Su questo esemplare ci sono anche i sedili anteriori sportivi RS rivestiti in Nappa, che contengono bene e sono comodi, ma tutto si regola manualmente: già, solo il supporto lombare è regolabile elettricamente e considerato che il prezzo base è di 55.400 Euro se ne potrebbe anche parlare. La presa del volante, grazie anche alla microfibra, è ottima.

Qui hanno aggiunto anche il virtual cockpit, che su questo modello prevede persino la modalità RS con contagiri centrale, indicazione luminosa di cambio marce, spia di controllo pressione pneumatici e altro. C’è anche l’utile sistema che rileva se siete stanchi o poco concentrati, ed è attivo da 65 fino a 200 km/h.

Mentre percorrete i primi chilometri con la RS 3, oltre alla normale e piacevole emozione che sa subito offrire, mette un po’ di timore, poi capite che dovete semplicemente usare il buon senso per godervela senza diventare un pericolo per voi e per gli altri.

Rispetto alla precedente versione, il suo motore è praticamente nuovo, più leggero e più potente, ma anche più fluido e regolare nell’erogazione. E’ il risultato di un lavoro importante che ha portato in dote doppia iniezione, doppio variatore di fase, il basamento in alluminio, albero motore e altri componenti alleggeriti che l’hanno fatto dimagrire di ben 26 kg.

Il motore è quello che spinge anche la splendida TT-RS presentata di recente nel suo restyling: con 33 cavalli in più, ora vanta anche ben 480 Newton per metro di coppia massima a soli 1700 giri. Questo propulsore è a dir poco fantastico: scegliete anche voi l’impianto di scarico sportivo RS e sarà vera musica per le vostre orecchie.

Anche sulla RS 3 c’è l'Audi Drive Select, che in un istante la trasforma, lo mettete in Dynamic e la “belva” esce allo scoperto: agisce su sterzo, risposta del motore e del cambio, ripartizione della coppia della trazione quattro, e sulla valvola dell’impianto di scarico. Comincerà così una colonna sonora molto bella (scoppietta anche in rilascio) e vi divertite come al luna park.


La “piccolina” va da 0 a 100 in circa 4 secondi e se volete giocare c’è anche il sistema di Launch Control.
Per sfruttare appieno l’allungo di cui il suo motore è capace, ci vuole la strada giusta: il turbo entra prima dei 2.000 giri e la sua incredibile spinta non si ferma se non oltre i 6.500 con luci gialle e rosse che vi avvisano quando sta per arrivare il limitatore. E che progressione intensa, senza alcun strappo.

Cercate una strada ricca di curve veloci e con qualche allungo e date sfogo alla RS 3, che vi accompagnerà con il suo sound bello pieno. E se non vi bastano i 250 all’ora della versione normale, qui il limitatore elettronico vi consente di raggiungere i 280: basta trovarsi su un'autostrada tedesca e trovare il coraggio di tenere giù.

Ma le sorprese non sono finite: se andate a passeggio, con il cambio in automatico in D, nella modalità più tranquilla, in comfort, sembra quasi un’auto normale, piuttosto silenziosa, diciamo educata, quasi anonima. Se fate davvero i bravi consuma anche poco: a 130 all’ora siamo tra i 12 e 13 con un litro, che diventano circa 7 in città, se il piede è leggero. In caso contrario, non chiedetele i miracoli.

Il cambio, l’ormai famoso S tronic, fa il suo dovere senza problemi: il doppia frizione è una garanzia, però in modalità S e in manuale, può a volte essere un po’ lento nella risposta ai paddles, ma di solito succede solo a basse velocità. Forse a qualcuno lo sterzo potrebbe piacere più immediato, ma il rischio è che poi diventi nervoso; questo invece è progressivo e preciso.


L’assetto, adeguato alle performance di cui è capace, non è esagerato ma se soffrite di mal di schiena, purtroppo non è certo l’auto per voi: è rigida e anche gli splendidi cerchi e pneumatici da 19 pollici contribuiscono. Sul volante si sente ogni asperità della strada ma non diventa mai fastidiosa, nulla di estremo o proibitivo.

Questo esemplare ha tra gli optional l’Audi magnetic ride, un sistema di ammortizzatori adattivo, regolabile elettronicamente. La taratura delle sospensioni si può regolare con l’ormai famoso Audi drive select su tre livelli: comfort, auto e dynamic. La tenuta di strada è molto elevata, sembra sui binari, è proprio piantata e non diventa mai troppo impegnativa.

In generale la RS 3 ha limiti talmente elevati che vi ritrovate spesso a guidare in modo brillante, e sembra quasi tutto molto facile e intuitivo, non vi stanca nemmeno troppo. Va così forte che, giustamente, qui tra gli optional ci sono i freni anteriori in ceramica Brembo, irrinunciabili: significa avere freni anteriori con dischi da 370 millimetri di diametro e pinze a otto pistoncini, e si sentono. Una volta raggiunta la temperatura ottimale fanno la differenza, soprattutto nelle frenate d’emergenza e sul bagnato. Dietro comunque ci sono dischi da 310 millimetri e pinze flottanti. Non male…

Se ci date dentro, vi accorgerete che, rispetto al passato, la coppia viene trasferita di più al retrotreno. La sicurezza è affidata anche ai fari anteriori full LED Matrix (sono un optional) che, oltre a conferirle una firma luminosa inconfondibile, garantiscono una visibilità notevole e si adattano a ogni condizione, del traffico, della luce e del meteo.


Comunque si capisce in fretta che, in realtà, per sfruttarne davvero l’enorme potenziale servono una pista e un pilota esperto.
E proprio per capire come se la cava tra i cordoli l’ho lasciata volentieri al “maestro”, l’amico Marco Petrini che l’ha provata al Circuito Tazio Nuvolari a Cervesina.

Come avrete già visto nel video, la RS 3 si é rivelata molto efficace, estremamente sicura ma forse un po’ meno divertente di quanto si potrebbe immaginare. Vi ha comunque convinti?

Se la volete un po’ più comoda, da un po’ di tempo potete sceglierla anche nella versione a quattro porte berlina, la Sedan, pensata soprattutto per i mercati extraeuropei.

EMOZIONI COSTOSE

Tranquilli, il DNA è quello, con quel logo rosso e la scritta Quattro che ci riportano subito alla storia unica di questo brand: la mitica Audi Quattro, Walter Röhrl, le tante vittorie nei Rally, i successi con i prototipi alla 24 Ore di Le Mans e in ogni angolo del mondo, e poi ancora le affermazioni della R8 nelle corse GT. E anche le RS 3 LMS, che derivano dalla versione Sedan, si stanno facendo valere nella classe TCR turismo, anche a livello mondiale…

Dedicata a una nicchia di mercato, comunque importante per l’immagine e la tradizione del brand, vanta un motore spettacolare, offre grandi performance e forti emozioni ma in cambio costa tanto: si parte da 55.400 euro e ci vuole un attimo ad arrivare a 70.000 con la troppo lunga lista degli optional, il superbollo si fa sentire e mantenerla costa parecchio.


Secondo la filosofia del brand, come ogni RS riesce ad offrire design, performance e si può guidare anche tutti i giorni. La “super hot hatch” di casa Audi è la risposta decisa a BMW M140i xDrive e Mercedes-AMG A 45. Per ora è ancora la compatta sportiva più veloce e potente del segmento, ma la guerra continua…

configuratore online Audi RS3 Sportback

VIDEO

Tre fotocamere per il massimo divertimento e un hardware eccellente? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 529 euro oppure da ePrice a 596 euro.

157

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ratchet

Interni veramente orrendi... quel tablet buttato lì a caso poi fa davvero schifo..

sopaug

inutile continuare. Vai a correre su un diesel vediamo dove vai :D

pollopopo

non sono d'accordo, gli sviluppi per diesel prestanti sono iniziati solo da pochissimo in confronto ad i benzina e vanno di pari passo con gli iniettori... i diesel anche nelle competizioni viaggiano strozzati da morire perché devono apparire come i benzina ma in realtà un vero diesel prestante fuma...e tanto, inammissibile in qualsiasi competizione che non siano i drag

niente giusto o sbagliato...una è una "tecnologia" quasi al suo massimo da anni...l'altra è una tecnologia che è veicolata da un'altra che è in continuo sviluppo...

sopaug

non c'è da essere d'accordo o meno, non ci sono "opinioni" possibili, semplicemente una cosa è vera e l'altra falsa :)

I diesel NON sono adatti per fisica e chimica alle competizioni. Il fatti che a le mans abbiano vinto è 1 un'impresa titanica a scopo pubblicitario 2 un regalo dei regolamenti.

E questo è quanto.

Che poi il diesel abbia altri vantaggi come come ad esempio i maggiori consumi o efficienza in determinati cicli di utilizzo è altrettanto vero, ma non si discuteva di questo.

pollopopo

i motivi sono altri e sono legati allo sviluppo che hanno dietro i benzina e i diesel e una differenza gigantesca in particolarr....la guarderesti mai una competizione di auto che fumano nero fisso e fanno un rumore tutto forchè piacevole ?? i diesel che vanno forte fumano come turchi praticante fissi....

comunque tranquillo, abbiamo solo idee diverse sul perchè e per come... non elogio i diesel semplicemente non è corretto non definirli idonei nel'uso agonistico....

sopaug

Quindi torniamo al fatto che usano tutti benzina nelle competizioni perchè non hanno chiesto a te... Miseri e tapini :) "competizioni dove lo spazio non è un problema" non ce ne sono, lo spazio è sempre un problema, non foss'altro per la distribuzione dei pesi.

Smettila per favore, stai sforando nel ridicolo. Il diesel va bene sui trattori, per caso ha avuto alcuni episodi fortunati, ma sono episodi e basta.

pollopopo

curve di coppia completamente diverse tanto da permettere alle prime le mans diesel di avere solo 5 marce invece di 6 o 7 .....

se vuoi il massimo di prestazioni i benzina tipo F1 ok, grazie ad alcuni trucchi che ne limitano in maniera considerevole la detonazione/temperature tipo l'iniezione di acqua, additivi nelle benzine, benzine sintetiche e sfruttando al massimo la velocità di accensione si possono avere motori compatti e molto prestanti...per tutte le altre competizioni dove lo spazio non è un problema (nel 90% dei casi) il diesel andrebbero benone con costi di gestione molto inferiori proprio perché girano meno (e non solo) ecc...

più si va in la con la tecnologia di iniezione (vedi i delphi da 3000bar) e più il limite dei diesel, la lentezza di accensione e quindi, i problemi ad alto numeri di giri, più si mitiga il problema dell'inquinamento e dell'efficienza dello stesso a regimi elevati

sopaug

ah quindi il problema sono il sex appeal e le norme anti inquinamento... Infatti in passato quando non c'erano norme era pieno di diesel sportivissimi. Il problema non è il fatto che muoiono alla metà dei giri di un benzina per questioni di fisica e chimica...

pollopopo

l'unico motivo per la quale non vedrai mai o quasi diesel "sportivi" sono altri..... su strada sono frenati dalle norme antinquinamento e in pista non hanno sex appeal oltre ad uno scarso sviluppo dietro....

andry

Non si tratta di essere hater...ma ad un occhio meno attento non vi è differenza tra questa e ad esempio una semplice 1.6 TDi con pacchetto Sline...non ha uno stile proprio da super sportiva...

sopaug

Ah quindi il diesel dell'audi R10TDI di le mans è un diesel come quello delle auto in concessionaria... Stesso motore. E tutte le coupè del mondo a benzina hanno il motore con il carburante sbagliato... Accidenti, vado a convertire subito la M3 e ci mpiazzo un diesel! E chissà come mai non ho mai aperto il motore, con tutti i turni di pista che ho fatto ohibò...

Ma perchè prima di scrivere certe fesserie non si riflette non dico tanto, ma solo un minimo? Sarebbe sufficiente.

pollopopo

nessun paragone.. uno è un motore fatto per durare ed efficiente e sulla carta il diesel è più prestante... poi se guardiamo le competizioni dove le benzine non sono benzine e i motori si aprano ogni gara allora è un'altro paio di maniche....

io direi "viva il cherosene" visto che i motori più prestanti (a combustione) vanno a cherosene

ca600lg

e io ti ho fornito una spiegazione di quello che a mio parere è il motivo per cui negli articoli sui suv ci sono più critiche di quante ne trovi su questi.
la mia era una risposta pertinente ad un commento sensato, poi ci siam persi in divagazioni inutili

Aster

Ma tu prima di commentare leggi quello che devi rispondere o parli cosi a c...Ho scritto perché non vedo commenti negativi su questi articoli come li vedo su quelli per i suv,poi ho fatto l'esempio di un test fatto a Londra. Quindi rileggi tutto ,elabora poi ritenta

ca600lg

la tua è una considerazione assolutamente priva di senso a mio parere.. dove sta scritto che la gente se la prende coi suv e non con questi? su che base affermi ciò? oltretutto alla luce del fatto che i suv sono sempre piu venduti.

la grammatica italiana non sarà tra le tue priorità, ma manco la logica mi pare di capire. giusto il qualunquismo e il parlare per luoghi comuni

Alla ricerca del tempo perduto

cavolate

Elvin Cannibale Barca

Provare una RS con i pneumatici invernali mahhh

sopaug

Sì con sta storia della le mans i cag4fumo ci campano da anni... Come paragonare la turbina a gas di un carro m2a2 con uno scaldabagno .

pollopopo

tranne nella le mans...........

Alla ricerca del tempo perduto

sì, la storia mi ha poi dato ragione :)
avrei dovuto tenerla e non venderla, nel 2010
chissà che fine avrà fatto... sigh!

sopaug

ops, chiedo venia :)

fillobotto

Il commento sopra al mio parla di A1, non A3. Conosco bene i prezzi della A3

sopaug

e probabilmente facesti anche bene. La boxster S non si poteva vedere già all'epoca, la z4 è ancora stupenda :)

sopaug

con 32k di a3 ti danno solo ruote e volante altro che 200cv accessoriata. Non so cosa tu abbia guardato e cosa tu definisca "accessoriata" ma la 190 cv benzina sono 34 di listino e 36 sono con il pacchetto "sport" (ex sline ora sline barbone) e si arriva a 38 (!) per il pacchetto top che è il vero sline.

sopaug

sì ma il diesel si usa per i trattori.

sopaug

concordo, bella ,efficace, ma noiosa e troppo costosa. Però ha dalla sua l'immediatezza e la versatilità: con quei soldi io comprerei una m2 tutta la vita ma non hai le 5 porte (mentre qui siamo ancora nel range di un'auto usabile "per tutto" volendo) ed è un macchina che non tutti sanno guidare senza farsi male.

disqus_uSJK7cFxtw

Non è solo una questione di cavalli, ma anche di consumi.
Come dice nell'articolo, è dura andare sopra agli 8Km/L.

Sono auto divertenti e relativamente facili da condurre grazie proprio all'abbondante quantità di elettronica oggi disponibile, oltre che a dimensioni e peso contenuti.
Molto più impegnativo, ad esempio, gestire una una RS6 da oltre due tonnellate o una Bentley Continental da oltre 2,5, che richiedono molta più perizia a causa delle masse in gioco.

Il punto a sfavore, semmai, è proprio il prezzo: avrà anche un gran motore, ma alla fine resta pur sempre una "piccola" Audi agli occhi dei più. Con simili cifre (o addirittura inferiori) si può acquistare una M4 con pochissimi Km, o addirittura andare su vetture ben più importanti e blasonate, però con meno cavalli. Insomma, la compatta supersportiva da 70.000€ la compro per divertirmi se ho già in garage una berlina per tutte le occasioni ed eventualmente una seconda vettura per la famiglia, ma di certo non come prima ed unica automobile personale.

Massi91

senza contare che bisogna pagare anche il superbollo per questa!

disqus_uSJK7cFxtw

Bravo, finalmente uno che guarda le cose importanti.
Certo, l'Haldex a comando elettrico può spostare coppia al posteriore prima che le ruote anteriori scivolino (in funzione della pressione sull'acceleratore e del programma di guida), ma come dici tu un Torsen è ben altra cosa e su un'auto di quel prezzo e quella potenza non si può montare un Haldex!
Oltretutto ci vorrebbe anche (vero)un differenziale autobloccante su almeno uno dei due assi. E non mi si venga a dire che un differenziale "elettronico" (XDS in casa Audi/VW) sia la stessa cosa: chi abba un minimo di conoscenza meccanica sa benissimo che il risultato è ben diverso.

Ormai il marketing Audi ha coniato la definizione Quattro Ultra per i modelli con motore trasversale e Haldex, facendo quasi credere che questo tipo di trasmissione sia più evoluta rispetto alla Quattro tradizionale, ma la verità è esattamente opposta: l'Audi Quattro che vinceva nei rally aveva il Torsen e 2 differenziali bloccabili su entrambi gli assi......

Questioni Culturali

Perché vendono.

simone

Ho 27 anni... se avessi soldi e dovessi scegliere tra s3 e s6 be non avrei dubbi sulla 6.... mi vergognerei quasi a prendere un serie 3 e pagarlo 70k... anche ad avere i soldi per farlo mi vergognerei....è una questione di non farti incul- a re

simone

Davvero... mi chiedo sempre che senso abbia creare queste versioni di macchine di questo tipo serie 3 con preZi di quel tipo...

Aster

E ma piccolo italiano medio la grammatica italiana non fa parte delle mie priorità per ora. Io non ho scritto niente di tutto ciò che hai detto tu.Ho scritto perché la gente se la prende con i suv(quando può montare un misero 0.9 benzina o peggio metano) e non se la prende con uno che va in giro in centro con uno di questi?!Ma sono cose difficili per te da comprendere.

ca600lg

Tu invece ripassa la grammatica va! ahahah
comunque io volevo spiegarti il perchè ha senso pregiudicare i suv; per il semplice fatto che qualunque tipologia di auto tu prenda in considerazione( familiare, sportiva, missili senza alcun senso logico come l'rs3) la versione Suv di quella macchina sarà più pesante ed inquinante. quindi se già l'rs3 è insensata, una rsq3 sarà ancora più insensata.

Aster

A ora ragioni, si vede che ripassare la fisica ti e servito. Tornado al discorso io non ho fatto nessuna comparazione, ho solo detto perché la gente pregiudica i suv e non questi bolidi (da possessore e utilizzatore di entrambi)

ca600lg

Ci saranno anche i suv a metano, ma i suv concettualmente a parità di motorizzazione consumeranno sempre e comunque di più rispetto ad una macchina di pari segmento perché più pesanti e dalle forme meno aerodinamiche, tutto lì

Aster

No l'ho avuto io berlina anni fa,adesso probabilmente è come dici tu.

Antonio

Se non erro la RS4 esiste solo Avant

peyotefree

Anche no. Parlando di interni
-classe A max 25enni
-serie 1 min 45enni

Aster

Io non confronto niente, se ci sono addirittura i suv a metano. Sei tu che sei rimasto indietro, ma puoi sempre rimettere, invece per la fisica non c'è niente da fare,sempre gli ultimi in Europa nelle materie scientifiche.

ca600lg

No a me sembra che sia tu che vuoi confrontare mele con pere.

sgarbateLLo

Conosci degli operai particolari

Aster

Fai bene, ma sono anni ormai che usano i i turbo o biturbo

Garrett

Non seguo le mode. Lo stile lo decido io.

fire_RS

Fuori molto bella (ma SOLO in questa versione, le a3 normali sono di una tristezza assurda), dentro invece sa di vecchio, una classe a ma anche una serie 1 a fine carriera sembrano di un altro pianeta.

Favoloso invece il 5 cilindri, ha un rombo unico nel suo genere.

fire_RS

Peccato che se la si voglia comprare usata a 30000 (cifra alla portata anche di un operaio) le tasse siano sempre le stesse..

fire_RS

L'unica a3 decente è questa. In giro ci sono decine di a3 bianche e allestimento base e sono inguardabili...sembrano delle skoda

Aster

Se prendo un tre cilindri 1.0 o 1.5 consumo lo stesso di più?! Peccato che siete un po scarsi nelle materie scientifiche da queste parti;)

Antares

Infatti anche su ecobonus ed ecomalus hanno cambiato versione una marea di volte.

ca600lg

Perché se tu prendi un SUV con un 2.5 benzina da 400 cv consumerà di più di questa e andrà più lento. É fisica e nemmeno di quella complessa

Jeep

Jeep Renegade: recensione e prova su strada del restyling 2019

Euro 6D vs TEMP, differenze RDE, WLTP, emissioni NOx e CO2: cosa cambia | Guida

HDBlog.it

Kia e-Soul: prova su strada e prezzi in Italia, la nuova sarà solo elettrica | Video

Ford

Ford Mondeo Hybrid Vignale: wagon ibrida per risparmiare con la gamification | Video