BlaBlaCar lancia la sfida a FlixBus: 101 milioni per Ouibus

14 Novembre 2018 15

BlaBlaCar, dal car pooling ad un'idea più complessa di mobilità intermodale: questo l'obiettivo della società francese, che ha annunciato un'offerta di acquisizione da 101 milioni di euro per Ouibus, operatore low-cost tra leader del settore del trasporto su autobus in Francia.

Una realtà che ha fatto gola a BlaBlaCar, dal momento che Ouibus connette circa 300 città in Francia e in Europa, con un traffico complessivo di 12 milioni di passeggeri dopo circa 3 anni di attività. Se a questo aggiungiamo i 65 milioni di membri di BlaBlaCar, sparsi in 22 Paesi (+40% solo lo scorso anno), è facile comprendere il perché di questa volontà di espansione.

Verso la mobilità intermodale

Con l'acquisizione di Ouibus - che coinvolgerà SNCF, di cui Ouibus è sussidiaria, e altri investitori - BlaBlaCar punta ad una mobilità intermodale globale, in cui i servizi di trasporto economico via autobus si integrino con la capillarità offetta dalla community di BlaBlaCar. Non solo Ouibus: BlaBlaCar è infatti aperta anche ad altri operatori di bus presenti in Europa.

Tra i vantaggi di un'operazione di questo tipo vi sono anche quelli ambientali: ampliando la condivisione dei mezzi di trasporto privati e promuovendo l'utilizzo degli autobus per le tratte più lunghe, si aumenta il cosiddetto occupancy rate, ovvero il numero di persone che circolano mediamente a bordo di tali mezzi di trasporto. Senza dimenticare il concetto di mobilità door-to-door, una comodità che solo un mezzo di trasporto privato come l'automobile può offrire.


15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Horatio

Vero, uno sbatti assurdo!

Horatio

Ti fai Milano-Venezia in aereo?

apps accaunt

darò un occhiata grazie

OlioDiCozza

davvero, non c'entra nulla

Emanuele

Moltissime tratte non sono servite dagli aerei. Inoltre gli aerei sono costosi se uno deve fare un viaggio all'ultimo minuto. E aggiungiamo pure che gli aeroporti sono spesso lontani dalle città. E aggiungiamo ancora che ogni volta coi bagagli è un casino se se ne hanno tanti e via a non finire.
I bus sono un buon mezzo per chi non ha fretta e vuole spendere poco, oltre ad essere anche complementari a treni e aerei.
Comunque, gli aerei sono molto sopravvalutati a mio avviso. Convengono su tratte lunghe, ma per tratte interne spesso è più veloce andare in treno (es. Roma-Milano si fa in meno di 3 ore in treno, che sono più dell'aereo, ma se consideriamo che uno in aereo deve presentarsi prima per il check-in, l'imbarco e tutto il resto e arriva in aeroporti fuori città ed è necessario perdere un'altra mezz'ora per arrivare in centro, ci si mette di meno in treno, senza contare poi che si spende meno e non hai problemi coi bagagli e se vuoi puoi portarti dietro anche una bici pieghevole)

matteo

allora è il momento di rientrare, visto che hanno tolto le commissioni sulla prenotazione (ora c'è un'abbonamento bisettimanale/semestrale) e hanno reintrodotto il pagamento cash...

(anche se secondo me dovevano togliere il pagamento cash e lasciare la commissione sulle prenotazioni)

apps accaunt

blablacar a mio parere rovinata da quando hanno introdotto i pagamenti non piu cash e con commissioni...da essere utente con un centinaio di referenze a non averlo piu utilizzato

Pinzid

Direzione più che giusta! I trasporti diventano sempre più economici e si lascia sempre più spesso l'auto a casa Avanti così

Mauro B

A mio modo di vedere, i bus dovrebbero coprire le stesse destinazioni ma con itinerari differenti. Magari così si potrebbero servire zone scoperte ma comunque avere i passeggeri delle tratte più affollate.

Es: Napoli -> Roma via Pontina.

Mauro B

Non c'entra un cippola...

matteo92li
Stefano

prova a vedere interrail

Squak9000
Aster

Meglio cosi dopo l'acquisizione di megabus servono più competitor

OlioDiCozza

Treni e aerei hanno raggiunto prezzi talmente imbarazzanti da spingere il business dei Bus.
Soprattutto a livello Europeo il vero problema dei treni è che non esiste una joint venture per poter usare più compagnie nei viaggi internazionali, ci si può solo affidare alle app come Trainline ma poi in caso di problemi bisogna smazzarsela separatamente con ogni compagnia, invece con i servizi di Bus come Flixbus o Ouibus si ha un unico referente.

Auto

Auto elettrica fa rima con casa e indipendenza energetica | Un caffè con Silla

Auto

Honda HR-V eHEV: spaziosa, pratica ed efficiente | Recensione e Video

Auto

La nostra avventura con un van camperizzato (e che van!) | Video

Auto

10 auto elettriche interessanti con prezzi sotto i 35 mila euro