Aston Martin DB5, l'auto di James Bond in "Goldfinger" torna in produzione

20 Agosto 2018 2

Aston Martin annuncia una mini produzione della DB5, iconica sportiva utilizzata da James Bond nel film Goldfinger del 1964. Dopo il successo riscosso con la replica della DB4 GT, il costruttore di Gaydon realizzerà 25 esemplari dell'auto impiegata nel terzo film della serie ufficiale 007, protagonista di recente del progetto Lego Creator Expert, grazie alla joint venture con la casa di produzione cinematografica EON Productions.

La vettura, prodotta tra il 1963 e il 1965, sarà realizzata a Newport Pagnell nella stessa struttura in cui veniva assemblata all'epoca e adattata agli standard di sicurezza odierni. Non mancheranno nè i gadget che tanto hanno incuriosito i telespettatori, tra cui targhe girevoli, sedile eiettabile e schermo radar, nè la tinta di carrozzeria Silver Birch. Tutte le componenti saranno integrate sotto la supervisione di Chris Corbould, premio Oscar per gli effetti speciali e responsabile dei gadget sulla DB5.


Aston Martin DB5 ha presenziato anche in altri sei film: Thunderball (1965), GoldenEye (1995), Tomorrow Never Dies (1997), Casino Royale (2006), Skyfall (2012) e Spectre (2015). Tutti i 25 esemplari verranno commercializzati a partire dal 2020 a un prezzo ciascuno fissato a 2,75 milioni di dollari e non avranno l'omologazione per circolare su strada.


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Flagship

Capolavoro immortale.

sgarbateLLo

a 2.75 dollari me la posso permettere :D

Guide acquisto

La guida definitiva ai monopattini: sicurezza, accessori, consumi, differenza con bici elettriche e consigli

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?