Italdesign DaVinci: una GT elettrica omaggia il genio italiano | VIDEO

10 Marzo 2019 39

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Aggiornamento 10/03

Online sul canale YouTube di HDmotori la nostra video anteprima di Italdesign DaVinci.

Articolo originale - 07/03

Dopo averci fatto sognare a occhi aperti al volante della ZeroUno del brand Automobili Speciali | Italdesign Zerouno: guidare un sogno da un milione e mezzo di euro | al Salone di Ginevra l'azienda di Moncalieri ci regala la showcar DaVinci, in onore del grande Leonardo e del suo genio creativo a 500 anni dalla sua scomparsa. Un prototipo di Gran Turismo 100% elettrica sviluppato, ingegnerizzato e costruito interamente a Moncalieri.

GT, COME DA TRADIZIONE ITALIANA

Lunga quasi 5 metri ma bassa, slanciata e con sbalzi ridotti: il temperamento da GT è evidente, con un'attenzione alle superfici ispirate alle forme presenti in natura. L'effetto wow prosegue anche nella scelta di alcune soluzioni tecniche, come le portiere ad ali di gabbiano che si aprono per consentire l'accesso sia davanti che dietro. E ancora: i gruppi ottici posteriori OLED ispirati ai petali di un fiore, la coda tronca tipica delle fastback italiane e l'elemento esagonale (di derivazione GTZero) che ricorre in diversi dettagli (cofano anteriore e fanali).

L'aerodinamica è curata dall'apposito reparto che rappresenta un vanto per Italdesign: le "pinne" aerodinamiche laterali, lo spoiler attivo che si prolunga sui lati, il sistema Y Duct (elemento, già visto sulla Zerouno, che convoglia l’aria attraverso il cofano anteriore).

INTERNI: MATERIALI PREGIATI E SOLUZIONI SMART

Anche dentro l’abitacolo è in equilibrio tra tecnologia e lusso, con materiali pregiati che creano un ambiente accogliente e spazioso (il passo di 2,90 m ospita quattro poltrone singole). La plancia è asimmetrica, leggermente orientata a favore del fortunato che la guida.

Tre i display: uno è il quadro strumenti dietro al volante, uno offre l'intrattenimento per il passeggero anteriore e uno, più grande, consente di controllare infotainment, dati di viaggio, ventilazione e molto altro. A proposito del clima, sulla plancia troviamo un'interessante superficie smart a sfioramento sviluppata con Alcantara per il controllo dei comandi del clima, in evidenza grazie ad una retroilluminazione di luce bianca. La stessa applicazione si ritrova anche nella parte posteriore del tunnel centrale, dove sono presenti i comandi per la climatizzazione dei posti posteriori dell’abitacolo e quelli per l’apertura delle portiere.

NATA ELETTRICA, ANCHE SE...

Sviluppata su una piattaforma 100% elettrica, DaVinci è in grado di ospitare i due motori elettrici, uno per ogni asse, e le batterie all’interno del pavimento del telaio. In realtà, questo progetto può anche essere abbinato ad una piattaforma con motore endotermico, con poche modifiche all’anteriore e all’interno al tunnel centrale. La DaVinci è infatti in grado di ospitare un V8 biturbo da 4 litri abbinato a una trasmissione automatica.

A scaricare a terra potenza e coppia ci pensano i cerchi da 22 pollici con pneumatici Pirelli P Zero Elect, progettati proprio per auto elettriche e ibride plug-in: per esempio assicurano una bassa resistenza al rotolamento per ottimizzare l’efficienza e l’autonomia dell’auto, riducono il rumore di rotolamento per il piacere di guida e un grip immediato per sostenere la micidiale coppia in basso dei motori elettrici.

DaVinci è pronta per diventare realtà: nella tradizione del centro stile guidato da Filippo Perini, in Italdesign hanno progettato la vettura in modo che basterebbe davvero poco per adattarla ad una produzione di serie ed in linea con il family feeling di diversi brand.

VIDEO LIVE DA GINEVRA 2019


39

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Trhistan

In provincia di Reggio Emilia, proprio a metà dell’asse Reggio-Sassuolo-Maranello, neanche una.

Dea1993

davanti la trovo bellissima... dietro invece... be dai limitiamoci a guardarla davanti xD

Top Cat

https://uploads.disquscdn.c...

Jon Snow

https://uploads.disquscdn.c...

sagitt

in un paese.... stanno inziiando ora... ci sono ma non sono ancora attive. tutte enel ovviamente

Tony Musone

Ovviamente no. Tutti conoscono le forme della X da almeno 4 anni. Quella è la Model Y che verrà presentata fra 4 gg. La scritta (bel tentativo) viene fuori quando si tenta di regolare il contrasto con Photoshop per scoprire le forme ;)

Aster

No era una battuta per la targa davanti, visto che li non e obbligatoria in alcuni stati. O altri in est Europa

Trhistan

Dove abiti???
Da me nemmeno una

Trhistan

Targa davanti, targa dietro.....
INUTILI.

Gunny35

A me ricorda un po' le GT giapponesi anni 80/90 , vabbhe sono punti di vista.

Top Cat

https://uploads.disquscdn.c...

comatrix

Ma è destinata solo al mercato USA?

matteventu

Per essere bella, é bella. Molto.

matteventu

Model Y, credo.

Damiano

Ma è la Model X?

Tony Musone

Ahahaha...

https://uploads.disquscdn.c...

https://uploads.disquscdn.c...

Cerbero

L'elettrico sta aprendo strade al design automobilistico che prima erano precluse dall'obbligo di sottostare a determinati vincoli dettati dalla propulsione fossile. Interessante.

sgarbateLLo

Meglio la salsa

Aster
Jon Snow

basta che non siano tappi anche loro sennò non riusciranno a rendere visibile la targa

ghost

Quando programmo il viaggio con le tappe per ricaricare programmo anche i passeggeri

Jon Snow

https://uploads.disquscdn.c...

ghost

Tra l'altro i francesi ce l'hanno rubata!!!1111!!!11!

Jon Snow

vale anche per il posteriore. Sarà obbligatorio avere sempre un passeggero dietro che tenga anche lui la targa in mano ben visibile per i veicoli che seguono

ghost

Per il design questo e altro

Jon Snow

da nessuna parte. Rovinerebbe la bellissima calandra. Il conducente sarà obbligato a tenerla in mano ben visibile

comatrix

Al modico prezzo di?

Jon Snow

Omaggia un genio ma chi l'ha progettata era tutto tranne che un genio.
Un tablet che per guardarlo devo guardarmi i piedi. Da Vinci prenderebbe la Gioconda e gliela spaccherebbe sulla testa

Davide

Quanta banalità nello scegliere i nomi da parte di questi designer

Garrett

Innanzi tutto odio utilizzare il nome di persone defunte, non tanto per onorarle, quanto per questioni di marketing. Il mondo è pieno di esempi e molti di questi personaggi, si sono già rivoltati nella tomba.

Secondo, è decisamente troppo barocca. Davanti, stilisticamente troppo pesante. Dietro, anonima

Mughen

Praticamente una Dodge

minkia a essere bella è bella sicuramente.

sagitt

almeno in italia stanno inziiando a mettere colonnine anche nei paesi, da me ne sono comparse 5-6

Mikel

E la concretezza contro il marketing e il fatto che non la vedremo mai sulle nostre strade, comunque gran bella auto..

Frankbel

Da Vinci. Un nome continuamente messo in ballo per motivi commerciali ma che nulla ha a che vedere con l'inventore italiano. A parte i circa 500 anni dal decesso.

O11-Dynamic

Pessima.

No Beast So Fierce (Max Dembo)

Aspetto il.modello #galileo in blue kein

Cristian Louis Watta

sembra una mustang tunnata

makeka94

In pieno stile USA mi piace.

Ford

Ford Focus 2019 ST-Line 1.5 EcoBlue: recensione e prova su strada | Video

Hyundai

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster