Waze: con la modalità Carpool è sempre più una transportation company

14 Ottobre 2018 41

Aggiornamento del 14 ottobre: sono stati aggiornati i dati relativi agli utenti e aggiunte nuove informazioni ufficiali su Waze Carpool

Articolo originale dell'11/10/2018

Molto di più di una semplice applicazione per la navigazione collaborativa, utile per esempio per ottenere informazioni sul traffico in tempo reale attraverso la segnalazione di incidenti, lavori in corso, nuove ZTL e perfino buche pericolose: Waze, società acquisita nel 2013 da Google, si accinge a diventare sempre di più una "transportation company" grazie all'introduzione di soluzioni per agevolare gli spostamenti delle persone attraverso la connettività.

In un momento storico come quello attuale in cui le nostre vite sono quotidianamente molto più connesse, anche la mobilità si sta evolvendo velocemente. La tecnologia può sicuramente fare molto per migliorare la vita dei cittadini e con questo spirito abbiamo dato vita al Connected Citizens Program. Waze non è più solo una social navigation app ma si sta trasformando in una Transportation Company pertanto siamo i primi a voler supportare concretamente le Istituzioni e le municipalità per rendere le città più “smart” e quindi più vivibili.

Così Dario Mancini, Country Manager di Waze, ha spiegato la visione della società in occasione di Citytech Milano 2018.

Waze Carpool: esperienza di viaggio sicura e conveniente

Questo processo di trasformazione trova riscontro con il recente annuncio dell'introduzione di Waze Carpool in tutti gli Stati Uniti. L'applicazione, sperimentata a partire dal 2016 in California e in pochi altri Stati, permette agli utenti Waze di offrire un passaggio all'interno della propria vettura, oppure di richiedere un passaggio ad altri viaggiatori che devono raggiungere la stessa loro destinazione.

Il tutto consente di alleggerire il flusso di traffico (ai massimi storici secondo Waze, che ricorda come oggi il 75% dei pendolari USA viaggi con una sola persona a bordo per raggiungere il posto di lavoro), riducendo l'inquinamento atmosferico e offrendo agli iscritti la possibilità di spostarsi in compagnia condividendo i costi del viaggio.

L'app Waze Carpool funziona in modo simile a BlaBlaCar: ogni utente ha un profilo (con obbligo di inserire la foto profilo e collegarsi a Facebook o Gmail per verificare l'account), completo di una sezione in cui è possibile lasciare una recensione per valutare l'esperienza di viaggio (politica del "no blind matching - nessun appuntamento al buio").

L'applicazione dà la priorità ai viaggiatori che fanno lo stesso tragitto del conducente, oppure che condividono con lui il posto di lavoro. A questo proposito, Waze sta mettendo a punto programmi e promozioni con compagnie quali Amazon e agenzie di trasporto.

Tramite l'app Waze Carpool, dotata di comandi vocali per non staccare le mani dal volante, è possibile gestire i pagamenti e pianificare i viaggi con un massimo di 7 giorni di anticipo, oltre che comunicare in anticipo direttamente con l'autista o con il passeggero tramite un numero di telefono (nascosto) o inviare messaggi in-app. Prevista infine la possibilità di accedere ad un centro assistenza, nonché di impostare un alert che informa del superamento della velocità consentita in base al limite stradale.

Una community di 100 milioni di persone

L'alleggerimento del traffico è uno degli obiettivi fondanti di Waze, che dal 2008 ha creato una vera e propria community: oggi, ogni mese, 100 milioni di persone contribuiscono, con le proprie segnalazioni o semplicemente con l'utilizzo dell'app, a rendere più agevoli gli spostamenti urbani. Della community di Waze fanno parte anche 360mila Map Editor, che quotidianamente aggiornano in tempo reale le mappe di Waze sulla base delle segnalazioni degli utenti. Infine sono 700 i Translator, provenienti da oltre 50 paesi, che volontariamente redigono e traducono le indicazioni stradali nella loro lingua madre.

E poi ci sono progetti sperimentali più evoluti, che si servono della mole di dati accumulata dagli utenti per migliorare la mobilità di tutto il mondo. Il già citato Connected Citizens Program, lanciato nell'ottobre del 2014, è un progetto di "smart city" che riunisce oggi più di 600 partner globali comprese città, agenzie governative, associazioni no profit e servizi di emergenza, che grazie alla conoscenza del traffico fornita da Waze sono state in grado di risolvere numerose problematiche relative alla mobilità urbana.

Qualche esempio? Grazie a Waze è stato possibile ridurre il congestionamento del traffico in numerose città brasiliane in occasione delle elezioni tenutesi lo scorso weekend, oppure agevolare percorsi alternativi durante la visita di Donald Trump in Israele. A livello globale il CCP ha già raggiunto 2 miliardi di persone per ridurre il traffico nelle città-partner.

Attraverso Connected Citizens, in Italia Waze è entrata nelle centrali operative di AREU (Azienda Regionale Emergenza Urgenza) con l’obiettivo di ridurre i tempi di intervento dei mezzi di soccorso.

Tanta memoria interna e ottimo hardware a prezzo conveniente? Honor View 10 Lite, in offerta oggi da Clicksmart a 236 euro oppure da eBay a 283 euro.

41

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ice.man

è solo una questione di numero di utilizzatori. Il singolo guidatore potrebbe darti buca, ma se su ogni tratta iniziano ad essere tanti i guidatori disposti ad offrire un passaggio

Sagitt

certo ma i mezzi pubblici ti danno una certezza al 90% salvo imprevisto raro, questo sistema molto di meno.

ice.man

metti che c'è sciopero
metti che qualcuno si è buttato sotto il treno e tutta la direttrice è bloccata (in estate succede almeno una volta alla settimana sulla linea Parma-Rimini)

metti che c'è una fiera o un incidente in autostrada e anche il traffico locale è bloccato
.
nessun mezzo di trasporto ti puo dare la certezza al 100%
è poi una questione di grandi numeri
man mano che gli utenti aumenteranno sarà sempre piu facile trovare qualcuno. Magari dovendo incrociare 2 passaggi perchè non si trova chi fa il nostro stesso identico tragitto
Sai quante volte l'ho fatto io per viaggiare con blablacar? esattamente come lo fai col treno o con la metro

SteveMcQueer

quoto!
per l'uso sporadico Maps tutta la vita. per i viaggi più complessi sfrutto Here! che personalmente trovo più affidabile e chiaro nelle indicazioni, completo anche delle mappe scaricabili.

Fabri Fina

sarebbe anche bella, ma:
1) si blocca appena parte la navigazione su android auto
2) ci sono troppe opzioni. Ad esempio "evita strade principali" o "evita semafori" dovrebbero essere contestuali alla situazione: se non c'è traffico perché mi devi far allungare la strada per evitare semafori e/o strade principali?

daniele

Ok è ora che lo installo

daniele

È chiaro che maps sia creato per semplificare il più possibile, waze molto più dettagliato e "articolato". Penso a 2 utenze diverse

Francesco

l'unica cosa è che ha i limiti di velocità, che per qualche oscuro motivo non ci sono i maps.
Comunque questa tendenza di google a creare doppioni è veramente incredibile

GTX88

speriamo perché sarebbe comodo

uncletoma

Sto iniziando ad usarlo e per noi motociclisti è un piccolo spettacolo.
Se solo si decidessero a implementare i percorsi... (da A F passando per B, C, D ed E)

Sagitt

Sì ma poi appunto non puoi farci affidamento, metti che uno è ammalato? Che uno fa straordinari? Che uno sta male e va a casa prima?

Nummepija

Ma magari si riesce ad accoppiare persone che fanno lo stesso turno. Esistono già persone che condividono il mezzo sullo stesso posto di lavoro, questo aumenta quella possibilità

lorsom

la funzione "tunnel mode" è una delle exentiall feauture richiesta nel forum beta tester, assieme all'utilizzo del sensore gps dell'auto.

Mario I/O

Ben venga. Qui a Roma il GRA è abitato al 90% da persone singole in singole macchine.

Tony Musone

In parte è arrivato, per esempio, il recente blocco alla circolazione degli Euro 3 in Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto deroga quelli con almeno tre persone a bordo.

Sagitt

il problema è che non ci si può fare affidamento al 100% perchè non è una situazione statica come un bus, un tremo...... se c'è il passaggio bene, altrimenti sei fregato.... è capace che rimani fermo dove sei.....

Nummepija

Bene quindi che in quelle situazioni si usi il carpooling.
In questo caso poco è meglio di niente

Sagitt

ha senso solo in alcune situazioni

saetta

va be , per me sono utopie da new digital generation, che pensano di risolvere tutto con un'app, app che ti avvisano in base al traffico ce ne sono gia diverse, il carpooling x me è impraticabile, necessita di oganizzazione e pianificazione cose che nell'imprevedibilita della vita sono difficili da trovare, raba piu da nuovi talebani fighetti dell'ecologia nonche vegani, ovviamente, che quando vedono una marmitta si trasformano nell'anticrist0dell0smog e ti spengono con una scorregia all'acqua di rose, biologica, sia chiaro.

Biso22

No, la sua funzione principale è la connessione costante per le segnalazioni

Pure new wool

Ambizioso l'obiettivo di ridurre il traffico promuovendo il carpooling, speriamo arrivi anche in Italia....

.wizard.
Desmond Hume

Idea ottima, magari non originale ma ugualmente interessante ai fini della riduzione del traffico.
Riuscire a far convergere gli spostamenti di 4/5 persone con profili noti e dirette nello stesso luogo condividendo le spese è assai interessante.

StriderWhite

Avanti tutta in retromarcia!

Riccardo

non l'ho mai provata, ma google maps non lo trovo sempre impeccabile. ci farò qualche giro

Trhistan

Uso solo Waze, gli altri navigatori disinstallati tutti, per prima Mappe di Apple.

MaK

L'ho provato un paio di volte anche io, però lo trovo più complicato e meno intuitivo di maps, quindi ormai ho lasciato perdere.

AlbertoDR

Già, stesso discorso anche per me.

efremis

Ottima, come Maps suggerisce i percorsi alternativi in base al traffico in tempo reale. Noto però che entrambi propongono spesso itinerari diversi, nonostante siano entrambe di Google.
A volte ho l'impressione che Maps sia più efficiente nel trovare il percorso migliore (ma mancano funzioni come tachimetro e segnalazione autovelox e altro). Quindi li alterno.

alfri

Io lo provo ed ogni volta torno a maps.boh.

Francesco

avanti tutta con il carpooling

GTX88

come qualsiasi al mondo ahahah pure il mio... ma cosa c'entra con il discorso? forse non lo sai ma ci sono pure le uscite alla fine di una galleria solo per fare un esempio del problema

ilmondobrucia

Si ma il mio riaggancia subito...

GTX88

? Guarda che qualsiasi telefono perde la posizione in galleria

ilmondobrucia

Più che il gps, sicuro che non ok problemi ?

GTX88

xiaomi redmi 3, ma non capisco cosa c'entri con la scelta dell'aggiunta di una fermata, con la scelta del percorso o il fatto che quando perde il gps va nel panico...

The_Th

Il fatto che ti faccia fare stradine assurde per risparmiare qualche km o evitare traffico lo ho sempre notato...A volte ci metti di piu alla fine perché ti fa incastrare in stradine strette..

ilmondobrucia

Ti dispiace dirmi il Cell ? Altrimenti non fa nulla ..é solo per curioserà

GTX88

guarda che dipende da waze e dalla zona...

ilmondobrucia

Che Smartphone hai ? Potrebbe dipendere da quello ? Con il mio xperia x mai fatto cose del genere

GTX88

tutto bello ma ancora non si riesce ad aggiungere una fermata dopo quella che hai già impostato ma solo nel mezzo, dopo 5 secondi di galleria impazzisce invece di calcolare una velocità media e continuare sul percorso come qualsia navigatore faceva anche 10 anni fa, per farti risparmiare 10 secondi e 10 metri (secondo lui) ti fa tagliare pure i tornanti

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE