5G in banda C e interferenze su aerei: la FAA chiede garanzie entro l'inizio del 2024

11 Gennaio 2023 4

Dal 1 febbraio del 2024 la Federal Aviation Administration (FAA), l'agenzia del Dipartimento dei Trasporti statunitense incaricata di regolare e sovrintendere a ogni aspetto riguardante l'aviazione civile, intende richiedere alle compagnie aeree locali di utilizzare sui propri aeromobili passeggeri e cargo degli strumenti di navigazione in grado di non essere disturbati dalle interferenze dei servizi 5G in banda C che potrebbero influire negativamente sulla capacità di operare in sicurezza.

I radioaltimetri, dispositivi che aiutano i piloti nelle operazioni con bassa visibilità, non condividono lo stesso spettro radio delle torri cellulari tuttavia, la FAA ha scoperto che spesso questi strumenti non sempre ignorano i segnali radio generati dal 5G. Dopo un'attenta analisi durata diversi mesi, la FAA ha affermato di non poter escludere che siano state proprio queste interferenze la causa di circa 100 casi di problemi riscontrati su apparecchiature che avrebbero emesso dei dati errati. Ovviamente, la preoccupazione maggiore è dettata dal fatto che queste situazioni potrebbero aumentare man mano che gli operatori espanderanno la copertura della rete 5G negli Stati Uniti.

Secondo quanto affermato da Airlines for America, il gruppo che rappresenta le maggiori compagnie aeree statunitensi, tutte stanno "lavorando diligentemente" per garantire che le loro flotte siano dotate di altimetri radio conformi alle richieste ma stanno incontrando difficoltà di approvvigionamento e che qualsiasi scadenza dovrà considerare questa situazione. La FAA ha stimato che sono circa 180 aeromobili su 7.993 quelli che negli Stati Uniti richiederebbero la sostituzione dell'altimetro radio mentre per altri 820 sarebbe necessaria solo l'aggiunta di specifici filtri per schermare le interferenze. Il costo stimato di tutta l'operazione sarebbe di circa 26 milioni di dollari.

Tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022, spinte dalle crescenti preoccupazioni sulle possibili interferenze, sia AT&T che Verizon avevano fatto slittare l'attivazione dei servizi 5G in banda C cercando di trovare con la FAA una soluzione che poteva soddisfare tutti. Dopo mesi di trattative, la FAA aveva pianificato delle zone cuscinetto intorno a 50 aeroporti e richiesto l'implementazione completa delle reti 5G in banda C entro luglio 2023. Ora che questa data si avvicina, la FAA sembra voler costringere le compagnie aeree a cambiare le strumentazioni per evitare qualsiasi problema.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Yanav Jiqoike

Xd

Tommers0050

la FAA dovrebbe chiedere spiegazioni a boeing sul perche' il loro modello piu nuovo sia schiantato dopo il decollopiu volte dopo averlo certificato pero' facciamo la voce grossa sul 5g forse da li le mazzette non le prendono

Fatemelo dire del 5G non c'è da fidarsi, nel dubbio io spegnerei le antenne, bisogna decidere o le vite umane o guardare i p0rno in 4k. D'altronde in giro vedo sempre più persone con 5 dosi che sono spersonalizzate, sono ormai degli NPC e sono come le falene che ronzano intorno alle antenne 5G.

T. P.

azz!

HDBlog.it

Libero e Virgilio giorni di fuoco, davvero gli S23 non sono già ufficiali? | HDrewind 50

Auto

Citroen C5 Aircross Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi e comfort

Auto

Cupra Born eBoost 231 CV: è lei l'elettrica più bella del reame VAG? Prova e video

Auto

Mild Hybrid, Full Hybrid e Plug-in Hybrid: le differenze spiegate bene!