Nissan RE-LEAF: mezzo di soccorso elettrico per le calamità naturali

29 Settembre 2020 16

Quando si deve intervenire in una zona colpita da un disastro naturale può accadere che i soccorritori si trovino a non disporre dell'energia elettrica e a dover percorrere strade ostruite da macerie. Nissan ha realizzato un concept elettrico partendo dalla base della sua Leaf che permette a queste persone di poter raggiungere le zone colpite da un disastro e di fornire elettricità. Si chiama RE-LEAF.

FONTE DI ENERGIA MOBILE

La Nissan Leaf che abbiamo avuto l'opportunità di provare quest'anno è stata modificata per poter viaggiare sulle strade ostruite da detriti per raggiungere le zone colpite dalle calamità naturali. L’altezza da terra è stata aumentata di 70 mm e portata a un totale di 225 mm, con un paracoppa dedicato per proteggere il sottoscocca. Le carreggiate ampliate (+ 90 mm anteriore/+ 130 mm posteriore), i passaruota speciali, i paraspruzzi e gli pneumatici all-terrain su ruote sportive da 17 pollici migliorano ulteriormente la guida su strade accidentate.

Inoltre, l'auto è dotata di prese di corrente resistenti alle intemperie, montate direttamente sulla carrozzeria esterna, che consentono di alimentare, tramite la batteria agli ioni di litio, dispositivi da 110-230 V come apparecchiature mediche, di comunicazione, di illuminazione e di supporto vitale.

Secondo le statistiche, quando si verifica un disastro il tempo necessario per il ripristino dell’alimentazione elettrica è in genere di 24-48 ore. Durante questo lasso di tempo, veicoli elettrici come RE-LEAF possono essere fondamentali per aiutare i soccorritori nel loro lavoro. Grazie all'auto si potranno alimentare dispositivi come i martelli pneumatici, i ventilatori per le terapie intensive, i bollitori delle cucine da campo ed altro.

RE-LEAF non dispone dei sedili posteriori che sono stati rimossi per garantire più spazio per le attrezzature essenziali. Una paratia separa i sedili anteriori dal vano di carico. Infine, dall’area di carico si estrae una scrivania con schermo LED da 32 pollici che, insieme a un alimentatore dedicato, crea una postazione operativa da cui gestire le operazioni di soccorso e ripristino dell’energia elettrica.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Desmond Hume

"quando si verifica un disastro il tempo necessario per il ripristino dell’alimentazione elettrica è in genere di 24-48 ore. Durante questo lasso di tempo, veicoli elettrici come RE-LEAF possono essere fondamentali per aiutare i soccorritori nel loro lavoro"

Si, specie se devi ricaricare la sua batteria in queste 24-48 ore.

Ho_parlato!

le auto elettriche non servono mai al loro scopo...cioè essere auto...

Pietro Smusi

in provincia di Nuoro?

kasperbau

Carina è carina...
-stop-

DeepEye

Cosi dopo devono mandare il carro attrezzi per recuperare quando rimane scarica. Ottima idea!

Kamgusta

E' risaputo che vicino a ogni disastro ci sono le colonnine Enel-X.
Il problema è se il disastro inerisce proprio tali colonnine...

Kamgusta

Ma nei posti dimenticati da Dlo in mezzo al nulla o dopo un'apocalisse nucleare ti risolve la giornata la tanichetta di benzina, con cui far partire il gruppo elettrogeno, non la presa elettrica che non si trova per ricaricare le batterie, che peraltro al primo fuoco esplodono...

Qua mancano proprio le basi del catastrofic movie...

BlackLagoon

non serve a quello scopo. E' banalmente una power bank su 4 ruote: la porti dove serve e la lasci lì usando la batteria per alimentare altro.

Vi immaginate un mondo post calamita´ naturale con auto elettriche? lol
https://uploads.disquscdn.c...

Matteo

aiuto aiuto
finisco di caricare la batteria e scendo

Ho_parlato!

se c'è una calamità naturale difficilmente ci sarà corrente elettrica...un'auto la puoi riempire di taniche...questa? power bank?

Marco Semeraro

Il black out non è una calamità naturale

Zhoth

Vuoi che muoro?

Ho_parlato!

calamità naturale = black out...dove la ricarrrichi?

Pietro Smusi

ti fermi, ricarichi quella mezzoretta ( intanto muore 10/20 persone) e poi riparti. dove è il problema?

kanna mustafa

Sperando che il disastro non avvenga a una distanza maggiore di 270km dall' auto......

Auto

Opel Mokka-e: il SUV elettrico messo alla prova, anche in viaggio | Video

Auto

BMW X1 xDrive 25e: proviamo la plug-in in modalità EV e ibrida | Recensione e Video

Auto

L'Europa vuole solo auto elettriche: i piani dei produttori e le date dell'addio

Auto

Hyundai Bayon Hybrid, non chiamatela Kona "junior" | Video