Monopattini elettrici: primo incidente mortale in Italia | Le regole vanno seguite

15 Giugno 2020 393

Andrea Cacciari è morto a seguito di un incidente in monopattino elettrico. Il 60enne è stato urtato da una Renault, cadendo a terra e sbattendo la testa. Per lui, purtroppo, c'è stato molto poco da fare ed è spirato in ospedale a seguito delle ferite riportate. L'incidente è avvenuto su una strada provinciale dove i monopattini elettrici, da regolamento, non potevano correre. Quanto accaduto ha scosso l'opinione pubblica e da più parti sono state chieste regole per questi mezzi. In realtà, le regole ci sono e pure molto chiare.

Quello che serve davvero è rispettarle. I monopattini elettrici, da quando sono stati equiparati per il Codice della Strada alle biciclette, sono diventati dei "veicoli" a tutti gli effetti e quindi è importante osservare scrupolosamente il regolamento esistente. La sensazione è che molte persone prendano ancora sotto gamba questi mezzi di trasporto come se fossero poco di più che giocattoli.

Il problema sul fronte della sicurezza c'è e l'allarme è stato lanciato da ASAPS, cioè dall'Associazione Sostenitori e Amici Polizia Stradale. Dall'inizio della Fase 2 dell'Italia, sono già stati registrati 14 incidenti, alcuni dei quali gravi. Giordano Biserni, Presidente ASAPS, sottolinea come le regole del Codice della Strada vadano sempre seguite e che servano messaggi chiari sia per chi guida i monopattini elettrici e sia per chi li incrocia sulle strade.

Lo avevamo detto che la situazione di coloro che utilizzano questo nuovo veicolo poteva aggravarsi con l'aumento del traffico, e ben 14 incidenti in poche settimane ne sono la dimostrazione più lampante. Il nostro Osservatorio appena nato, dimostra poi che alla guida ci sono utenti non solo giovanissimi ma anche di mezza età, che lo ritengono giustamente un mezzo utile per districarsi nel traffico, per il piacere di poter circolare anche nei centri storici ma anche per raggiungere i luoghi di lavoro dopo aver parcheggiato l'auto nei parcheggi scambiatori. Le regole del Codice della Strada vanno osservate sempre, a maggior ragione a bordo di un mezzo che presenta anche delle difficoltà per le dimensioni delle ruote e per le strade spesso già impraticabili per altri utenti a due ruote. Occorrono messaggi chiari per chi usa questo veicolo ma anche per chi lo incrocia sulle strade, perché il monopattinista è un altro utente debole, che – e lo dimostrano gli episodi di pirateria piuttosto che di mancate precedenze – va rispettato sulla carreggiata stradale.

Per l'associazione, inoltre, i sindaci dovrebbero impegnarsi a realizzare un piano di mobilità in modo da far coesistere i monopattini elettrici con pedoni, ciclisti e automobilisti all'interno delle città.

LE REGOLE

Con il Bonus Mobilità (Qui la guida) che incentiva anche l'acquisto di questi mezzi di trasporto, è giusto fare un veloce ripasso delle principali regole da seguire. I monopattini elettrici devono avere una potenza che non supera i 500 Watt. Non è possibile trasportare un passeggero o oggetti e possono circolare sulle strade urbane con limite di 50 km/h. Sulle strade extraurbane solo all'interno di piste ciclabili. Niente seggiolino, altrimenti diventano dei ciclomotori.

Questi mezzi non possono superare i 25 Km/h. Tale limite scende a 6 Km/h all'interno delle aree pedonali. I monopattini elettrici devono disporre di un campanello. Nelle ore serali è obbligatorio utilizzare le luci e il conducente deve dotarsi di un giubbotto ad alta visibilità. Le mani devono essere libere ed impugnare sempre il manubrio. I minorenni possono condurli a patto di indossare un casco.


393

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
tincool59
Alex

Tasse? Io prendo RDC e me la spasso

michi17

In quale universo hai mai visto un monopattinista (lol) o un ciclista rispettare le norme del codice della strada?

Pablo Escodalbar

Si fanno male loro ma vengono pagati dalla tua assicurazione.

Pablo Escodalbar

Milano che citta' assurda.
A Napoli non succedono queste cose.

Pablo Escodalbar

I fessi le seguono invece.
Pensa che io pago pure tutte le tasse perche' mi dicono di farlo.

Pablo Escodalbar

Ma basta non e' vero.
Un tempo era cosi'.
Ora hanno tutti la macchinina nuova (a rate) col collegamento BT alle casse.

Pablo Escodalbar

Ma dove abiti? A Napoli?

Pablo Escodalbar

Ma quindi non e' morto nessuno?
E che palle.

zzzz

rendila obbligatoria e altro che cento euro. ricordo l'assicurazione del motorino, pagavo 21mila lire l'anno quando non era obbligatoria, a metà degli anni 90 è diventata obbligo di legge e il prezzo è schizzato da un rinnovo all'altro a 180-200 mila lire (mai fatto incidenti, tra l'altro non era previsto il B/M). Fatto sempre volentieri ci mancherebbe, anzi mi stupisco come non ci fosse mai stato l'obbligo di farlo in precedenza. Ma le assicurazioni - come altri settori - ci sguazzano con gli obblighi di legge, andrebbero fatti controlli sui rincari

zzzz

non è neanche l'unica baggianata che ha scritto

MarioT

Io mi stupisco dei "pochi" morti sulle strade con tutti i d3menti che usano lo smartphone alla guida. Stesso discorso. Il problema non sono i mezzi, ma chi li guida.

MarioT

Ah quindi anche se hanno ragione e si fanno male per te è una cosa positiva. I tuoi non potevano andare al cinema quella sera?

zzzz

al mio paese han falciato una coppia di extracomunitari in seconda corsia in autostrada, fari spenti, in due su un cinquantino, di notte, ubriachi. Processo per lesioni (si sono pure fatti male sti c......) e concorso di colpa al 50%. Follia

zzzz

io mi stupisco di un solo morto, troppi d3menti li stanno usando. Manovra tipica: a tutta velocità sul marciapiede e di colpo girare di 90 gradi piegando il corpo stile motogp per attraversare sulle strisce pedonali a velocità folli.

michi17

Convochiamo la Corte d'assise già che ci siamo. Gli estremi mi sembrano esserci tutti per un reato di tale gravità

Alex

"Le regole vanno seguite"......ahahhahahahahahha...in Italllia....ahahahah

L0RE15

No, tutto questo livore perché sulle strade ormai è anarchia pura, con le fdo impegnate a rilevare eccessi di velocità ad hoc in pu ti strategici solo per far cassa. Fosse per comincerei col mettere casco obbliatorio per biciclette e monopattini. Poi un controllo più massi cio per educare gli utenti che, è dimostrato, se lasciati fare, se ne fregano.
Chiaramente ogni volta che cinscappa il morto, fa male. Questo è un caso, un momento di riflessione in più. Anche perchè c'è morto e morto sulla strada: quello che magari attraversa l'austrada di notte a piedi, se la cerca...mentre il passante colpito da un'auto che lo travolge dopo un incidente, è un'altra storia. Momenti e dinamiche differenti che vanno affrontate in maniera diversa. So benissimo quanti morti totale ci so o sulle strade.

No, figurati.. "termini tecnici". Sono un uomo di economia, io. Niente di tecnico. ;-)
E tendenzialmente non sono neanche polemico, quindi tendo a schivare ogni tentativo di flame.

L'agilità è innegabile, ma agilità e sicurezza non vanno di pari passo, specialmente se manca l'aderenza.
La trazione posteriore non comporta alcun problema alla bici, che sarà sempre in grado di reagire in modo proporzionato, grazie ad un rapporto telaio-freni-ruota indubbiamente più adatto.
Tra l'altro la bici comporta posizione fissa, la quale a sua volta permette una migliore distribuzione del peso (che sul monopattino non è detto sia ideale).

Comunque punti di vista.
Non pretendo (mai) di aver ragione, tranquillo. ;-)

ProseccoDoc

trappole mortali concordo meglio una bici più sicura anche nelle voragini di città

Marco Semeraro
Danitkd

Se da 25 vai a 30 magari non si nota molto. Ma se da 25 vai a 40km/h ti assicuro che si nota a occhio!
Un controllo più appurato si fa in 2 min di più, prendi il codice del modello che è riportato sul monopattino, inserendola su google esce fuori la reale potenza!

BlackLagoon

permettimi di dissentire: il tuo discorso implica una ipotetica superiorità del CHAD biciclato nei confronti del VIRGIN monopattinato intollerante al lattosio.

E si, la ruota fa la differenza quando hai buchi per strada...

OlioDiCozza

estica22i?

Dave [DDDEMO25]

Odiare qualcuno è sempre brutto, ma non preoccuparti. Inforca una bici ogni tanto, se non ce l'hai fattela prestare, fatti un giro. Vedrai che passa.

Dave [DDDEMO25]

Ritengo questo commento oltraggioso per una persona che è venuta a mancare a seguito di un incidente stradale, e quindi contrario al codice etico del forum. Per questo l'ho segnalato alla moderazione.

Dave [DDDEMO25]

Ops, allora ho frainteso alla grande. Ti chiedo scusa.

halbeeee2

Assolutamente no, come non lo è se la gente ci va in monopattino, il mio commento era riferito al signore di sopra che diceva di vietare la strada ai monopattini, quando con una bicicletta la situazione sarebbe la stessa ma in 100 anni nessuno ha mai detto niente (chiaramente parlo di strade cittadine dove anche le macchine vanno a bassa velocità)

Dave [DDDEMO25]
E poi la gente ci va con la bicicletta

Mi riferivo a questo tuo commento. Per te è un problema se la gente va in strada in bicicletta?

halbeeee2

E con il monopattino dove ci dovrei andare? In cucina?

Dave [DDDEMO25]

Ma dove, in strada? Ma è ovvio che la gente va in strada con la bicicletta, dove deve andare, in salotto?

Dave [DDDEMO25]

I monopattini, le bici "possono fare i porci comodi loro in nome del green"? Tutto questo livore perché è morta la prima persona su un monopattino? Ti informo che nel 2018, ultimo anno per cui sono disponibili i dati, sono morti 1.423 automobilisti e 795 tra motociclisti e ciclomotoristi: in nome di cosa sarebbero morte tutte queste persone? Quali regole rispettano queste categorie di utenti della strada, se questi sono i numeri che le riguardano?

halbeeee2

Vist9 che ti piacciono i termini tecnici, riducendo l'avancorsa ridici la coppia necessaria allo sterzo, rendendo di fatto il veicolo più agile, in più visto che hai parlato di limite di aderenza un monopattino è a trazione anteriore, quindi a differenza della bici non si "inchioda" in caso di un brusco cambio all'angolo di sterzo, rendendolo di fatto più sicuro in ambienti urbani di una bici, che sicuramente è più sicura in altri contesti.
Ripeto, il dito lo si sta puntando perché è la novità

Dave [DDDEMO25]

Ho segnalato questo commento alla moderazione. Augurare pubblicamente la morte a chi appartiene a una categoria di persone con la quale per qualche motivo si ha il dente avvelenato è incitare all'odio e alimentare flame.

Dave [DDDEMO25]

Ho segnalato questo commento alla moderazione. Ritengo che rallegrarsi pubblicamente perché si fa male qualcuno che appartiene a una categoria di persone con la quale per qualche motivo si ha il dente avvelenato sia una forma di incitamento all'odio, non conforme al codice etico di questo forum.

Il cambio di direzione non è più repentino con una ruota piccola.
Mentre dinamicamente è innegabile che una ruota più grande sia più sicura da ogni punto di vista, soprattutto in presenza di un qualsiasi ostacolo.

Se poi parliamo anche del telaio la situazione peggiora ulteriormente.

Ti ripeto: non è un caso se molti stanno iniziando a puntare il dito.

iclaudio

la maggiorparte non sono a norma,una bella operazione di controllo la farei ,vanno veloci sui marciapiedi e sono pericolosi in strada

iclaudio

anche se mi fermavo e segnalavo non risolvevo ugualmente perchè dopo 2 secondi quello era sparito

iclaudio

infatti succede anche se una stordita attraversa all'improvviso sulle strisce pedonali,sta sulle strisce ma esce pur sempre all'improvviso e tu non te lo aspetti,tipo dietro il bus o macchinone parcheggiato in doppia ,se la metti sotto ci passi sempre dei guai,la tizia pur avendo torto ne approfitterà sicuramente richiedendo risarcimenti enormi e lamentando rotture ovunque....anche se tu hai le tue spiegazioni ,lei ti porterà in tribunale e sono soldi

fedeoasis

Il tuo non è un discorso sbagliato, infatti è il concetto per il quale sono il primo a dire "se ne può discutere".
Il problema però è proprio come dici tu: infrastrutture non idonee e/o carenti. Risultato: bici e monopattini girano per strada insieme alle auto e moto.
Ed è il motivo per il quale allora mi chiedo se forse l'assicurazione sia la cosa giusta anche per questi mezzi, chiaramente ad un costo rapportato al mezzo e ai rischi che genera.
"Ci fossero ciclabili ovunque il rischio sarebbe vicino allo 0" è assolutamente vero ed è il discorso che facevo invece sui pedoni e sul fatto che rischiano sensibilmente meno, avendo un'area ben definita e distaccata dal normale traffico a motore.

halbeeee2

Continuo a non essere d'accordo, tu continui a parlare del singolo evento della buca, ma se bisogna puntare il dito contro una scelta dinamica allora bisogna considerare sia i pro che i contro, una ruota piccola infartti permette di ridurre l'avancorsa rendendo più agile e maneggiabile il mezzo, se mi sbuca uno davanti con una ruota piccola posso effettuare un cambio di direzione più repentino rispetto che con una bicicletta, così come quando vedo un ostacolo. Continuando a ripetere la stessa cosa, la dimensione di una ruota influisce sulla sicurezza nelle singole situazioni ma globalmente non esiste una soluzione migliore di un'altra

La buca è un esempio.
Una pietra, una piastrella messa male.

La differenza di diametro della ruota è una differenza gigantesca in termini di sicurezza.

Non sto dicendo siano da criminalizzare tutti color che vanno in monopattino: come hai detto tu, il problema sono prima di tutto le persone (e questo è vero).
Ma non è tutto, ecco.

halbeeee2

Beh per la buca in effetti è vero, ma ad alte velocità una buca del genere crea problemi anche ad una bici, più il fatto che se con una bici prendi male una buca voli per terra, con un monopattino sei già in piedi e alla peggio vola via il monopattino (prendendo anche qua un singolo caso). Non sto dicendo che il monopattino è più sicuro, ogni mezzo ha i suoi pro e contro ed è la testa di chi lo guida a fare tutto

Cambia in modo evidente il comportamento dinamico del mezzo, quindi il livello di sicurezza di chi lo sta conducendo.

Basta una buca di piccole dimensioni per mandare in aria un monopattino, mentre è già più difficile per una bicicletta.

Non è un caso se tanti iniziano a puntare il dito contro questi mezzi traballanti che sfrecciano sui piedi della gente e su strade non adatte.

mentalrey

Non so mica se pagano senza contatto e questo é abbastanza ricorsivo proprio con le automobili.

halbeeee2

Per la sicurezza cosa cambia?

Il diametro della ruota, da solo, è determinante.
Non si può dire che "non cambia molto". Cambia completamente, invece.

mentalrey

Quello lo fa anche il sindaco, non si taglia l'erba sulla rotonda fino al terzo morto.

una botta

mentalrey

Sei sul marciapiede? Multa

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren

Recensione Nilox DOC Twelve: per andare ovunque, ma con qualche sacrificio

Le migliori bici elettriche da città da comprare | Giugno 2020

Bonus mobilità per biciclette e monopattini elettrici | Come funziona, sito e FAQ