L'auto solare Lightyear One debutta a fine 2021 (con pneumatici Bridgestone)

22 Aprile 2021 7

Ci siamo quasi: le consegne di Lightyear One, la prima auto elettrica solare a lunga percorrenza fondata dall'azienda olandese (che ha da poco dismesso i panni di start-up) Lightyear, partiranno nel corso dell'ultimo trimestre del 2021. Ad annunciarlo è stata la stessa casa madre in un evento online di questa mattina, il primo ufficiale dopo la presentazione del prototipo di due anni fa a cui abbiamo partecipato anche noi.

L'azienda ha ufficializzato, tra le altre cose, anche la partnership con il produttore di pneumatici Bridgestone, frutto di un rapporto quasi decennale nato nell'ambito della Bridgestone World Solar Challenge, l'evento internazionale di corse automobilistiche di auto a energia solare, vinto per tre anni dal Solar Team di Eindhoven (lo stesso gruppo di studenti universitari che nel 2016 ha fondato Lightyear).

Con quattro motori posizionati sulle ruote e 725 chilometri di autonomia nel ciclo WLTP, la Lightyear One è un'auto unica nel suo genere. La sua più grande innovazione sono i 5 metri quadri di pannelli solari protetti da vetri di sicurezza che si stagliano lungo il tetto e il cofano. Stando alle stime dell'azienda, questi aggiungeranno fino a 12 km di autonomia all'ora, riducendo o eliminando la necessità di ricaricare quotidianamente la vettura.

Il prezzo è cospicuo: circa 150.000 euro per il top di gamma, 50.000 per la seconda vettura più accessibile che Lightyear ha confermato di avere già in cantiere. È prevista una produzione limitata di 946 veicoli, costruiti nello stabilimento dell'azienda nei Paesi Bassi, che saranno commercializzati nei Paesi dell'Unione Europea, in Svizzera e in Norvegia. Quanto al Regno Unito, il CEO Hoefsloot ha spiegato che non è ancora stato stabilito se l'auto sbarcherà sul mercato britannico, in quanto l'azienda produce solo vetture con guida a sinistra.

I NUOVI PNEUMATICI BRIDGESTONE

Per la Lightyear One, Bridgestone ha sviluppato una versione speciale, molto più leggera, dei suoi pneumatici Turanza Eco, che combinano le tecnologie Enliten e Ologic del brand. Queste ultime riducono il peso e la resistenza al rotolamento, garantendo una batteria più leggera (che comporterà maggiore autonomia rispetto agli altri pneumatici per vetture elettriche dell'azienda).

La gomma speciale di Bridgestone è particolarmente stretta (175/60 R19) per ridurre la resistenza aerodinamica del veicolo fino a poco meno di 0.20 cd.


7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fede64

Vale solo per il Nord Africa, ovvio

Fede64

Super affascinante 4x4 del boom economico

Teomondo Scrofalo
Stefano Bortoletto

12km con un ora di esposizione al sole sono tanta roba, praticamente in caso di giornata soleggiata la maggior parte delle persone può andare e tornare da lavoro senza spendere e inquinare nulla, peccato per il prezzo che rende inaccessibile del tutto la cosa

DjMarvel

la i3 le ha ancora più strette

Hodd Toward

Più o meno come un treno di Pirelli per una LM002.

mister x

e quanto costerebbe un cambio gomme di una misura fatta apposta per quell'auto?

Auto

Kia XCeed Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi, risparmio e costi

Auto

Hyundai IONIQ 5: quanto costa e quando arriva in Italia | Video anteprima

Suv

Opel Grandland X Hybrid4, in pista da cross con un SUV Plug-in 4WD | Video

Auto

Volkswagen ID.4: consumi reali, autonomia, prezzo e prova su strada | Video