Bosch, altri 250 milioni di euro per ampliare la produzione di chip in Germania

23 Febbraio 2022 10

Il problema della fornitura dei semiconduttori ha condizionato pesantemente il settore automotive nel 2021. Come abbiamo avuto modo di vedere, le case automobilistiche sono state costrette a rivedere i piani di produzione, arrivando in certi casi a fermare addirittura alcune linee produttive. Nel 2022 le forniture dei semiconduttori dovrebbero migliorare anche grazie ad un aumento di produzione da parte delle aziende che operano in questo campo.

Al riguardo, è arrivata la notizia che Bosch prevede di ampliare ulteriormente la propria fabbrica a Reutlingen (Germania) per affrontare l'attuale carenza di chip.

INVESTIMENTO DA 250 MILIONI

L'ampliamento di questo sito produttivo andrà a creare ulteriori 3.600 metri quadrati per nuovi spazi di produzione. A partire dal 2025 questa capacità aggiuntiva produrrà semiconduttori basati sulla tecnologia già presente nello stabilimento di Reutlingen. Bosch sta anche ampliando un impianto di energia e costruirà un edificio aggiuntivo per i sistemi di alimentazione dedicati sia alla nuova area di produzione sia a quella esistente. La nuova area di produzione dovrebbe entrare in funzione nel 2025.

Per portare avanti questo piano di ampliamento della sua fabbrica di Reutlingen, Bosch andrà ad investire oltre 250 milioni di euro. Cifra che va ad aggiungersi agli oltre 400 milioni di euro già stanziati per il 2022 sempre con l'obiettivo di ampliare la produzione di chip all'interno delle sue fabbriche in Germania e in Malesia.

Le fabbriche di wafer di Reutlingen utilizzano la tecnologia da 150 e 200 millimetri, mentre lo stabilimento di Dresda produce chip su wafer da 300 millimetri.

L'ulteriore espansione del sito di Reutlingen servirà principalmente per soddisfare la crescente domanda di chip nei settori automotive e consumer, nonché in futuro la richiesta di semiconduttori di potenza in carburo di silicio. I chip rivestiranno un ruolo sempre più importante all'interno del settore automotive. Le auto, infatti, sono sempre più sofisticate dal punto di vista della tecnologia tanto che già oggi si parla di "computer su 4 ruote".


10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
max76

Guarda che i chip x l' automotive non sono gli snapdragon o gli exynos..

Antsm90

La differenza è che quei "vecchi" chip sono rodati ed economici, mentre quelli di tsmc costano un'occhio della testa.

Indovina quali vengono preferiti per i più di 3000 chip ad automobile del mondo automotive?

Signor Rossi

Si lo so, i costruttori tradizionali sono attaccati al vecchio ... ma il mondo dell’informatica va avanti ed i produttori di Chip tipo TSMC che possiede il 55% del mercato mondiale non ritengono il mondo automotive interessante per il semplice fatto che i Chip che loro utilizzano costano poco e nulla. Gli forniscono certi Chip di vecchia generazione ma se li fanno pagare, vista la mancanza ...

Molto meglio produrre per Apple processori d’ultima generazione e fare montagne di denaro ... Samsung fornisce i Chip da 7 nm a Tesla e non è assolutamente interessata a produrre Chip che costano qualche centesimo ... stessa storia per AMD che fornisce i processori Ryzen a Tesla che costano fra 400$ e 700$ al pezzo ...

minat0namikaze

Sono chip destnati all'automotive, non agli smartphone o ai pc, dei 7 nm non se ne fanno niente visto che non sono vincolati a batterie ed autonomia.

Maurizio Mugelli

intendo dire che per una estensione alla fabbrica di quella dimensione con quella tecnologia servono molti meno soldi (unita' di grandezza diverse...) di quanto spenderebbe tmsc in una fabbrica equivalente in n3, poi ovviamente dipende da loro quanti capannoni di fab vogliono costruire :)

Signor Rossi
T. P.

concordo sulla tecnologia ma mi è sembrato che per la "fame" attuale siano comunque pochini...
ma naturalmente loro si saranno fatti i loro conti e mi fido anche della tua valutazione! :)

Maurizio Mugelli

usano tecnologia "vecchia" (che per l'automotive va benissimo) quindi il costo di implementazione e' contenuto - d'altra parte anche i ricavi sono ridotti vista la bassa densita' e dimensioni del wafer

Super Rich Vintage

Ci devono sempre pensare i tedeschi con la loro tecnica e i chipponi fatti in casa risolleveranno le sorti dell'Europa.

T. P.

sono pochi ma meglio di niente! :)

Citroen C5 Aircross Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi e comfort

Polestar 2: prova su strada, l'elettrica che copia Tesla (e non è un male) | Video

Euro 7 ufficiale: lo stringente standard in vigore per le auto da luglio 2025

Auto elettrica fa rima con casa e indipendenza energetica | Un caffè con Silla