Auto elettriche: con Bosch si accede a 150 mila stazioni di ricarica

15 Giugno 2020 11

Ricaricare un'auto elettrica è un dei problemi che le persone devono affrontare quando acquistano un veicolo di questa tipologia. Secondo alcune ricerche di UScale e NewMotion, mediamente gli utenti si dotano di 6 app di ricarica sul proprio smartphone e sino a 5 tessere per l'accesso alle stazioni. Se a questo si aggiunge che spesso non è chiaro se una colonnina è libera oppure no e se funziona, la situazione non è certo pratica.

Bosch si è posta l'obiettivo di rendere l'esperienza di ricarica delle auto elettriche più comoda per le persone. L'azienda, infatti, sta lavorando per realizzare dei servizi che permettano ai possessori di veicoli a batteria di poter accedere ad una delle più grandi reti per la ricarica in Europa. Ad oggi, attraverso lo smartphone, è già possibile accedere a più di 150.000 stazioni in 16 Paesi europei.

Il tutto con grande facilità visto che per registrarsi, ricaricare e pagare si fa tutto in pochi passaggi. Inoltre, c'è la massima trasparenza sui prezzi applicati. Questa ampia rete è stata realizzata stipulando contratti con gli operatori e utilizzando metodi come il roaming per la connessione alle colonnine. Inoltre, si prevede che nel 2020 arrivi a contare su circa 200.000 stazioni di ricarica in tutta Europa. L'accesso al network è possibile attraverso l'app proprietaria "Charge My EV" (non disponibile al momento in Italia) o quelle dei partner. Per maggiori informazioni su come ricaricare un'auto elettrica vi rimandiamo alla nostra guida dedicata.



Ma i progetti di Bosch vanno ben oltre la singola applicazione per smartphone. La società, infatti, sta sviluppando una soluzione integrata di navigazione e ricarica in cui infotainment e sistema di propulsione elettrico lavorino assieme. Grazie a tale soluzione, le case automobilistiche e i gestori di flotte possono offrire una nuova esperienza utente che semplifica la gestione della ricarica.

Questo tipo di procedura aggiorna costantemente i guidatori e i veicoli elettrici sulla carica rimanente e su dove sia possibile ricaricare. Se la stazione individuata è occupata, viene riprogrammata automaticamente un’altra sosta per ricaricare e, di conseguenza, viene riprogrammato anche il sistema di navigazione. Inoltre, i percorsi consigliati e le stazioni di ricarica vengono adattati alle preferenze del guidatore, come, per esempio, il desiderio di fare rifornimento in maniera particolarmente rapida o economica.

I guidatori possono anche richiedere al sistema di cercare le stazioni vicine ai ristoranti o con WiFi gratuito per poter godere di alcuni servizi aggiuntivi durante la sosta.

Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2, in offerta oggi da ASUS eShop a 699 euro oppure da Unieuro a 899 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
axoduss

Ma obbligarli a mettere un cavolo di POS?

LaVeraVerità

Mah, resto dell'idea che quando vado dal benzinaio e gli mostro il tag universale, quello con la bandierina dell'unione e un numero scritto in grande, non mi fa mai storie, e questo vale per qualunque benzinaio di qualsiasi catena.

R_mzz

No, potresti usare la maggior parte delle colonnine con un solo tag, ma spesso in auto si hanno parecchi tag, per convenienza economica o backup.
Considerando che l’iscrizione ai vari servizi è generalmente gratuita, non c’è da stupirsi che mediamente in un auto ci siano 5 tessere.
Il problema dell’interoperabilità, esiste, ma non è grande quanto credi.

LaVeraVerità

Cioè stai confermando quello che ho detto?

Ecco perché riesco a valutare solo Tesla.

R_mzz

Per la maggior parte delle colonnine basta avere un unico tag NFC in auto, come il tag che invia gratuitamente Evway all'iscrizione.

Spesso pagando con il tag o l'app di un altro gestore è possibile usufruire di un prezzo più basso.

Ad esempio usando l'app di Maingau le colonnine di IONITY costano soltanto 0,35€/kWh (invece che 0,79€/kWh).
Lo stesso vale per le colonnine di EnelX, usando il tag o l'app di un altro gestore si può risparmiare qualcosa.

Signor Rossi
MatitaNera

Concordo con quenti scrivono qui sotto. Solo il fatto di dovermi sbattere con 'sto ginepraio delle ricariche mi fa passare la voglia di elettriche. Si va dal benzinaio e stop.

gufo13

"Charge My EV" (non disponibile al momento in Italia) che pal....le non ci siamo mai

Ngamer

stanno riuscendo a farmi passare la voglia di auto elettrica con tutte ste menate sulle ricariche

LaVeraVerità

Capisco che le diverse tecnologie rendano difficile una semplificazione della ricarica vera e propria ma che si sia concesso a ennemila soggetti di piazzare colonnine senza l'obbligo di integrarle a livello di sistemi di pagamento lo trovo a dir poco criminale.

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

MyMi: la recensione del cuscinetto anti abbandono che protegge i bambini | Video

Come lavare l'auto a casa per farla rinascere | Guida e Video

Tempo di ricarica auto elettrica: a casa e alle colonnine AC/DC | Video