Boeing: il software anti-stallo della flotta 737 MAX al centro delle indagini

03 Aprile 2019 196

A poco meno di un mese dal tremendo incidente del volo di linea 302 della Ethiopian Airlines che è costato la vita a 157 persone, gli investigatori al lavoro sul caso hanno concentrato le proprie attenzioni sul software della flotta 737 MAX, di cui Boeing aveva recentemente annunciato l'aggiornamento.

Secondo alcune fonti consultate dall'agenzia stampa Reuters infatti, il software anti-stallo (ideato per abbassare automaticamente la parte anteriore del velivolo in caso i dati indicassero un rischio di stallo) avrebbe forzato il "muso" dell'aereo verso il basso anche dopo che i piloti l'avevano disattivato.

Entro pochi giorni infatti dovrebbe venir pubblicato un report preliminare relativo al disastro nel quale, sempre secondo le fonti, potrebbero esserci le prove del fatto che il sistema anti-stallo si sia riattivato prima che il 737 MAX 8 si schiantasse a terra. Tuttavia, non è ancora chiaro quante volte sia successo: secondo due persone informate dei fatti si sarebbe riattivato ben quattro volte, mentre secondo una terza fonte ci sarebbe stato un solo episodio significativo in cui l'aereo abbia puntato decisamente verso terra.

I resti dell'incidente della Ethiopian Airlines

La questione da dipanare è, soprattutto, se l'equipaggio abbia deciso di riattivare il sistema o se quest'ultimo si sia riattivato automaticamente. In ogni caso, il software - chiamato Maneuvering Characteristics Augmentation System (MCAS) - è al centro delle indagini per ben due casi di incidente aereo: oltre a quello dell'Ethiopian Airlines, si parla anche dell'incidente della Lion Air, il cui volo 610 si è schiantato nel mare di Java lo scorso ottobre uccidendo tutti i 189 occupanti a bordo.

Boeing, interpellata a proposito delle indagini, ha invitato i cronisti alla cautela, commentando: "vi invitiamo a evitare di trarre conclusioni affrettate prima che vengano diffusi i dati relativi al volo e al rapporto preliminare". Nessuna dichiarazione invece da parte degli investigatori etiopi.

La posta in gioco è alta: com'è noto, l'incidente ha portato allo stop dei Boeing 737 MAX 8 in molti Paesi, tra cui Italia, Regno Unito, Francia e Germania, e alla revisione del processo di certificazione. Questo modello di velivolo, come fa notare Reuters, è il più venduto tra i Boeing, con quasi 5.000 ordini all'attivo; le azioni della società hanno perso più dell'8,5% in seguito all'incidente.


196

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sopaug

penso che andrò ad impiccarmi dopo questa notizia, sono distrutto :)
Oh, il "grido di dolore", dimenticavo quelli che quando si accorgono di aver scritto una fesseria cercano di rimediare scrivendo che l'esagerazione era voluta... Hai riempito il blog con lasciti tutti sullo stesso tenore, non freghi nessuno.

Max

Non giudico l’operato dei piloti coinvolti nell’incidente perchè non ho ancora visto i dati e non ero li con loro.
Ma i Memory items, insieme ad un certo tipo di training, nascono proprio per intervenire in situazioni nelle quali fisicamente non c’è tempo di entrare in una checklist.
Check-list che naturalmente viene poi eseguita appena ripreso il controllo del velivolo.
Ribadisco: concetto generale che ancora non so se sia applicabile al caso in questione (ho letto un preliminary report di Boeing ma sono molto incasinato in questi giorni e non ho approfondito).

Capitanharlock

Caro il mio scienziatone da tastiera laureato su feisbuc, "dovrebbero" chiudere, è un grido di dolore dovuto a quello che hanno fatto e allla certezza del fatto che nessun provvedimento verrà preso nei loro confronti.
Il tuo linguaggio ti qualifica sufficientemente, per fortuna la mia lista dei bloccati è capiente.
Benvenuto.

luca

Ti rispondo qui. Ho scritto male Memory items... e non in situazioni normali. In quel caso loro non avevano avarie. Avevano un aereo che di sua spontanea volontà puntava terra. Avranno avuto l’allarme quota ed eventualmente quello dello stallo. Per il discorso autopilota “volante” mi riferisco agli autopiloti delle macchine che puntanto alla totale assenza del guidatore e ci arriveranno anche gli aerei.

Max

Io so solo che sulla mia ATPL(A) sono loggate circa 6500 ore. Sulla tua ?

Max

Boeing con quel dispositivo installato ? Rivedi i tuoi numeri ...

Max
Max

L’esatto contrario.

IlRompiscatole

Non ho mai parlato di certificazione generosa, quello sarebbe uno scandalo immenso, ma di errori e tempistiche ristrette.

Patroclo Grecia

da quello che si legge, sembra che la FAA (a causa di mancanza di personale e forse anche per ridurre i tempi di certificazione) avesse lasciato che boeing stessa facesse diverse prove necessarie per le varie certificazioni, tutto da dimostrare, ma personalmente non ci trovo nulla di fuori dall'ordinario di quello che , purtroppo, vediamo accadere anche in più piccolo in diversi settori

sopaug

il bello (anzi, il brutto) è che sei serio.

Dimmi genio, ammesso che ci sia il dolo, quando ben la fai chiudere cosa hai risolto?

nutci

Eh già... sei troppo furbo tu!

liuc

..ancora o bianco o nero…. e non sai cosa penso io, probabilmente non hai ancora capito che esiste l'errore umano anche nel progettare, collaudare affinare il prodotto.. troppo difficile da capire per te.

Capitanharlock

E di questo infatti stiamo parlando.
Sapevano, ma i primi 187 morti non sono bastati.
Mi piacerebbe controllare i voli che hanno preso gli alti dirigenti di Boieng prima e dopo il primo schianto.
Scommetto che nessuno di loro ha più preso questo aereo.

The_Th

premetto che non voglio difendere nessuno o accusare nessuno, quello che scrivo sono considerazioni generiche, non ho interessi in Boeing o altro...
Boeing si sarà resa conto dopo il primo schianto che qualcosa non andava, infatti ha aggiornato e dato delle indicazioni alle compagnie/piloti su come comportarsi, probabilmente queste indicazioni non erano complete o sufficienti, oppure il problema era talmente grave che nemmeno con queste procedure si riusciva a stabilizzare l'aereo, come sembra aver dimostrato il secondo volo...
Boeing ha comunque tutto l'interesse a continuare a far volare i propri aerei, pensava e sperava di riuscire a gestire senza troppo clamore il problema...
Boieng ovviamente avrà rassicurato i vari enti che il problema era risolto, cosa evidentemente non vera

GLi enti di controllo servono proprio a limitare le compagnie private, che hanno tutto l'interesse a nascondere i problemi dei propri prodotti, che sia un aereo o una penna, cercano di gestire le problematiche senza clamore per evitare figuracce e cadute in borsa, molte volte ci riescono, in altri casi no, sta proprio agli enti di controllo verificare che il comportamento della società privata sia conforme alle leggi/normative...

Capitanharlock

Qualcuno ha detto che bisogna toglierla dagli aerei?
O tornare ai biplani?
E' un commento a caso.

Capitanharlock

E non l'ha deciso Boeing.
Qualcuno di quei cosi vola ancora.

Capitanharlock

Dopo il primo incidente Boeing sapeva di aver messo in commercio un aereo difettoso.
Non hanno fatto nulla.
E neppure dopo il secondo quasi tutti gli enti di controllo dei vari stati hanno dovuto mettere a terra quel maledetto velivolo, fosse per Boeing volerebbero ancora tranquilli, al massimo con qualche aggiornamento software.

Capitanharlock

Se hai letto i piloti hanno provato per numerosi minuti a disattivare il software anti stallo che funzionava in modo errato, senza riuscirci.
La Tesla non ti si schianta da sola su un muro a 100 all'ora senza che tu possa farci niente anche senza nessun sensore.

Capitanharlock

Son più qualunquista io che mi indigno per una ca**o di multinazionale a cui non bastano 300 morti in due diversi incidenti per riconoscere di aver messo in commercio un aereo che non avrebbe mai dovuto esistere, o tu che che fai delle battutine di 'sta cippa su due tragedie?
Ma ti abbraccio lo stesso.

sopaug

un altro fenomeno che quando ha finito gli argomenti insulta. Che figuraccia hai fatto. (e 3)

sopaug

Quindi il fatto che la fisica non sia aeronautica non conta. Un altro fenomeno che quando ha finito gli argomenti insulta. Che figuraccia hai fatto. (e 2)

sopaug

un altro fenomeno che quando ha finito gli argomenti insulta. Che figuraccia hai fatto.

luca

Mi farò spiegare dai tuoi come hanno fatto a farti così ignorante. Manco se si impegnavano potevano farti così ignorante.

luca

L’unica cosa che leggi a cada vero ?
Ma davvero ti hanno fatto così stupido ? Contro ogni legge di selezione naturale ! Un premio per i tuoi perché davvero hanno riscritto ogni legge naturale si anche quella della la fisica. Dove il vuoto non è più vuoto ma è sostituito da te.

luca

Si va bene... detto da te conta come il due di picche quando regna bastoni. Si è no al mac avrai visto volare gli schiaffi di tuo padre in vita tua.

sopaug

e allora la prossima volta fatti spiegare meglio perchè da quello che hai scritto sembri il solito forcaiolo, e se il tuo amico davvero è chi dici che sia non è possibile che ti abbia detto cose simili.

Oppure scegli meglio le fonti che trovi su internet :)

sopaug

hai fatto un elenco di "curiosità aeronautiche" da novella 2000 lo sai vero?

sopaug

la ricostruzione ci sta ma il fatto che boeing sapesse, i certificatori generosi ecc ecc mi pare una tesi complottistica ancora tutta da provare. Se davvero fosse nota una connivenza (e non una mera collaborazione) tra boeing e faa sai che pienone verrebbe fuori?

sopaug

la tua risposta sprezzante del tutto fuori luogo contiene una contraddizione pesante, che ti porta ad aver fatto un'inequivocabile figura di m, fenomeno.

La fisica è una cosa, l'aeronautica un'altra.

luca

Memory items lo usi in situazioni normali non quando hai 20k allarmi in cabina e stai a rischiare la vita.

luca
luca

Si vede che non conosci le regole per pianificare i voli. Ogni volo ha un aeroporto di emergenza vicino a quello di destinazione in caso quello di destinazione non fosse raggiungibile. Ogni volo sorvola quanto più possibile la terra perché li si trovano gli aeroporti mica nell’oceano e se hai problemi meglio una pista che il mare. No ! voi che al max navigate su grossoshop sapete tutto. Siete veramente l’italiano medio magari non siete manco mai saliti su un aereo ma parlate.

IlRompiscatole
luca

No infatti gli autopiloti servono a far tenere le mani sul volante. Sei proprio uno sveglio te.

luca

No un grandissimo amico passionato più di quanto tu possa essere passionato di tecnologia. Lui lo fa per lavoro ha studiato per diventare pilota ha fatto 6 anni di gavetta in Zambia dove atterri nel Bush più profondo dove voli con scassoni che in europa non potrebbero volare dove voli più del dovuto.

luca

No ho chiesto a dei piloti e mi hanno risposto che fino a quell’episodio non ci sono ammaraggi con esiti positivi nella storia dell’aviazione. Anzi che l’amaraggio non è neanche contemplato nelle procedure perché ritenuto distruttivo per l’aereo. Se voi siete superficiali non vuol dire che lo sia il resto del mondo. Ho chi ho chiesto ? Al capo pilota air Mauritius Dominique Paturau con anni e anni di esperienza uno dei primi piloti a prendere la certificazione airbus a340 ora state muti per favore.

sopaug

analisi che può essere corretta ma di solito è poco intelligente spiegare con il complotto ciò che può essere spiegato semplicemente con l'incompetenza. Questo per dire che al netto di una timeline plausibile il dolo di Boeing è tutto da provare (e personalmente ci credo molto poco)

sopaug

semplicemente l'aeronautica non è una scienza esatta, tutto qua, Senza strani complottismi.

sopaug

ah hai l'amico pilota comandante, capito. E' anche tuo cuggino scommetto.

sopaug

scusa ma veramente tu hai visto un film e poi vieni a parlare di aeronautica?

sopaug

aggiungerei qualche punto esclamativo e suggerirei messa a morte del CEO di Boeing e fallimento della società.

Che bello il mondo per chi non ha idea di come funziona, la vostra vita è MOLTO più semplice, vi invidio un sacco, beata ignoranza.

sopaug

attenzione, già un candidato fortissimo per il "premio qualunquismo dell'anno " e siamo solo ad Aprile.

alessandro

Due su poche centinaia. Una percentuale molto alta

luca bandini

eh bravo peccato che nel primo commento tu stesso ti sei contraddetto!
comunque non è proprio una 500 con la meccanica di una tesla. è un aereo che ha anche avuto modifiche strutturali nella scocca non hanno solo allungato i carrelli e messo motori grossi ma hanno anche cambiato le ali. insomma boeing fa arei da un secolo quasi quindi non sono stupidi. il problema è proprio il sw (cosa "nuova" negli aerei quindi anche i big sono impreparati)
insomma lo ritengo meccanicamente un signor aereo ma con un sw fallato evidentemente e gli articoli dei giorni scorsi scagionano totalmente i piloti quindi la colpa è di boeing su questo non ci piove.

Marco Speranzini

Si, hai ragione, dicevamo la stessa cosa.

Marco Speranzini

Hanno aggiornato talmente tante cose fondamentali (come appunto motori talmente grandi da dover allungare i carrelli) che di fatto è diventato un altro aereo. Solo che è spacciato per una semplice evoluzione per risparmiare sui costi di omologazione ed ingolosire le compagnie aeree che non devono spendere molti soldi per abilitare i piloti già abilitati sui vecchi 737. Ora valuta tu. Ma a mio giudizio se prendo la scocca di una 500 degli anni 60 e ci infilo la meccanica di una Tesla 3 non è più una 500!

luca

La fava la tieni in testa te che parli parli dopo che pure le notizie ti hanno smentito.

Massi91

il problema è che la ridondanza del sensore era dato come optional, quindi non essendoci stata su questo modello il computer non ha potuto avere feedback

Massi91

se hai letto ethiopian non ha comprato la ridondanza del sensore.
Il sensore non sarà prodotto da boeing ma da un fornitore dedicato.

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren

Moto

Askoll NGS: abbiamo provato la nuova generazione di scooter elettrici | Video

Mobile

Recensione Amazon Echo Auto: per portarsi Alexa anche in macchina

Video recensione

Recensione Nilox DOC Twelve: per andare ovunque, ma con qualche sacrificio