Seat Minimó: elettrica da città con batterie intercambiabili |VIDEO

25 Febbraio 2019 53

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Seat Minimó è la novità degli spagnoli che giocano in casa al Mobile World Congress 2019 ben interpretando il presente e futuro della mobilità urbana. Lo ammetto, con il titolo mi sono lanciato in un "mild clickbait" per restare nei termini dell'elettrificazione, dato che Minimó non è un'auto elettrica tradizionale, ma è anche vero che il concetto di tradizionale ormai non esiste.

VIA LE MANI DALLA MIA AUTO!

Nel boom delle auto degli anni cinquanta nessuno si sarebbe sognato di condividere l'auto che nel tempo diventava sempre più personale. La tendenza cresceva nel corso dei decenni, fino agli estremi in cui sono nate due vie: il mondo underground ispirato dal cinema e dai videogiochi dove il tuning diventava una chiave per rendere l'auto ancora più unica (e personale), e il mondo della personalizzazione a tutti i costi ma accessibile a tutti.

Al bando attrezzi e mani sporche di grasso: l'auto usciva dalla fabbrica con le caratteristiche uniche (e personali) che il cliente sceglieva in fase d'acquisto: la negazione totale della filosofia di Model T.

PER LA MOBILITÀ URBANA

Riprendendo le fila del discorso, è proprio la condivisione che ha permesso a Seat di pensare ad un sistema di cambio delle batterie. Seat Minimó è un quadriciclo elettrico progettato intorno alle esigenze del millenial tipo, quello che vive nella grande città e non ha la minima esigenza di acquistare un'auto, vuole un servizio che eviti anche di pensare a tutte quelle noie come le scadenze dei pagamenti di bollo e assicurazione, le revisioni o il banale cambio di pneumatici.

Considerando che in città raramente si vede un'auto con più di due persone a bordo, Seat ha cavalcato l'onda creando un mezzo a due posti con dimensioni più compatte di un'auto, facile da guidare ma anche divertente (questa la promessa), con l'abitacolo chiuso e con ingombri di 2,5 per 1,24 metri, meno della metà dell'area occupata da una city car.

La quadratura del cerchio? La scelta di metterci ruote da 17" e posizione di guida rialzata che richiamasse il mondo SUV a cui ormai sempre più persone guardano e sono abituate, banalmente per il semplice motivo che l'altezza della linea di vista nel traffico si è rialzata, e stare in basso inizia a diventare fonte di preoccupazione.

100 KM DI AUTONOMIA E BATTERIE INTERCAMBIABILI

Ci sono poi altre soluzioni furbe per la città: la porta lato conducente privilegia la visibilità e quella del passeggero facilita l'accesso, entrambe incernierate per entrare ed uscire anche negli spazi più stretti.

Gli ultimi progressi nelle celle hanno permesso di stipare in dimensioni compatte un pacco batterie ad alta densità energetica che promette più di 100 chilometri con una carica e il pianale è progettato per lasciare la batteria usata e recuperarne al volo una nuova.

Resta il dubbio se questa tecnologia sarà accessibile anche ai privati, in ottica di business, però, è chiaro che diventa un vantaggio perché si unifica la gestione, la si mantiene in un'area limitata e quindi affrontabile anche nei costi e si riduce il tempo di fermo della vettura: l'auto in ricarica non fattura!

AUTONOMA E CON ANDROID AUTO WIRELESS

Seat Minimó non solo offre ai passeggeri più spazio dal sedile alla porta rispetto ad una Ibiza, ma ha anche previsto la possibilità di trasformarsi in cargo per le consegne, è predisposta per la guida autonoma di Livello 4 in ottica di robotaxi e ha Android Auto Wireless.

La chiave è lo smartphone o l'app e il display della strumentazione può replicare quello del cellulare e aggiungere la comodità dei comandi al volante o dell'assistente vocale di Google.


53

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
SamBeOne

Direi che hai interpretato anche troppo :-). Testualmente "più grande e dunque meno cittadina" rispetto alla twizy.

Giulk since 71'

Con un sistema meccanizzato che come detto lavora direttamente da sotto l'auto, stiamo nel 2020 non la vedo una cosa cosi difficile anzi, il problema semmai come dice l'altro utente e che dovresti avere un unico tipo di batteria come forma e questo poco si sposa con il design diverso delle auto

maxforum

come le cambi le batterie di un auto al distributore? col muletto? come le stocchi le batterie al distributore? forse in futuro quando ci sarà bender che ti cambia le batterie

qandrav

purtroppo questi di better world sono partiti nel momento sbagliatissimo (senza contare la questione standard che hai giustamente nominato)

Giulk since 71'

E quale sarebbe il problema del peso? non capisco

Giulk since 71'

Grazie per le info non lo sapevo, il punto è che un sistema del genere dovrebbe presupporre degli standard da dividere tra tutte le case automobilistiche e non solo, la vedo difficile insomma

Giulk since 71'

Se le batterie NON sono tue quale è il problema, un sistema del genere dovrebbe prevedere che le batterie che ti montano sotto devo rispettare certi standard qualitativi in termina di carica tenuta, inoltre con un sistema del genere le cambieresti ad ogni rifornimento

Phoenix

C'è molto poco da interpretare se dici che una macchina di 2,5 metri non è cittadina. Non lo è una di 4,3 metri.

Gunny35

Un aspetto positivo a mio parere

SamBeOne

hai un concetto tutto tuo di interpretare quanto scritto.

Il concetto è che hanno fatto un tandem con bagaglio esterno occupando quasi lo spazio di una smart prima serie (lunga uguale e larga 26 cm in più) che a questo punto è da ritenersi ingegnerizzata mille volte meglio, dato che è uscita nel 1998.

E' un ambiguo non sense, o la fai minuscola come la twizy, correggendone i ben noti difetti (tanto ad oggi non avresti problemi a farlo) o se la fai così ciccia la rendi più consona alle esigenze del normale utente (bagagliaio, sedili se non affiancati almeno sfalsati, etc).

Paolo C.

Sicuramente meglio di quel c3ss0 di Twizy che non ha neanche i finestrini ed è senza sistema di riscaldamento.

Mario I/O

Ho provato entrambe e nessuna delle due chiude in modo ermetico l'abitacolo. Praticamente è il festival dello spiffero.

Davide

però in questo caso bisogna comprare batterie supplementari e bisogna avere un dipendente (o più) che si occupi di cambiare le batterie, oppure serve che il cliente le porti in un punto specifico e poi cambi da sè.
Mi sembrano condizioni abbastanza limitanti.

Alessandro AlexGatti

tu scambieresti le batterie che hai pagato con la tua macchina con batterie che non sai come sono state tenute, quanti cicli di ricarica hanno fatto e quanto sono vicine al fine vita?

1984

nel mio commento ho detto che hanno aggiunto gli sportelli! e comunque per la twizy ci avevan già pensato: si trovano i kit per chiudere completamente l'abitacolo tramite pareti su misura in plexiglas

qandrav

tipo così:
https://uploads.disquscdn.c...

secondo me questi sono partiti troppo presto (2007) e purtroppo sono già falliti (2013), se vuoi cercare altre info la società era BetterPlace

qandrav

Sperando non finisca come questo
https://en.wikipedia.org/wiki/Renault_Fluence_Z.E.#Better_Place_battery_swap

maxforum

hai presente quanto pesano le batterie?

Luigi Melita

per le aziende lo è, se tengono l'auto ferma non guadagnano

Phoenix

Hai un concetto tutto tuo di misure. 2,5 metri ti sembrano tanti?

Pip

Uno standard univoco significherebbe avere tutti lo stesso telaio, e già in quest'aspetto tutta l'idea cade.
Questo perché nelle auto totalmente elettriche, la batteria è un elemento strutturale.

Non si potrebbero ottimizzare gli spazi e quindi ci sarebbe una stagnazione nel design, e se non fosse così le stazioni di ricarica dovrebbero avere diversi modelli di batteria e altrettanti sistemi robotizzati per poter sostituire le batterie di vari modelli.

È una cosa fattibile negli scooter e nella twizy, veicoli che hanno batterie piccole e leggere, ma totalmente impensabile allargare questa idea a tutte le auto elettriche.

Concettualmente sarebbe la stessa cosa se dal benzinaio ti sostituissero il serbatoio piuttosto che riempirlo. Con le centinaia di modelli di automobili esistenti, sarebbe possibile?

Davide

Per un servizio di car sharing ci starebbe proprio bene al posto delle solite smart.
La ricarica, visita anche la diffusione che stanno avendo le colonnine nelle città in cui ci sono questi servizi, non so se possa essere effettivamente un punto a favore così determinante

Pip

Il fatto è che se si escludono i colori, sembrano identiche.
Comunque, aspetto ridicolo a parte, questa tipologia di veicolo non è poi un'idea malvagia, il problema è che costano veramente troppo

SamBeOne

2,5 per 1,24 metri. Grande Seat, a fare scemenze non ti batte nessuno.
Non è l'evoluzione della twizy, l'avete fatta più grande e dunque meno cittadina.
Vi siete così spremuti che avete tirato fuori questo accrocco usando quasi le dimensioni di una smart prima serie (2,5 x 1,5). Lanimadelimortaccivostri..

asd555

Non paragonatela alla Twizy, che è Renault.
SEAT è gruppo Volkswagen, sono due progetti molto diversi.

Giulk since 71'

Secondo me l'idea delle batterie intercambiabili potrebbe essere quella vincente, non so se la cosa è tecnicamente possibile, ma non si potrebbe fare un "distributore" dove sotto invece di avere la benzina o il gasolio ha "stoccate" diverse centinaia di batterie, sotto carica, uno arriva con l'auto si ferma su un punto prefissato e da sotto un sistema meccanizzato tira via la tua batteria e ne mette una carica.

Certo questo presuppone uno standard univoco sulle batterie e batterie a noleggio

rsMkII

Sì, noi vediamo la Twizy!

Maurizio Mugelli

ci sono quelle morbide e quelle rigide a compasso (come in questa), a quali ti riferisci?

Top Cat

Carina, ma curerei anche un pò più la sicurezza.
Se si fregano le bici, figurati queste.
(O magari si fregano le batterie!)

Mario I/O

Le hai mai provate le loro "portiere"? Per carità..

Maurizio Mugelli

sono un paio di anni che offrono le portiere fra gli optionals

[-Mac-]

Beh però ha una cosa fondamentale che la Twezy non ha, gli sportelli, quindi la puoi usare anche quando piove.

1984

la twezy esiste dal 2011, in otto anni son riusciti a riproporre lo stesso concetto con la sola novità di colori sgargianti e gli sportelli esterni.. niente autonomia maggiorata, ne un prezzo competitivo (è palese visto che non si rivolgono direttamente al privato). ci speravo proponessero qualcosa di un pò più nuovo, invece...

steek

Se aumentassero l'autonomia andrebbe bene anche per giri da 300-400 km con una valigia dietro e sedile sdraiabile.
Vado a brevettare la cosa.

Biso22

Batterie intercambiabili, idea che reputo fondamentale!

Youngstown

beh è fatta per spostamenti brevi, massimo sulla mezzoretta, mica devi chiaccherare per un viaggio di quattro ore. Poi la maggior parte degli utenti la utilizzerà da soli

daniele

Si, vero ma solo al posto dello scooter d'inverno. Sembrerà strano a dirsi ma anche noi che abitiamo in città ogni tanto abbiamo tanti bagagli o qualcosa da trasportare... o 3 persone...

Un uso diverso dall' "insensato suv"

Maurizio Mugelli

a me piace - non ci farei un viaggio lungo ovviamente ma per il solito casa - ufficio - spesa - casa di tutti i giorni e' ottimo.

steek

Porta valigia così ma anche no e poi le iterazioni sociali con il patner dietro e non affiancato davanti andrebbero a farsi benedire a meno di guida autonoma completa e sedile girevole.

antonio
Account Anniversario

Seat maanchenó.

Iena

capisco, ma son curioso di vedere prezzo di vendita ed autonomia effettiva; fatto sta che quel pianale, per quanto possa sembrare "strano" o "brutto" è l'ideale per spostarsi in centro città invece dei soliti, insensati suv..

specialdo

rispetto alla twizy è molto carina.. ma odio i posti in tandem! Preferisco avere due posti uno accanto all'altro come sulla smart. Se dovessero cambiare idea e venderla anche ai privati, ci faccio una pensata (dipende sempre dal prezzo ovviamente).

Maurizio Mugelli

non e' tanto strano che piu' gruppi si accordino per usare la stessa piattaforma con personalizzazioni varie - le modifiche stilistiche non sono male comunque, un po' vistose ma interessanti.

daniele

twizy con cerchioni fighi

MayuriK

Bella, in pratica è l'evoluzione della Twizy.

Iena

non ci siamo ancora.... esce già vecchia, in quanto il mercato offriva già la twizy

Pip

È una twitzy con i colori più tamarri.
Come quando prendono un comune componente per pc, aggiungono quattro led e lo definiscono la gaming

turion17

Quando dovrebbe uscire?

maxforum
Ford

Ford Focus 2019 ST-Line 1.5 EcoBlue: recensione e prova su strada | Video

Hyundai

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster