Harman e Samsung: abitacolo digitale, 5G e guida autonoma | video anteprima

12 Marzo 2018 14

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Nel mondo auto è difficile trovare qualcuno che sappia chi sta veramente dietro alle tecnologie che utilizziamo tutti i giorni: a parte i loghi sulle autoradio, infatti, il resto è nascosto alla vista. Tra i produttori che forniscono le tecnologie del futuro (prossimo) agli OEM c'è Harman, azienda acquistata da Samsung che al Salone di Ginevra ha esposto le novità che presto vedremo sulle vetture di produzione.

Abitacolo digitale: il nuovo infotainment connesso

Prima grande novità è la nuova piattaforma "digital cockpit", dove la parola d'ordine è connettività ma anche razionalizzazione. Il modello base è compatto, racchiude tutti i comandi intorno ad un ampio schermo touch e sfrutta lo smartphone per accedere alla rete.

Android Auto arriva qui nella sua versione wireless, liberandoci finalmente dalla necessità del cavo e consentendo di ricaricare il cellulare nell'alloggiamento dotato di tecnologia Qi a induzione. L'hardware Mediatek gestisce il tutto fornendo potenza computazionale ai due sistemi (Linux e QNX che convivono nell'interfaccia di Harman) e supportando fino a 2 display e una telecamera.


La versione spinta dal SoC Intel, invece, punta ai modelli di gamma più alta, gestisce un maggior numero di display e cambia l'esperienza all'interno dell'abitacolo. Sulla Maserati in esposizione il digital cockpit abbraccia tutta la dashboard: c'è un OLED per la strumentazione, un QLED da 28 pollici motorizzato e panoramico per l'infotainment e un secondo OLED (flessibile) che sostituisce i classici pulsanti. Restano tre ghiere che si evolvono utilizzando anch'esse dei display OLED touch circolari che possono cambiare funzione a seconda di necessità o preferenze.

Un solo SoC gestisce tutti gli schermi dell'auto, risparmiando quindi sul peso e sulla complessità. L'auto è connessa al cloud: il sistema dialoga con il nostro profilo, riconosce il proprietario e svolge funzioni predittive usando ad esempio i nostri appuntamenti del calendario per proporci la destinazione. L'auto sa già quale musica ci piace ascoltare e dove dobbiamo andare, mostrandoci ad esempio il meteo previsto per la destinazione. A bordo non mancano poi gli assistenti vocali Bixby e Alexa, richiamabili con un tocco o con una parola chiave.

Guida Autonoma: dal livello 3 al 5

Si chiama DRVLINE la piattaforma per la guida autonoma di Samsung e Harman. I due produttori hanno scelto un sistema modulare che permette di scalare facilmente dal Livello 3 ai livelli 4 e 5, consentendo di ottenere la ridondanza necessaria utilizzando più unità e creando un'architettura che può essere personalizzata a seconda delle necessità del produttore auto.

Il sistema gestisce la suite ADAS (gli assistenti alla guida) e integra una videocamera anteriore per il monitoraggio corsia, cruise control adattivo, anti-collisione e riconoscimento dei pedoni. L'hardware Samsung supporta il machine learning di Harman e la realtà aumentata, tutto in un dispositivo compatto che sarà distribuito ai produttori nel corso del 2018.

5G e cyber-security

Connettività e sicurezza sono due temi che vanno di pari passo...o almeno dovrebbero nella mente di un progettista attento. Celebri sono infatti i casi di alcune delle prime auto connesse e dei tentativi (riusciti) di hacking.

Aprendo le auto alla rete le si apre anche ai rischi: per questo Harman ha proposto un sistema di sicurezza informatica che protegge le auto a guida autonoma dai tentativi di manomissione remota, segnalando la ricezione di messaggi che nascondono codice maligno e creando uno scudo in grado di evitare di trasformare l'auto del futuro in un'arma "telecomandata".


Nonostante i pericoli, però, la tecnologia deve andare avanti e, nel settore della connettività, la prossima frontiera è il 5G: che abiliterà la guida autonoma e sarà importante per la sicurezza, consentendo ai veicoli di comunicare fra loro e con infrastrutture e pedoni.

Non è affatto irrealistico uno scenario dove il computer saprà che un pedone sta attraversando la strada dietro una curva cieca, frenando preventivamente ad esempio. O dove le auto che seguono verranno avvisate da quelle che stanno bloccando la strada perché coinvolte in un incidente.

Tra i più desiderati del 2018, superato solo da Mate 20 Pro? Huawei P20 Pro, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 514 euro oppure da Amazon a 586 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Flagshìp

Peccato sia una Maserati.

DKDIB

Anche io ho un Samsung Galaxy S8: ho disabilitato Bixby Home con SABS e rimappato il tasto con bxActions.

Polezzz

Anzi quella della Tesla Model S.

Alessandro "Brio94" Orsini

Su S8 e S9 c'è il tasto dedicato (non so se ci sia in altri modelli Samsung)

Rosso

ma Bigsby

Mattia Cristofaro

Plancia intelligente https://uploads.disquscdn.c... Plancia non intelligente https://uploads.disquscdn.c...

daniele

tanta roba sul fuoco

Ruppolo

Il grande Bigsby

Apocalysse

5G su smartphone adesso non ha nessun senso, esistono solo BTS di test, prima di 5 anni non ci sarà niente di realmente usabile.

maurooo

Penso che se S9 fosse "5G Ready "l'avrebbero annunciato in grande stile, anche perché sarebbe una caratteristica non da poco.Mi pare strano che lo tengano nascosto.

deepdark

Che ci volevi sopra, un i5?

Gpat. (Android/macOS)

"L'hardware Mediatek gestisce il tutto fornendo potenza computazionale ai due sistemi"
Seriamente?

ironmel

svista...a furia di aprirlo per sbaglio con il maledetto tastino sull'S8 la mia mente deve essersi ribellata sbagliandolo apposta xD

corretto, thanks

Fetta

Bigsby???
va bene che ancora non è arrivata la lingua italiana, ma almeno il nome!

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE