Codice della strada, giro di vite contro gli smartphone: quasi 1.700 euro di multa

07 Gennaio 2020 602

Codice della strada si cambia: in arrivo multe di quasi 1.700 euro per chi utilizza lo smartphone mentre sta guidando.

SANZIONI PIÙ SEVERE E NUOVE NORME

Tra le modifiche alle norme per la sicurezza della strada che la Camera sta esaminando e che si appresta a votare c'è dunque il pesante inasprimento della sanzione per chi viene trovato ad usare lo smartphone mentre è alla guida. Si passerà dagli attuali 422 euro a 1.697 euro.

In caso di recidiva, arriverà pure la sospensione della patente sino a 3 mesi. La Camera mette nel mirino l'uso degli smartphone in auto visto che sono la principale causa degli incidenti assieme all'alta velocità.

Tra le nuove norme del Codice della strada arriva anche l'obbligo di cinture di sicurezza per gli scuolabus anche se solamente a partire dal 2024.

Ma le novità non finiscono qui in quanto arriva pure la distanza di sicurezza laterale di 1,5 metri quando ci si appresta a superare una bicicletta. Norma creata appositamente per proteggere i ciclisti su strada che spesso e volentieri vengono "schiacciati" dalle auto in fase di sorpasso.

Tra le nuove norme sono presenti anche alcune novità per migliorare la sicurezza delle città. Per esempio, i Comuni potranno istituire le Zone Scolastiche, cioè strade attorno alle scuole dove il limite di velocità sarà imposto a 30 Km/h, almeno negli orari di entrata e di uscita degli studenti.

Sarà possibile realizzare attraversamenti pedonali rialzati al livello del marciapiede che faranno in modo che le auto rallentino, agevolando l'attraversamento dei pedoni. Inoltre, i Comuni potranno utilizzare le bande sonore sulle strade per far rallentare i veicoli.

Niente innalzamento dei limiti a 150 Km/h nelle autostrada e 3 corsie. E' stata infatti respinta la proposta del partito della Lega.

Tutte modifiche al Codice della strada positive che, però, portano il dubbio che i problemi di sicurezza sulle strade non vengano comunque risolti.

Serve, infatti, maggiore informazione e più campagne di sensibilizzazione che permettano alle persone di recuperare il senso di responsabilità sulle strade. Proprio per questo tra i parlamentari sia di maggioranza che di opposizione c'è la volontà di calcare molto su questi aspetti per migliorare davvero la sicurezza sulle strade.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Emarevolution a 512 euro oppure da ePrice a 581 euro.

602

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vittorio

E io ti ho risposto che le regole ci sono per entrambi e che certi ciclisti si sentono invulnerabili nei confronti del CDS né più né meno di certi automobilisti ("tanto le multe le fanno solo più con gli autovelox").

Anzi, come ti ho appena raccontato, io OGNI giorno da ciclista ho a che fare con auto che non rispettano il CDS e mi rendono la vita complicata. Se conto le auto in doppia fila diciamo che sono almeno 20 automobilisti al giorno. Non c'è paragone come numero e come rischio / disagio causato.

Il CDS dice chiaramente che l'automobilista deve porre attenzione al ciclista che su strada è svantaggiato. Inoltre il freddo, i binari del tram, le buche, i tombini, le auto parcheggiate che aprono lo sportello, persino la segnaletica orizzontale bagnata sono insidie per un ciclista che non rischia di rifarsi la fiancata ma di rovinarsi la vita.

Tra l'altro secondo te in quanti rispetteranno questi 1,5 metri?

wrg

Mi sa che non stai tanto bene ragazzo.
Perché primo confondi me Vittorio, con il fatto di partire 5 minuti prima e rispettare i ciclisti andando più piano.
Mi sa che a te ti parte l'embolo, sei subito pronto nel rispondere!!
Esci un bicicletta invece di stare a sparare stupidate, ma mi sa che non sai nemmeno come sia fatta una bici, altrimenti certe stupidaggini non li diresti, visto che solo un vero ciclista sa cosa significa avere auto che ti fanno il filo.

Rileggi un po' i vari messaggi, non faccio tifoserie, infatti ho scritto fin dall'inizio che bisogna avere un po' di buon di BUONSENSO da PARTE Di TUTTI!!!!

Adesso vado a pedalare.

Fatti una camomilla che sei nervosetto

Dark!tetto

Se solo leggessi, come detto tu tifi e manco te ne accordi. Io cerco di rispettare le regole a piedi in bici o in auto visto che sono tutti e tre come già ribadito. Se poi tu non sai comprendere il fatto che alle bici manca una targa per identificarli in caso di infrazione il problema ce l'hai tu non io. Perchè già dovresti arrivarci da solo, ma l'ho pure ribadito diverse volte, inoltre non giustifico nessuno ne automobilisti incivili, come i campagnoli e i ciclisti, ma da buon ciclista professional (che io evito come la peste anche nella vita vera) leggi una critica ai ciclisti, o meglio alle normative troppo leggere e spesso INAPPLICABILI ( perchè non identificabili), ti parte l'embolo e vai sulla difensiva. Sono un ciclista e ne conosco di quelli sopra descritti, sono anche un motociclista e ce ne sono di peggio, come ci sono pedoni e automobilisti peggiori, ma l'uno non esclude l'altro. Mi pare di parlare con uno che sa solo esclamare "e allora il PD ?!"invece di dire "Giusto, magari fossero tutti più civili" perchè da parte mia possono anche alzare le pene all'infinito o passare al penale visto che io seguo le regole non mi interessa, anzi è un fatto positivo.
Ah non messaggio quando guido e ti scrivo dal PC. Quindi se devi rispondere per continuare a tirare in ballo gli automobilisti per giustificare i ciclisti o chi vuoi tu, risparmia i polpastrelli, hai ragione la tua squadra è quella più forte e non esistono ciclisti incivili sulle strade.

wrg

Prima cosa sono un pedone, un ciclista, un motociclista e un automobilista.
Probabilmente tu sei solo un automobilista per di più maleducati e con poca capacità di confronto.
Certo che se un trattore fa un incidente paga conseguenze, la stessa cosa accade con un ciclista, magari ti manca questa info...
Poi dove non possono andare i trattori, sono superstrada dove non vanno nemmeno i ciclisti.
Il problema tuo, oltre alla maleducazione, hai un problema di connessione tra le dita e il cervello.
Perché noto che offendi senza motivo e continui a contraddirti in modo penoso!!
Io ho semplicemente detto che basterebbe un po' di buon senso da parte di tutti, ciclisti e automobilisti.
Spesso vedo automobili e provato sulla mia pelle, auto e camion che ti tolgono la polvere dai raggi!!
Come vedo pedoni che aspettano invano di passare sulle strisce pedonali.
Ragazzo, non tifo squadre e qui scrivo perché mi piace confrontarmi con altre persone, pertanto visto che a te costa fatica, cambia blog per favore.
E smettila di messaggiare mente guidi per favore...

Dark!tetto

Ho ribattuto perchè come le TDC a 4 ruote si sentono invulnerabili nei confronti dei ciclisti per ovvi motivi, quelli a 2 ruote si sentono invincibili nei confronti del codice della strada per mancanza di una reale regolamentazione. Sembrerò "satntarello" come dicono, ma nel rispetto di tutti cerco di essere il più corretto possibili e vorrei che chi condivide con me la strada faccia lo stesso, che sia a piedi, in auto, in bici o in trattore non importa. Ho dibattuto con un altro sui limiti troppo bassi secondo lui, che dire per lui mettere a repentaglio la sicurezza altrui non vale quanto uscire di casa 2 minuti prima, esempio perfetto di TDC e si metteve pure a paragone con i tedeschi...che sotto questo aspetto possono insegnarci molto.

Vittorio

Beh è quello che dico dall’inizio: è una questione di TDC non di regole.

Le regole ci sono per tutti, inclusa quella che vieta di stare in 3 affiancati, o in 2 in certe condizioni.

Tu hai ribattuto che tanto i ciclisti non le rispettano e sono inpuniti. Per esperienza ti ho risposto che nel far west cittadino la stessa cosa vale per le auto, se non peggio.

Dark!tetto

Mi spiace, ma io non sto difendendo gli automobilisti, lo stesso discorso vale per quella bella porzione di automobilisti teste di C. che avendo un auto si sentono invulnerabili nei confrontio dei ciclisti. Ipocrita perchè ne fai un discorso personale, ma ne tu ne io siamo il riferimento, alla base di tutto ci sta il buon senso aldilà del mezzo. Posso fare lo stesso discorso per gli automobilisti, che una volta uno mi ha sorpassato toccandomi con lo specchietto e buttandomi fuori strada causandomi una frattura al bacino. Beh grazie ai testimoni e al numero di targa è stato rintracciato e multato e io risarcito per aver perso 60 giorni di lavoro. Non so se ora mi son spiegato meglio ma le TDC ci sono ovunque, ma se tu difendi la categoria dei ciclisti prendendo te come riferimento che sei una persona corretta e di buon senso l'errore non è mio...

wrg

E tu non fare l'automobilista ottusa e santarello...
Il fatto che non esistono i controlli su strada, o sono pochi.
Seguendo il tuo ragionamento, cosa facciamo con i trattori?
Vanno al massimo a 40 km/h, che facciamo li uccidiamo perché riducono la tua velocità media?
C'è un concetto base che ti sfugge: la strada è di tutti.
Delle auto, dei camion, dei trattori, delle biciclette e dei pedoni se non ci sono marciapiedi.
Pertanto, dire che se becchi un gruppo di ciclisti il traffico è bloccato in modo pericoloso, non sta ne in cielo ne in terra.
Esiste il buon senso di rallentare come faresti con un trattore, uguale.

Non esistono squilibri come dici tu, esiste il fatto che una bici è indifesa in caso di incidente, un auto e un trattore no....

Vittorio

Qui l'ipocrita sei tu, mi spiace e mi girano parecchio a sentire certe cose.

Io in città uso la bici come mezzo per andare in ufficio (quando posso) e sono disciplinato. Eppure mi è capitato più volte di rischiare la vita.

Ti assicuro che OGNI volta che prendo la bici mi trovo almeno un auto (a volte molte di più) ferma sulla ciclabile con le quattro frecce e nei tratti senza ciclabile una sfilza di auto in doppia fila che mi costringono a passare vicino ai binari del tram. Per non parlare di chi non da la precedenza, stringe nelle curve o sorpassa a 10 cm (mi han già sfiorato più volte con lo specchietto per fortuna senza conseguenze).

OGNI SINGOLA VOLTA che prendo la bici ho a che fare con automobilisti che non rispettano le regole.
Tra parcheggi impropri, sorpassi usando la ciclabile, precedenze non date non esagero se dico che almeno 5 infrazioni al giorno da parte di automobilisti rendono il mio viaggio meno sicuro. E il mio percorso è al 90% su ciclabile e allungo pure per fare solo tratti tranquilli!!

MAI visto fare una multa in 3 anni.
Prova a segnalare un'infrazione (senza incidente) col numero di targa... prova e poi mi racconti.

Tu parli di "bella porzione di ciclisti arroganti" e posso capire il tuo fastidio se ti capita ogni tanto di dover sorpassare (magari nel weekend) il branco di pedalatori maleducati o se una volta ogni tanto un rider spericolato ti si mette davanti al semaforo.

Ma ti assicuro che se mettiamo a confronto ciclisti maleducati e autisti maleducati non c'è storia (e non giustifica NESSUNA delle due categorie).
Tu scrivi "se becchi il gruppo" ... io quando prendo la bici quel SE me lo sogno: sono SICURO che avrò a che fare con autisti noncuranti che causano pericolo. Tanto chi si fa male in città non sono certo gli automobilisti.

Piccolo quiz su scene quotidiane:
Sfilza di auto parcheggiate in doppia fila, bici che per passare deve andare in mezzo alla carreggiata. Arriva un'auto da dietro a velocità sostenuta (rispetto alla bici) e se la trova davanti. Secondo te cosa fa? Con chi se la prende?

wrg

Questo non è vero, i ciclisti possono essere multati ed è già capitato.
Nessuno ti farà la multa se superi un ciclista tenendo un metro di distanza, se fosse vero i comuni italiani sarebbero pieni di soldi....

P.S. basterebbe un po' di buon senso e provare una volta a prendere una due ruote a pedali, sicuro come l'alba che vedresti un mondo diverso e anche il tuo modo di pensare cambierebbe come la bandiera al vento

Dark!tetto

Io parlo del fatto che se sorpasso una bici a meno di 1,5 metri mi becco il multone e posso essere pure segnalato tramite il numero di targa. Invece dei 3 ciclisti affiancati che fai ? Dici uno era vestito da pappagallo rosso uno blu e uno giallo ? Smettiamola di fare gli ipocrti e politically correct a tutti i costi, c'è una bella porzione di ciclisti arroganti e noncuranti proprio per questo, ma a quanto pericolosità direi che non c'è nulla da scherzare o sminuire, se io devo tenere 1,5 metri di distanza tra me e il ciclista non possono essercene anche solo 2 affiancati. Magari tu vivi in un altro paese, ma qui se becchi il gruppo di 8/9 ciclisti il traffico è bloccato e in modo pericoloso.

PS: Ci sono dentro e troppo spesso quando l'ho fatto notare mi è stato risposto "Tanto non mi possono fare nulla"

Vittorio

Tu parli di 3 affiancati e non si può nemmeno nei centri urbani, dove ci si può affiancare in 2 se ci sono le condizioni di sicurezza.
Poi che le multe non si applichino vale per tutti, auto e pedoni inclusi.

Dark!tetto

Dai, il codice prevede che si può stare affiancati nei centri urbani, in ogni caso visto che mettono in pericolo la loro vita e quella degli altri direi che la multa di 25€ è na barzelletta. Se poi ci metti pure che non hanno mezzi con identificativo (targa) e quindi devono essere colti in fragranza di violazione è alquanto ridicolo e inutile.

wrg

Dipende, spesso sulle piste ciclabili trovi ciclisti che sfrecciano a tutta velocità.
Il problema è che sei in giro ad allenarti con una bici da corsa, tante piste ciclabili non sono adatte, perché hanno attraversamenti pedonali e di parcheggio.
Anche i ciclisti hanno il diritto di allenarsi, certo dovrebbero stare più attenti, ma la stessa cosa dovrebbero farlo gli automobilisti, cioè rallentare e mettere la freccia per superare il ciclista, lasciando lo spazio adeguato, in sicurezza

Federico Giunta

I ciclisti non usano la ciclabile neanche se c'è il deserto più totale.

Vittorio

Non serve, è già così.

Vittorio

le ciclabili (dove esistono) ormai vengono usate per portare a spasso i cani se sono rialzate, altrimenti corsie di sorpasso per le auto.

uncletoma

peggio: è mero populismo, mera demagogia :(

uncletoma

Oggi, Genova, uno dei palazzi dei Rolli
"Io a quello che ha ammazzato 7 persone in alto adige gli sparerei"
io, di rimano:
"da motociclista io sparerei volentieri a quelli che guidano con il cellulare in mano"
gelido silenzio tombale

RiccardoC

mosse politiche, niente altro...

uncletoma

esattamente com'è assurdo il reato specifico, e imho anticostituzionale, di omicidio stradale. Metti una o più aggravanti, ma non creare un reato ex novo (idem femminicidio)

The frame

Qui siamo alla fiera dell’ipocrisia. Io uso lo smartphone alla guida, é sbagliato d’accordo, non cerco certo giustificazioni. A volte lo faccio punto. Però bisogna fare dei distinguo, ovvero, cosa faccio con lo smartphone? Telefono senza viva voce ? Azione che ha un certo grado di pericolo (dal mio punto di vista prossimo allo zero) scrivo messaggio ?Pericolo sicuramente maggiore . Guardò navigatore ? Questo per dire che con lo smartphone si possono fare un sacco di cose, alcune delle quali meno pericolose di alzare il volume della radio con un comando touch. A me sta bene l’inasprimento delle sanzioni, però ci vuole coerenza e coraggio nell’essere altrettanto severi nel non omologare comandi touch che sono altrettanto se non più pericolosi. Ma li c’è un business da sviluppare e quindi chissenefrega della sicurezza. Vero ? Saluti

wrg

Il problema è che sulle piste ciclabili ci sono pure i pedoni, è dura andarci a 40 km/h in bici.
Poi allora mettiamo che se il limite sulla strada è di 50 km/h, le auto debbano andare a quella velocità e non a 80 km/h.
Perché a sto punto, il problema non è solo i ciclisti che vanno appaiati, ma anche la differenza di velocità.
Perché tante volte l'automobilista non vuole rallentare e superare la bici con tanto di freccia, perché questo prevede il codice della strada, ma preferiscono fare il filo alle spalle del ciclista, che magari è Nibali che si sta allenando per il giro di Italia.

alecns

Mi stai dando dell'italiota senza minimamente conoscermi.
Per la cronaca io sono quello che si incaxxa con chi non mette la freccia anche nelle rotonde (quindi sono sempre inca..ato, almeno quando guido in Italia), quando uno parcheggia contromano, con tutti quelli che fanno i furbi e passano le file, e con chiunque trasgredisca il codice della strada, semplicemente perchè sono convinto che le regole ci siano per un motivo, e se tutti le rispettano il traffico e la sicurezza ne traggono beneficio.
Ho però detto che le regole vanno attrbuite con criterio, e quando manca questo criterio nascono i problemi.
Se leggi bene io ho parlato del 100% di trasgressioni, non della maggior parte, ed è la terza volta che lo ripeto. Quando ci sono il 100% di trasgressioni, chi ha imposto una regola dovrebbe controllarne la correttezza. Scusa eh, ma non lo ripeto un'altra volta.

E sono astemio, figurati come ce l'ho con chi beve quando guida.

Dark!tetto

Vabbè semplicemente la vediamo in modo diverso, io preferisco farmi suonare dai tir e superare dalle bici che prendere multa e mettere in pericolo la mia e la altrui salute. E non è per estremizzare, ma è proprio così ridotto ai minimi termini e messi su una bilancia. Il ragionamento da italiota potevi risparmiartelo sulla legge che deve essere rivista perchè trasgredita da una buona parte (non certo il 100%) dei guidatori, sia perchè non siamo certo un paese che brilla per civiltà stradale ( e ci mancherebbe da come ragionate) sia perchè non siamo in anarchia e i trasgressori non vanno "premiati" per aver trasgredito, ma puniti. Il rispetto del codice della strada è un atto di civiltà che in italia manca, come manca nonostante l'infinità di incidenti causati pur di non rispettarlo.
Mettiti davanti ad una discoteca la sera e fai l'alcol test a tutti i guidatori, se 8 su 10 guidano ubriachi che fai, cambi il tasso alcolemico perchè ci son troppe trasgressioni ?

RiccardoC

appunto lì torniamo, inutile mettere multe assurde se poi non c'è nessuno a farle applicare

uncletoma

E allora vanno sanzionati.
Se non lo fanno puoi denunciare la locale stazione di Polizia Locale (in pratica i vigili)

RiccardoC

sì esatto, in questi giorni ci ho fatto particolare attenzione; pista ciclabile esclusiva (con cartello apposito), tutte le volte che sono passato c'era qualcuno in bici sulla strada (e la pista non era piena, anzi, dato che sta facendo abbastanza freddo - normale a Gennaio).
E stamattina una ragazza che passeggiava allegramente in quella pista... un' altra persona da bastonare!

uncletoma

li sbagliano loro, e pure le FFOO che lo permettono

uncletoma

perché?

alecns

Ho detto che se non è rispettato dal 100% degli utilizzatori sarebbe da rivalutare per capire se c'è qualcosa che non va, e sfido chiunque a dimostrare il contrario.
In ogni caso, parlando della strada larga 10 metri, il manto stradale è nuovo, e sì, può essere che in inverno ci sia foschia o anche nebbia. In tal caso si mette il cartello di limite di 30 "in caso di nebbia", non si mette il 30 sempre e comunque. Ed era un esempio, perchè casi come questo ce ne sono tanti. Ci sono strade che se rispetti i limiti ti suonano i TIR e ti superano le biciclette, e non facciamo finta che non sia così.
Un limite corretto favorisce maggior sicurezza, e il limite corretto non è sempre e comunque il più basso.

Sdentato

Paradossalmente, se invece mentre sei alla guida usi il tuo telefono mediante Android Auto puoi fare tutto quello che ti pare

Sdentato

Tra l'altro, è ancora tutto da capire come riusciranno effettivamente a misurare questo metro e mezzo: ciò vale sia per le forze dell'ordine che per gli utenti della strada...

WOT ITA

Pensi che uno ubriaco rispetti i limiti di velocità?

WOT ITA

Solo 1700? pochini. Al rogo li metterei!!!!!!!

Dark!tetto

O rispettando quei limiti "incongui" diminuiscono i rischi e quindi burocraticamente vista la " pericolosità in diminuzione" potrebbero rivedere i limiti.

Dark!tetto

Il dubbio è lecito, visto che spesso è il metodo di valutrazione nel nostro bel paese, ma prova a far cambiare un limite di velocità oggi. Rimane comunque il fatto che una strada dritta e larga non basta come valutazione se oggi vuoi far cambiare un limite di velocità. Tanto per farti un esempio qua abbiamo una scuola che dopo la ristrutturazione ha cambiato ingresso ed ora sta su una SP con limite di 60 km/h, l'ingresso non è stato ancora collaudato perchè c'è una richiesta di rivalutazione pendente per quel tratto di strada. Ma la cosa bella è che è pendente da 14 anni e che quel tratto di strada ormai è diventato praticamente centro abitato, con un limite di 60 km/h. Magari il limite lo cambiano tra anni e poi arriva un alecns che pensa sia fatto ad muzzum, visto che è pure convinto che se una legge non viene rispettata abbastanza è da rivedere.

zzzz

in base ai miei studi universitari, e avendo progettato (ormai svariati anni fa) diverse strade per tipologia e traffico, il sospetto che sia messo "ad muzzum" ce lo ho ancora.

Kent_Carl

appunto, immaginati la punibilità "offerta" dalle forze dell'ordine USA applicate in Italia, l'anarchia che regna da noi non è più tollerabile, i parcheggi per disabili sono diventati parcheggi preferenziali per Rumeni e Turchi, siamo ancora a livello di persone che non hanno l'assicurazione, circolano auto di 20 anni fa senza revisioni, gomme slick, fari bruciati, nessuno indossa la cintura, parcheggi in tripla fila, sopra i marcipiedi, questa è la base della circolazione stradale e ci deve essere punibilità e la certezza di essere puniti, ovviamente se la pattuglia ferma allo stop con il braccio penzoloni dal finestrino con la sigaretta ceh ti dice "ah regazzi e mettete er casco la prossima volta.." è tutto inutile

zzzz

dimentichi di considerare la penetrazione dei veicoli rispetto la popolazione, in italia siamo 0,6 veicoli/abitante, negli stati uniti è più alta (0,5 ma escludendo suv e pick up, stravenduti) e soprattutto la media dei km percorsi, in italia ci fermiamo a poco più di 11k km/anno, negli USA non ho dati ma senz'altro è maggiore date le distanze in gioco.
Più disponibilità di veicoli e più km percorsi incide sul risultato finale.

Su questo argomento sai che non sono completamente d'accordo con te.
Ma è un discorso altamente complesso che andrebbe valutato in tutte le sue sfumature.

Del resto è chiaro che riducendo la velocità, sempre e comunque, si ridurranno i rischi. Il punto è stabilire quanto questo sia effettivamente utile, specialmente sotto forma di repressione.

Ma ripeto, pur comprendendo le tue ragioni, qui non sono d'accordo.

Petaloso

Hai ragione, se la gente non rispettasse limiti assurdi non la si dovrebbe superare e i rischi diminuirebbero sensibilmente!

Petaloso

1) Va benissimo la norma sulla distanza laterale per proteggere i ciclisti, ma servirebbe anche una norma che obbliga i ciclisti a usare le ciclabili se presenti.

2)I passaggi pedonali rialzati al livello del marciapiede nelle mie zone ci sono già da qualche anno, se solo adesso è possibile realizzarli allora fino ad ora erano illegali?

Maledetto

Buon per te, io ho rischiato incidenti per qualsivoglia di motivo a causa di comportamenti scorretti di altri, però si parla di sanzionare solo le macchine mentre i ciclisti non vengono mai toccati e questa cosa non ha senso

Antonio N.

mica siamo f e s s i
quelli siete voi italiani
LOL

Tony Musone

Ok. I ciclisti sono il cancro di questa società, se non ci fossero le strade sarebbero più sicure e si potrebbe correre più spensierati ed essere più felici. Però adesso, con tutte le tue eccezioni mi hai davvero scassato la uallera, di automobilisti che ogni ora del giorno fanno manovre azzardate, anche alle rotonde, non si contano nemmeno. Quindi, sorpassa a filo manubrio, corri, investi chi vuoi (nella speranza di non essere io) ma giusto per la cronaca: io ho guidato, soprattutto per lavoro, in tutta Europa e anche altrove accumulando un paio di milioni di km di guida, senza aver MAI inchiodato o preso UNA multa, se non due o tre per il parcheggio. Buona continuazione.

GilgameshJR

C'è da andarne fieri...

Maledetto

Per poter rallentare senza inchiodare in un caso simile sarei dovuto andare a 30 se non meno, in una extraurbana e dovrei fare così sempre secondo te? Su qualsiasi strada non illuminata?

La dinamica è molto diversa, la macchina non era parcheggiata ma stava facendo la rotonda ed era quasi davanti all'uscita che doveva prendere il ciclista, questo è arrivato da una discesa senza neanche sfiorare i freni, fortunatamente una macchina che si stava immettendo nell'uscita poco prima di questa ha suonato(visto che questo gli ha tagliato la strada), l'altra macchina si è fermata sentendolo e la bici l'ha sfiorata davanti, fosse andato anche solo un metro oltre non avrebbe avuto spazio, io ero fermo a dare la precedenza ed ho visto tutto questo, se non fosse stato per il primo automobilista quello in bici sarebbe finito di faccia sull'asfalto ad alta velocità

Dark!tetto

Glielo spiega la legge mica servo io, il limite era 50 e lo hanno superato. Magari qualcuno invece di lamentarsi delle multe e basta ha fatto il tuo stesso pensiero e la strada è stata rivalutata. Magari il limite di 50 era stati imposto 20 anni fa, non esiste che una strada viene cambiata senza motivo.

alecns

Se ho scritto così è perchè evidentemente il limite è ingiustificabilmente basso.
Nella mia zona c'è una superstrada con limite a 50 Km/h e autovelox che faceva sfracelli. Un bel giorno, senza nessuna modifica alla strada hanno cambiato i limiti a 90. Andate voi a spiegare tutto a quelli che hanno preso la multa quando era a 50?

Honda e: prova su strada, autonomia e prezzo dell'elettrica tecnologica | Video

Honda CR-V Hybrid AWD: prova, consumi reali e come funziona l'ibrido serie | Video

Tutto sui Seggiolini Antiabbandono: quali acquistare, efficacia, regole | Nuova tassa?

Volkswagen Polo GTI 2.0 TSI DSG: recensione e prova su strada