Toyota Aygo X, il crossover cittadino debutterà all'inizio di novembre

05 Ottobre 2021 6

Finalmente ci siamo, Toyota ha comunicato che l'erede della piccola Aygo sarà svelato all'inizio del mese di novembre. Si chiamerà Aygo X. Come racconta la casa automobilistica giapponese, si tratterà di un crossover cittadino compatto di segmento A. Il nome non è una sorpresa in quanto il costruttore, alcuni mesi fa, aveva presentato la concept car "Aygo X prologue" su cui sarebbe stata basata la sua nuova piccola vettura.

La nuova Aygo X è un modello molto importante per Toyota. Il costruttore giapponese, infatti, aveva dichiarato di non aver intenzione di abbandonare il segmento A. L'attuale generazione della citycar è sviluppata assieme a Citroen e a Peugeot. Il Gruppo PSA, oggi Stellantis, aveva poi deciso di abbandonare questo segmento di mercato perché poco redditizio. Toyota, invece, ha deciso diversamente e quindi per la nuova generazione della Aygo ha puntato a realizzare una vettura completamente nuova.

STESSA PIATTAFORMA DELLA YARIS

Della nuova Aygo X sappiamo già diverse cose. Innanzitutto, il nuovo modello è stato sviluppato partendo dalla piattaforma GA-B, la stessa utilizzata dalla nuova Yaris. La concept car e le foto spia dei muletti hanno permesso di scoprire che l'auto disporrà di un look da piccolo crossover. Una scelta dettata dal fatto che questo genere di vetture oggi piacciono molto ai clienti.

Grazie alle varie immagini dei prototipi abbiamo anche realizzato un render che prova ad immaginare quali potrebbero essere le forme del modello di serie. Sappiamo anche che molto probabilmente sotto il cofano troveremo solamente unità a benzina. Niente ibrido, dunque. Una scelta che sarebbe stata fatta per rendere maggiormente accessibile la nuova Aygo X. Del resto, la Aygo si è sempre caratterizzata per un prezzo competitivo.

La nuova generazione della piccola giapponese è stata sviluppata dal Design Center europeo di Toyota per il mercato europeo. Sarà costruita a Kolin presso il Toyota Motor Manufacturing in Repubblica Ceca. A questo punto non rimane che attendere ancora poco per scoprire tutti i segreti del nuovo modello. Vista la data di presentazione, la commercializzazione dovrebbe partire nel corso del 2022.

108MP al miglior prezzo? Realme 8 Pro è in offerta oggi su a 260 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vae Victis

"seguire ciecamente filosofie stupide"
Questo è quello che fanno gli adepti delle inquinantissime batterie, dei solventi chimici che si usano per realizzarle, delle centrali nucleari che sottendono a quel progetto.

Toyota non è obbligata a inseguire il petrolio, può inseguire i combustibili rinnovabili (biometano, etanolo...etc) che non producono nessuna CO2, abbattono l'inquinamento del 95%, non hanno impatto ambientale essendo sostanze organiche rinnovabili all'infinito (al contrario delle batterie) .

Alex Cava

Perché il mondo va in un'altra direzione.

Il punto è proprio seguire ciecamente filosofie stupide, come appunto seguire ancora il petrolio, a un passo dalla catastrofe.

J0k3r_IT

il prototipo era esteticamente molto più accattivante

Vae Victis

Il presidente di Toyota ha detto che l'elettrico non funziona.
Perché mai dovrebbero fare cose che ritengono stupide?! Per essere stupidi uguali agli altri?

RavishedBoy

Vediamo se metteranno un CVT.
Cittadino e cambio manuale fanno a pugni.

Aiitu kurosawa

Mi dispiace vedere Toyota fare arakiri. Nessuna idea per il futuro, solo motori a benzina! Intanto i cinesi (ma anche i rumeno-francesi con Dacia Spring)…

Economia e mercato

Crisi dei chip e ritardi consegne auto nuove in Italia | Risultati sondaggio

Auto

Gomme invernali, quando si cambiano. Regole e sanzioni

Auto

Nuova Volkswagen Polo 2022: prova in anteprima, 1.0 benzina e metano | Video

Economia e mercato

Viaggio nella Turchia delle auto: quello che (forse) non sapete e perché serve saperlo