Tesla, maxi accordo per la fornitura di nichel per le sue batterie

14 Ottobre 2021 30

Tesla intende crescere rapidamente e per questo avrà bisogno di disporre di una fornitura crescente di batterie per le sue auto. Non per nulla sta lavorando allo sviluppo delle nuove celle 4680 che produrrà direttamente. Ma per costruire in massa le nuove batterie c'è bisogno di assicurarsi la disponibilità di specifiche materie prime tra cui il nichel. Proprio per questo, la casa automobilistica americana ha appena stretto un importante accordo per la fornitura di nichel con Prony Resources, una società che ha la sede in Nuova Caledonia.

FORNITORE CHIAVE PER LE BATTERIE

Reuters fa sapere che l'intesa prevede la fornitura di ben 42 mila tonnellate di nichel nei prossimi anni. Questa società diventerà quindi uno dei fornitori chiave di Tesla per la produzione delle batterie. Prony Resources che ha acquistato di recente le attività di estrazione del nichel dalla brasiliana Vale, intende arrivare a produrre 44 mila tonnellate di nichel entro il 2024, il doppio della produzione prevista per il 2021.

Questo significa che Tesla acquisterà la maggior parte della produzione di nichel dei prossimi anni. La casa automobilistica americana diventerà, dunque, il più grande cliente di Prony Resources. L'azienda di Elon Musk già collaborava con questa società della Nuova Caledonia ma come consulente per gli standard di prodotto e la sostenibilità. La società americana ha anche già un accordo di fornitura di nichel con BHP, un'azienda australiana. Inoltre, se sarà necessario, Tesla è pronta a firmare accordi anche con altri fornitori di questo importante elemento per la costruzione delle batterie.

Durante il Battery Day in cui la casa automobilistica aveva svelato le celle 4680, Elon Musk aveva esortato le società minerarie ad aumentare l'estrazione di nichel visto che questo elemento diventerà sempre più richiesto con la crescita del mercato delle auto elettriche. Aumento di produzione necessario anche per evitare che il nichel salga eccessivamente di prezzo come già accaduto in passato. In quell'occasione ma anche successivamente, Elon Musk più volte si era detto pronto a firmare accordi di fornitura con le società minerarie che avrebbero deciso di incrementare la produzione di nichel.

Questo importante accordo che probabilmente non sarà nemmeno l'ultimo, è anche la conferma che Tesla intende crescere rapidamente nel corso dei prossimi anni grazie alle nuove batterie che andrà a costruire direttamente.

Un Computer dentro uno Smartphone? Motorola Moto G100, in offerta oggi da Omnia Planet a 420 euro oppure da Euronics a 499 euro.

30

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Signor Rossi

Scusa, hai difficoltà a leggere, perché io che ho scritto : MANCANZA DI VENDITE o precisamente “la gente acquista meno” e poi che c’entra l’Italia, il calo di vendite è globale.

Le case automobilistiche “tradizionali” stanno fermando la produzione se non l’avessi capito ...

Giulk since 71' Reload

La tua verità, importante è che continui a crederci, per la cronaca il -30 per cento delle vendite in Italia non è avvenuto per mancanza di chip, credere che sia quello il problema della scarsità delle vendite è avere una vista miope.

R_mzz

Su auto premium o ad alte prestazioni le batterie basate sul nichel saranno fondamentali per diverso tempo.
In particolare Tesla usa NCA+ o NCMA.
Nel 2020 sono state vendute 2 milioni di elettriche (BEV).
Le LFP saranno le batterie per le auto economiche e per le masse.

Tesla usa telai e lamiere in alluminio, non acciaio.
(generalmente i telai delle auto non sono in acciaio inossidabile)

Signor Rossi
Dark!tetto

Quindi Tesla ha fatto questo accordo per non usare il nichel ? Che se ne fa allora di una fornitura ?

Per quanto riguarda il grafico, mettici pure quanto aumenterà con la mobilità elettrica il fabbisogno di nichel nei prossimi anni, senza contare che anche le auto elettriche sono incluse nei consumi di acciaio. Hai voglia a martellare sulle LFP, Tesla continuerà comunque ad usare tutti i tipi di batteria, incluse quelle contenente nichel, come dimostra il fatto che si sta assicurando una fornitura prioritaria.

Giulk since 71' Reload

VW ha annunciato 30mila esuberi intanto, chissà come saranno contenti i loro dipendenti della transizione ecologica che ecologica non è :)

P.s. fare benaltrismo non cambierà le carte in tavola eh

Dark!tetto

Ma il mio discorso non è rivolto a Musk nello specifico, l'estrazione dei materiali non è certo colpa sua e in ottica futura non sarà nemmeno il maggiore responsabile visto che numericamente non penso che Tesla reggerà il passo con le altre case automobilistiche. Qua non c'è da essere pro o contro, semplicemente c'è da mettere in prospettiva appunto i pro e i contro e valutare sulla base di questo. Magari però dando priorità a quello che è il futuro dell'umanità, ma questo è un discorso utopistico come quello di pensare a fairphone come a qualcosa che è effettivamente utile, perchè alla fine se tutti dovessimo acquistare un fairphone per far fronte alla richiesta dovrebbero cambiare modello produttivo. Oggi lo stesso discorso è applicabile a tutto, ma si devono tenere in conto le proporzioni, per esempio l'estrazione di alcune terre rare, di litio, cobalto, rame e nichel già oggi è prevalentemente dovuto alle batterie e alle rinnovabili aleatorie, non che gli smartphone non siano un problema, ma le proiezioni parlano di 4-5 ordini di grandezza di differenza tra un mercato (smartphone/Hi-Tech) e l'altro (Fer/Storage/BEV).

Signor Rossi
R_mzz

Le LFP non contengono nichel e non contengono cobalto.

R_mzz

Chi pensa che Tesla acquista semplicemente batterie da Panasonic o altri deve rivedere le sue idee.
Le batterie LFP non contengono nichel
https://uploads.disquscdn.c...

Ricordo che il Nichel è principalmente utilizzato per la realizzazione di acciai inossidabili (INOX).
Quando Mastrota dice acciaio 18 - 10, il “10” è la percentuale di nickel.
L’industria dell’acciaio resta la più grande utilizzatrice di Nichel. https://uploads.disquscdn.c...

mattopp

Le materie prime si sono tutte impennate nell'ultimo periodo non solo quelle che vuole mettersi da parte Tesla.

Sull'essere ambientalista, io ti assicuro che non riesco a esserlo non tanto per capriccio, ma per necessità. Se le materie prime crescono, non lo fa altrettanto il mio stipendio, non è vhe abbia grandi alternative.

Ricordo i racconti di mia nonna, che era dei primi anni del Novecento, sembrava parlasse del medioevo. Quella società contadina preindustriale sì che era incosapevolmente ecologista. Riciclavano tutto perché non avevano niente. Però adattarsi al peggio è terribile soprattutto per chi è nato nell'agio del boom economico ed ha sempre vissuto con determinate tecnologie pur non essendo ricchi.

Io non ho nessuna aspirazione per cui le auto elettriche sostituiscano quelle termiche, anzi, però ho la sensazione che, nella polarizzazione tra pro elettrico e contro elettrico, si faccia l'errore di perdere l'obiettività nell'analizzare problemi e virtù. Tesla non ha deciso che l'elettrico deve sostituire il termico (quest'ultima è una scelte politica), ha scelto semplicemente di porsi come uno dei leader nella produzione di auto elettriche e io credo non sarà il Nichel il problema ecologico più grosso di Tesla.

A me dispiace per l'ambiente ma le scelte ecologiche sono costose e i soldi comandano sempre, sarei curioso di sapere quanti ambientalisti possiedono un fairphone, per fare un esempio pratico.

mattopp

Cosa che io non ho mai scritto da nessuna parte, tengo a puntualizzare.

nonècosì

infatti per me lo scandalo è che si provi a definire le auto elettriche ecologiche, quando al massimo sono meno inquinanti sopratutto nel lungo periodo

Dark!tetto

Io sono ambientalista, ma sono anche realista e hai ragione, ma ci sono alcuni punti che sono da considerare e non trascurare

Nel 2021 sappiamo benissimo gli effetti che hanno queste e strazioni e sappiamo anche che volendo l'impatto ambientale, sociale e sulla salute di queste estrazioni si può contenere e ridurre, ma questo avrebbe un costo economico. E noi che sfruttiamo questi giacimenti non siamo disposti a pagare di più i nostri prodotti, le multinazionali di contro cercano di aumentare sempre i profitti e quindi oggi fare danno diventa una scelta consapevole. È vero che non potremo fare a meno dei nostri prodotti, ma purtroppo il danno oggi è fatto e la nostra vita è questa e andrà avanti, ma è anche vero che molt settorimerceologici possono vivere di economia circolare, riciclando o riutilizzando questi materiali. Torniamo però sempre al punto precedente, che è più facile ed economico distruggere ambienti e popolazioni dall'altra parte del mondo che investire in questi processi. Inoltre per nuovi settori come la mobilità elettrica la richiesta e enorme e richiede una quantità spaventosa di questi materiali. Non possiamo certo tornare indietro, sarebbe pure controproducente, ma potremo iniziare ad avere una certa sensibilità che deriva da questa consapevolezza e fare le nostre scelte di vita quotidiana e politiche in modo ponderato. È inutile che ci commoviamo a vedere le immagini dei bambini africano deformati e morti di fame dal nostro smartphone, se quei bambini probabilmente sono in quello stato perchè noi cambiamo smartphone ogni 6 mesi e quello vecchio lo buttiamo nell'indifferenziata. Siamo noi che li mandiamo nelle miniere di Coltan, Cobalto, Nichel etc etc per sostenere il nostro stile di vita sregolato e non è mandando 2€ al mese tramite associazioni possibilmente truffaldine o mettendo 2 like sui social che cambiamo le cose.

Questa pantomima delle auto elettriche non è altro che un modo per noi di lavarci la coscienza, non avrà praticamente nessun influenza suo gas serra clima alteranti e seppur renderà più vivibile le nostre città eliminando i gas di scarico, sposterà semplicemente il problema lontano dai nostri occhi. Il mondo è però un sistema unico, e se aumentiamo la richiesta di certe estrazoni ( il litio avrà un impennata fino a 40x), i giacimenti di questi minerali avranno un tenore sempre minore e una richiesta sempre maggiore, in realtà il tren del prezzo è in crescita da un pezzo del nichel, insieme a tutti i materiali non ferrosi per questo motivo.

https://uploads.disquscdn.c...

PS: L'ho dovuto riscrivere 3 volte perchè stamattina disqus ha deciso di scassare le @@, quindi potrebbe essere impreciso o incompleto per questo il commento.

mattopp

Infatti, non capisco perché il non preoccuparmi per un maggior utilizzo di Nichel dovrebbe improvvisamente trasformarmi in Greta Thunberg. Il Nichel fa male? Amen se serve per produrre oggetti di cui non si può fare a meno.

Giulk since 71' Reload

Non ne dubito ma una cosa non esclude l'altra o no? insomma dovrebbero finirla di far passare l'auto elettrica come "ecologica".

Inoltre quanto ci costa ecologicamente sostituire tutto il parco auto circolante?

mattopp

Forse non mi sono spiegato: non è che l'estrazione di Nichel e le acciaierie siano acqua santa, ma conveniamo sul fatto che ad oggi siano fondamentali per permetterci lo stile di vita che abbiamo e garantire la produzione tecnologica che serve? Detto questo batterie e acciaio non servono solo a Tesla ma tutte le case automobilistiche che producano auto. Dove sta il problema a NON considerare questo articolo come una notizia scandalosa?

Venerabile Jorge

https://uploads.disquscdn.c...

mattopp

La Bolivia non c'entra nulla con l'articolo e si parla delle scelte aziendali di Tesla e non dei cabaret di Mask, uno che dice tutto e il contrario di tutto per soldi salvo poi rimangiarsi le cose continuamente.

Bargiana

l'articolo è di 5 anni fa, prima della pandemia e prima della virata verso le elettriche degli ultimi anni. e poi non lo devi dire a me, dillo a Elon musk che ha detto quella frase. osei uno di quei che lo difende sempre a spadatratta?

mattopp

Le solite proteste dove si valutano solo i "contro" e non i pro. Pensa improvvisamente di togliere dalla tua vita (e da quella di tutti) tutto ciò che contiene acciaio e/o batterie e guarda cosa ti rimarrebbe in casa. Io non sono ambientalista e nè lodo nè osteggio Mask, ma se oggi possiamo vivere nell'"agio" è dovuto anche dalla produzione industriale di cui non si può fare a meno, purtroppo e chi pensa il contrario o è in mala fede o nutre il sogno bagnato di una vita di ascetismo in qualche remoto paese della Cambogia.

Dark!tetto

Eh, ma a noi che ci frega, tanto se succede in Africa. Brasile e Cina non ci riguarda, la nostra transizione ecologica è più importante, come si dice...lontano dagli occhi (polmoni, naso bocca etc etc), lontano dal cuore.

Dark!tetto

Come no, l'estrazione di nichel è da sempre uno dei temi caldi degli ambientalisti, oggi semplicemente fa più "rumore" perchè si parla di Tesla e dei nuovi giocattoli dell'umanità. ma ci sono proteste dagli anni 90 a riguardo.

nonècosì

in realtà le acciaierie da decenni sono terreno di scontri per gli ambientalisti

mattopp
Attualmente, il mercato del Nichel sta attraversando un eccesso di offerta, dovuto soprattutto alla Cina. Fattore che, insieme alle scorte accumulate, ha spinto i prezzi a 7.900 dollari a tonnellata, il minimo in quasi 13 anni. Ma c’è chi crede che la discesa possa continuare.


Fonte:https://www.metallirari.com/funziona-mercato-del-nichel

Non serve invadere nessun paese fino a quando la Cina continua ad estrarre Nichel a palate per la produzione di acciaio inox.

Bargiana

Elon Musk aveva pure dichiarato che avrebbe pure invaso militarmente la Bolivia per estrarne le risorse necessarie, ma a quanto pare tutti lo idolatrano a prescindere.

mattopp

Non lo dico per difendere nessuno, ma il 65% di tutto il nichel estratto viene utilizzato per produrre acciaio inossidabile, ma mi pare nessuno abbia mai fatto guerra ideologica contro pentole o piani cottura, o sbaglio. Altro utilizzo molto comune è per placcatura (cromature) e coniatura (produzione di leghe per varie monete). Ricordo infine che senza Nichel non potresti nemmeno usare nè smartphone nè computer.

Giulk since 71' Reload

"L’estrazione di Nichel porta con sé gravi costi ambientali e sanitari. Gli impatti sulla popolazione e sui lavoratori sono evidenti: deformità, problemi respiratori e patologie legati all’inquinamento generato dall’estrazione. Non a caso il Nichel è da sempre conosciuto tra i minatori come il “rame del diavolo”. L’estrazione è un processo intensivo che ha un impatto significativo sulle foreste circostanti, con effetti disastrosi sulla vegetazione e sulla fertilità del suolo. La diretta conseguenza è un forte degrado ambientale che determina la perdita di struttura e funzione del suolo e di biodiversità."

Giulk since 71' Reload

Quanta energia in queste batterie :)

Giulk since 71' Reload

Quanta ecologia in queste batterie :)

https://uploads.disquscdn.c...

Elettriche

Monopattini elettrici, in arrivo nuove regole: indicatori di svolta obbligatori

Auto

I pericoli che non ti aspetti in tema di sicurezza, hacking e ricarica auto elettriche

Economia e mercato

Crisi dei chip e ritardi consegne auto nuove in Italia | Risultati sondaggio

Auto

Gomme invernali, quando si cambiano. Regole e sanzioni