IA vs uomo: la battaglia (virtuale) tra F-16 ha un indiscusso vincitore

23 Agosto 2020 107

Intelligenza artificiale 5, essere umano 0. É questo il risultato della finale degli AlphaDogfight Trials, organizzati dalla Johns Hopkins University e dalla Defence Advanced Research Project Agency statunitense (DARPA). La sfida ha visto impegnati piloti professionisti della marina e aviazione militare americana contro otto diversi gruppi di ricerca specializzati nello sviluppo di soluzioni di intelligenza artificiale.

Risultato sorprendente? Visto il passato, non più di tanto. Basti pensare ad AlphaGo di DeepMind, campione indiscussa del gioco di logica e strategia Go che prima ha stracciato il numero 1 al mondo Lee Sedol nel 2016, poi ha battuto 3-0 Ke Jie l'anno successivo per poi infliggere un sonoro 100-0... a se stessa quando, aggiornata con il Reinforcement Learning, ha polverizzato la sua versione precedente in una sfida tutta tra computer.


Qui niente giochi, sostituiti da aerei da caccia (virtuali). L'F-16 guidato sul simulatore da un pilota professionista dell'aviazione USA attraverso un visore di realtà virtuale è stato abbattuto dalla squadra affidata all'intelligenza artificiale di Heron System, piccola società con sede nei pressi di Washington che a sua volta ha sconfitto le soluzioni di intelligenza artificiale degli altri 7 concorrenti, accedendo così alla finale. Abbattuto, si diceva, e per ben 5 volte contro le 0 dell'avversario.

La vittoria ha un sapore speciale sia per chi è uscito indenne dalla battaglia nei cieli virtuali di AlphaDogfight, sia per chi ha (ripetutamente) perso. Sì, perché è stata la dimostrazione pratica di come l'IA possa essere d'aiuto all'aviazione, affiancandosi di fatto all'operato umano. "Senza mai sostituirlo", afferma Timothy Grayson direttore dello Strategic Technology Office della DARPA: "l'umano si concentra su ciò che sa fare meglio, come il pensiero strategico, e l'IA gestisce il resto come si trattasse di un'arma evoluta".


Applicare l'intelligenza artificiale ai combattimenti aerei non significa solamente pilotare il velivolo: pensare che l'algoritmo applicato era inizialmente incapace di svolgere qualsiasi operazione, anche la più semplice. Sono servite 4 miliardi di simulazioni svolte simultaneamente su più computer per insegnare all'IA le manovre, sia quelle giuste sia quelle sbagliate ("ogni errore ha un costo, ma questi costi non sono tutti uguali", riporta Defenseone). L'obiettivo della gara, dunque, era quello di dimostrare come la migliore squadra possa essere costituita dall'uomo affiancato alla macchina, una sorta di "simbiosi uomo-macchina" come l'ha definta il Direttore Grayson. E i campi di applicazione possono essere molteplici: non solo in ambito militare, ma anche dell'aviazione civile.

Riportiamo il video completo dell'evento finale: mettetevi ben comodi, dura più di 5 ore!

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da Mobzilla a 398 euro oppure da Media World a 449 euro.

107

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giorgio

Da come avete scritto questo articolo sembra che sia un gioco. Ma gioco non è, dato che in futuro questi algoritmi saranno sicuramente usati per uccidere qualcuno e non necessariamente i nemici ma anche persone civili. Inoltre non capisco come ci si può impiegare questa tecnologia nel ambito civile dato che i aerei commerciali non fanno dogfight.

gioboni

"poichè al massimo rischi il costo del mezzo"
Togliendo il fattore umano, qualsiasi guerra tradizionale si trasforma in un conflitto econonimo: è il fondamento su cui si basa la speranza di non vedere più quelle tra superpotenze visto che l'opinione pubblica è più incline a sopportare crisi economiche che non soldati al fronte.

gioboni

Un consiglio: meno droghe.
Se vuoi parlare di storia contemporanea almeno prima fai un ripasso.

alessandro78293

Una IA si sarebbe spedita nel cloud qualche decimo di secondo prima del impatto:)

piero

però secondo me una IA non sarebbe riuscita a salvarsi come ha fatto Vinales buttandosi a quella velocità senza freni.

lore_rock

Let’s go!

Edoardo Motta

Spero tu abbia ragione

pollopopo

e io ti ho risposto che nessuno farebbe fare missioni suicide ne al pilota ne all'aereo se non sono necessarie e se lo fossero non ci sarebbe nemmeno ora problemi a mandare il pilota....

nessuno gioca alla guerra, se lo spazio aereo è pesantemente difeso si va di terra, se di terra non si puó si va di bombardamenti a tappetto con l'artiglieria mobile o fissa ecc..........

nessuno gioca a far perdere mezzi o persone per gioco, nemmeno se comandate da una ia...

comunque si parla del nulla, nessuno scenario di guerra odierno e futuro presenterà quei problemi visto che chi gioca con certi aggeggi ha deterrenti nucleari, generalmente si parla di scenari in cui si combattono fra terzo mondo o di guerriglia

B!G Ph4Rm4

In realtà non è così strano. Una rete neurale profonda la puoi vedere sostanzialmente come una tecnica che permette di "scomporre" l'oggetto che sta analizzando e da questo fare delle "valutazioni". Ovvero, più si va in profondità con l'apprendimento, più vengono effettuate valutazioni su tutte le possibili caratteristiche dell'oggetto in esame in quel momento, il tutto correggendo retroattivamente gli eventuali errori, in pratica si redistribuiscono all'indietro gli errori in tutti gli strati della rete secondo il contributo di ogni "pezzetto" della rete all'errore.
Capirai che agendo in questa maniera, una macchina riesce ad estrapolare pattern e informazioni "nascoste" che un essere umano difficilmente catturerebbe. Ci sono casi in cui il modo di apprendere di un algoritmo di ML può essere usato per capire come è arrivato a quelle conclusioni e quindi imparare a nostra volta caratteristiche importanti sull'oggetto in esame.
Quindi più che di black box, parlerei semplicemente di libertà d'azione per come quegli algoritmi sono stati pensati, e il fatto che sembrano sbagliate certe mosse è perchè magari siamo noi a non averle capite.

ermo87

è vero quello che dici, molte "mosse" appaiono controintuitive ma la logica è molto umana. sostanzialmente un cervello limitato come il nostro non è in grado di aprire questa "black box" e giustificarle. neanche io sono esperto di go ma negli scacchi ho visto situazioni assurde dove lasciano in presa la donna perché hanno già visto un tatticismo di 8-9 mosse che li mette in situazioni di vantaggio determinante per il finale... cioè, io immagino che se arrivasse una macchina ancora più potente a metterlo in difficoltà, alphazero abbandonerebbe direttamente la partita come un qualsiasi giocatore umano.

ermo87

Oh?

alessandro78293

In realtà stando agli esperti di GO,cosa che io non sono assolutamente,le mosse di alphazero,sono spesso per loro stessa ammissione, incomprensibili,per non dire assurde o stupide, anche se poi portano inevitabilmente alla vittoria.Questo in effetti è il cosiddetto problema delle black box, ovvero sistemi artificiali che pur fornendo i risultati aspettati,sono diventati "oscuri" nel loro funzionamento ai loro stessi creatori e questo potrebbe essere un grosso rischio per l'umanità,senza che ci sia una IA autocosciente e con il desiderio di sterminare l'umanità, stile Skynet:)

MatitaNera

Più che intelligenza mi sembra solo forza bruta.

MatitaNera

Eh?

alessandro78293

Le reti neurali o i sistemi di approfondimento profondo e per tentativi, hanno però un grande vantaggio.Un essere umano,per quanto talento ed esperienza possa avere in un determinato compito,a un certo punto muore e la sua competenza va presa,.E'vero che può insegnare, scrivere libri,formule, eccetera,ed in effetti è così che il genere umano è progredito.Però ovviamente un sistema artificiale non ha questo limite, è virtualmente immortale e infinitamente replicabile,si può aggiornare, migliorare e mantenere tutta la sua"esperienza" pregressa.

ermo87

oramai sono anni che anche macchine che scrivono canzoni e poesie indistinguibili da quelle umane, dipingono anche e non solo nello "stile di". l'ia è davvero intelligente, ci sono software che compilano software.

B!G Ph4Rm4

E allora non ho capito cosa c'entra quello che mi hai risposto. Io ti ho detto che con un aerei autonomo puoi fare missioni che sarebbero molto rischiose o potenzialmente suicide per un pilota umano che non farebbe mai, tipo entrare in uno spazio aereo pesantemente difeso, mentre con un aereo autonomo "la provi", se va bene hai fatto progressi se non va bene hai perso qualche aereo.

ermo87

se vedi come funziona l'algoritmo di alphazero cambi idea. non si tratta più di analizzare tutti i possibili eventi prima di fare una mossa, l'ia ragiona in ottica strategica con tatticismi e sacrifici molto simili alla mente umana. le applicazioni sono vastissime e stiamo parlando di qualcosa che ha già subito miglioramenti su miglioramenti. non la ridurrei a mera potenza di calcolo e partite immagazzinate.

B!G Ph4Rm4

Ho capito che non sono tutti e 330.000 piloti, sto dicendo che i costi di quelli che sono piloti (mettiamo qualche decina di migliaia) possono essere tagliati progressivamente nel tempo, magari dai 34 miliardi ne riesci a togliere 5, o 10, per dire.

Verrà anche no.
Verrebbe e comunque dubito anche questo.
Guerre tra super potenze non ci saranno.

Alexv

Lo assomiglia già, considerando che usano il controller xbox per pilotare i droni.

Alexv

Non sono d'accordo sull'ultima frase, ma in questo caso il benaltrismo trova in parte il mio appoggio.

Alexv

La rete neurale la riterrei ancora più "stupida", visto che il suo buon funzionamento è dato da molti tentativi andati male e successivo aggiustamento.
Facendo il paragone con la natura, equivarrebbe al risultato della selezione naturale.

SpiritoInquieto

Ne riparliamo dopo la caduta del ducetto Giuseppi.

pollopopo

Ripeto che i costi di cui parli non sono dei piloti in se per se ma di tutto l'organico che muove la usaf

pollopopo

Che ci incastra suicide.... Se per proteggere dei civili che scappano devi mantenere la posizione la mantieni! A costo della vita... Quello di cui parli non viene più fatto da mo nelle guerre portate avanti da paesi con un inteligence definibile tale

alessandro78293

Esatto, prendiamo ad esempio gli scacchi o più recentemente il gioco del GO,le macchine sono diventate imbattibili,sia perché hanno una grande potenza di calcolo,sia perché hanno la possibilità di migliorare se stesse, giocando miliardi di partire in tempi infinitesimali.Questo vuol dire che possono raggiungere risultati straordinari in particolari ambiti, pensiamo alla guida automatica,dove con i giusti sensori, sufficiente potenza di calcolo e algoritmi sempre più stratificati ed evoluti, potranno guidare meglio di qualsiasi essere umano.

pollopopo

Un buon pilota ha un grande valore ma in generale cercano di non perdere entrambi.....l'ia non farebbe usare più aerei

pollopopo

Sono esercitazioni....se guardi il personale militare europeo ti rendi conto che è giusto per dire ce l'ho..... Si aggiornano perché devono essere al passo coi tempi perché anche il terzo mondo si aggiorna che le armi vecchie che la Russia cina gli passano

Fabrizio Degni

Sono del tuo avviso.
Non si tratta di motori che hanno preso decisioni spinti dal ragionamento analizzando i dati correnti e formulando strategie nuove, ma in base ad un bacino di dati inseriti da cui hanno estratto la migliore strategia.
Il genio e la creatività umana, e questo è il motivo per al momento non siamo rimpiazzabili, sono ben altra cosa.

Aster

Fantastico.

Aurelion Sol

Morboso.

alessandro78293

Al momento "l'intelligenza artificiale" è stupida come 50 anni fa', discorso diverso se si parla di algoritmi di deep learning e reti neurali,che tuttavia non hanno nulla a che fare con l'intelligenza e l'autocoscienza umana.

Watta

birretta??

Red Devil

I soldi è meglio spenderli in altro modo.

Ci sono intere popolazioni in miseria e i governi dei paesi cosiddetti "avanzati" buttano un mare di soldi per costruire macchine da morte.

Era meglio quando si stava peggio

sibir

Manca come spesso da queste parti un dettaglio cruciale: l’intelligenza artificiale aveva a disposizione tutte le
informazioni possibili per compiere la missione, fattore che, sul campo
di battaglia reale, non si attua mai.

Questo a proposito di informazione.....

PistacchioScemo

Parecchia, la stessa confusione che ho ritrovato nelle sue app. Per fortuna ci sono le recensioni ;)

PistacchioScemo

come suo solito

Pip

Non è un risultato così straordinario come può sembrare, o meglio, è impressionante, ma anche logico e aspettato.
Un computer può calcolare ogni istante dati che un umano non può neanche sognare di conoscere: velocità, traiettoria, condizioni meteo, lo stato dell'aereo e i suoi limiti in base alla situazione, traiettorie nemiche ed eventuali previsioni.
La verità è che quando non bisogna tenere conto dell'incentivo e del fattore umano (ad esempio con la guida autonoma) un'intelligenza artificiale avrà sempre capacità superiori, proprio perché è in grado di comprendere e analizzare praticamente un numero di infinito di opzioni in ogni istante

billkilluscoTrmp2020

non è detto pensa alle esercitazioni militari tra paesi come francia, germania, ecc!!

billkilluscoTrmp2020

selfini in galera con steve bannon e la melloni farebbero la banda bassotti in galera!! ci toglieremmo tre delinquenti seriali in un sol colpo!!

c1p8HD

Non so adesso che grazie ai nuovi simulatori avranno ridotto di molto le ore di volo necessarie all'addestramento, ma mi ricordo che una volta spiegavano quanto invece tenessero molto più al pilota che all'aereo, perchè l'addestramento per creare un pilota da caccia è estremamente lungo e costoso, e quindi dicevano che in teoria preferivano molto di più perdere l'aereo che il pilota :)

B!G Ph4Rm4

Non esiste nemmeno il fare missioni suicide se è per questo, tranne in alcuni eserciti e in alcuni conflitti, come i sovietici a Stalingrado ed in alcune offensive sul Fronte orientale o come appunto i giapponesi alla fine della guerra.
Negli eserciti occidentali si cerca sempre di preservare la vita dei soldati e tenere alto il morale delle truppe, mandarli nel tritacarne equivale ad abbassare il morale, defezioni, scarse performance.

B!G Ph4Rm4

E quanto pensi che prendano questi? 15k l'anno? Anche a questi poi devi aggiungere trattamento previdenziale, assicurazione, alloggi, addestramento. 100k ci stanno tutti in media, come costo. Qui si parla di una media di stipendio (quindi ripeto: aggiungi addestramento, spese a carico del governo e tutto il resto) di 65k l'anno, i conti tornano:
https://www.payscale.com/research/US/Employer=U.S._Air_Force_(USAF)/Salary

pollopopo

Non sono 330000 piloti, esistono gli uffici, chi pulisce e ripara gli aerei ecc... ecc....

pollopopo

prima o poi si programmerà da sola........

pollopopo
pollopopo

ce lo vedo Bartolino che mi porta un f22....minimo gli manca 1 ala

pollopopo

il problema è il bollo e l'assicurazione

pollopopo

non esiste in ambito militare il rifiuto...nessuno fa il kamikaze ma se sanno che la missione ha 0 possibilità di uscirci vivi ma è vitale viene eseguita ugualmente senza batter ciglio, dire no ad un comando ti porta dritto davanti al tribunale militare che solo in caso di ordini folli da ragione al no....

Recensione Amazon Echo Auto: per portarsi Alexa anche in macchina

Recensione Monopattino elettrico Xiaomi (Mi Scooter): un vero mezzo di trasporto