Renault Master Z.E. elettrico: la soluzione ideale per l'ultimo miglio

14 Luglio 2020 5

L'elettrificazione sta progressivamente raggiungendo anche i veicoli commerciali. Sempre più costruttori stanno presentando varianti a batteria dei loro modelli endotermici. Veicoli che per contenuti ed autonomia sono perfetti soprattutto per le attività nei centri urbani. Adesso, è il turno del nuovo Renault Master Z.E., un furgone elettrico pensato per il trasporto dell’ultimo miglio. Si parte da 53.950 euro più IVA per la versione Pianale Cabinato e da 56.150 euro più IVA per la variante Furgone.

Nel corso dell’anno la gamma si amplierà ulteriormente con le versioni Telaio Cabinato e un maggior carico utile (fino a 1.700 kg). Gli interessati, dunque, complessivamente potranno scegliere tra 3 tipi di carrozzerie, 3 tipi di lunghezza e 2 altezze. Il furgone si rivolge a tutti i professionisti che si occupano di consegne in ambito urbano. Le versioni furgone propongono un volume utile da 8 m3 a 13 m3. Le versioni pianale cabinato e telaio cabinato rappresentano la base ideale per allestimenti anche in carrozzeria gran volume, per trasportare fino a 20 m3.

Dal punto di vista tecnico, il veicolo è dotato di una batteria agli ioni di litio da 33 kWh in grado di offrire un'autonomia sino a 120 Km secondo il ciclo WLTP (Qui la guida). Di serie un caricatore da 7,4 kW per le ricariche in corrente alternata. Il motore elettrico, invece, dispone di una potenza di 57 kW. (Qui la differenza tra kW e kWh) La veloctà massima è di 100 Km/h. Per aumentarne la praticità, la plancia dispone di ampi vani portaoggetti aperti o chiusi, inserti cromati e schermo del navigatore completamente integrato nella parte centrale.

Il 5G che non rinuncia a niente? Motorola Edge, in offerta oggi da Tecnosell a 499 euro oppure da Unieuro a 599 euro.

5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Gianluigi

Sarebbe interessante capire se dispone di ricarica in DC. 33kWh di batteria non è molto, quindi in DC potrebbe ricaricarsi in meno di un'ora. Considerando un rientro a magazzino per caricare il vano o una pausa pranzo, potrebbe raddoppiare l'autonomia. Poi magari per consegne in città 120 son sufficienti.

goghicche

Io non sono in quel settore, mi limito a constatare che diversi costruttori stanno presentando mezzi con autonomie di quel tipo, probabilmente i corrieri nelle grandi città hanno bisogno di autonomie che a noi sembrano limitate, ma a loro sono sufficienti per coprire le loro necessità.

Simone

Non sto dicendo che sono incompetenti, dico solo che per il servizio di ultimo miglio, un'autonomia del genere non basta.

goghicche

Quindi secondo te in Renault (e anche nelle altre case, vedi eDucato), ci sono incompetenti? Oppure sanno a quale fetta di mercato sono rivolti?

Simone

120 km di autonomia, e dite che è un mezzo ideale per il servizio di ultimo miglio? Ma avete almeno idea dei chilometri che fa un corriere ogni giorno?

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren